Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 2 - a.s. 15/16
fuoriregistro
newsletter n. 2 - a.s. 15/16
BACHECA
Mediterraneo e libertà
Fondazione Gramsci Bologna - 26-09-2015
Come garantire i diritti di questa umanità sofferente? Quale potrebbe essere la risposta dell'Unione Europea? Come affrontare l'eredità coloniale e quale progetto politico è ipotizzabile per l'intera area mediorientale?
Civati, la raccolta firme per i referendum è un crescendo rossiniano
Alessandro Giuliani - 25-09-2015
L'ex deputato del Pd ha dichiarato, partecipando ad una manifestazione a Crotone, che "la campagna referendaria" la chiuderà "in Calabria: consiglio di trovare un banchetto anche qui".
No Tav - comunicato stampa
No TAV - 23-09-2015
Come e attraverso quali azioni gli eletti al Parlamento Europeo potranno seppellire il progetto della Torino-Lione, mentre la lotta di cittadini italiani e francesi prosegue.
L'istruzione abbandonata
Franco Buccino - 22-09-2015
L'anno scolastico, anche a Napoli, è cominciato in tono dimesso: se n'è parlato poco. Non c'è più quell'atmosfera del primo giorno: i ragazzi, dalle ragazzi, dalle elementari, arrivano con smartphone e tablet; i genitori neanche li accompagnano; gli insegnanti, tranne qualcuno, hanno altro a cui pensare.
La Buona Scuola
Lucio Garofalo - 21-09-2015
Sollevo un tema "minimalista", o marginale, da genitore ed insegnante assieme. Mi chiedo se le maestre ed i maestri che caricano gli alunni di compiti per casa si rendono conto che si tratta di un esercizio controproducente.
GALASSIA SCUOLA
Quanta ignoranza trasuda dalla legge 107!
di Enrico Maranzana - 26-09-2015
Come si può affrontare il problema del merito e della premialità senza possedere l'origine e il senso delle attività che si svolgono a scuola? Com'è possibile che nessuno si sia accorto di tal corbelleria?
Discutiamo di scuola, formazione e università
di Giocondo Talamonti - 25-09-2015
La professione docente necessita di qualificazione e la qualificazione si ottiene dalla competizione, dalla concorrenza, rendendo cioè appetibile il "mestiere" sulla base di livelli retribuitivi interessanti.
Gli aquiloni pensano che la terra sia appesa a un filo
di Enrico Maranzana - 24-09-2015
Le analisi, le prese di posizione, i commenti relativi alla legge 107 esemplificano l'aforisma del titolo: un corretto rapporto con la realtà avrebbe richiesto un'oculata scelta del punto di vista.
I 500 euro per la formazione... sta arrivando la fregatura?
di Gianfranco Scialpi - 21-09-2015
Il ministro ha annunciato che quest'anno i 500 € destinati allo sviluppo culturale e professionale (formazione, aggiornamento, abbonamenti a riviste... ) verranno inseriti nello stipendio...
GRANDANGOLO
Renzi, le assemblee e il manganello mediatico
di Giuseppe Aragno - 22-09-2015
Per il circo mediatico, i diritti negati, i salari ridotti, i pensionamenti cancellati, gli esodati, la vita precarizzata, i crimini commessi dalla premiata ditta Monti-Letta-Renzi, sono solo equi strumenti per ridurre il costo del lavoro...
Mala tempora currunt!
di USI-AIT Puglia - 21-09-2015
Ovvero le assemblee sindacali in orario di servizio sono un reato "in senso lato".
NOTIZIE DAL FRONTE
Pagliacciate e zuccherini
Francesco di Lorenzo - 26-09-2015
Con la solita riconosciuta inconsistenza il ministro Giannini ha presentato ai sindacati la 'pagliacciata' del piano di valutazione dei dirigenti scolastici. È veramente il massimo. Basti sapere che gli stessi verranno divisi in quattro fasce di rendimento, per le prime tre ci saranno incentivi economici, cioè un premio nell'ordine del 100%, dell'80%, del 50%, e per la quarta fascia niet, niente premio e quindi niente soldi. Che è un modo di intendere la vita del tipo, 'tu hai fatto male il tuo lavoro, niente zuccherino'; oppure a uno studente che non studia, 'attento, tu vai male a scuola' e basta. Naturalmente, come il bonus di 500 euro ai docenti, si tratta di provvedimenti di facciata fatti apposta per tener buoni gli astanti e continuare a perdere tempo. Naturalmente, guai se così non fosse, ci sono piccole isole, nicchie o bolle di ossigeno all'interno della scuola che, da sole, permettono all'istituzione di andare avanti. E così, ci si consola con la notizia che al Festival della Filosofia si sono visti molti ragazzi e intere scolaresche partecipare con convinzione. Resta il fatto che anche per quest'anno, gentile ministro Giannini, la carta igienica dovrà essere portata da casa.
IN CLASSE
L'Italia insegna
Elena Pardini - 26-09-2015
Ironiche e intuitive, originali e spiritose, improvvisate ed eleganti, le insegne e le iscrizioni italiane sono lo specchio della nostra società. Ciò che le distingue è la varietà delle forme delle lettere. Anche prima che le font tipografiche dominassero la scena, in Italia non c'è mai stata una vera standardizzazione nelle lettere disegnate e non è mai stato stampato alcun manuale per pittori d'insegne. La proposta è quella di un approccio critico attorno ai lati migliori e peggiori di questa singolare espressione d'arte applicata.

  Newsletter precedente Newsletter successiva