Anno scolastico 2016-2017 - mese di ottobre
Francesco Di Lorenzo - 29-10-2016
Nel momento in cui Renzi ammette che sulla scuola ha sbagliato molto, il ministro Giannini si accorge della sua inutilità. È successo tutto in settimana. Lei ha capito che con la riforma non c'entra niente. Meriti e demeriti se li è presi tutti il premier. Poi, menomale, nella nostra scuola ci sono anche cose interessanti. Progetti per i quali, nonostante le difficoltà, si sente di essere sulla strada giusta. Progetti così stimolanti da far dimenticare tutto il resto e che spesso sono trascurati per l'eccessiva burocrazia, per la mancanza di continuità e anche perché non c'è un'idea di scuola meglio definita.
Francesco Di Lorenzo - 22-10-2016
Il dibattito nella e sulla scuola italiana verte ancora sull'importanza o meno del Liceo Classico. 'Classico' dibattito mai passato di moda, tanto che, negli anni novanta, quando un ministro dell'Istruzione pose il problema del suo superamento, la levata di scudi fu quasi unanime. Intanto il ministro attuale parla di successo per l'alternanza scuola-lavoro organizzata dalla Buonascuola, ma ci sono i dati della Cgil che smentiscono clamorosamente.
Gianfranco Scialpi - 12-10-2016
"Il punto importante, e lo dico da figlio e da marito di un'insegnante, è che si è perso il rispetto sociale per la figura degli insegnanti..Con i nostri provvedimenti abbiamo cercato di ridare rispettabilità agli insegnanti ed è una cosa di cui sono fiero". Questa dichiarazione è stata rilasciata dal Presidente M. Renzi a Politics ( Rai 3 ) ed è coerente con lo storytelling del "Diluvio prima di me! Con me torna il sereno!". Il tutto è finalizzato a nascondere i fatti, facendo affidamento sulla scarsa tendenza delle persone ad informarsi, e contemporaneamente nella consolidata tendenza a dimenticare. La nostra memoria è diventata labile, liquida. La sua solidità data da saperi e conoscenze "profonde" e dalla "cementificazione cognitiva dei fatti" ha lasciato lo spazio all'opinione, agli effetti postmoderni della comunicazione dove dietro "il parlar veloce", la presentazione di "frasi ad effetto" si nasconde il nulla.
Nel merito, non sono abituato ad offendere nessuno, ma per formazione culturale a presentare i fatti.
Francesco Di Lorenzo - 08-10-2016
A un anno esatto dalla sua entrata in scena, ormai sappiamo per certo che la 'buonascuola' non ha fatto breccia nel cuore degli insegnanti italiani. Smascherato l'inghippo, il sorriso della ministra Giannini si scontra con il malcontento generale. Di buono nella 'buonascuola' non c'è niente, quindi non si può stare allegri. Il mantra della stabilizzazione di migliaia di precari non ha sortito, come sperava Renzi, l'apertura verso la sua riforma, non ha donato uno sguardo benevolo su un'idea di scuola impresentabile, in fondo, un qualcosa senza radici né futuro. E mentre i giovani tra i 15 e i 29 anni che non hanno lavoro e non vanno a scuola sono arrivati al 27%, la multinazionale Apple investe in un centro di ricerca a Napoli, nel sud dell'Italia, dove la crisi economica è più acuta. E dove l'abbandono scolastico e la percentuale di neet sono da primato. Un modo o un aiuto per uscirne?
voci dal fronte
Il notiziario settimanale che esplora il mondo della scuola per aiutarci a disegnare un quadro il più possibile chiaro degli eventi e dei processi che lo attraversano.
Informazioni ad ampio raggio, corredate da commenti puntuali sui quali sviluppare riflessioni e immaginare azioni di cambiamento contro un degrado che appare sempre più difficile arginare. E però non impossibile, ne siamo convinti.
La redazione
Tag correlati


Anno scolastico / Mese
2009-2010 / 8
2010-2011 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2011-2012 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2012-2013 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2013-2014 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2014-2015 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2015-2016 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2016-2017 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2017-2018 / 9 10 11
Autori