Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 23 - a.s. 14/15
fuoriregistro
newsletter n. 23 - a.s. 14/15
BACHECA
Sulla mobilitazione del 5 maggio
Coordinamento Precari Scuola Napoli - 02-05-2015
Se è vero che i numeri, per quanto da interpretare, dicono sempre qualcosa circa il rilievo o l'irrilevanza di un fenomeno, lo dicono anche quando vengono applicati alle parole...
Lettera aperta al Sindaco Virginio Merola e all'assessore Marilena Pillati
Cobas Bologna - 30-04-2015
non possiamo più tacere le condizioni di assoluta precarietà in cui versano i centri educativi che da anni lavorano in rete con gli altri servizi di Bologna.
leggi (1 commento/i) commenta
Contro chi prova a vanificare la mobilitazione dei lavoratori della scuola rilanciamo l'iniziativa
Cub SUR - 29-04-2015
Modificate all'improvviso le date per lo svolgimento delle prove INVALSI nella scuola primaria.
Confermato lo sciopero generale della scuola per il giorno 5 maggio e quello NO INVALSI per la scuola primaria per il 6 maggio.
La Renzi/Giannini non passerà
USI-AIT Educazione - 28-04-2015
Le mobilitazioni contro la Buona Scuola continuano in tutta Italia, da nord a sud. Questo disegno di legge non piace a nessun lavoratore e lavoratrice della scuola italiana.
Aspettando la buona scuola
Franco Buccino - 27-04-2015
In questi giorni, ad aprile inoltrato, è cominciata la discussione in Parlamento del ddl di attuazione del progetto presentato dal governo. A tempo ampiamente scaduto, se si pensa di attuarne i contenuti dal 1° settembre prossimo. Ma chi ci pensa a rispettare la data?
GALASSIA SCUOLA
Il caso dell'alunno Matteo Renzi
di Antonio Guerriero Brigante - Quota 96 - 30-04-2015
Giorno 5 maggio consiglio di classe straordinario: 750.000 docenti si riuniranno per discutere sul caso dell'alunno Matteo...
Scuola-azienda: una relazione vitale
di Enrico Maranzana - 29-04-2015
"Le scuole diventeranno aziende" è uno slogan ricorrente, intriso di negatività. E' un tipico messaggio pubblicitario: acritico, che sollecita risposte emotive.
Gli annunci e i nostri rischi quotidiani
di Gianfranco Scialpi - 28-04-2015
Probabilmente Renzi sarà ricordato per l'annuncite. Brutto neologismo che caratterizza la nostra postmodernità. Direi che rappresenta la versione contemporanea del Nulla.
E noi non LI voteremo il 31 maggio !
di Vincenzo Pascuzzi - 27-04-2015
È noto che il 31 maggio si vota in 7 regioni e in 1.089 comuni. È una occasione opportuna per ricambiare la riforma della "buona scuola" con il "buon voto" nelle regionali e nelle amministrative.
GRANDANGOLO
Black bloc: forse la questione è un'altra
di Severo Laleo - 02-05-2015
Oggi i giornali, e non solo in Italia, sono pieni della violenza a sfregio dei black bloc. Una violenza da evento. Ripetibile. Prevedibile.
Controllabile. E debellabile...
Il casolare dove fu assassinato Peppino Impastato venga consegnato alla collettività
di Rete 100 passi - 02-05-2015
Il prossimo 9 maggio ricorre il 37° anniversario della morte di Peppino Impastato per mano della Mafia. Chiediamo che il casolare dove fu ucciso diventi un luogo della memoria.
Il bandolo della matassa
di Mauro Artibani - 28-04-2015
Rifocillando il potere d'acquisto si può ripartire: con la spesa viene trasformata la merce in ricchezza; il consumo dell'acquistato fa ri-produrre, crea occupazione, da' continuità al ciclo produttivo e sostanza alla crescita.
NOTIZIE DAL FRONTE
Un'inutile corsa
Francesco di Lorenzo - 02-05-2015
Alla fine la qualità salta gli occhi e la 'buona scuola' si sgonfia dall'interno. Sono gli stessi deputati che fanno parte del Comitato per la legislazione della Camera a mettere in discussione tutto l'impianto della riforma. Praticamente in quasi tutti i punti la legge non tiene conto di quello che c'è già, o lo contraddice, poi si contraddice essa stessa. Insomma non è stata scritta da grandi esperti, e quella delle audizioni era una bufala, altrimenti tutti i distinguo e le proposte presentate da associazioni e enti avrebbero evitato un tale brutta figura. Certo che se nella civilissima Francia, una direttrice ha vietato l'entrata in classe di una ragazza musulmana rea di avere indossato una gonna troppo lunga, immaginiamo, nella buona scuola ,dirigenti che la mattina con il metro in mano, sono tutti lì a controllare centimetri secondo una lunghezza stabilita inderogabilmente da loro stessi.
IN CLASSE
Grazie Mastru Bernardini
Vivalascuola - 02-05-2015
Ma che maestro è stato Albino Bernardini? La sua è stata, oltre che dello sperimentare e del fare, soprattutto una scuola dell'ascolto, del dialogo e della comunicazione (il giornalino, la corrispondenza, gli incontri, le discussioni, la lettura dei giornali); della democrazia condivisa e della cooperazione (il lavoro di gruppo, le regole, il rispetto reciproco); della fantasia e della creatività (il testo libero, le storie senza finale, le poesie). Un metodo che ha continuato ad applicare anche quando, invitato, ha visitato centinaia di scuole.

  Newsletter precedente Newsletter successiva