Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 21 - a.s. 08/09
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 08/02/2009
raccontiscaffali

Sommario

LA SCUOLA

Disinneschiamo subito il DDL Aprea!!!

di Gemma Gentile
Illegittimi
di Scuola della Repubblica
Elogio del cattivismo
di Maurizio Tiriticco
Ma la testa dov'è?
di Claudia Fanti
Per una laicità senza zone franche anche nella scuola
di Paolo Citran
L'accorpamento a Terni è di destra o di sinistra?
di DS Giocondo Talamonti
Strettamentepersonale. Di una vita pienamente umana
di Aldo Ettore Quagliozzi

IL PAESE

Berlusconi. Un colpo di testa o un colpo di Stato?

di Giuseppe Aragno
Solo un marocchino... I mandanti morali? Cercate in Parlamento
di Giuseppe Aragno
Mediaculturapotere. Il mondo e la sua rappresentazione
di Aldo Ettore Quagliozzi


Consulta qui altre rassegne


Disinneschiamo subito il DDL Aprea!!!
di Gemma Gentile

Il silenzio sul DDL Aprea mi terrorizza. I tagli e le disposizioni gravissime contenuti in decreti vari, tramutati in leggi, regolamenti, circolari e note più o meno illegali rappresentano il tentativo di indebolire la scuola e di affamarla. E' giusto quindi rispondere ai singoli attacchi, difendendo la nostra dignità di insegnanti ed i nostri alunni. Non si può però ignorare che tutti questi bombardamenti sono il preludio al colpo di annientamento finale. E' il DDL Aprea la legge di sistema, volto a cancellare la scuola statale in modo definitivo, quello che la decostituzionalizza, la privatizza e la ristruttura in tal senso.


Illegittimi
di Scuola della Repubblica

Come è stato comunicato la Conferenza Unificata ha dato un parere negativo sullo schema di regolamento per la scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione. Il parere, come è noto, non è vincolante; è comunque un parere autorevole che può essere efficacemente utilizzato nella contestazione dei provvedimenti attuativi delle geggi Gelmini; purtroppo però ancora non si conosce il testo. Ora lo schema di regolamento dovrà essere esaminato dal Consiglio di Stato per il prescritto parere; dopo il Consiglio dei Ministri dovrà approvare il testo definitivo che dovrà essere emanato dal Presidente della Repubblica e pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Fino a quando il regolamento non sarà pubblicato nella G.U. è ovvio che lo schema predisposto dal Consiglio dei Ministri non ha alcuna efficacia giuridica; di conseguenza la CM n. 4/09 emanata dal Ministro per le iscrizioni per l'a.s. 2009/2010 , allo stato attuale, non ha alcuna efficacia perchè si basa su atti allo stato inesistenti.




Elogio del cattivismo
di Maurizio Tiriticco

Dal cinque in condotta - pardon, comportamento - alla denuncia dei clandestini che si ammalano, all'accanimento contro il povero padre di Eluana, sembra proprio che la cosiddetta stagione del cosiddetto buonismo stia tramontando! Ma, che c'è di vero veramente? Le reiterazioni rafforzano il pensiero!
Il fatto è che da certe parti si è sempre attribuito al cosiddetto buonismo l'incapacità di affrontare problemi concreti con cognizione (analisi corretta) e decisione (volontà politica)! Ed è una incapacità non sempre attribuibile ad un determinato schieramento, ma alla debolezza del gruppo dirigente - si dice così! - qualunque sia la matrice politica che lo esprime. In effetti, se le pubblicazioni di Rizzo e Stella, ed ora anche di Travaglio, hanno tanto successo, dipende in primo luogo dal fatto che si può sorprendere con le mani nel sacco un'intera classe dirigente che intende la politica più come amministrazione spicciola, se non di bassa lega, che come governo della cosa pubblica verso obiettivi che siano, come si suol dire, di reale pubblico interesse.



Ma la testa dov'è?
di Claudia Fanti

E' vero che bisognerebbe prendere le cose con filosofia, col gusto dell'ironia, ma qui c'è poco da scherzare.
In un mondo di persone che lottano per vivere, per sopravvivere, per sbarcare il lunario, non si può più sopportare la sicumera dei politici dell'area governativa e, purtroppo, anche le scelte moderate, dell'opposizione parlamentare.

