il progetto   |   la lista / iscrizione  |   DIDAweb   

LCG: GUIDA LINGUISTICA E CULTURALE
Raymond Siebetcheu - 10.08.2007


Una nuova figura professionale al servizio degli immigrati
LCG: GUIDA LINGUISTICA E CULTURALE



Il progetto europeo “Bridges” per l’accoglienza e l’integrazione degli apprendenti stranieri


Con oltre 3 milioni di stranieri regolari tra cui circa 500 mila bambini presenti nelle scuole, l’immigrazione in Italia non può più essere considerata come un’emergenza.

E’ proprio per questo motivo che nell'ambito del progetto europeo Grundtvig 1 - " Bridges Building bridges to second language learning, culture and society" l’Ong Cospe e IRRE Toscana hanno attivato una serie di attività per intraprendere percorsi mirati verso lo sviluppo della cittadinanza attiva attraverso modelli di apprendimento/insegnamento centrati sull’apprendente.
Il punto cardine del progetto ‘Bridges’ è la progettazione di una nuova figura professionale chiamata LCG, Language and culture Guide (Guida Linguistica e Culturale) il cui ruolo sarà di sostenere l'apprendimento sviluppando "ponti" fra apprendenti e docenti, apprendenti e nuova lingua, società e cultura, agendo anche come modelli per gli apprendenti.


Iniziato il 1° ottobre 2005, grazie alla collaborazione dei 7 partner (centri educativi e università) provenienti da Bulgaria, Inghilterra, Norvegia e Italia, il progetto si prefigge di organizzare seminari e corsi di formazione sia per discutere del ruolo e della funzione della figura nascente (e questo in prospettiva europea nell’intento di crearne un quadro comune); sia per riflettere sulle metodologie di formazione nel contesto specifico dei singoli paesi coinvolti nel progetto.


In Italia, il Centro Interculturale di Pontassieve, in collaborazione con Cospe e IRRE Toscana ha organizzato un corso che ha coinvolto 50 insegnanti (di L2 e altri settori) e diversi mediatori tutti quanti aspiranti alla qualifica di LCG.


Tenuto conto del rapporto di diffidenza da parte degli insegnanti nei confronti dei mediatori-insegnanti; considerata l’estrema necessità per la mediazione linguistico-culturale di frammentarsi in diverse specializzazioni, la LCG è sicuramente la prima figura in grado di garantire affidabilità, competenza e successo scolastico anche per gli stranieri.


Prima della conclusione del progetto prevista nel mese di settembre 2007, l’idea è di trasmettere alla scuola e alla società i vantaggi di questo nuovo profilo che presuppone un background linguistico-culturale aggiuntivo rispetto a quello condiviso con la maggioranza del paese. “Costruire i ponti” tra gli apprendenti e la loro nuova società è il leitmotiv di questa nuova professione, che intende fare dell’integrazione linguistica in Italia un tema considerato non più come emergenza scolastica, ma come regolare percorso programmatico utile per la crescita culturale e linguistica di tutti i cittadini: italiani e stranieri.


Raymond Siebetcheu
per saperne di più
http://www.irre.toscana.it/italiano_l2/bridges.htm  


[ commenta


Copyright © 2001-2005 DIDAweb, liste di discussione - Tutti i diritti riservati - È una iniziativa DIDAweb