Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 10 - a.s. 08/09
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 02/11/2008
raccontiscaffali

Sommario

CHE PAESE E' QUESTO?

Finita la luna di miele

di Gianfranco Pignatelli
Ieri al Senato
di Silvia Maiorani
La truffa
di Giuseppe Aragno
La loro scuola
di Ilaria Ricciotti
Non possiamo rassegnarci alla dittatura della maggioranza.
di Salvatore Lucchese
Dalla Scuola della Costituzione alla scuola del regime
di Corrado Mauceri
Piccoli Gelmini crescono
di Maria Antonia Stefanino
Il trucco dell'economia
di Miha
La quadratura dei conti
di Oliver

LA SCUOLA NON CI STA

Le ragioni del nostro (e vostro) disagio

di Gli insegnanti del liceo-ginnasio statale Caro
Il furto del mio futuro
di Diletta Basini
Per chi suona la campana
di Libero Tassella
In netto dissenso
di Docenti dell'ITC Caruso
Insegnamento unico a chi non vuole ascoltare
di Danilo Sbarriti
Ci opponiamo al pubblico smantellamento
di Lavoratori del Pacinotti
Per l'unità delle lotte contro tutte le leggi vergogna su Scuola e Università
di Forum Insegnanti

30 OTTOBRE E DINTORNI

Le menzogne della sinistra sullo sciopero del 30 ottobre

di Franco Labella
Il popolo della scuola ha detto NO
di Vittorio Delmoro
Slogan ed esempi
di Libero Tassella
Il giorno dopo
di Michele Corsi
La parte difficile
di Francesco Masala

SOGNO O REALTA'?

Sms: tam tam contro la censura

di Giuseppe Aragno
Bambini-stranieri: indietro tutta?
di Cosimo De Nitto
Il grembiule
di Omero Sala
Il racconto di quanto è accaduto, si è diffuso
di Doriana Goracci
L'ha detto il maestro!
di Omero Sala
L'invisibilità della Ragione
di Claudia Fanti


I MOLTISSIMI CONTRIBUTI RICEVUTI SONO STATI DISTRIBUITI NEI VARI SPAZI DELLA NEWS:

NON FATEVELI SFUGGIRE!



Finita la luna di miele
di Gianfranco Pignatelli

Nel frattempo il premier, attraverso i suoi replicanti dall'aria incarognita, ci fa sapere che "la ricreazione è finita". E' una presa di coscienza o una minaccia?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Ieri al Senato
di Silvia Maiorani

E ritorna la stessa sensazione di impotenza che ho avuto per molto tempo dopo essere stata a Genova, al G8. La polizia guarda, aspetta. Quante volte ancora la democrazia risulterà essere una dittatura?



La truffa
di Giuseppe Aragno

Poche parole, dott. Berlusconi, quante ne meritano la tracotanza cilena con la quale lei truffa e si dichiara truffato e l'abituale piroetta con la quale domani sosterrà che a raccontare frottole ai suoi danni sono stati giornalisti rossi, Fede, Liguori, Giordano e Mimun, noti sovversivi di sinistra e, ad un tempo, direttori dei suoi numerosi telegiornali.

[ leggi (3 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La loro scuola
di Ilaria Ricciotti

In occasione dello sciopero alcuni dirigenti
hanno minacciato con eleganza gli sudenti:
"Chi domani a scuola non verrà
una sanzione in condotta riceverà!"

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Non possiamo rassegnarci alla dittatura della maggioranza.
di Salvatore Lucchese

Ora è giunto il momento decisivo di puntare su nuove forme di lotta e partecipazione. Non disperdiamo le forze e le energie che in queste settimane si sono risvegliate in tutto il paese.



Dalla Scuola della Costituzione alla scuola del regime
di Corrado Mauceri

La scuola della Costituzione non può quindi essere la scuola del partito al potere formare le nuove generazioni come durante il regime fascista; la scuola statale, secondo la Costituzione, deve garantire la libertà di insegnamento e quindi deve essere di tutti e per tutti. Scuola statale, non governativa.




Piccoli Gelmini crescono
di Maria Antonia Stefanino

Ieri, 29 ottobre 2008, un giornale, organo ufficiale della destra della mia città, titolava "Aggrediti gli studenti che vogliono studiare".Solo il giorno prima un articolo di Repubblica con relative interviste rendeva noto ai più il pensiero dei figli della a-borghesia napoletana .



Il trucco dell'economia
di Miha

Il sistema è come un proprietario del supermercato: non gli interessa se noi compriamo la pasta di marca o quella sottoprezzo perchè lui, evidentemente, ci guadagna comunque.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La quadratura dei conti
di Oliver

I nove miliardi di euro servivano a Tremonti, la Gelmini non può intervenire per ridimensionare questa mostruosità, ma il mondo della scuola si è mosso con determinazione...

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Le ragioni del nostro (e vostro) disagio
di Gli insegnanti del liceo-ginnasio statale Caro

Crediamo che la scuola sia lo strumento con il quale uno stato civile ha il dovere di garantire a tutti i suoi cittadini il diritto all'istruzione e non un settore improduttivo su cui operare indiscriminati tagli di spesa, senza alcun riguardo per la qualità dell'insegnamento.



Il furto del mio futuro
di Diletta Basini

Onorevole Ministro,
Posso rivolgermi solo a chi sta compiendo il furto, cioè Lei (ma non penso che sia l'unica a cui mi dovrei rivolgere...).
Le spiego perchè La ritengo colpevole
Io ho vent'anni ...



Per chi suona la campana
di Libero Tassella

Colleghi, non domandatevi per chi suona la campana essa suona per tutti noi e siamo tutti coinvolti, ora nessuno si senta escluso o si escluda.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


In netto dissenso
di Docenti dell'ITC Caruso

I provvedimenti proposti nel settore scuola ed istruzione di ogni ordine e grado non scaturiscono da un serio esame dei bisogni della società e dei giovani di oggi ma hanno solo lo scopo di ridurre la spesa nel settore nevralgico dell'istruzione di circa 8 miliardi di euro.



Insegnamento unico a chi non vuole ascoltare
di Danilo Sbarriti

Vi domando se non sia il momento di chiedere uno
sciopero generale al fianco di tutte quelle ragazze e ragazzi che ci stanno dando ogni giorno un esempio ed un insegnamento di democrazia...



Ci opponiamo al pubblico smantellamento
di Lavoratori del Pacinotti

Riteniamo di dover prendere posizione aderendo al movimento di protesta...



Per l'unità delle lotte contro tutte le leggi vergogna su Scuola e Università
di Forum Insegnanti

Toccherà al mondo della scuola militante e al grande movimento studentesco sorto e sviluppatosi in misura esponenziale in questi giorni il compito storico di organizzare una opposizione sociale e difendere il bene comune dei luoghi dove si forma la conoscenza libera.



Le menzogne della sinistra sullo sciopero del 30 ottobre
di Franco Labella

Lo posso confermare perchè cero (ero in gita scolastica con i miei studenti, quelli seri che non fanno tutte ste cose strumentalizzate)...




Il popolo della scuola ha detto NO
di Vittorio Delmoro

E' sceso dal nord, salito dal sud, convogliato da est e persino dal poco ovest a Roma per mostrarsi non tanto al ministro Gelmini o alla compagine di governo che la appoggia, a cominciare dal suo capo, quanto per dimostrare al popolo italiano tutto quale sia la consistenza di quella minoranza di facinorosi di cui vanno blaterando sui media.



Slogan ed esempi
di Libero Tassella

Facciamo che la frase di Derek Bok diventi lo slogan della nostra protesta:
Se l'istruzione è un costo, provate l'ignoranza


[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Il giorno dopo
di Michele Corsi

Il governo ha convertito in legge il decreto 137. Lo ha fatto a gran velocità, come sta accadendo per tutti i provvedimenti che riguardano la scuola e l'università. Discussioni parlamentari prolungate avrebbero facilitato la circolazione di informazioni tra genitori e insegnanti, e dunque avrebbe aumentato la loro capacità di reazione...



La parte difficile
di Francesco Masala

La questione fondamentale è una sola, come tenere vivo il movimento che è cresciuto nelle ultime settimane.


[ leggi (5 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Sms: tam tam contro la censura
di Giuseppe Aragno

Nonostante le televisioni imbavagliate, le aperte minacce cilene pronunciate, rinnegate e ripetute, nonostante il millantato consenso, l'ostinato silenzio del Quirinale e le dichiarazioni velenose di Cossiga, l'Italia democratica assedia pacificamente il re penosamente nudo e i suoi sconci valletti.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Bambini-stranieri: indietro tutta?
di Cosimo De Nitto

La ministra, può fare quello che le pare e piace, tanto che a distanza di appena 18 giorni smentisce tutto e dice di voler fare altrimenti (niente classi separate, solo corsi magari pomeridiani di rinforzo linguistico), degradando, si fa per dire, la questione a mero problema didattico di cui, sa bene, non è competente il governo, ma i docenti e le scuole?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Il grembiule
di Omero Sala

Per molte ragioni il grembiule fu abbandonato.
Contro queste stesse ragioni la Gelmini lo vuole imporre: per omologare, sottomettere, livellare,
restaurare l'antica didattica.



Il racconto di quanto è accaduto, si è diffuso
di Doriana Goracci

in una terza elementare di Viterbo, una maestra, con delle difficoltà personali, ha picchiato un bambino romeno, di otto anni, da pochi mesi in Italia, con personali difficoltà di capire e parlare l'italiano....



L'ha detto il maestro!
di Omero Sala

Riandando alle discussioni degli anni, Settanta e Ottanta si possono trovare tre ordini di ragioni per le quali è da temere il maestro unico e da preferire - senza ombra di dubbio - il gruppo docente.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


L'invisibilità della Ragione
di Claudia Fanti

Un colpo di bacchetta, e la scuola elementare - primaria si avvia verso la sua scomparsa. Al suo posto, come per magia, nascerà uno scenario di dealfabetizzazione senza precedenti. L'invisibile ragione della pedagogia ha lasciato il posto alle ragioni dei ragionieri.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


 

Sponde
DL APPROVATO


Dialogo: forza o debolezza?
La Redazione - 28-10-2008
 osservascuola 
Nonostante tutto, continuiamo a credere, testardi e cocciuti, nei soli valori che alla vita civile - per non allargarci alla vita del pianeta - danno senso.
Semmai cerchiamo, con fantasia e allegria - e ci vuole tutta, di questi tempi - forme nuove al dialogo, fatti che parlino al posto delle parole, movimenti contro immobilismi, volti braccia a gambe contro specchi bui che non sanno rifletterli, pacifiche interazioni su pubblico terreno contro violente occupazioni tele-giornal-informative su spazio privato.

[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca

Consulta qui altre rassegne

80ª Seduta Pubblica
Senato.it - 29-10-2008
alle ore 9

ORDINE DEL GIORNO

I. Dichiarazioni di voto e votazione finale del disegno di legge:

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1° settembre 2008, n. 137, recante disposizioni urgenti in materia di istruzione e università (Approvato dalla Camera dei deputati)

[ leggi ][ commenta
Vince il concorso a Medicina ma è laureata in Lettere
Repubblica.it - 27-10-2008
Et voilà, dal cilindro di un docente a contratto escono i nomi dei vincitori di due concorsi per tre posti da ricercatore. Accade prima che si svolgano le prove. Teatro: la facoltà di medicina dell'università Cattolica del Sacro Cuore. Così, quei concorsi che appaiono pilotati, finiscono nel mirino delle indagini coordinate da Maria Cordova, procuratore aggiunto di Roma. La previsione centrata e non solo: a incuriosire gli inquirenti, ci sarebbero i titoli dei vincitori. In particolare, il possesso di una laurea in lettere per un concorso in medicina legale vinto dalla figlia di un ordinario della facoltà e componente del consiglio di amministrazione dell'ateneo.

[ leggi ][ commenta
Lettera a una studentessa
Liberazione - 01-11-2008
Non hai un solo nome, sei un soggetto plurimo, sei una moltitudine, sei maschile e femminile. Eppure voglio scriverti pensandoti come un singolo, anzi come una singola. Sì, come una studentessa: e non certo per pelosa galanteria, ma perché la "cosa" che incarni è così poco militarizzata e gerarchizzata che mi offre una declinazione al "femminile" dei pensieri che mi ispiri. E dunque, cara studentessa anti-Gelmini: ti spio, ti annuso, provo a decifrare il tuo lessico, cerco di indovinare i tuoi gusti e le tue passioni. Hai la faccia anche della mia piccola Ida, che è andata al suo battesimo con la piazza con la serietà con cui ci si presenta ad un esame scolastico. Il suo primo corteo. Mi sono imposto, per una questione di igiene politica, di non fare paragoni (il 68, il 77, l'85, la pantera): quei paragoni che dicono molto della nostra vecchiezza e poco della giovinezza di chi compone le forme nuove della ribellione al potere. Ho cercato di non sovrapporre la mia epopea, la mia biografia, la mia ideologia, al corpo sociale che tu rappresenti, al processo culturale che tu costruisci, alla radicale contraddizione che tu fai esplodere con la fantasia e il sarcasmo dei tuoi codici comunicativi e della tua contro-informazione.

[ leggi ][ commenta
Non ci intimidite
FLC Cgil - Bari - 01-11-2008
Contro le imponenti manifestazioni che in questi giorni animano, civilmente e pacificamente, il mondo della scuola, dell'università e della ricerca, si vanno moltiplicando azioni intimidatorie di stampo squadrista che sinceramente pensavamo di avere lasciato per sempre alle nostre spalle.
Accade così che a Roma un gruppo di esaltati si lasci andare ad esibizioni di chiaro stampo squadrista dai contorni alquanto torbidi e su cui riteniamo urgente l'apertura di un'inchiesta parlamentare.

[ leggi ][ commenta
Se Obama e Mc Cain parlano di scuola
fogliolapis.it - 31-10-2008
un ruolo non secondario, nel dibattito politico, è rivestito dall'istruzione: un tema che tradizionalmente sta molto a cuore all'opinione pubblica americana. In questo campo si registra fra il democratico Barack Obama e il repubblicano John McCain una divergenza d'opinione che prevedibilmente contrappone le posizioni progressiste a quelle conservatrici. Da parte democratica l'accento è sulla necessità di favorire l'accesso all'istruzione superiore anche alle classi meno abbienti, mentre il candidato repubblicano considera necessario ridimensionare il ruolo dello Stato e dei sindacati.

[ leggi ][ commenta
Cosa stanno facendo al nostro paese?
No Gelmini google groups - 30-10-2008
Incredibile ciò che sarebbe avvenuto in alcuni Istituti Comprensivi della Provincia di Livorno. I carabinieri si sarebbero infatti presentati nelle scuole e avrebbero chiesto ai dirigenti scolastici l'elenco dei docenti che hanno aderito allo sciopero generale del 30 ottobre. I dirigenti scolastici, però, avrebbero rifiutato di fornire tali elenchi.
La notizia sembra confermata, ma non si conoscono ancora i dettagli.

[ leggi ][ commenta
E su Facebook si combatte per la causa
L'Unità on line - 28-10-2008
Non ci si limita a fare gruppo, ma si agisce secondo quel "rito" del passaparola che più volte ha dato prova di funzionare. E il passaparola in questo caso si fa con una mail che da sabato gli amici della causa stanno inviando a più di 400 indirizzi mail di rappresentanti delle istituzioni politiche europee ed internazionali. Il testo della mail in inglese, francese, tedesco, spagnolo e catalano fa sentire la voce del dissenso di ricercatori, professori, studenti e cittadini italiani che vogliono "salvaguardare i loro diritti fondamentali".

[ leggi ][ commenta


Tam Tam


NO, il referendum NO!!!
Roberto Masari - 01-11-2008
 opinione 
Con buona pace spero di tutt*, dal momento che condivido questo testo di Roberto Massari, lo inoltro, aprendo critiche indifferenza consensi... Basta che non continuiamo a parlare "solo" di cifre. In tempi difficili per l'economia e la cultura, sono solo dolorose dannose e ambigue...

[ leggi ][ commenta
Scuola, media, comunicazione
Cosimo De Nitto - 01-11-2008
 software libero 
Solo in questi ultimi giorni la mobilitazione della scuola comincia a superare il "blocco" dei media.
La rete, battuti i padroni dei media, si è dimostrata, per chi non credeva o temeva ciò, uno straordinario spazio democratico che sfugge al controllo dei media classici come stampa e TV. Alle persone virtuali dei sondaggi, si sostituivano le persone reali in carne ed ossa. Anche questo è un fenomeno nuovo che bisognerà studiare, se sarà rimosso il blocco mentale, spesso sospetto, da parte di chi vede nei nuovi media, e nella rete soprattutto, l'anticamera della perdizione e della mortificazione dell'intelligenza.


[ leggi ][ commenta
Disdoro italiano
Doriana Goracci - 31-10-2008
 espressioni 
Gli studenti che cingono d'assedio il Senato, ricordino piuttosto di cingersi la chioma con l'elmo di Scipio e ascoltino gli avvisi dell'esimio saggio Cossiga ai Pulitori d'Italia che possono e devono diventare anche Punitori, per chi infrange l'Ordine.

Il Mestiere di sforbiciatore, cucitore, pulitor, muratore, raccoglitore, operaio... nei fatti è svolto da oscuri raccoglitori extracomunitari e nostrani, nei laboratori e nei campi, nelle aree metropolitane, tutti giù a testa china e col timore di essere sorpresi nel misfatto del lavoro, magari nero.

Gli schizzi di sangue sono subito rimossi dai veri Pulitori-Punitori del Paese, che per Pari Opportunità, hanno chiesto e ottenuto, di alternarsi in questo ruolo, tradizionalmente femminile, scambiando forbici e scope, stracci e detersivo.

[ leggi ][ commenta
Numero 19
Ilaria ricciotti - 30-10-2008
 ilforasacco 

Con l'approvazione del decreto Gelmini
"si torna alla serietà"


[ leggi ][ commenta
Si può essere giovani almeno due volte!
Alessandra De Vecchi - 29-10-2008
 libri 
Questo libro nasce da alcune immagini che Quentin Blake realizzò per decorare i muri di un ospedale di Londra, in un' ala destinata ai pazienti anziani di lunga degenza. Da qui si è formata rapidamente una raccolta di disegni che ritraggono arzilli nonni che saltano da un albero all'altro e, come attempati baroni rampanti di calviniana memoria, sugli alberi si dedicano alle loro faccende preferite. Il messaggio è chiaro: sebbene l'età avanzata non consenta simili prodezze, queste acrobazie rappresentano quella leggerezza dello spirito che è possibile conservare nella mente e trasmettere alle persone che ci stanno accanto.

[ leggi ][ commenta
Da Torino
Il nostro pianeta - 28-10-2008
 sociale 
Un' Associazione Culturale che promuove l'educazione, la cittadinanza attiva e la coesione sociale, la cultura della cooperazione, dello scambio e della pace. Attenta al fenomeno migratorio, ai temi della costruzione europea e dello sviluppo equo, democratico, partecipato e sostenibile pone al centro della propria riflessione le trasformazioni socioculturali e i processi educativi e al centro del proprio impegno la promozione dei diritti personali e sociali a livello locale e internazionale.


[ leggi ][ commenta
Zero consumo di suolo: è possibile un nuovo progetto ecologico di territorio?
Salvatore Amura - 27-10-2008
 pianeta 
Perverse leggi dello stato italiano permettono di pagare la spesa corrente di un comune con gli oneri di urbanizzazione: il tutto crea una spirale che conduce a un punto di non ritorno coincidente con l'esaurimento del suolo agricolo. La serata di lunedì 3 novembre a Vimercate ha lo scopo di far riflettere sul problema della progressiva cementificazione del nostro territorio e sulle esperienze amministrative che hanno portato a risultati positivi oppure a casi assai discutibili.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Autori on line
Vogliamo dare spazio alla creatività del nostro tempo, contrastando la tendenza all'appiattimento culturale e all'inaridirsi delle coscienze. Rilanciando il ruolo dell'artista come motore della società, in grado di riportare alla soglia della coscienza emozioni e sensazioni sopite ma non per questo meno intense.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva