REDATTORE SOCIALE - Vaccino e disabilitÓ, le consulte di Roma precisano: "Nessun riferimento nel piano nazionale"

ROMA. "Il piano nazionale delle vaccinazioni anti Covid al momento non fa alcun riferimento esplicito alle persone con disabilitÓ e a chi li assiste. Infatti nell'elenco delle categorie prioritarie per la somministrazione del vaccino ci sono, come Ŕ noto, il personale sanitario, i residenti e il personale delle Rsa, le persone in etÓ avanzata. Nessun riferimento alle persone con disabilitÓ, tranne quelle 'ricoverate' nelle Rsa, in gran parte anziane": Ŕ quanto precisano, in una nota congiunta, la consulta cittadina per la disabilitÓ e la maggior parte delle Consulte municipali del comune di Roma, commentando l'annuncio del commissario Arcuri dello scorso 7 gennaio. Nella nota inviata ad Arcuri, Speranza e Caponetto, osservano innanzitutto che "risulta evidente una prima contraddizione tra l'aver esentato le persone con disabilitÓ dal rispetto del distanziamento e dall'uso delle mascherine, e non aver previsto per loro la prioritÓ per i vaccini. Rileviamo quindi che si Ŕ passati da essere categorie a rischio nei mesi caldi della pandemia ad essere completamente dimenticati".

Non fa eccezione la Regione Lazio, che pure "con propria determinazione avrebbe inserito nella fase 2 le 'persone con comorbiditÓ severa, immunodeficienza e/o fragilitÓ di ogni etÓ ecc.,.che per˛ solo ad una interpretazione estensiva pu˛ portare a includere tutte le persone con disabilitÓ e i propri familiari e caregiver", precisano le Consulte. Ricordano inoltre che "il concetto di persona fragile intesa come 'persona con patologie pregresse e/o croniche che tende ad aggravamento, a maggiori complicanze, a scompensi multipli a cascata, a frequenti ricoveri ospedalieri e a maggior rischio di morte o di disabilitÓ' risulta solo parzialmente sovrapponibile a quella di persona con disabilitÓ".
Due quindi le richieste: primo "sollecitare il rispetto di quanto indicato nel documento 'Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 Piano strategico', in base al quale "l'Aifa promuoverÓ l'avvio di alcuni studi indipendenti post-autorizzativi sui vaccini Covid" e "si doterÓ di un Comitato scientifico che, per tutto il periodo della campagna vaccinale, avrÓ la funzione di supportare l'agenzia e i responsabili scientifici dei singoli studi nella fase di impostazione delle attivitÓ, nell'analisi complessiva dei dati che saranno raccolti, e nell'individuazione di possibili interventi. La finalitÓ Ŕ quella di disporre, anche attraverso una rete collaborativa internazionale, della capacitÓ di evidenziare ogni eventuale segnale di rischio e, nel contempo, di confrontare i profili di sicurezza dei diversi vaccini che si renderanno disponibili, nonchÚ nel fornire raccomandazioni".
La seconda richiesta Ŕ "di inserire le persone con disabilitÓ grave, non autosufficienti, non collaboranti come coloro che presentano gravi disturbi del comportamento o disabilitÓ intellettiva che le priva di un'adeguata consapevolezza del rischio, tra i soggetti ai quali somministrare il vaccino anti-coronavirus in maniera prioritaria". Una richiesta, questa, supportata da almeno due fondamentali ragioni: primo, "giÓ le restrizioni per la prevenzione da contagio rappresentano, per le persone con disabilitÓ e i loro caregiver, delle criticitÓ molto complesse e di difficile gestione e nel caso di ritardo anche nella campagna vaccinale si determinerebbe un ulteriore sovraccarico per le famiglie"; secondo, "il contagio da Covid 19 di una persona disabile con necessitÓ di ricovero, rappresenta una situazione di grandissima delicatezza e problematicitÓ nel caso di persone con disabilitÓ complesse o non collaboranti, determinando anche un ulteriore e significativo sovraccarico per le strutture sanitarie, spesso poco preparate ed attrezzate a gestire le persone con disabilitÓ in tempi normali, figuriamoci in situazioni emergenziali".

di Chiara Ludovisi 

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<