ISTAT: L'occupazione cresce grazie alle regolarizzazioni
Condividi questo articolo


ISTAT: L'occupazione cresce grazie alle regolarizzazioni....


2005-06-22

+308mila occupati rispetto al 2004: pesano gli immigrati che hanno preso un permesso con l'ultima sanatoria. Ma quanti lavorano in nero?

ROMA - L'occupazione cresce grazie ai lavoratori immigrati regolarizzati del 2002.

Vi sembrerà strano, ma l'onda lunga della sanatoria bagna solo ora i dati dell'Istituto Nazionale di Statistica, giocando un ruolo da protagonista nella Rilevazione sulla Forza Lavoro nel primo trimestre del 2005 pubblicata ieri.

Tra gennaio e marzo 2005, l'Istat ha contato 308mila occupati in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Secondo chi ha curato la rilevazione, buona parte di questi nuovi lavoratori sarebbero proprio immigrati che tre anni fa si sono messi in fila alle Poste per aggiudicarsi un permesso di soggiorno.

Come i nostri lettori ricorderanno, le domande per la sanatoria partirono nell'autunno del 2002, quando entrò in vigore la Bossi-Fini, ma quello fu solo il primo atto di un'odissea destinata a concludersi più di un anno dopo. Gli sportelli polifunzionali istituti presso le prefetture iniziarono infatti a convocare i lavoratori stranieri nel 2003 e solo a gennaio del 2004 il ministro Pisanu dichiarò ufficialmente conclusa la regolarizzazione.

Essersi messi in tasca un permesso di soggiorno, non bastava però ai lavoratori immigrati per pesare nella Rilevazione sulla Forza Lavoro. "Solo dopo essersi iscritti all'anagrafe i regolarizzati sono entrati nel campione che utilizziamo per la ricerca", spiega Nicola Massarelli dell'Istat.

Per scoprire quanti sono gli occupati in Italia, l'Istituto Nazionale di Statistica si rifà insomma ai registri dell'Anagrafe, che restituiscono un'immagine sottodimensionata e poco aggiornata sull'effettiva presenza di immigrati regolari nel nostro Paese.

Basti pensare che all'inizio del 2004, quando il dossier statistico immigrazione della Caritas contava 2milioni e seicento mila stranieri in Italia, quelli iscritti all'anagrafe erano meno di due milioni.

Sicuramente sentiremo parlare di regolarizzati anche nelle prossime rilevazioni sulla forza lavoro. "Il campione che utilizziamo è aggiornato gradualmente nel tempo, - ci conferma Massarelli -una parte è stata estratta prima che tutti i regolarizzati si iscrivessero all'Anagrafe. Presumibilmente la sanatoria peserà ancora di più nei dati del prossimo trimestre".

La controprova che i nuovi posti di lavoro parlano straniero arriva dai settori in cui sono stati rilevati. "La crescita occupazionale - ci spiegano ancora all'Istat - si è concentrata nelle costruzioni e nei servizi di assistenza alle famiglie e alle persone, dove è più alta l'incidenza dei lavoratori immigrati".

Peccato che la rilevazione dell'Istat non sveli quanto sia stata utile la regolarizzazione, cioè in che misura sia riuscita a far uscire definitivamente quei lavoratori stranieri dal sommerso.

"Noi chiediamo al nostro campione solo se nella settimana di riferimento ha svolto almeno un'ora di lavoro - ammette Massarelli - senza specificare se era regolare o no. L'indagine coglie quindi anche una parte di lavoro irregolare, che però non siamo in grado di quantificare con precisione".

(21 giugno 2005)


www.stranieriinitalia.it



Condividi questo articolo

in L' Italia e gli italiani: Dossier ''L'esclusione sociale'': un fenomeno articolato, sezionato nei suoi differenti aspetti da numerosi espertiMigranti in CampaniaIstat, povere l'11,7% delle famiglie. Ma al Sud si arriva oltre il 40%La povertà relativa in Italia - I dati Istat, 6 ottobre 2005Indagine Ipsos: più povera la metà degli italianiDOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2005- Franco Pittau: Le idee guida del DossierDossier Caritas: in Italia quasi 3 milioni gli immigratiLA CARITAS: TRA 10 ANNI GLI IMMIGRATI SARANNO 5 MILIONI E MEZZOLe rilevazioni dell'annuario 2005 Istat su quanto spendono gli italiani: al Sud in media la metà della cifra del NordCaro-sportello, clienti spremuti e banche sempre più riccheNell'indagine Demos-Coop le inquietudini dei cittadini italiani‘ndrangheta - Indagine EurispesCIAMPI - Tendete la mano ai giovani stranieri che vivono in mezzo a noi. Essi sono venuti per ricevere, ma anche per dare. Il testo integrale del messaggio agli studenti 2005-2006Italia già multiculturale, meticcio vuol dire ricchezza - Pioggia di critiche al discorso del presidente del SenatoQUARS 2005: come si vive in Italia. Una classifica regione per regioneIndagine sul semianalfabetismo - Il 39,2% degli italiani (22 milioni e mezzo) è privo di titolo di studio o possiede la licenza elementare.Cresce la paura dei prezzi  Gli italiani risparmiano sul cibo - Un'indagine CensisIsfol: molto lavoro è part time ma cresce quello femminileContinua il boom del mattone.Mutui in aumento del 20 per centoCARITAS ITALIANA - FONDAZIONE MIGRANTES - CARITAS DI ROMA - 35 anni di immigrazione in Italia: una politica a metà guado. Anticipazioni del <b> Come si vive in Italia?</b> QUARS - Rapporto alternativo 2005 sulla qualità dello sviluppo.13a edizione del “Rapporto annuale sulla situazione del Paese” dell’Istat, il principale strumento di analisi sugli aspetti economici, demografici e sociali, prodotto ogni anno dall'Isituto di statisticaFratelli d’Italia di GOFFREDO MAMELI - Testo e commentoSono 144.285, secondo l'Istat, i minori che lavorano in Italia. Di questi, 12.168 hanno tra i 7 e i 10 anniISTAT: L'occupazione cresce grazie alle regolarizzazioniSe il volontariato diventa un lavoroE il barbiere smise di fare la barba  


Copyright © 2002-2011 DIDAweb - Tutti i diritti riservati