Chiarimenti sull'assistenza specialistica

Da  handicap edscuola Domanda
Salve sono un'operatrice che lavora  nel sociale. ho urgente bisogno di avere dei chiarimenti in merito alla mansione "dare da mangiare, assistenza durante i pasti" da chi deve essere svolta, se dai collaboratori scolastici o dall'ass. all'autonomia e alla comunicazione. c'è ancora molta confusione in merito.   Risposta
*Collaboratori scolastrici (bidelli) per l'assistenza igienica*    C'è l’obbligo, poco rispettato nella prassi, delle scuole di assegnare “bidelli e  bidelle“ formati per assicurare, ove necessario, l’assistenza igienica agli alunni con disabilità. Ciò in base al Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della scuola del 2003 artt. 47, 48 e allegato “A”. /Si fa presente che gli stessi principi relativi all'assistenza igienica da parte dei collaboratori scolastici, sono ribaditi anche nel nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il quadriennio 2006-2009 firmato il 7 ottobre 2007 in particolare nell'art. 47 e nella Tabella A. /Per questo personale c’è l’obbligo di frequentare un breve corso di aggiornamento e scatta il diritto ad un aumento di stipendio, che diviene pensionabile. L'obbligo per i Comuni è quello di assegnare alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, assistenti per l’autonomia e la comunicazione, specificamente formati, in forza dell’art. 13 comma 3 L. n. 104/92      
*la normativa del 30/11/01,in particolare facendo rif.alla L 27 Dic.2002,n 289 art.35 cosi' si legge:" Rientrano tra le funzioni dei collaboratori scolastici l'accoglienza e la sorveglianza degli alunni e l'ordinaria vigilanza e assistenza agli alunni durante la consumazione del pasto nelle mense scolastiche".* Aggiungo, purché la disabilità sia lieve, altrimenti l'addetto all'imboccamento avrebbe seri problemi. Insomma tra i due litiganti a rimetterci non deve essere l'alunno disabile

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<