Redattore Sociale - ANFFAS e ANGSA, una "alleanza per interventi Aba di qualita' per tutti"

ROMA. Garantire alle persone con disabilità intellettive e disturbi del neuro-sviluppo interventi comportamentali efficaci e di qualità: è l'obiettivo che si pone la nuova sinergia tra le associazioni dei familiari (ANFFAS e ANGSA) da un lato e le associazioni dei professionisti degli interventi Aba (AssoTaba e Siacsa) dall'altro. L'alleanza è stata sancita nel corso del convegno su "La scienza del comportamento in Italia", che si è svolto il 14 novembre a Roma, presso l'Università Pontificia Salesiana. Tale alleanza si esprime in un documento congiunto che riassume gli obiettivi e i percorsi per perseguirli.

Il documento è il frutto del tavolo di lavoro nato due anni fa per iniziativa di Roberto Speziale, presidente Anffas e di Benedetta Demartis, presidente ANGSA, che ha visto la partecipazione dei più accreditati istituti formativi nel campo dell'analisi del comportamento: Iescum, Istituto Walden, Università di Parma, Università Kore, Università di Salerno, Irfid, Amico Di. A tale documento ha dichiarato successivamente di aderire anche il Consorzio Humanitas.
Il tavolo era partito con l'obiettivo di definire uno standard di qualità nella formazione dei professionisti che erogano interventi comportamentali basati sull'analisi del comportamento e le sue applicazioni (Aba). La finalità ultima è garantire alle famiglie dei primari portatori di interesse la trasparenza del processo per identificare i professionisti in grado di erogare questi servizi, contestualizzati in un modello italiano, in adempimento della normativa vigente nel nostro Paese.
AssoTaba e Siacsa, che da tempo hanno istituito un registro di operatori qualificati che raggruppa centinaia di professionisti con specifica formazione, per rispondere a queste esigenze hanno messo in atto un processo di federazione che le vede confluire in una nuova associazione di professionisti, AbaItalia, che si ispira alla legge 4 del 2013. Questa nuova associazione istituirà un registro comune delle varie figure professionali coinvolte negli interventi Aba: il primo passo sarà quello di definire i criteri di formazione e di accesso ai registri, secondo le normative vigenti in Italia. L'auspicio delle associazioni è che questi criteri vengano recepiti dai servizi privati e pubblici, sia gestiti direttamente sia tramite strutture accreditate.
L'associazione prevede la presenza di due organismi interni: un comitato scientifico, nominato da AssoTaba e Siacsa, e un comitato etico, nominato dalle due associazioni di familiari. Compito dei due comitati è svolgere un ruolo attivo nella promozione e nel controllo delle azioni di Aba-Italia (AbaIt), con l'obiettivo di garantire alle famiglie prestazioni di qualità, facilmente erogabili ed esigibili nel rispetto delle vigenti normative e ancorate alle evidenze scientifiche, e allo stesso tempo di svolgere azioni di contrasto nei confronti di iniziative che escano da questo quadro, anche sulla base delle segnalazioni dagli utenti.


Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<