Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 9 - a.s. 15/16
fuoriregistro
newsletter n. 9 - a.s. 15/16
BACHECA
Accordo della vergogna sulla rappresentanza
Sindacalismo di base e individualità - 19-11-2015
I sottoscrittori di questo appello chiedono a tutti i lavoratori e alle organizzazioni sindacali di lotta di mobilitarsi per la democrazia della rappresentanza e per il diritto di sciopero, combattendo tutte le misure antisciopero.
La scuola bolognese contro la legge 107
Cobas Bologna - 18-11-2015
Ringraziamo docenti, collaboratori scolastici e personale di segreteria che ha scelto di privarsi di una giornata di stipendio per testimoniare la propria contrarietà alla precarizzazione e alla gerarchizzazione introdotta dalla cattiva riforma di Renzi e al contempo per la richiesta di una remunerazione degna. Cogliamo però l'occasione per denunciare pubblicamente le gravissime decisioni di alcuni dirigenti scolastici in occasione di simili giornate di sciopero.
L'inclusione: una questione di classe
Evelina Chiocca - 17-11-2015
È una questione storica negativa italiana la formazione iniziale degli insegnanti, quanto meno opaca sui fondamenti teorici e pratici dell'insegnare, soprattutto nella scuola secondaria. E' ecessario che la pedagogia diventi davvero il cuore professionale dell'insegnare.
Verso una società parallela fatta di specialisti
Un gruppo di Insegnanti di Sostegno - 16-11-2015
La proposta sul sostegno sostenuta dalle Federazioni Fish e Fand parte da un presupposto base: "il docente specializzato deve restare su posto di sostegno" (a vita). Non può e non deve cambiare".
GALASSIA SCUOLA
Ombre e svarione informatico (500€ per lo sviluppo professionale)
di Gianfranco Scialpi - 20-11-2015
I problemi nascono sui divieti. Non è autorizzata la spesa per i costi della Adsl, né per componenti parziali dei dispositivi elettronici, come toner cartucce, stampanti, pennette USB e videocamera...
Ho visto le menti mediocri della mia generazione diventare pessimi dirigenti scolastici
di Francesco Masala - 18-11-2015
Ho visto dirigenti scolastici richiedere la giustificazione per l'assenza degli alunni, quando nel giorno precedente la scuola era chiusa, per lo sciopero dell'unico collaboratore scolastico, che non ha aperto la scuola. Fuori insegnanti e mamme con bambini, e tutti a casa.
Didattica laboratoriale disattesa
di Enrico Maranzana - 17-11-2015
Il Miur ha indirizzato ai Licei Scientifici un bando di concorso per incoraggiare le attività di laboratorio: "Le scuole devono presentare un progetto finalizzato all'elaborazione di esperienze di laboratorio povero con la realizzazione di materiale didattico organizzato in Kit trasportabili".
Una sentenza inquietante per le classi pollaio e super-pollaio
di Gianfranco Scialpi - 16-11-2015
Nel mio navigare tra le notizie nel Web, mi sono "imbattuto" in un pronunciamento inquietante della suprema Corte di Cassazione ( sentenza 23202/2015 ). Brevemente i fatti...
GRANDANGOLO
Socialismo o barbarie
di Lucio Garofalo - 18-11-2015
È probabile che ci troviamo in una fase di transizione storica. Rammento le illuminanti parole di Rosa Luxemburg per indicare il bivio che l'umanità rischia di imboccare in simili circostanze.
Nuova guerra globale permanente
di Lucio Garofalo - 17-11-2015
C'è un filo rosso (di sangue) che lega i feroci attentati di Parigi, la sanguinosa strage di Beirut, in Libano, l'abbattimento dell'aereo russo di oltre una settimana fa.
Cittadino del mondo: tra attentati terroristici e bombardamenti
di Giuseppe Aragno - 16-11-2015
Ora lo so. Se una bomba mi ammazzerà a Parigi assieme a qualche altro sventurato, diventerò un martire. La gente indosserà una bandiera francese, accenderà lumini...
NOTIZIE DAL FRONTE
La scuola di figli e figliastri
Francesco di Lorenzo - 21-11-2015
Delle due l'una, o ci accontentiamo di continuare ad essere un popolo di poeti fregandocene della matematica e delle materie scientifiche in generale, oppure corriamo ai ripari. La notizia è che in Italia mancano i prof di matematica, ma prima ancora mancano gli studenti che la studiano. Numeri, invece, che fanno ben sperare sono quelli relativi al progetto 'quotidiano in classe'. Su un altro versante, quando non è la scuola statale ad offrire possibilità di riscatto ci pensano Centri e Agenzie ad arginare il fenomeno della dispersione, permettendo a chi aveva abbandonato gli studi di trovare un'altra possibilità per sentirsi utile e lavorare. Un ultimo e doveroso pensiero per gli insegnanti della scuola dell'infanzia e gli educatori cui invece il lavoro è precluso.
IN CLASSE
Parigi in classe
Quando suona la campanella - 17-11-2015
I bambini e le bambine difficilmente arrivano a scuola senza sapere nulla. Ogni giorno sentono e ascoltano ciò che accade nel mondo, spesso attraverso immagini crude e certamente non filtrate trasmesse dalla televisione o attraverso i dialoghi degli adulti. Arrivano a scuola sapendo che è accaduto qualcosa di enorme, qualcosa che ha prodotto su di loro effetti potenti a livello emotivo, anche se filtrati dai grandi. Come insegnanti allora ci chiediamo cosa fare. O cosa non fare. Non bisogna obbligarli a parlarne, non bisogna obbligarli a tacerne. La classe è la comunità sociale protetta in cui hanno la possibilità di dire quello che hanno sentito, quello che hanno provato, quello che hanno compreso attraverso il loro punto di vista sul mondo.

  Newsletter precedente Newsletter successiva