Anno scolastico 2013-2014 - mese di febbraio
Francesco Di Lorenzo - 22-02-2014
Sempre, quando nasce un governo, c'è il tempo delle richieste di rito. Ma una domanda sorge spontanea: servono a qualcosa le lettere e gli appelli che regolarmente vengono inviati al presidente incaricato? Dopo precedenti delusioni, aspettiamo risposte dalla dalla ministra Giannini appena nominata. E mentre un giornale romano ci informa che la scuola italiana non sempre è il luogo della negatività, il Miur cerca talenti, prendendo spunto da analoghe esperienze di Stati Uniti ed Europa. Non sarebbe il caso di lanciare un'altra sfida: ad esempio, proporre qualcosa rivolta a scoprire anche i cretini?
Francesco di Lorenzo - 15-02-2014
Nell'attesa di sapere chi sarà il nuovo ministro dell'Istruzione, un'indagine ci rivela che il 72% dei giovani diplomati italiani vorrebbe andarsene all'estero. Un modo elegante per dirci, da parte delle giovani generazioni, 'vedetevela voi con i mini aggiustamenti, con il tirare a campare e con tutto quello che viene in mente quando si parla di scuola'. I giovani, quindi, un po' per scelta-un po' per forza, si 'chiamano' fuori; hanno compreso che vengono evocati da tutti, ma mai presi seriamente in considerazione. Il risultato è che cercano altrove un minimo di sicurezza insieme a (non disdegnando) un minimo di futuro. E mentre il Miur pubblica e revoca circolari che dimostrano il caos esistente, alcuni ntellettuali firmano un 'manifesto' per contestare l'idea che la cultura umanistica sia semplicisticamente contrapposta alla cultura dei dati scientifici a cui dovrebbe sottostare.
Francesco di Lorenzo - 07-02-2014
A Viale Trastevere arriva l'ufficiale giudiziario. La giustizia un paio di anni fa aveva imposto al ministero di risarcire 472 insegnanti trattati da precari e ancora non li ha risarciti. L'Ufficiale giudiziario ha elencato oggetti da pignorare, compresa la poltrona dove siede il ministro. Una curiosità: quanto vale la poltrona del ministro Carrozza? Tempo di iscrizioni. Panorama propone consigli: se la scuola pubblica i risultati delle prove Invalsi, non teme il confronto. Sul Manifesto, invece, alcuni alunni presentano la loro scuola: "Nella nostra scuola possono venire anche bambini che hanno la pelle diversa dalla mia. Anche loro hanno voglia di stare insieme agli altri bambini". Dopo i test Invalsi, guarda un po', ci sono anche le idee.
Francesco di Lorenzo - 01-02-2014
Le notizie che arrivano sullo stato della 'costituente per la scuola' sono contraddittorie. In sintesi, si starebbero ancora scaldando i motori. Siamo, cioè, nell'ordine delle buone, anzi buonissime, intenzioni. Alla fine cosa ci potremo attendere? Ognuno dirà quale scuola vuole, tanto si sa, siamo tutti esperti di scuola. Avremo in Italia un aumento vertiginoso degli intenditori, Qualcuno, a sproposito, su questo tema, ha tirato fuori che 'sono passati dodici anni dagli ultimi Stati generali della scuola', come se quell'evento (ma fu un evento?) fosse stato così tanto risolutivo o comunque indicativo per il presente. Forse non è inutile ricordare che gli Stati generali della scuola furono organizzati dal ministro Moratti nel 2002.
voci dal fronte
Il notiziario settimanale che esplora il mondo della scuola per aiutarci a disegnare un quadro il più possibile chiaro degli eventi e dei processi che lo attraversano.
Informazioni ad ampio raggio, corredate da commenti puntuali sui quali sviluppare riflessioni e immaginare azioni di cambiamento contro un degrado che appare sempre più difficile arginare. E però non impossibile, ne siamo convinti.
La redazione
Tag correlati


Anno scolastico / Mese
2009-2010 / 8
2010-2011 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2011-2012 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2012-2013 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2013-2014 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2014-2015 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2015-2016 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2016-2017 / 9 10 11 12 1 2 3 4 5 6 7 8
2017-2018 / 9 10 11
Autori