Anno scolastico 2015-2016 - mese di ottobre
Francesco di Lorenzo - 31-10-2015
Gli scioperi contro la 'buonascuola' per adesso sono solo annunciati. A qualcuno è venuto il sospetto che si stia mollando la presa, ma si spera siano malelingue. Eppure, timidamente, perché finora nessun altro ha posto il problema, l'ADI ha chiesto che venga salvaguardata la scuola dell'Infanzia Statale. Tale scuola, nei fatti, per ora, non è più nel primo segmento del percorso scolastico italiano. Eppure, secondo i decreti, usciti la scorsa settimana, in merito ai posti di potenziamento tra le diverse province e comunicati dai vari Uffici Scolastici Regionali, lo scollamento tra domanda e offerta è palese. Per fortuna Faraone ci rassicura con le sue percentuali ottimiste sull'abbandono scolastico...come avrà fatto?
Francesco di Lorenzo - 24-10-2015
L'operazione è chiara, un po' di soldi e finiranno le proteste. In fondo, non c'è trucco, o almeno il trucco è troppo scoperto. Le probabilità che le intenzioni di Renzi e compagnia siano proprio queste sono altissime. Come dire, butto una manciata di mangime nel pollaio (500 euro) e mentre le galline si azzuffano su come spenderli e soprattutto su come rendicontarli, ci si dimentica di tutto il resto. Il copione è scontato. E l'anno prossimo ancora meglio, avremo invece dell'accredito addirittura una Carta elettronica del docente con cui autoaggiornarci più veloci. Così coroneremo il nostro sogno di sentirci come tanti piccoli sindaci e consiglieri regionali. Pensate, una carta di credito dedicata. Ma noi, ci giurerei, saremo attenti a non spenderli in cose futili. Tutto ciò, mentre i nostri studenti dicono che le competenze digitali non le apprendono a scuola ma in modo autonomo o sui luoghi di lavoro (quando lo trovano). E mentre i tagli alla scuola sono evidenti.
Francesco di Lorenzo - 17-10-2015
Tra la notizia che i manager bocciano la nostra scuola (eppure la 'buonascuola' l'hanno scritta funzionari ministeriali e non certo il fior fiore dei pedagogisti), studenti la cui voce non viene presa in alcuna considerazione (mai come in questo momento nessuno ascolta la loro opinione) e voci da cui si evince che con la legge di stabilità ci saranno ulteriori tagli alla scuola ( quando sembrava fossero finiti i governi di centrodestra) veramente non si comprende l'ottimismo della ministra Giannini. Per fortuna ci sono anche notizie positive. Renzo Piano ha presentato il suo progetto di "scuola del futuro" nelle periferie. E una lettera al giornale 'La Repubblica' ha ricordato, a proposito del fumo, che insegnare forse è meglio che punire.
Francesco di Lorenzo - 10-10-2015
È inutile dire di voler restituire dignità agli insegnanti quando tutte le iniziative di questo governo vanno in senso contrario. Si parte dal famoso contratto non rinnovato ormai da parecchi anni (dal 2009), per arrivare alla questione spinosa dello stipendio tra i più bassi d' Europa. Il rapporto Euridyce presentato proprio in questi giorni parla chiaro: i nostri insegnanti sono pagati poco e hanno una progressione di carriera lentissima. Nell'ultimo incontro tra Giannini e i sindacati sul ritardo nel rinnovo del contratto la risposta non c'è stata. Pero' il Ministro, sulle pagine di Oggi, si promuove dandosi un bell'otto in pagella. Ora, al di là dell'opportunità o meno di tale autovalutazione, sull'argomento ci sarebbe da andare in generale un poco più cauti. Ricordando, tra l'altro, che innalzare la qualità degli insegnanti significa stabilizzarli e aggiornarli, non certo fornirli di tablet.
Francesco di Lorenzo - 03-10-2015
La notizia è che per valutare i docenti italiani non bisogna attendere il comitato interno alle nostre singole scuole. La Fondazione Intercultura, che ha presentato al ministero dell'istruzione il suo settimo rapporto sulla capacità dei docenti italiani di essere internazionali, intanto, per questo aspetto, ha emesso un giudizio negativo.In sintesi i prof italiani amano restare 'local'. Ora, al di là di tutte le discussioni che questo rapporto potrebbe innescare (ma dubito che succeda), alcune considerazioni di base vanno fatte. Cosa potevamo aspettarci dopo che un apparato ministeriale, negli ultimi vent'anni, si è accanito in modo così feroce nei confronti della scuola?
voci dal fronte
Il notiziario settimanale che esplora il mondo della scuola per aiutarci a disegnare un quadro il più possibile chiaro degli eventi e dei processi che lo attraversano.
Informazioni ad ampio raggio, corredate da commenti puntuali sui quali sviluppare riflessioni e immaginare azioni di cambiamento contro un degrado che appare sempre più difficile arginare. E però non impossibile, ne siamo convinti.
La redazione
Tag correlati


Anno scolastico / Mese
2009-2010 / 8
2010-2011 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2011-2012 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2012-2013 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2013-2014 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2014-2015 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2015-2016 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2016-2017 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2017-2018 / 9 10 11
Autori