Vademecum del Garante sul trattamento dei dati personali a scuola

Scheda n. 302: Tutela privacy

Il Garante per la privacy nel giugno 2010 ha diffuso il Vademecum "La privacy sui banchi di scuola" sul trattamento dei dati personali a scuola che raccoglie gli orientamenti emersi in precedenti propri documenti e decisioni.

Se ne riporta una sintesi.

Nella premessa si afferma che nÚ si possono divulgare dati sensibili, nÚ si possono rifiutare agli interessati informazioni dovute alla trasparenza.

Le scuole pubbliche devono dare informativa completa di quali dati raccolgono e di come li utilizzano, mentre non occorre il consenso degli utenti per la raccolta e il trattamento quando questo sia necessario per la realizzazione del diritto allo studio.

Le scuole private oltre ad informare gli utenti sulle modalitÓ di utilizzo dei dati raccolti, devono anche ottenere l'esplicito consenso alla raccolta e al trattamento.

I dati raccolti devono comunque servire per le finalitÓ del servizio di istruzione, Ad esempio: dati etnici per le iscrizioni degli stranieri; dati religiosi per l’insegnamento della religione cattolica o delle materie alternative, nonchÚ per garantire la libertÓ di credo (mensa scolastica con riguardo a cibi particolari); dati sullo stato di salute per gli alunni con disabilitÓ ai fini dell'iscrizione; dati sulle opinioni politiche o filosofiche di associazioni in caso di elezioni di organi collegiali; dati giudiziari solo nei limiti in cui siano necessari per garantire il diritto allo studio di alunni detenuti o in regime di protezione.

Gli interessati hanno diritto di accesso per conoscere i contenuti dei documenti con i propri dati sensibili per eventuali correzioni o cancellazioni. Ci˛ ai sensi della legge n░ 241/90 sulla trasparenza amministrativa.

Restano fermi il dovere di segreto d’ufficio da parte dei docenti e l’obbligo di custodia degli elaborati contenenti dati personali e notizie riservate. Mentre la lettura in classe dei temi personali Ŕ rimessa alla sensibilitÓ del docente.

Quanto ai voti sui tabelloni essi vanno pubblicati per il principio di trasparenza secondo le indicazioni del MIUR. E' vietato per˛ il riferimento, ad esempio, alle prove differenziate per gli alunni con disabiltÓ.

Nelle circolari e comunicazioni Ŕ vietato fare riferimenti anche impliciti che possano far identificare i minori coinvolti in situazioni delicate.

Solo su richiesta degli interessati le scuole possono comunicare a terzi i risultati scolastici , per motivi di orientamento o inserimento lavorativo.

Associazione Italiana Persone Down - Osservatorio Scolastico sull’integrazione
Viale delle Milizie, 106 - 00192 Roma
Tel. 06/3723909 Fax 06/3722510
www.aipd.it 

Scheda n. 302 su www.aipd.it/cms/schedenormative
Aggiornamento del 22/06/2010

In ogni caso Ŕ vietata la comunicazione degli indirizzi di alunni per motivi di marketing e pubblicitÓ.

╚ consentita la raccolta di questionari contenenti dati personali per motivi di ricerca, solo con il consenso degli interessati.

╚ necessario il consenso degli interessati nel caso di comunicazioni sistematiche o di diffusione, anche su siti, delle foto o delle riprese ufficiali e personali in occasioni di manifestazioni (saggi, recite...) o gite scolastiche.

Con il consenso di docenti e studenti Ŕ ammessa la registrazione audio/video della lezione.

L’utilizzo delle impronte digitali o di altri dati biometrici per rilevare la presenza di un gruppo di individui Ŕ giustificato soltanto dall’esistenza di reali esigenze di sicurezza, determinate da concrete e gravi situazioni di rischio.

╚ vietata la diffusione di registrazioni con i telefonini senza in consenso degli interessati.

Non Ŕ consentita la video-sorveglianza nei confronti degli alunni.

OSSERVAZIONI

Il documento Ŕ interessante perchŔ raccoglie in un unico testo orientamenti che il Garante ha espresso nel tempo in situazioni diverse.

Non presenta per˛ novitÓ specifiche rispetto a quanto giÓ portato a conoscenza in precedenza. Le famiglie degli alunni con disabilitÓ trovano in esso un rafforzamento dei loro diritti, specie con riguardo all'ottenimento di copie del PEI e circa la non pubblicazione sui tabelloni di dati discriminatori.

Vedi anche le schede:
n░ 60. Trattamento dei dati sensibili da parte di pubbliche amministrazioni con particolare riguardo agli alunni con handicap
n░ 124. Finalmente tutelata la privacy degli alunni con handicap

22-06-2010
Salvatore Nocera
Responsabile dell’Area Normativo-Giuridica
dell’Osservatorio Scolastico sull’Integrazione dell’AIPD Nazionale
E-Mail: osservscuola.legale@aipd.it

Associazione Italiana Persone Down - Osservatorio Scolastico sull’integrazione
Viale delle Milizie, 106 - 00192 Roma
Tel. 06/3723909 Fax 06/3722510
www.aipd.it 

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<