Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 16 - a.s. 08/09
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 21/12/2008
raccontiscaffali

Sommario

NONOSTANTE TUTTO

Un sentito ringraziamento all'onda

di Rosanna Vttori
Gioco anch'io
di Severo Laleo
Una boccata d'ossigeno
di La Fenice

LA SCUOLA CHE NON VA

I tempi cambiano

di Giocondo Talamonti
Commissione Bilancio VS Commissione Cultura: chi la spunterà?
di Elena Miglietta
Il crollo
di Miha
Valutare i docenti?
di Antonellina
Contro l'affondazione (non solo per l'università)
di Francesco Masala
Una proposta per le graduatorie
di Libero Tassella

PAESE ITALIA

Un vento s'è levato e soffia forte

di Giuseppe Aragno
Una tredicesima con i fiocchi!
di Gian Paolo Trevisani
I Minori augurano Buona Crisi e felice nuova Paura
di Doriana Goracci


nell'augurarvi buone vacanze, la redazione vi da' appuntamento all'anno prossimo


Un sentito ringraziamento all'onda
di Rosanna Vttori

Una scuola debole, malata per la lunga incuria, ferita dall' arrogante superficialità del governo è riuscita a svegliare un intero paese. Un'onda pacifica e travolgente di protesta si è levata ed il paese si è stretto, come mai prima, attorno alla 'sua' scuola. E alla fine il paese ha vinto.
Solo pochi mesi fa non si sarebbe potuta immaginare tanta attenzione per la scuola in Italia: per questo la dobbiamo ringraziare, ministro.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Gioco anch'io
di Severo Laleo

E' proprio strano. Molto strano.
Ed è forse il segno più terribile della nostra radicale sconfitta di "sognatori".
Perché non riusciamo nemmeno a "sognare".
E l'assenza di un sogno pesa e impedisce, alla lunga, il cambiamento necessario.
Nel gioco "Vorrei una scuola" di Trevisani, nemmeno tra i commenti a dire il vero (tranne forse, ma solo timidamente, e grazie alla sua sincerità forte, il commento di Giuliano Galiardi), mai si pronuncia, nemmeno tra i "vorrei" appunto, questo semplicissimo pensiero-sogno: "Vorrei una scuola all'altezza/capace, per risorse umane e materiali, per missione, di "PROMUOVERE" tutte le persone in età di apprendimento, almeno fino ai diciotto anni".
Perché?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Una boccata d'ossigeno
di La Fenice

Il TIMSS (Trends in International Mathematics and Science Study) è un progetto dell'IEA (International Association for the Evaluation of Educational Achievement) che si pone l'obiettivo di misurare i risultati in matematica e scienze degli studenti che frequentano il quarto anno della scuola primaria e l'ottavo anno del primo ciclo di istruzione.
Giorni fa, il 9 dicembre, sono stati presentati i risultati dell'ultima sua indagine che colloca il nostro paese, nelle graduatorie internazionali, a un buon livello grazie ai punteggi ottenuti dagli studenti che frequentano il quarto anno della scuola primaria.



I tempi cambiano
di Giocondo Talamonti

Quella che fino a poco tempo fa sembrava essere la semplice difesa di un'idea, oggi si rivela pura ostinazione all'eutanasia.
L'IPSIA deve morire, scomparire dalla storia della città, senza troppi sentimentalismi e senza che una Fenice, neppure spennacchiata, si profili all'orizzonte delle sue ceneri.
Che avrà mai fatto l'Istituto e il Dirigente che lo gestisce di tanto grave da meritare l'esecuzione capitale, la fucilazione, la ghigliottina, la sedia elettrica e l'iniezione letale?
La colpa inconfessabile, qui confessata, sta tutta nei numeri: 400 alunni, invece di 500.



Commissione Bilancio VS Commissione Cultura: chi la spunterà?
di Elena Miglietta

La Commissione Bilancio dice che in base all'autonomia possiamo offrire ai genitori tutti i modelli possibili con tutte le ore che vogliamo nell'offerta formativa, ma senza oneri per lo Stato.
Incredibile no? Fate quello che volete tanto non vi diamo l'organico. A questo punto le scuole più abbienti potranno aumentare l'offerta oraria con attività pagamento. Ebbene: tra la Commissione Cultura e la Commissione Bilancio chi l'avrà vinta? E' ovvio che vincerà la seconda ma la prima è così utile per la Propaganda...



Il crollo
di Miha

Per dimostrare che la scuola italiana stia andando a pezzi non c'è neppure bisogno di cercare molte metafore, basta leggere la cronaca dell'ultimo mese: il 5 dicembre crolla un controsoffitto nella scuola elementare Malerba di Catania, 16 dicembre a Naro (AG) crolla il soffitto di un'aula, per fortuna gli alunni erano a provare la recita di Natale nella classe accanto, 22 novembre crolla il controsoffito nel liceo Darwin di Rivoli, muore uno studente e 20 rimangono feriti. In una nazione normale questo dovrebbe scatenare un'ondata di proteste e indignazione e il governo dovrebbe mettersi all'opera per risanare una situazione evidentemente critica. Invece in Italia lo stato decide che si spende troppo per la scuola che bisogna risparmiare su stipendi, numero di insegnanti e bidelli. Per l'edilizia scolastica si può aspettare. Vengono tagliati anche i fondi per i Comuni, proprietari e responsabili nella maggior parte dei casi dell'edilizia scolastica.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Valutare i docenti?
di Antonellina

Nel mio istituto, ITIS e LICEO Scientifico Tecnologico, i soliti furbi, tentano di inserire nel POF la valutazione dei docenti senza specificarne i criteri, anticipando la politica aziendale e privatistica tanto cara al governo e all'opposizione, introducendo un pericoloso capitolo al 'buio' senza un percorso attento di studio e comprensione degli obiettivi ,
dei criteri e della 'storia ' della sperimentazione e applicazione in questo campo, a mio avviso, così controverso e strumentalizzabile.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Contro l'affondazione (non solo per l'università)
di Francesco Masala

È ben triste leggere le parole di Bill Gates:

- Non c'è dubbio che le aliquote fiscali sui più ricchi dovranno essere aumentate. E trovo questa una cosa molto giusta. Il pendolo sta oscillando nuovamente verso l'imposizione progressiva. E' inevitabile in questa situazione di crisi, dove il deficit spending è l'unica strada appropriata che abbiamo per uscirne e ricominciare a crescere. D'altronde, il margine per aumentare la pressione fiscale su chi guadagna di più esiste....



Una proposta per le graduatorie
di Libero Tassella

Premesso che la stipula dei contratti a tempo indeterminato è da effettuare sul 100% dei posti vacanti a seguito delle operazioni di mobilità (trasferimenti), la nostra proposta, articolata in sei punti ha lo scopo di rispondere in modo efficace all'esigenza di stabilizzazione degli organici e di lotta al precariato attraverso l'azione congiunta dello scorrimento delle graduatorie ad esaurimento, trasformate in graduatorie nazionali e il varo di piano programmatico di immissioni in ruolo.



Un vento s'è levato e soffia forte
di Giuseppe Aragno

Vada dove gli pare, quest'anno non è venuto invano e ha torto chi dispera. Come in ogni caserma, il rancio è certamente ottimo e abbondante, la truppa marcia in riga e il morale è alle stelle. Faccetta nera non si canta ancora e la politica è sempre più malaffare, ma la Folgore ha in pugno la Campania, al Dal Molin si va come un rullo compressore e il Paese ha ritrovato l'orgoglio nazionale. Questo consegna agli archivi l'Istituto Luce, questo scrive la stampa, questo, sbattendo i tacchi, sostengono impettiti i colonnelli e questo ripetono a comando tamburini, trombettieri, porta ordini e staffette affidate alla strategia di "Porta a Porta", a Vespa e alla tattica volpina di Riotta.


Una tredicesima con i fiocchi!
di Gian Paolo Trevisani

Oggi mia moglie ed io abbiamo ricevuto le buste paga.
Ebbene per dirla in poche parole io, con uno stipendio lordo (con tredicesima) superiore a quello di mia moglie di circa 370 Euro, ho avuto uno stipendio netto inferiore a quello di mia moglie di 50 Euro!!!

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


I Minori augurano Buona Crisi e felice nuova Paura
di Doriana Goracci

E' accaduto qualcosa di nuovo che può farci fermare un momento? Le notizie - si sa - quelle vere, vanno a a finire nei cassonetti, come la carta dei regali scartati, dopo il 25 dicembre. Per carità, due ragalini, robbette da niente...ma come si fa a non fare nulla? E' quello che mi chiedo anche io. E stiamo fermi, come tanti alberi di natale.
Sul mulo e l'asinello, ci camminano altri, anzi alcuni vanno a piedi.
Per chi avesse voglia di continuare a leggere e trovare qualcosa di Baruda.
Ha delle foto splendide, perchè l' autrice, giovane e reale, è una piccola donna di quelle dure, tenera quando le pare e fotografa e scrive...



 

Brevi di cronaca

Scompare il modulo. Resta il tempo pieno (ma quale?)
Scuolaoggi.org - 20-12-2008
Siamo di fronte ad uno stravolgimento, ad un cambiamento radicale della scuola primaria, vale a dire proprio di quel segmento del nostro sistema di istruzione che ha dato prova in questi anni di funzionare bene. Il senso di tutto questo? E' ben rappresentato da un'affermazione di qualche mese fa del ministro Tremonti: "Abbiamo un'ottima scuola primaria, ma è un lusso che non ci possiamo permettere".

[ leggi ][ commenta
La riforma su youtube
Porta di mare - 19-12-2008
L'operazione ben riuscita è solo quella mediatica che per il momento salva la faccia anche ai sindacati: i genitori possono coltivare l'illusione che sarà loro data la possibilità di scegliere il numero di ore dell'orario scolastico, salvo poi a trovarsi a maggio, con l'organico di fatto, dinnanzi ad una situazione differente per mancanza di personale, visto che non si può procedere a nuove assunzioni perchè non ci possono essere "in ogni caso nuovi e maggiori oneri per la finanza pubblica" (Legge 137, art. 2 bis).
L'accordo tra governo è sindacati c'è ma non lo si può mettere a verbale in modo trasparente.

[ leggi ][ commenta
A lezione di Natale, col parroco
il Manifesto - 17-12-2008
Un'insegnante di Concorezzo (Milano) ci segnala uno strano dibattito sul Natale a scuola. La sua scuola. Sul modo di festeggiare il Natale a scuola. "Il Natale - ci scrive questa insegnante - è portatore di valori morali universalmente riconosciuti, come la Pace, e allora sì che la scuola se ne deve occupare". Ma questo al parroco don Pino non basta.

[ leggi ][ commenta
Le scarpe strette della Gelmini
Vivere Senigallia - 15-12-2008
A tanti genitori interessa che, aldilà di quanto i governi decretino sulla scuola e soprattutto sul tempo che vi si trascorre, i loro figli alla fine di un ciclo di studi dovranno pur presentarsi alle scuole successive con determinate caratteristiche. Non la quantità delle cose che si fanno, quindi, ma quello che serve alla loro crescita. Questo deve essere assolutamente chiaro nei ragionamenti che le Istituzioni dovranno fare ai genitori al momento della scelta; in effetti, non si è capito bene se quando si parla di "orientare le famiglie" nella scelta si intenda spingerle verso una certa direzione o appunto si voglia fare in modo di lasciarle veramente libere di optare.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam


Chi vorresti essere?
Educazione peacelink - 20-12-2008
 giochi 
Care amici e care amiche
vorrei coinvolgrvi, se vi va, in un "esperimento".
giorni fa ho proposto ad alcuni ragazzi, con cui lavoro e collaboro, un "gioco":
"se poteste di vivere per 15 giorni la vita di un'altra persona, chi scegliereste?"
le risposte sono state davvero tante e varie...

[ leggi ][ commenta
Un nuovo equilibrio di sistema
Mauro Artibani - 19-12-2008
 consumo 
La crisi?
Io tu noi voi, tutti clienti. Clienti di tutto.
Tutto si è fatto merce, tutto business: tutto deve essere consumato.
Proprio a questo tutto non siamo più in grado di corrispondere.
Occorre un nuovo equilibrio di sistema. Tre mosse: scacco matto!
La prima, una provocazione ma non troppo: riduzione della Domanda.
Mettiamola così: restituire alla collettività le risorse indebitamente rese merci.

[ leggi ][ commenta
La Scuola inviata speciale per l'ambiente
Elisa Amorelli - 16-12-2008
 software libero 
L'incontro "La comunicazione scientifica di un progetto" fa parte dell'ampio programma di educazione all'ambiente e allo sviluppo Studiare è Sostenibile promosso dalla Fondazione Mondo Digitale e dalla Fondazione Eni Enrico Mattei. Il percorso formativo partito ad ottobre 2008 prevede la sensibilizzazione degli studenti sulle tematiche ambientali, attraverso un modello di lavoro integrato che coinvolge più partner,

[ leggi ][ commenta
Un Bonus per il Disgusto
Reset Italia - 15-12-2008
 donne 
E così è notizia dell'ultima ora che *per il Bene Pubblico* le donne devono condividere e non godere dei benefici della loro origine controllata. Hanno "Bisogno di innalzare l'età di pensionamento" e raschiano il fondo del Trogolo in cui ci fanno mangiare da sempre il pastone, per quelli a catena. Il figlio di Ambulanti-Commercianti, come da sua resa testimonianza, mette quindi a valore la donna e il tempo di riposo pensionistico che le compete: conosce la merce di cui parla, come il Mercato in cui vive lui e si tratta...Chi meglio delle donne è abituato ad essere Cinghia di Trasmissione?

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Contro tutte le mafie
In Italia urge il bisogno di ribellarsi alle ingiustizie. Si ha l'esigenza di trovare qualcuno che ti ascolta e che sia dalla parte del più debole. Oggi non esiste Istituzione o Associazione, che, di fatto, tuteli, contro tutti i poteri forti, i diritti dei disabili, dei disoccupati, dei carcerati, delle vittime dei reati. L'associazione è nata nel 2004 per questo: denunciare penalmente i responsabili delle sopraffazioni e denunciare pubblicamente le omissioni e le omertà.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva