Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 37 - a.s. 15/16
fuoriregistro
newsletter n. 37 - a.s. 15/16

Con oggi la newsletter domenicale va in vacanza.
A tutte e tutti un augurio di serena estate!
La Redazione di Fuoriregistro
BACHECA
In Messico l'educazione non è gratuita
Enrico Moroni - 02-07-2016
Le lotte di resistenza contro le politiche liberiste e di privatizzazione nel campo scolastico avvengono in molti paesi, con la differenza che in Messico chi sostiene tali proteste rischia di finire ammazzato dalla repressione che ha già visto 25 maestri uccisi e molti altri scomparsi.
Il cuore dell'umanità
Elena Pardini - 30-06-2016
Sabato 9 luglio, nella piazza principale di Pienza, due relatori di grande esperienza, l'antropologo Antonio Marazzi e l'attivista Satish Kumar, direttore di Schumacher College e della rivista Resurgence/Ecologist, incontreranno un gruppo di musicisti di Iran, Siria, India e Turchia per scambiare opinioni sulla pace nella situazione socio-politica attuale.
Il caso di Alex Schwazer
Giocondo Talamonti - 27-06-2016
Non smette di occupare le prime pagine dei giornali e dell'informazione televisiva il doping nello sport. Il doping, come violenza materiale e raggiro delle regole morali, è il pericolo cui è esposta l'attuale società dei consumi.
GALASSIA SCUOLA
Chiamerò Riforma
di Claudia Fanti - 01-07-2016
Si vuole una riforma che sia una Riforma? Allora la si faccia veramente. Si cerchi di pensare in grande, di rispettare le età evolutive della vita di bambini e ragazzi, di spingerli ad amare la vita, non perpetuiamo l'odore di stantio di quel mondo scolastico in cui tanti di noi sono stati rinchiusi da piccoli. Oggi, anche insegnando al meglio delle proprie possibilità, non si può non accorgersi di ciò che manca, che bambini e bambine chiederebbero se avessero voce in capitolo.
Il non-senso della valutazione dei dirigenti scolastici
di Enrico Maranzana - 30-06-2016
L'odierno dissesto della scuola è stato originato dal mancato rispetto delle regole del sistema. Il cambiamento comporta la sostituzione dell'ordinaria struttura decisionale, avente al vertice il dirigente scolastico, con il disegno organizzativo previsto dalle vigenti norme, che distribuisce le responsabilità tra più soggetti. Su questa scena è da collocare la valutazione annunciata in questi giorni.
GRANDANGOLO
Un anacronismo storico
di Lucio Garofalo - 30-06-2016
Il capitalismo, a causa delle disfunzioni interne, genera periodicamente fenomeni di crisi, i cui effetti devastanti vengono scaricati sistematicamente sulle classi lavoratrici subalterne, scarsamente rappresentate sul terreno politico. Il capitalismo ha "funzionato" finché è riuscito ad assicurare una condizione di benessere materiale, pur relativo, ai ceti medi e ad ampi settori del proletariato occidentale, a discapito di miliardi di esseri umani costretti a vivere in uno stato di inedia e di sottosviluppo cronico nei paesi del Terzo mondo, ridotti a sopravvivere con meno di un euro al giorno.
NOTIZIE DAL FRONTE
La sentenza Aprea
Francesco di Lorenzo - 02-07-2016
La professoressa Valentina Aprea ha deciso che è arrivato il momento di considerare finiti gli istituti professionali. Ma non tutti: per lei sono finiti solo quelli statali. Non si conoscono bene i motivi di una tale affermazione, né sono state esplicitate le ragioni a dovere, ma si possono intuire. In tutto questo il centro-sinistra che fa? Dov'è? Il problema vero è che la delega della legge 107 che si sta preparando su questo tema, a meno di clamorose smentite, dovrebbe essere in linea con le idee dell'assessore Aprea. Facendo in modo di ricordare a tutti che le tanto sbandierate riforme di Renzi, non sono altro che quelle antiche ma riciclate di Berlusconi. E mentre tutto ciò accade, gli insegnanti hanno altro da fare. I più sono in vacanza, gli altri sono impegnanti in dispute furiose tra bonus e meritocrazia. Addio scuola!
IN CLASSE
Un breve saggio filosofico sul Tempo
Lucio Garofalo - 02-07-2016
Gli stereotipi sul "tempo" paiono proliferare senza soluzione di continuità, e quasi tutti, eccezion fatta per quei fenomenali campioni della lingua e del sapere umano, se ne servono abitualmente, forse inavvertitamente, magari per riempire il vuoto raccapricciante di certe conversazioni, in altre parole per coprire i "tempi morti" della nostra esistenza.

  Newsletter precedente Newsletter successiva