Comunicato stampa FISH - PovertÓ e disabilitÓ, povertÓ di analisi, politiche e sostegni

In questi giorni ISTAT ha pubblicato il suo consueto report annuale sulla povertÓ in Italia e i dati sono, ancora una volta, drammatici e preoccupanti. Nel 2018 sono stimate in condizione di povertÓ assoluta 1,8 milioni di famiglie per un totale di 5 milioni di individui (cioŔ l’8,4% dei residenti). Rimarchevoli anche le disparitÓ territoriali, per etÓ e per genere. Il quadro di profondo disagio di ampie fasce di popolazione Ŕ confermato.

Tuttavia, anche in questo caso, ISTAT non ha ancora adottato i principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilitÓ, nÚ gli impegni del Programma d’Azione biennale sulla disabilitÓ (decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 2017). All’interno del report non troviamo, infatti, dati specifici sulla condizione delle persone con disabilitÓ o confronti col resto della popolazione. Un’occasione mancata per indagare correlazioni e darne contezza come base di serie politiche contro l’esclusione.

Che la disabilitÓ sia uno dei primi elementi di impoverimento delle persone e delle famiglie lo si deduce da altri studi ed analisi, purtroppo sempre pi¨ datati.

I pi¨ articolati risalgono al 2010 e sono contenuti nel Rapporto sulle politiche contro la povertÓ e l’esclusione sociale, pubblicato nel 2012 dalla Commissione d’Indagine sull’Esclusione Sociale (CIES) del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. La Commissione nel frattempo Ŕ stata soppressa.

Quel Rapporto illustrava come la presenza di una persona con disabilitÓ nel nucleo familiare pu˛ essere una delle principali cause di deprivazione. Assenza di lavoro, sovraccarico assistenziale per la famiglia, costi sociosanitari, riflessi negativi sulla carriera lavorativa dei familiari sono, infatti, alcuni dei fattori che possono limitare l’accesso ai beni e ai servizi di cui dispone la maggior parte della popolazione.

E ancora: la deprivazione materiale (le difficoltÓ a sostenere una serie di spese o al possesso di alcuni beni durevoli) interessa le persone con limitazioni dell’autonomia personale in misura maggiore rispetto al resto della popolazione. Vivono quella condizione il 24,7% degli individui con limitazioni gravi e il 19,7% dei non gravi, a fronte del 14,2% delle persone senza limitazioni. Lo stesso si registra nel caso della grave deprivazione, che interessa l’11,9% e l’8,6% delle persone con limitazioni gravi e non gravi, contro il 6,1% di chi non ha limitazioni.

Un quadro di povertÓ e deprivazione che si combina spesso con altri elementi di discriminazione: essere minori con disabilitÓ (povertÓ minorile), essere donne con disabilitÓ (disparitÓ di genere), essere migranti con disabilitÓ, vivere in territori con servizi e sostegni limitati. Il risultato Ŕ quello su cui FISH attira l’attenzione: la discriminazione multipla ancora oggi cosý sottovalutata in termini di rilevazione, di consapevolezza e, quindi, di politiche e servizi, siano essi mirati alla disabilitÓ o al contrasto della povertÓ.

Nessun commento



Lascia un tuo commento





<<<