Qui, a forza di controllare le emozioni e i vissuti personali, si finisce con l'accettare l'inaccettabile in ogni settore della vita sociale. L'ultima è la questione dei medici che dovrebbero svelare i nomi dei clandestini che si rivolgono loro. E' un tale orrore che chiama la coscienza a ribellarsi, a urlare un basta grande come il Monte Bianco.

Grave, inaudito, orribile, degno del Paese più retrivo e spietato...



Per una laicità senza zone franche anche nella scuola
di Paolo Citran

Dal punto di vista del mondo laico, e più precisamente di quello legato al mondo della scuola, la modalità negligée e la nonchalance diffuse per tali temi occupano un campo proibito che certamente non disdegnarono - lasciando per il futuro spazio all'ermeneutica contemporanea e se si vuole post-moderna - gli Hegel, i Marx, i Sartre ed i Bloch, i Feuerbach ed i Nietzsche, i Freud, gli Jung ed i Malinowski, che insieme ad altri costituiscono un patrimonio di conoscenza problematica e problematizzante spesso snobbato e lasciato come zona franca ad un approccio che si considera sorretto dallo Spirito Santo, oltre che dal Concordato.



L'accorpamento a Terni è di destra o di sinistra?
di DS Giocondo Talamonti

"cherchez l'argent..."

L'accorpamento scolastico è una faccenda di destra o di sinistra? Di destra, verrebbe da dire; ma a Terni s'è dannata la sinistra a farlo. Perché?
Salvare posti di lavoro è un obbiettivo primario di destra o di sinistra? Di sinistra verrebbe da dire; ma a Terni s'è affannata la destra a farlo. Perché?
Decidere interventi amministrativi senza consultare le rappresentanze scolastiche, territoriali e sociali, anzi fingere di farlo, prendendo per i fondelli un'intera città e giurare che sono altri a non avere il senso delle istituzioni è un atteggiamento di destra o di sinistra? Di estrema destra, verrebbe da dire; ma a Terni l'ha fatto la sinistra. Perché?



Strettamentepersonale. Di una vita pienamente umana
di Aldo Ettore Quagliozzi

Come è possibile porsi a difensori di una vita che non abbia una consapevolezza del proprio essere, del proprio stato, di una vita che non abbia nulla di vita di relazione con gli altri e con la propria individuale storia? Quei difensori della vita, di una vita ripeto ridotta allo stadio biologico, dovrebbero, a rigor di logica, erigersi coerentemente a difensori di tutte le forme di vita biologica; tralasciando le forme microscopiche per la loro intrinseca non visibilità nel mondo reale dei sensi ed andando su su per la scala della complessità biologica, dovrebbero erigersi a strenui difensori dei platelminti, così come dei celenterati, e degli artropodi, e dei molluschi, per non dire del resto dei vertebrati se non dei rimanenti mammiferi. Niente di tutto ciò.



Berlusconi. Un colpo di testa o un colpo di Stato?
di Giuseppe Aragno

Stasera, con un gesto di inaudita gravità, Berlusconi e il suo governo, nessuno escluso, non dolo hanno rifiutato di accettare il giudizio di Giorgio Napoletano sulla incostituzionalità del decreto messo insieme in fretta e furia per impedire il rispetto di una sentenza emessa da un tribunale della Repubblica, ma ha scelto di andare per la sua strada: con o senza la firma di Napoletano, egli intende raggiungere il suo intento, che non è e non può essere quello di salvare una vita umana ma di togliere la vita alla nostra democrazia.


[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Solo un marocchino... I mandanti morali? Cercate in Parlamento
di Giuseppe Aragno

Legge dopo legge, decreto dopo decreto, un popolo che ha avuto nella sua storia Verri e Beccaria va a lezione di democrazia dai pericolosi clandestini che trova normale chiudere in un campo di concentramento a Lampedusa, in nome evidentemente dell'accoglienza e di una storia d'emigrazione che al mondo probabilmente non ha pari.
Legge dopo legge, decreto dopo decreto, facendo il tiro a segno sui diritti, ci comincia ad apparire del tutto naturale che qualcuno neghi ai musulmani il diritto di pregare.



Mediaculturapotere. Il mondo e la sua rappresentazione
di Aldo Ettore Quagliozzi

Quando il mondo si risolve nella sua rappresentazione, codificata dalla politica e dai media (questi ultimi proni all'interesse, quando non alla semplice curiosità del pubblico), chi vi assiste non ha voce in nessuno degli avvenimenti rappresentati. Questo non aver voce fa di ciascuno di noi un semplice spettatore che, pur avendo accesso a tutti gli avvenimenti del mondo, lo ha a quella distanza dove qualunque cosa accada lo lascia inviolato, per l'assenza di un reale contatto con i fatti, riassorbiti interamente nella rappresentazione mediatica.



 

Brevi di cronaca
Tutto ma proprio tutto quello che dovete sapere
D.G. - 07-02-2009
Il titolo non me lo sono inventato: canter¨¤ l¡¯Italia Marco Masini al Festival pi¨´ amato dagli italiani, Sanremo, presentato da Paolo Bonolis, che divorzia da Mediaset e approda alla Rai, lavorando a progetto. Avremo il televoto, le anteprime delle anteprime, una giuria demoscopica, iniziative di solidariet¨¤, l¡¯adozione di un angelo¡­Diciamolo: grazie dei fior!

Ci segnalano di Tutto, come le condizioni momento per momento di Eluana Englaro e il decreto ad hoc su di lei, tra approvazioni, sdegni e risvegli psicofisici.

Passeggiando tra le ultime notizie, trovo...

[ leggi ][ commenta
La scuola irrecuperabile
La Stampa - 06-02-2009
Apprendiamo che le scuole non hanno i soldi per pagare i corsi di recupero. Oh, finalmente ci siamo arrivati! Da un anno aspetto che la bomba scoppi e che emerga l'ipocrisia demagogica che soggiace all'idea di recupero scolastico: era ovvio fin da subito, fin dal decreto Fioroni, che non ci sarebbero stati i soldi per istituire di pomeriggio corsi per sostenere i ragazzi in difficoltà. Non amo gli struzzi che nascondono la testa nella sabbia, quindi avrei preferito una maggiore chiarezza un anno fa. Comunque, meglio tardi che mai: oggi ne prendiamo atto (per fortuna la realtà ha sempre una sua adamantina inoppugnabile evidenza che prima o poi s'impone).

[ leggi ][ commenta
Musica stonata
Sindacato Sab - 05-02-2009
L'USP (ex provveditorato agli studi) di Catanzaro finalmente si è deciso a comunicare alle scuole interessate, per i provvedimenti di competenza, che avevano valutato le domande di inserimento in terza fascia dei docenti precari di strumento musicale, di avere accertato alcune discordanze sulle certificazioni acquisite che influiscono sulla durata dei servizi già valutati. Ora chi paga i danni prodotti?

[ leggi ][ commenta
Conferenza Stato - Regioni
Anci - 04-02-2009
Punto 2 - schema di regolamento recante "revisione dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione, ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del D.L. 112/2008, convertito, con modificazioni, dalla legge 133/2008:parere negativo.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Al supermercato delle idiozie
Vincenzo Andraous - 07-02-2009
 software libero 
Ora il pianeta degli anni corti, dei ragazzini dalle gambe larghe e le mani in tasca, smanetta su internet, basta guardare su alcuni blogs e accorgersi dei tanti ragazzi che perdono tempo e sonno, a raccontarsi il proprio sballo, il trip appena concluso, da iniziare a breve, per l'ennesima volta.

[ leggi ][ commenta
A sostegno del plurilinguismo
Lend - lingua e nuova didattica - 06-02-2009
 appelli 
Conoscere una sola lingua straniera significa partire da una situazione di svantaggio socio-culturale, economico e professionale nell'Europa di oggi e ancor più, nel mondo di domani.

Per questa ragione riteniamo lesivi dei diritti degli studenti e delle studentesse di questo nostro paese le decisioni che il ministro dell'Istruzione, on. Mariastella Gelmini, ha assunto nell'ambito delle politiche linguistiche.

[ leggi ][ commenta
L'alternativa c'è
Professione insegnante - 05-02-2009
 comunicato 
In una riunione, che ha avuto luogo a Roma il primo febbraio 2009, alcuni docenti, che avevano già preso definitivamente le distanze dal nuovo soggetto sindacale, non identificandosi più con esso e non riconoscendone la valenza, hanno avviato un primo confronto per porre le basi di una nuova Associazione Professionale di Docenti con fini anche sindacali.

[ leggi ][ commenta
Evoluzione biologica, fatti e teorie
Giorgio Narducci - 04-02-2009
 pianeta 

Un Convegno a Roma

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Siamo con Napolitano

Migliaia di firme per la democrazia

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva