Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 9 - a.s. 06/07
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 12/11/2006
raccontiscaffali

Sommario

NELLA SCUOLA

Il terzo gradino

di Giuseppe Bagni
È obbligo scolastico solo se si abrogano le leggi Moratti
di Ass. Naz. Per la scuola della Repubblica
L'elevamento dell'obbligo
di Maurizio Tiriticco
Schede di valutazione. Quali?
di Dedalus

PIAZZE E PALAZZI

Non è nostro amico il compagno Damiano?

di Coordinamento nazionale RSU
Da una precaria qualunque al ministro Fioroni
di Monica Capezzuto
Uno sciopero per le Graduatorie Permanenti
di Maria Zammitti
Vivere da precari
di Monica Capezzuto
Corrispondenze
di Gianni Mereghetti

IL TEMPO E LA STORIA

Il congresso del 1892

di Grazia Perrone
Genova e dintorni
di Giuseppe Aragno

ORIZZONTI

Indulto e progetti inevasi

di Vincenzo Andraous



CONSULTA QUI ALTRE RASSEGNE STAMPA


Il terzo gradino
di Giuseppe Bagni

In un questionario di una scuola media di Firenze, un alunno ha scritto che il suo luogo preferito nella scuola era il terzo gradino delle scale. Il terzo gradino era il più alto prima del pianerottolo che è controllabile dalla portineria. Da quella posizione si vedono tutti i compagni e ancora non si è visti dagli adulti.
Un gradino analogo, invece, Davide B. nella mia scuola non l'ha trovato, nemmeno cercato per la verità.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


È obbligo scolastico solo se si abrogano le leggi Moratti
di Ass. Naz. Per la scuola della Repubblica

La previsione dell'obbligo scolastico fino a sedici anni, previsto nel programma dell'Unione, è già una mediazione rispetto alla giusta richiesta dell'obbligo fino a 18 anni; si è detto che tutti dobbiamo impegnarci a mantenere ferma questa mediazione senza fughe in avanti, ma anche senza fughe all'indietro. Non è possibile che alcuni esponenti della maggioranza impongano un'ulteriore mediazione sulla mediazione, cerchiamo di rispettare tutti il programma dell'Unione e aboliamo ogni riferimento a percorsi di istruzione e formazione professionali che vanificano un effettivo obbligo scolastico e nel contempo, per una necessaria chiarezza e coerenza, eliminiamo le leggi Moratti che sono espressione di una scuola classista.



L'elevamento dell'obbligo
di Maurizio Tiriticco

E' una questione sulla quale ci dobbiamo cimentare e presto per avanzare una proposta chiara su quello che intendiamo per obbligo di istruzione e soprattutto per gli aggettivi che lo connotano: istruttivo e orientativo, unitario e articolato. Con questi intendiamo sottolineare il primato dell'istruzione, che, se è tale, è anche di per sé orientante purché arricchita da opzioni intelligentemente articolate, le quali però non alterino l'unitarietà dei percorsi.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Schede di valutazione. Quali?
di Dedalus

Riteniamo fuorviante lasciare ad una presunta autonomia delle scuole la definizione di un modello di documento di valutazione che, almeno nelle linee di fondo, dovrebbe essere indicato dal ministero a e per tutte le scuole. Sobrio fin che si vuole, come è stato detto, ma preciso e tendenzialmente unitario



Non è nostro amico il compagno Damiano?
di Coordinamento nazionale RSU

Che cosa propone in definitiva il Ministro Damiano sui contratti a termine che la Cgil indica come la strada maestra per combattere la precarietà ????

- definire per legge un quadro generale di riferimento sulle causali entro le quali si può ricorrere ai contratti a termine

- demandare alla contrattazione tra le parti sociali l'individuazione specifica delle causalità ed individuarne di nuove, fissando tetti massimi in percentuale sul personale in forza, definendo limiti di prorogabilità, temporaneità ecc.



Da una precaria qualunque al ministro Fioroni
di Monica Capezzuto

Egregio sig.Ministro,

mi chiamo Monica e sono un'insegnante precaria qualunque nell'affollatissima provincia di Napoli. Anzi, mi definisco precaria dei precari, perchè in realtà lavoro come supplente temporanea. Quando squilla il telefono, io corro.
Mi definisco precaria qualunque perchè Lei signor Ministro mi ha fatto sentire così quando ho letto nella nuova legge finanziaria l'articolo 66 che, al comma 1, abolisce le graduatorie permanenti. Ci ha trattato così, come se fossimo nomi e numeri qualunque, senza senso, messi in ordine come un elenco telefonico, che, con un colpo di spugna, vanno lavati via.



Uno sciopero per le Graduatorie Permanenti
di Maria Zammitti

Tutta la maggioranza dice di voler salvaguardare il precariato storico. Tutta la maggioranza ha firmato o, comunque, sostenuto l'emendamento che salvava le graduatorie. Tutti ci dicono di stare tranquilli. Eppure, chissà perché, qualcuno (ancora non sappiamo chi) ha scritto quelle due righe che sdoganano dieci leggi sul reclutamento promulgate dal 1971 ad oggi e sono state create le premesse per una situazione pericolosissima. Il dibattito in aula, infatti, con la spada di Damocle della fiducia e dei tempi ristretti, porterà sicuramente qualche pessima sorpresa. Non vorremmo trovarci, tra dieci giorni, a constatare che il lume della ragione è stato perso o che, furbescamente, sono state create le premesse per uno scaricabarile di portata storica.


[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Vivere da precari
di Monica Capezzuto

Precario significa instabile, provvisorio, temporaneo. E questo è risaputo.Tutti termini molto esplicativi.
Ma esiste un istituto del diritto romano che si chiama contratto precario. Con tale contratto si concedeva temporaneamente e gratuitamente una cosa -nel nostro caso l'inserimento nelle graduatorie permanenti - ma era revocabile -art.66.comma 1,della finanziaria 2007- ad arbitrio di chi l'aveva concessa.
Niente di nuovo sotto al sole. Siamo semplicemente tornati ai tempi degli antichi romani. Solo che allora internet non esisteva.



Corrispondenze
di Gianni Mereghetti

Carissimo Giovanni Valentini,

ho apprezzato il suo articolo dal titolo "Maestri di scuola: eroi o fannulloni?" e mi ha colpito il finale, là dove lei sottolinea che "la maggior parte compie quotidianamente il proprio dovere, assolvendo alle proprie responsabilità educative e supplendo spesso anche alle carenze delle famiglie".

Carissimo ministro Fioroni,

la sua lunga risposta ad Angelo Panebianco, in merito all'articolo dal titolo "La scuola senza qualità", mi ha lasciato esterrefatto.



Il congresso del 1892
di Grazia Perrone

Il 14 agosto 1892 si apre alla sala Sivori di Genova l'ultimo congresso del Partito Operaio Italiano, destinato a diventare il Congresso costitutivo del Partito dei Lavoratori Italiani: più noto come ... Partito Socialista Italiano.

Di questo famoso e storico congresso - dal quale la delegazione anarchica guidata da Pietro Gori e Amilcare Cipriani fu espulsa con la forza - non mi interessa, qui, rifare la storia nelle sue particolarità, ma solamente riassumere, sinteticamente, i termini teorici, storici e ideologici che separarono, definitivamente, i marxisti dagli anarchici. Essi si riferivano - come ho già riferito in altre occasioni - alla diversa concezione teorica fra marxismo ed anarchismo ed in particolare alla diversa concezione su come impostare la lotta sociale in Italia.



Genova e dintorni
di Giuseppe Aragno

Sono convinto - ma posso sbagliare - che la vicenda della sinistra non si possa leggere oggi come storia di angeli e demoni, di paradisi e di inferni, di scelte tutte giuste e tutte sbagliate; non si possa leggere solo e soprattutto come storia di una divisione di campo per cui da un lato trovi la verità, dall'altro la menzogna. Ne sono convinto, perché la vicenda umana, negli anni che ho vissuto, è stata più complessa e, in ultima analisi, le vicende umane sono l'oggetto della ricostruzione storica.



Indulto e progetti inevasi
di Vincenzo Andraous

Forse non è l'indulto il pericolo pubblico, forse occorre meglio osservare i ritardi per quelle riforme e quelle scelte, che rimangono sbilanciate a favore dei grandi numeri reclusi, con i ragazzi alla ricerca della dose quotidiana, ora usciti ma non ancora ospitati nelle comunità terapeutiche, e le colonie extracomunitarie disperse sul territorio.
Nell'impegno sul futuro sta il contributo che ognuno di noi vorrà dare per creare un ponte per una riconciliazione, perché come è detto nelle Sacre Scritture: chi non sa perdonare, spezza il ponte sul quale egli stesso dovrà passare.



 

Sponde
La scuola malata insegna a chiedersi il perchè e non il come delle cose
Redazione - 06-11-2006
 osservascuola 
Teoria e prassi, teoria o prassi: una discussione sempre aperta, che Piero Ostellino, ne "Il dubbio", la rubrica da lui curata sul Corriere della sera, ripropone, a proposito di ciò che si dovrebbe insegnare a scuola.
Se c'è però un dubbio che la nota crea nel lettore, questo riguarda il percorso argomentativo in base al quale Ostellino accosta/fonde i due riferimenti - anzi tre - che il testo contiene: il rapporto fallimentare tra teoria e prassi nella politica, la sua personale interpretazione del sistema liberale come società aperta ed infine il modo in cui debba orientarsi la scuola.
[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
I miei alunni? Da grandi vogliono fare i mariuoli
Libero - 08-11-2006
«I ragazzi pensano che fare il ladro sia un mestiere. Il lunedì mi raccontano di aver passato il weekend a rubare orologi in centro. I loro genitori non fanno nulla per aiutarli a cambiare. Prima di entrare in classe mi faccio il segno della croce».

[ leggi ][ commenta
Domenico Maria, F. e la scuola digitale
Punto informatico - 11-11-2006
Varati nuovi e importanti investimenti per dotare la scuola italiana di computer e Internet e per consentire agli editori di fornire strumenti didattici destinati a moltiplicarsi nel tempo. I conti son presto fatti
[ leggi ][ commenta
Emendamenti alla proposta di legge finanziaria 2007
Flc Cgil - 10-11-2006
Poiché è sempre più probabile che il Governo ricorra al voto di fiducia, la sorte degli emendamenti fino ad oggi presentati e discussi - ed anche di quelli formalmente approvati - è legata al contenuto del maxi-emendamento che presenterà il Governo stesso.
Non è possibile fare al momento una previsione sugli esiti di questo iter. Come FLC siamo impegnati a seguirlo con attenzione e puntualità e ne daremo informazione e riscontro.

[ leggi ][ commenta
La Margherita accelera sull'obbligo
Tuttoscuola - 09-11-2006
Il responsabile scuola della Margherita, on. Antonio Rusconi, interviene nel dibattito su biennio e obbligo di istruzione con un articolo di aperto sostegno alla soluzione prefigurata nell'art. 68 della legge finanziaria.

[ leggi ][ commenta
Non uno di meno contro l'emergenza scuola
il Manifesto - 07-11-2006
In Italia, dove l'ignoranza sui fatti della scuola è un fatto veramente patologico e fastidioso, si comincia «a dare di matto» e a perdere di vista il cuore del problema. Che è e continua ad essere la mancanza di un forte asse tecnico scientifico nella nostra scuola - così come nella cultura della società italiana. Che è e continua ad essere l'assenza di un nuovo e moderno progetto culturale della scuola dai tre ai sedici anni. Che è e continua ad essere la necessità di sostenere la scuola soprattutto nelle situazioni in cui è più debole anche per la debolezza del contesto sociale in cui si trova.

[ leggi ][ commenta
La montagna ha partorito il topolino
Cub Scuola - 07-11-2006
Di fronte alla rivolta dei lavoratori della scuola e del pubblico impiego contro una legge finanziaria che non prevede risorse per i contratti, i sindacati concertativi, dopo aver minacciato lo sciopero generale, accettano la concessione di risorse che garantiranno, al massimo, 90 euro medi lordi per il 2007 ai lavoratori ed alle lavoratrici e il pagamento di gran parte dell'aumento in questione come arretrati a partire dal 2008.

[ leggi ][ commenta
I precari, la Finanziaria e la riforma
Corsera - 06-11-2006
Caro Panebianco,
Le sono grato per il suo editoriale perché mi offre la possibilità di dare qualche chiarimento e di ricordare a tutti, iniziando da me, che vagheggiando una nuova scuola ideale si può finire con l'uccidere quella che c'è senza far nascere quella che si vorrebbe.

[ leggi ][ commenta
Riordino del Ministero, Titolo V e Regioni
Tuttoscuola - 06-11-2006
Un percorso possibile e ragionevole per quanto riguarda il settore scolastico può essere quello tracciato nel documento approvato il 12 luglio scorso dalla Conferenza delle Regioni.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Il ruolo internazionale di Firenze e la politica estera italiana
M.M. - 11-11-2006
 incontri 
Incontro dibattito con Il Prof.Giuseppe Matulli
vicesindaco di Firenze su Giorgio La PIra, Amintore Fanfani, Enrico Mattei, giovedì 16 novembre ore 16, Dipartimento di studi sociali, via Cavour 82, Firenze.

[ leggi ][ commenta
Il lavoro dell'insegnante. Compiti e ruoli
Diesse- didattica e innovazione scolastica - 10-11-2006
 curiosità 
È questo il tema del Convegno nazionale dell'Associazione Diesse (Didattica e Innovazione Scolastica) in programma per l' 11 e 12 novembre prossimi a Rimini (Torre Pedrera), presso il Centro Congressi Hotel Punta Nord.

[ leggi ][ commenta
ScuoleinRete per l'accessibilità
Francesco Bianco - 09-11-2006
 software libero 
Vi scriviamo per informarvi dell'esistenza del nostro consorzio "ScuoleinRete per l'accessibilità", un consorzio per e di scuole di Napoli e provicia, che ha come scopo diffondere la cultura dell'accessibilità sotto tutti gli aspetti, fornendo anche alle persone diversamente abili tutti quegli strumenti necessari a colmare le differenze, permettendo a tutti il libero accesso alle informazioni e ai saperi.


[ leggi ][ commenta
Una marcia a Milano
Alekos.org - 08-11-2006
 diritti 
La 7° Marcia per i diritti dei bambini e dei ragazzi è una iniziativa promossa dall'Arciragazzi in collaborazione con UNICEF, Amnesty International, Uisp.
Con l'adesione e il patrocinio della Provincia di Milano, del Comune di Milano e di numerosi enti, scuole e associazioni.

[ leggi ][ commenta
Giornalisti e spie
L'Unità - 07-11-2006
 storie 
Come si ricorderà, il nome di Renato Farina (vice di Vittorio Feltri a Libero) emerse durante le indagini sul coinvolgimento del Sismi nel rapimento dell´imam di Milano Abu Omar, sequestrato nel 2003 da un commando di agenti della Cia con la probabile collaborazione di agenti del Sismi. Per questa vicenda finì in carcere un dirigente del servizio segreto militare, Marco Mancini.

[ leggi ][ commenta
La scuola come l'acqua
Comitati Buona Scuola - 07-11-2006
 messaggio 
Milano 18 Novembre 2006, ore 10,30/19 - Istituto Cavalieri, via Olona 4
ISTRUZIONE BENE COMUNE: LA SCUOLA COME L'ACQUA.
Trasparente e indispensabile, capace di dissetare, dare piacere e di rendere fertile.
Il luogo in cui la società si ascolta, si cura e si progetta.

[ leggi ][ commenta
Dai fallimenti del Ruanda, Bosnia e Somalia alle speranze in Libano: c'è ancora spazio per l'ONU ? giovedì 9 novembre
marco mayer - 06-11-2006
 proposta 
Giovedì 9 novembre, alle ore 21, presso la Sala Polivalenre della Biblioteca di Impruneta
il prof Marco Mayer (università di Firenze)
terrà una conferenza, che fa parte del ciclo de 'Le Ferite della Storia' organizzato dall'Associazione Culturale "F.Paolieri" e ideato da S.De Marchi, G.Oriolo e F.Tedesco.

[ leggi ][ commenta
Afghanistan: Gabriele Torsello
La non violenza è in cammino - 06-11-2006
 NO WAR 
Che gioia grande la liberazione di Gabriele Torsello.
E che strazio immenso che la guerra continui.
Incombe a tutte e tutti il dovere di contribuire a liberare anche tutte le altre persone che in Afghanistan sono tenute prigioniere: della guerra, degli infiniti orrori di cui la guerra consiste e che la guerra alimenta. Per liberare le e gli innumerevoli Gabrieli afgani, occorre far cessare la guerra.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Wrap
La Web Radio degli Atenei Piemontesi: un'iniziativa, promossa dalla Regione Piemonte in collaborazione con il consorzio TOP-IX, che raccoglie le web-esperienze degli atenei e delle radio piemontesi in un unico ambiente di lavoro, aperto e condiviso. Non una web radio tradizionale ma AZIONI di web radio in cui professioni e professionalità diverse tra loro si incontrano, unite dalla voglia di ricercare e sperimentare molto di quanto la rete e le tecnologie open source offrono oggi in questo ambito.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone, Anna Pizzuti
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva