Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 22 - a.s. 08/09
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 15/02/2009
raccontiscaffali

Sommario

UDINE

Eluana

di Giuseppe Limone
Non è morta ora
di Aldo Ettore Quagliozzi
Il Parlamento di Berlusconi fulminato dall'ira di dio
di Giuseppe Aragno

BOLOGNA

Chi è causa del suo mal...

di Maurizio Tiriticco
I voti alla Longhena
di Vittorio Delmoro

TERNI

L'accorpamento: Papocchio alla ternana

di Giocondo Talamonti

LA SCUOLA

Tagliata

di Francesco Mele
Distrutta
di Oliver
Appello contro l'eliminazione del Dirtto e dell'Economia dai nuovi Licei
di Franco Labella
Facciamo due conti in tasca all'e-book
di Francesco Poli
Noi dissentiamo!
di Libero Tassella

IL PAESE

Ieri ho visto un programma di fantaqualcosa

di Francesco Masala
Zeitgeist. Se fossimo in un paese normale...
di Aldo Ettore Quagliozzi
Tagliamo Sanremo!
di Maurizio Tiriticco


Consulta qui altre rassegne


Eluana
di Giuseppe Limone

Noi non sappiamo. Siamo vegetali fra mondi
che ignoriamo.
Abbiamo occhi mediocri,
foderati di bandiere.
Solo chi ama
accanto,
forse una favilla vede.
Portiamo la pena
di chi non sa
del tuo pianto:
perdonaci per loro.



Non è morta ora
di Aldo Ettore Quagliozzi

Eluana non è morta ora. Non mi serve, da laico e da non credente, una simile affermazione. Non mi serve. Non toglie e non aggiunge nulla. Non mi conforta e non mi conferma, da non credente, nelle mie sempre pericolanti convinzioni ed " idealità ". Non ho al momento voglia di sbalordire alcuno, di scandalizzare " evangelicamente " da laico. Scrivo a " caldo " della notizia. Eluana non è morta ora. E non mi serve un'affermazione ben costruita che sbalordisce assai; non mi serve per creare un'icona nuova verso la quale genuflettersi o inviare pensieri di circostanza.



Il Parlamento di Berlusconi fulminato dall'ira di dio
di Giuseppe Aragno

Se il Dio dei cattolici esiste, ha impedito ai suoi fedeli di consumare un'empietà: strappare alla morte un corpo sventurato che da lunghi anni egli aveva inteso chiamare alla sua presenza. Ha impedito un gesto di ferocia che ricorda da vicino la lucida follia del Sant'Uffizio, che, d'altra parte, trovò compatti chierici e fanatici: era figlio di Dio.
Tanto basterebbe per valutare la differenza profonda che corre tra fede, religione e fanatismo clericale.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Chi è causa del suo mal...
di Maurizio Tiriticco

Non capisco la ferma reazione dell'Amministrazione contro la decisione assunta dagli insegnanti della scuola primaria bolognese "Mario Longhena, "la più bella del mondo" - come si definisce sul suo sito - di assegnare tutti dieci, in lettere, ovviamente... mai in cifre, per evitare possibili manomissioni (sono leggi antiche che si perdono nella notte dei tempi!), sulle... neopagelle del quadrimestre! La norma è chiara! Si deve tornare ai voti... che sono da uno a dieci, da scrivere sempre come numeri interi... niente più, niente meno, niente mezzi! Se i nostri insegnanti avessero assegnato undici o ventiquattro... o sotto zero, sarebbero fuori legge, ma così non è stato. L'Amministrazione ha i voti che merita!
Ma il crimine c'è... e come! Il crimine è nella motivazione, non scritta ma più eloquente che mai!



I voti alla Longhena
di Vittorio Delmoro

Alla Dirigente Scolastica dell'Istituto Comprensivo 8 di Bologna
Dott.ssa Ivana Summa


Questo mio messaggio, signora dirigente, è motivato dalla lettura di alcune sue dichiarazioni (virgolettate) sulla cronaca locale di Repubblica del 13 febbraio.
La questione finita sulle pagine dei giornali e - mi dicono, perché non guardo certe reti TV - rimbalzata anche in televisione si riferisce alle valutazioni espresse sul documento di valutazione quadrimestrale degli alunni dagli insegnanti di una scuola del suo istituto, la Longhena, che hanno ritenuto di scrivere 10 in tutte le discipline. La stampa informa che la decisione degli insegnanti sarebbe motivata da una reazione ad un suo Ordine di Servizio che si oppone ad una delibera assunta dal Collegio Docenti che aveva scelto di utilizzare, almeno in questo primo quadrimestre, i giudizi in usa da tempo, invece che i voti.



L'accorpamento: Papocchio alla ternana
di Giocondo Talamonti

Immaginate che al ristorante vi servano un'aragosta bollita cosparsa di marmellata alle visciole, dadolini di spek e parmigiano grattugiato. Il tutto accompagnato da gassosa d'annata.
Prima di dare libero sfogo alle sensazioni che si inseguono sulla scala del disgusto, vi chiedete se, per caso, siete finiti in un laboratorio di nouvelle cuisine alla Vissani, ma poi, verificato che il vostro è un cuoco di provincia, cominciate a trarre, tra un conato e l'altro, le vostre deduzioni, azzardando qualche ipotesi:
a. Il cuoco ha voluto strafare; è convinto di avere i mezzi tecnici per amalgamare gli ingredienti;
b. Il cuoco non aveva altro in cucina; non disponeva neppure d'un manuale, per cui ha usato quello che era rimasto nel frigo;
c. Il cuoco è un presuntuoso, si crede un Artusi, ignora i consigli dell'aiuto-cuoco, se ne infischia delle ricette e pensa che il cliente sia sempre di bocca buona...



Tagliata
di Francesco Mele

Nel mio consiglio di istituto son riuscito a far approvare la mozione che incollo sotto. Non è gran che, ma può essere una buona base per dare rilevanza mediatica alla disastrosa situazione di cassa delle nostre scuole.
Invito i docenti, gli ATA, gli studenti, i genitori che sono nei consigli di istituto a verificare nel bilancio preventivo (programma annuale 2009) a quanto ammontano i residui attivi (cioè i crediti delle scuole verso lo Stato o altri enti, che si trovano nel Mod. L). Il calo % del fondo supplenze dipende da quanto ha speso la scuola per supplenze brevi e saltuarie lo scorso anno. Il fondo funzionamento invece non è stato comunicato a nessuna scuola ma la cifra non è gran che e nella mia scuola è intorno ai 16.000 euro se non vado errato (ma l'ordine di grandezza è questo).
Come vedrete abbiamo deciso di promuovere una segnalazione collettiva a livello provinciale da parte delle scuole al Ministero. E se si estendesse la cosa a livello più generale?



Distrutta
di Oliver

Ieri sera 9-02-09 alle ore nove presso il municipio di Casalecchio di Reno si è svolto un incontro con il sindaco della città Simone Gamberini, il Presidente dei genitori di Casalecchio e i tre dirigenti degli Istituti Comprensivi presenti sul Territorio.
Non desidero entrare all'interno degli aspetti tecnici che si sono affastellati e fanno emergere tanta confusione soprattutto nella scuola primaria, ma sulle reali preoccupazioni che tutti i genitori hanno fatto emergere per la scuola pubbblica tutta, compresa quella campana che l'altra sera ha mostrato l'incapacità di saper coinvolgere i ragazzi e le famiglie anche quelle meno preparate.



Appello contro l'eliminazione del Dirtto e dell'Economia dai nuovi Licei
di Franco Labella

Lo schema di Regolamento relativo agli ordinamenti di tutti i futuri Licei, compresi quelli che hanno già oggi nel piano di studi questa disciplina, ha evidenziato l'intenzione di eliminare, fra le materie obbligatorie oggetto di studio, il Diritto e l'Economia. Questa scelta, già ipotizzata durante il Ministero Moratti e confermata dall'attuale Ministro Gelmini, è incomprensibile, contraddittoria e non europea.



Facciamo due conti in tasca all'e-book
di Francesco Poli

Il libro di fisica che io adotto consta di circa 200 pagine (ma ve ne sono di molto più voluminosi) ed il suo prezzo si aggira sui 28 euro. Poniamo che il prossimo anno decida di passare alla versione elettronica. Già esiste una casa editrice che pubblica solo e-book. Per ogni testo si pagano 9.90 euro, indipendentemente dalle pagine. Ma il libro va stampato: è impossibile per chiunque, in particolare per un ragazzo quindicenne, studiare senza un supporto cartaceo, sia perché la lettura da schermo pc è assai gravosa, sia perché operazioni come sottolinerare, annotare a margine o segnare gli esercizi sono strumenti didattici insostituibili...



Noi dissentiamo!
di Libero Tassella

Ci sentiamo profondamente umiliati , offesi, presi per i fondelli, non rappresentati da chi pensa di arginare i tagli proponendo paradossalmente al Ministro altri tagli di fondi alla scuola oltre quelli previsti dalla clausola di salvaguardia di Padoa Schioppa. Colleghi, questo è il sintomo che chi ha la presunzione di rappresentarci ha ormai perduto ogni contatto con la realtà della scuola reale, da troppo e da troppi anni questi signori sono in congedo sindacale.
Facciamo una proposta provocatoria di tagli...



Ieri ho visto un programma di fantaqualcosa
di Francesco Masala

Stavo guardando un programma in tv, su rai tre, quando per un qualche scherzo spazio-temporale si parlava di un paese, credo africano prima della decolonizzazione, nel quale era possibile comprarsi i titoli di studio, esami, lauree, tutti lo sapevano, ma nessuno faceva niente, e poi, all'improvviso, di un paese di un altro pianeta nel quale agli studenti più svantaggiati venivano dedicate più risorse che agli altri studenti. O forse stavo sognando, in dormiveglia davanti alla tv, immaginate che sognavo di uomini che volevano avere diritti di vita e di morte su altri esseri umani, in tempo di pace, e anche ho sognato di uno vestito come a Carnevale, che parlava come se fosse il rappresentante di un dio, e tutti ascoltavano senza ridere. Devo cenare pasti più leggeri, ho pensato risvegliandomi, e dopo aver spento la tv ho preso un libro intitolato Candido, di Voltaire, per una iniezione di sano ottimismo, ho letto infatti che dice spesso "questo è il migliore dei mondi possibili". Sarà un antidoto contro gli incubi.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Zeitgeist. Se fossimo in un paese normale...
di Aldo Ettore Quagliozzi

... mentre il paese si svuota o perde progressivamente, per insuperabili limiti naturali, le coscienze più alte e più nobili, gli intelletti più fulgidi e vivi, lasciando libero il campo alla cachistocrazia più sfacciata ed illiberale che si possa immaginare; mentre il paese rimane sempre più orfano di guide illuminate e di prestigio universalmente riconosciuto, occorre ricercare e sollecitare il concorso dialettico e fattivo di tutti, in tutte le forme democratiche possibili, affinché la barra di navigazione della " nave sanza nocchiero in gran tempesta " non conduca il capitano di vascello, la sua stralunata ciurma di comando ed il suo numerosissimo seguito ad arenarsi, sospinti dai marosi di questi agitatissimi tempi, ad arenarsi dicevo verso approdi malsicuri assai per la salute di tutti ed inesplorati.



Tagliamo Sanremo!
di Maurizio Tiriticco

Tra poco avremo Sanremo, la grande parata canora perché... canta che ti passa! E Bonolis ci dichiara con sincero candore che il suo cachet è di un milione di euro! Dico bene: un milione di eurooo!!!
Ma la cosa non mi stupisce, dal momento che molti, anzi troppi di noi sono disposti a pagare qualunque cifra per i circenses, ma mai un sesterzio per il panem! Non lamentiamoci poi se abbiamo il televisore al plasma ma non un posto letto all'ospedale! Se, in forza della democrazia... ad una dimensione - Marcuse non è troppo lontano! - abbiamo scelto il bene privato e superfluo invece del bene pubblico e necessario, i risultati sono questi: meno ospedali, meno scuole, meno servizi! Abbiamo fatto il pieno del superfluo, è vero, ma anche questo è giunto al traguardo... e tra breve non avremo più neanche quello! E' la nostra Lehman Brothers!
E allora, domandiamoci: dov'è che dovremmo tagliare?



 

Brevi di cronaca
I docenti precari non compreranno più auto Fiat
Rete nazionale Precari Scuola - 14-02-2009
La Fondazione Agnelli ha presentato l'11 Febbraio il suo rapporto sulla scuola italiana con alcune idee per risolvere i problemi.
Peccato che tra le ricette proposte dalla fondazione non si parli di aumento degli investimenti nell'istruzione, di riduzione del numero di alunni per classe grazie all'aumento degli organici all'assorbimento del precariato, di mantenimento del modulo nella scuola primaria, di tutela delle graduatorie ad esaurimento come garanzia di un sistema di reclutamento equo e trasparente.

[ leggi ][ commenta
L'e-book tra i banchi di scuola
Bari mia - 12-02-2009
Il Ministro della Pubblica Istruzionemha comunicato, con una circolare divulgata ieri, i provvedimenti statali che verranno adottati per sostenere il costo dei libri di testo scolastici che pesano continuamente sui nuclei familiari.mA parere della Gelmini per affrontare queste costi, si dovrà consentire di scaricare da Internet e-book, libri elettronici, in formato digitale.nI libri, inoltre, dovranno durare per 5 anni nelle elementari e per 6 anni nelle scuole medie e superiori. Questo proposta, i cui dettagli tecnici saranno presentati nei prossimi mesi, prenderà il via dall'anno scolastico 2009-2010.

[ leggi ][ commenta
Le circolari sono atti non vincolanti
Corriere di Aversa e Giuliano - 13-02-2009
Una norma per creare obblighi di fare o non fare dev'essere vigente, l'avvocato Mariastella Gelmini del Foro di Brescia, quale operatore del diritto ce lo insegna. In merito alla valutazione in decimi, che si vorrebbe considerare già pienamente reintrodotta nella scuole primarie e secondarie di primo grado, va ricordato che la norma che dovrebbe disciplinare la fattispecie al momento manca, essa non è stata inserita nell'ordinamento: si tratta del regolamento attuativo previsto dall'articolo 3 comma 5 della legge 30 ottobre 2008 n.169, la cosiddetta "Riforma Tremonti - Gelmini". Allo stato attuale il regolamento è ancora al vaglio degli organi competenti, esso sarà vigente solo se e quando saranno concluse le fasi di controllo previste ed una volta promulgato con Decreto del Presidente della Repubblica.

[ leggi ][ commenta
In difesa della scuola statale
Comitato per la scuola della repubblica - 11-02-2009
Purtroppo finora, nonostante il generoso impegno di migliaia di genitori,d ocenti e studenti non siamo riusciti a fermare la politica eversiva dell'attuale maggioranza, anche perchè è mancata la necessaria unità tra movimenti, organizzazioni politiche e sindacali ed istituzioni; la Ministra Gelmini ha emanato le prime Circolari, ancor prima che fossero emanati i regolamenti, molto probabilmente anche per verificare le possibili reazioni e le possibili risposte.Riteniamo che sia quindi importante riuscire ad organizzare risposte unitarie, il più possibile efficaci e coordinate.

[ leggi ][ commenta
Condotta degli studenti: che pasticcio, Onorevole Ministro!
Professione Insegnante - 10-02-2009
La legislazione vigente prevede per la condotta una gamma di voti che di fatto va dal 5 al 10. Teoricamente anche altre insufficienze sono possibili, ma va da sé che se al 5 viene collegata la punizione massima per la condotta peggiore, non ha alcun senso ricorrere al 4 al 3 o a quant'altro.

[ leggi ][ commenta
I ragazzi non vanno a scuola? Il telefono avverte i genitori
Repubblica Palermo - 09-02-2009
Arriva scuolatel. Il servizio telefonico che consentirà ai genitori di sapere se i figli hanno marinato la scuola o hanno chiesto il permesso di entrare a seconda ora verrà attivato tra pochi giorni all´istituto professionale Einaudi di Palermo e si aggiungerà al servizio di informazione tramite sms in uso da oltre tre anni nell´istituto palermitano. La rivoluzione copernicana (pagelle on line e assenze comunicate ai genitori tramite sms) annunciata pochi giorni fa dai ministri dell´Istruzione, Mariastella Gelmini, e della Funzione pubblica, Renato Brunetta, per l´istituto di via Mongerbino è già una consuetudine. E verrà superata da una nuova tecnologia: scuolatel, appunto.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Berlusconi, internet e la sicurezza
Giuseppe Aragno - 14-02-2009
 software libero 
Per conoscenza e, per quanto mi riesce, senza commento.
Si tratta dell'emendamento al "pacchetto sicurezza" - così lo chiama il Governo - che riguarda la possibilità di "oscurare" i siti internet che in qualche modo "istigano a disobbedire alle leggi dello stato" o "alla violenza".

[ leggi ][ commenta
Ministro Maroni: ci quereli
Corsi di italiano per stranieri - 13-02-2009
 appelli 
Abbiamo letto della Sua volontà di intraprendere un'azione legale nei confronti del direttore del settimanale Famiglia Cristiana, che Lei accusa di averLe recato offesa personale per aver definito "leggi razziali" i provvedimenti del Governo verso i cittadini stranieri e le fasce più deboli della società. Noi siamo quella parte della società civile che condivide il giudizio espresso da Famiglia Cristiana e che continuerà a perseverare nel proprio impegno antirazzista. Se vuole essere coerente, Signor Ministro, quereli anche noi.


[ leggi ][ commenta
Rompiamo il silenzio
Libertà e Giustizia - 10-02-2009
 appelli 
Possiamo far crescere le nostre forze per unirle alle intelligenze, alle culture e alle energie di coloro che rendono vivo il nostro Paese e, per amor di sé e dei propri figli, non si rassegnano al suo declino. Con questi obiettivi primari.
Innanzitutto, contrastare le proposte di stravolgimento della Costituzione, come il presidenzialismo e l'attrazione della giurisdizione nella sfera d'influenza dell'esecutivo. Nelle condizioni politiche attuali del nostro Paese, esse sarebbero non strumenti di efficienza della democrazia ma espressione e consolidamento di oligarchie demagogiche...


[ leggi ][ commenta
Segreto di Mafia a Ragusa
Accade in Sicilia - 12-02-2009
 libri 
Continua il nostro viaggio nella Memoria, attraverso il libro di Carlo Ruta "Segreto di Mafia. Il delitto Spampinato e i coni d'ombra di Cosa Nostra". Mi sembra, quella del ricordo del giovane giornalista ragusano ucciso nel '72, uno dei modi migliori per avviarci verso il 21 Marzo, a Napoli quest'anno, che è la Giornata Nazionale della Memoria di tutte le vittime di mafia. Le mafie sono le prime nemiche della Verità, tanto amata e inseguita dal nostro giovane amico Spampinato, uno dei nove giornalisti uccisi nella nostra terra!


[ leggi ][ commenta
Domani l'Italia in piazza per la Costituzione
Doriana Goracci - 11-02-2009
 proposta 
«E' il momento del rispetto, non del silenzio». Con questa frase la Consulta di Bioetica è scesa in piazza ieri a Roma, Milano, Torino, Pisa, Bologna e Verona. «Fiduciosi che la vicenda di Eluana si potesse finalmente concludere come lei stessa avrebbe voluto, non siamo intervenuti prima per ottemperare alle richieste di silenzio della famiglia Englaro. Ora che lo Stato di diritto è sottoposto a duri attacchi dai fanatici della sacralità della vita, vogliamo far sentire la voce di chi ritiene che l'autonomia delle persone è inviolabile, così come lo è la laicità dello Stato. E vogliamo essere vicini a Beppino Englaro che, per il suo impegno, consideriamo meritevole dei più alti riconoscimenti civili, rappresentando un modello da additare al Paese»

[ leggi ][ commenta
Un certo Darwin
Circolo Gould - 09-02-2009
 incontri 
In allegato il calendario di "Incontri darwiniani di un certo tipo"
nell'ambito della mostra Darwin 1809 - 2009,
aperta dal 12 febbraio al 3 maggio 2009
al Palazzo delle Esposizioni, Via Nazionale, Roma.


[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Consulta di bioetica
Fondata nel 1989 dal neurologo Renato Boeri, è un'associazione di cittadini di diversa formazione (filosofi, operatori sanitari, giuristi) e di differente orientamento, impegnata a promuovere lo sviluppo del dibattito laico e razionale sui problemi etici nel campo della medicina e delle scienze biologiche, in un'ottica pluralistica di rispetto delle diverse concezioni di valore.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva