Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 7 - a.s. 06/07
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 22/10/2006
raccontiscaffali

Sommario

PIAZZE E PALAZZI

Appello contro la proposta di incremento del finanziamento pubblico per le private

di Ass. Per la scuola della Repubblica
Sindacati governativi ladri di democrazia
di Franco Mares
Giustizia ad una collaboratrice scolastica
di Francesco Sola
La scuola siamo noi
di Alba Sasso

NELLA SCUOLA

Solidali con la scuola di Via Ventura

di Forum insegnanti
Obbligo a 16 anni: come leggere la finanziaria
di Maurizio Tiriticco
Gentile Ministro ...
di Associazione Tutti a scuola
Scuola e illegalità
di Giorgio Ragazzini
Proficue attività dei docenti inidonei
di Maria Teresa De Nardis

IL TEMPO E LA STORIA

I consigli operai: intervista a Maurizio Garino

di Grazia Perrone

ORIZZONTI

Macerie che ci lasciamo alle spalle

di Vincenzo Andraous



CONSULTA QUI ALTRE RASSEGNE STAMPA


Appello contro la proposta di incremento del finanziamento pubblico per le private
di Ass. Per la scuola della Repubblica

il mese scorso ha promosso un appello contro la proposta del Ministro Fioroni di incrementare il finanziamento pubblico per le scuole private. Ci appelliamo alle forze politiche ed ai parlamentari dell'UNIONE a rispettare la Costituzione ed il programma elettorale e ci auguriamo che i parlamentari e le forze politiche che in campagna elettorale avevano posto con forza il primato della scuola pubblica e dell'osservanza della Costituzione con la necessaria coerenza si oppongano a questa provocatoria proposta.

[ leggi (9 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Sindacati governativi ladri di democrazia
di Franco Mares

Dal 16 ottobre è iniziata la campagna elettorale per presentare le liste per le RSU nelle scuole, che durerà fino al 4 novembre, ultimo giorno utile per la presentazione. Nonostante 14 giorni di sciopero della fame di tre membri dell'EN dei COBAS, malgrado le iniziative di protesta e di solidarietà nelle scuole e il corale riconoscimento del furto di democrazia, perpetrato dai sindacati governativi con la sottrazione ai lavoratori/trici del diritto di assemblea, e in spregio anche di interrogazioni alla Camera e al Senato di 15 parlamentari richiedenti il ripristino della democrazia nelle scuole, il ministro Fioroni è rimasto sordo e muto e la restituzione del diritto di assemblea, almeno per la campagna elettorale, ai COBAS e a tutti i lavoratori/trici non è avvenuta.



Giustizia ad una collaboratrice scolastica
di Francesco Sola

Il Tribunale di Castrovillari rende giustizia ad una collaboratrice scolastica precaria, le riconosce il diritto all'assunzione ed il risarcimento del danno e
condanna il MIUR, Direzione Generale per la Calabria, in persona del Direttore Generale p.t. al pagamento di 53.705,64 euro più interessi, più condanna la stessa Direzione Generale per la Calabria, al pagamento di altri 1600 euro per le spese processuali: Soddisfazione del sindacato SAB che ha patrocinato la fase conciliativa.



La scuola siamo noi
di Alba Sasso

Il centrosinistra deve avere la priorità di garantire alle ragazze e ai ragazzi gli standard qualitativi d'istruzione più alti e di assicurare loro, poi, una società che sappia metterli a frutto al meglio. Per questo, non è possibile applicare oggi, alla scuola pubblica, una vecchia visione che prevede solo tagli. Colpire gli sprechi e razionalizzare le risorse è un obiettivo condivisibile. Tagliare gli organici e non garantire fondi adeguati è però inaccettabile.



Solidali con la scuola di Via Ventura
di Forum insegnanti

Di fronte alla pretestuosità evidente delle motivazioni espresse ai fini della chiusura ci chiediamo che si aspetta a chiudere le numerosissime scuole presenti sul territorio nazionale che restano aperte nonostante l'applicazione della 626 sia quantomeno opinabile, e invitiamo le autorità preposte a un monitoraggio che non implichi una semplice dichiarazione di intenti sulla messa a norma degli istituti che nei fatti lascerebbe, e di fatto lascia, le situazioni al punto di partenza.



Obbligo a 16 anni: come leggere la finanziaria
di Maurizio Tiriticco

Giovanni Scaminaci sul numero 16 di "Azienda Scuola" analizza molto puntualmente i commi 1 e 2 dell'articolo 68 del Ddl della finanziaria 2007 relativi all'elevamento a 16 anni dell'obbligo di istruzione e rileva come e perché non si comprenda con chiarezza quale sia il progetto dell'Unione in materia. E' vero che l'articolato - trattandosi di linee di indirizzo più che di progetto in senso stretto - può dar luogo ad interrogativi. Io ho provato a darne una lettura diversa, in positivo.



Gentile Ministro ...
di Associazione Tutti a scuola

vorrei raccontarle, lei me lo permetterà, la storia di tre ragazzi. Il primo si chiama Nicola ha 15 anni. Nicola a scuola ha sempre avuto tante difficoltà e le sue insegnanti hanno sempre raccontato alla sua mamma che "più di tanto non si riesce, poi sa..." Nicola ha una voce straordinariamente bella ed intonata, saprebbe e sa cantare tante canzoni che ai suoi compagni piacciono. Nessuna maestra, in nessun momento della ormai lunga carriera scolastica di Nicola ha avuto la tentazione di farlo cantare...



Scuola e illegalità
di Giorgio Ragazzini

Un capitolo ancora inedito del voluminoso dossier intitolato dai radicali "Caso Italia" riguarda la scuola. Ne emerge ogni tanto un frammento, una pagina esemplare: sul "Corriere della Sera" di lunedì 16 ottobre Pietro Ichino, nell'articolo Fannulloni, il caso del professor M., racconta e commenta la storia di un docente assenteista e nullafacente che resta tranquillamente al suo posto a dispetto di una norma che ne consentirebbe il licenziamento (gli ha risposto il giorno dopo - da buon democristiano - il ministro Fioroni, con una tortuosa collana di consensi, distinguo e buone intenzioni).



Proficue attività dei docenti inidonei
di Maria Teresa De Nardis

Leggiamo nella Relazione Tecnica del Ministero del Tesoro (Pagg.147-148) : "L'avvio di procedure finalizzate alla mobilità verso altre amministrazioni pubbliche ( ... ) permetterebbe di recuperare allo svolgimento di proficue attività i 4.787 dipendenti di cui sopra, determinando peraltro un risparmio per il bilancio dell'Istruzione" e vorremmo fare alcune osservazioni...



I consigli operai: intervista a Maurizio Garino
di Grazia Perrone

Non starò qui a dilungarmi sulla genesi del movimento operaio - che ha un travaglio assai complesso - limitandomi a rilevare la grave carenza informativa (soprattutto in ambito scolastico) in merito dal momento che il periodo storico che va dal 1869 (prima internazionale) al 1892 (data di nascita del PSI) è un terreno di ricerca storica riservato a, pochi, addetti ai lavori.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Macerie che ci lasciamo alle spalle
di Vincenzo Andraous

Viviamo questa vita come fossimo "turisti per caso ", camminiamo tra le incertezze che ci colgono, senza preoccuparci delle macerie che ci lasciamo alle spalle.
Nelle scuole i cani poliziotto delineano scenari incredibili, dove gli adolescenti di ieri appaiono improvvisamente travestiti di tanti domani.... nel fumo di una canna.



 

Sponde
Grazie ai terroristi?
Redazione - 19-10-2006
 osservascuola 
Siamo a questo. Di qui la scuola si governa con le formule del "fuoco amico" e muore di "effetti collaterali" mentre santoni della pedagogia ci impappinano con formule anglosassoni, di là i feriti si salvano purché, nella messinscena del "dopo 11 settembre", lo spauracchio del terrorismo metta le ali ai piedi del pronto soccorso. Che dire? Se non venisse la pelle d'oca, ci sarebbe da ringraziare i terroristi.

[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
Bertinotti riceve i comitati per una buona scuola della repubblica
Patrizia Tanda - 21-10-2006
Segnalo l'unica notizia riguardo la presentazione di una legge sulla scuola elaborata dal chi nella scuola vive e opera. Ci sarebbe il tanto da suscitare più di una discussione, ma evidentemente la scuola, a questi livelli, non buca nè il video, nè la stampa, e forse nemmeno il web.

[ leggi ][ commenta
La manovra del ragioniere
il Manifesto - 20-10-2006
Quando il governo avrà trovato il mezzo alunno in più da piazzare in ciascuna classe, avremo aule più affollate, insegnanti meno efficienti, un impianto scolastico che farà un altro passo indietro nella classifica che misura la qualità della formazione. Un vero capolavoro per una maggioranza che, prima delle elezioni, aveva giustamente denunciato il degrado della nostra scuola e promesso di porvi rimedio. Verrebbe voglia di mandarli al diavolo anche in presenza dello spettro di Berlusconi.

[ leggi ][ commenta
Nessuna risorsa per il contratto
Cub scuola - 19-10-2006
Come è noto, i fatti hanno la testa dura. Dopo la breve fase dell'euforia per le promesse, tutte da verificare, del governo, per quanto riguarda le immissioni in ruolo, appare evidente la sostanza della manovra:

- non ci sono risorse per un contratto scaduto da dieci mesi;

- i tagli dell'organico fra quelli immediatamente operativi e quelli in cantiere, comporteranno, nel complesso, una riduzione del personale ampiamente superiore alle 50.000 unità previste per il prossimo anno scolastico.

Confermiamo lo sciopero generale del 17 novembre.

[ leggi ][ commenta
Cura dimagrante per la scuola
la Repubblica - 18-10-2006
La Finanziaria che Tommaso Padoa Schioppa porta in Parlamento nelle prossime ore prevede il taglio di 50 mila posti nella scuola. Poco meno di 42 mila cattedre e poco più di 8 mila posti di personale Ata (amministrativi, tecnici e ausiliari), il tutto in appena tre anni. E, così, l'entusiasmo iniziale per le 150 mila immissioni in ruolo annunciate dal ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, comincia smorzarsi. Questa volta i dati provengono dalla fonte più attendibile che possa esistere: la relazione tecnica che accompagna il disegno di legge per la manovra finanziaria 2007.

[ leggi ][ commenta
C'era una volta l'obbligo scolastico
Tuttoscuola - 17-10-2006
L'art. 68 del disegno di legge per la Finanziaria 2007 prevede al 1° comma, proprio come da copione, che "L'istruzione impartita per almeno dieci anni è obbligatoria...", ma ...
Poco più avanti il testo fa una precisazione, disponendo che, dopo la terza media, per assicurare saperi e competenze a tutti, "possono essere concordati tra il Ministero della Pubblica Istruzione e le singole Regioni percorsi e progetti per prevenire e contrastare la dispersione...Le strutture formative che concorrono alla realizzazione dei predetti percorsi e progetti devono essere inserite in apposito elenco..."
Vi sono dunque strutture e percorsi paralleli al percorso scolastico che avrebbe dovuto essere unico fino a 16 anni?

[ leggi ][ commenta
Senato: al via un'indagine conoscitiva sullo stato della scuola
La Tecnica della scuola - 16-10-2006
Lo studio sarà incentrato su un confronto con sistemi formativi europei per capire le peculiarità che hanno condotto all'attuale ritardo del sistema scolastico italiano rispetto ad altri Paesi.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Attualità della Costituzione
Comitato per la Difesa della Costituzione - 21-10-2006
 proposta 
Quali prospettive dopo il Referendum?

Firenze - lunedì 6 novembre 2006, ore 15.00

Presiede
Umberto Allegretti ordinario Diritto Pubblico Univ. Firenze.

[ leggi ][ commenta
Quando Venezia dialogava con l'Oriente
l'Espresso - 20-10-2006
 arte 
La visita della mostra di Parigi può render tristi, ma può suscitare anche, nello stesso tempo, una speranza. Quasi mille anni di collaborazione felice e feconda non si cancellano dalla memoria come un ricordo fugace. La mostra è una magnifica lezione per coloro che non credono più al dialogo fra le civiltà e parlano solo dei loro conflitti. C'è il tempo delle culture e il tempo degli uomini. Il dialogo non fa mai male, mentre il silenzio e i rancori sono i due più sicuri alleati dell'ignoranza e, di conseguenza, dell'intolleranza.

[ leggi ][ commenta
Tra narrazione e legalità
Carlo Carzan - 19-10-2006
 libri 
La Scelta:una storia Palermitana che può essere una storia di ogni periferia e di ogni città, che vede modelli negativi e positivi, possibilità di confronto e di riscatto. Ed è proprio in questo contesto che è inserita la figura del Puparo, colui che narra, che "cunta" le storie, che diventa un modello positivo per Totò, il giovane protagonista della storia.

[ leggi ][ commenta
Lettura espressiva/interpretata
CigNews - 18-10-2006
 proposta 
realizzato con il contributo e la collaborazione del CSV della Provincia di Verona e promosso dall' Associazione di Volontariato "Il Cigno", O.N.L.U.S. per la promozione della Lettura e della Solidarietà.

[ leggi ][ commenta
Pietro Ingrao ricorda Gillo Pontecorvo
il Manifesto - 17-10-2006
 cinema 
Oggi noi ragioniamo molto e con asprezza (io fra gli altri) - sugli errori e le sconfitte del sovietismo (si potrebbe dire anche: del leninismo): e abbiamo motivi seri e duri per farlo, dopo la sconfitta grave che abbiamo patito.
Pero' quando se ne va uno sguardo nudo e scabro come quello di Gillo Pontecorvo, bisogna chiamare in causa il vocabolario dell'esistere con cui tutta una parte della cultura italiana s'e' misurato con le terribili novita' del Novecento. Non siamo stati così provinciali come taluni raccontano. C'era di più.

[ leggi ][ commenta
Giornata nazionale di Emergency
Emergency - 16-10-2006
 comunicato 
Per contribuire alla promozione della giornata nazionale di EMERGENCY
di sabato 28 ottobre sono disponibili due nuovi strumenti:
- Spot radio di 30" realizzato con la collaborazione di Lella Costa,
Ferdinando Arno', quiet, please!, D'Adda-Lorenzini-Vigorelli-BBDO;
- Banner per siti internet.

Spot e banner possono essere scaricati:
http://guerra-no.emergency.it/promuovi.php

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Sosteniamo Saviano
Questo sito nasce dalla voglia di esprimere Solidarietà a Roberto Saviano autore del libro "Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra". Roberto nei giorni scorsi ha ricevuto dure minacce da parte della Camorra, minacce che hanno costretto il prefetto di Caserta a far allontanare Roberto dalla sua città e a chiedere un programma di protezione. Un'iniziativa apartitca e apolitica. Roberto non deve essere considerato un martire o un eroe, ma non possiamo accettare il recinto che si è venuto a creare intorno a Roberto, un recinto legittimato purtroppo anche da alcuni organi istituzionali.

Una città
Domande, perchè le domande vengono sempre prima delle risposte...
cose di politica, di economia, storia, filosofia, scienza, religione, eccetera...
storie...
incontri...
problemi, non ultimi quelli di scuola...

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone, Anna Pizzuti
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva