Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 22 - a.s. 14/15
fuoriregistro
newsletter n. 22 - a.s. 14/15
BACHECA
Noi Crediamo
Danijel Szeredy - 25-04-2015
Non è scontato avere spazio per esprimersi nell'ambito di una celebrazione nazionale per un giovane nemmeno ventenne, ma è necessario ... perché questa data è fondamentale per la nostra identità di nazione.
Bunker
Contesti Teatrali - 24-04-2015
Lui ha salvato Lei, priva di sensi, portandola nel suo "rifugio" dove sono costretti a restare chiusi e a far passare il tempo in attesa che la radio torni a funzionare e che qualcuno li informi su cosa sia accaduto là fuori.
Scioperi e dubbi
Vincenzo Pascuzzi - 23-04-2015
Leggiamo con sorpresa e preoccupazione: "E' possibile che tra lunedì 27 e martedì 28 si conosca il testo degli emendamenti su cui anche il Governo concorda e a quel punto si capirà se i sindacati rappresentativi confermeranno o meno lo sciopero del 5 che dovrebbe essere anche accompagnato da manifestazioni regionali o interregionali.
leggi (3 commento/i) commenta
Elezioni Consiglio Superiore Pubblica Istruzione
Cobas Scuola Bologna - 22-04-2015
Liste nazionali, un seggio in ogni Istituto. Si vota per componente martedì 28 aprile dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Giungono però segnalazioni da molti Istituti di una preoccupante assenza di informazioni.
leggi (1 commento/i) commenta
Blocco scrutini o tutti a casa dopo lo sciopero unitario di maggio?
Vincenzo Pascuzzi - 21-04-2015
Cosa farà il quintetto dei sindacati "rappresentativi" se Renzi non modifica il suo programma? Al momento, solo Gilda ha ipotizzato il blocco degli scrutini.
I docenti per il sostegno mediatori didattici dell'inclusione
Salvatore Nocera - 20-04-2015
Questo è il ruolo per i docenti di sostegno, previsto dalla Proposta di Legge sull'inclusione degli alunni con disabilità, sostenuta dalle Federazioni FISH e FAND.
Sciopero scuola del 5 maggio: meglio tardi che mai ma.....
Cub Piemonte Ufficio Stampa - 20-04-2015
Insistiamo sulla chiarezza delle rivendicazioni perché a nostro avviso il ddl Renzi non è emendabile.
GALASSIA SCUOLA
Demolire gli insegnanti per costruire la buona scuola
di Riccardo Ghinelli - 25-04-2015
Una delle tecniche a cui ricorre la pubblicità è quella di mostraci come siano bravi lavoratori di un'azienda. Ci avete fatto caso? Spot che ci mostrano mani sapienti di artigiani, progettisti colti...
Decreto scuola: una castroneria inammissibile
di Enrico Maranzana - 24-04-2015
Nitida appare la superficialità delle analisi. L'autoreferenzialità, aspetto critico della gestione scolastica, non è il crivello valutativo del provvedimento governativo: la carenza culturale che vizia il DDL non è rilevata.
insegnamento delle materie giuridiche negli alberghieri
di Massimo de Pierris - 23-04-2015
Mi chiamo Massimo de Pierris ed insegno negli istituti professionali alberghieri dal 1995 e quindi conosco la situazione dell'insegnamento delle discipline giuridiche precedente al progetto 92.
La meglio scuola e gli imbroglioni del DDL
di Severo Laleo - 22-04-2015
Personalmente non ho dubbi. Almeno per polemica. Il ddl la BuonaScuola è stato scritto da "imbroglioni", insensibili e indifferenti, chiaramente, per stile di scrittura e per passione etico-politica, alle "finalità" del fare scuola.
La triste deriva della cultura della valutazione
di Cosimo De Nitto - 21-04-2015
Quello che hanno elaborato e scritto in tanti anni studiosi e specialisti come Israel, Oliva, Gavosto, Vertecchi, Losito, Muraglia, Sestito, Valeria Pinto ecc. niente, non vale niente, elaborazioni e pensiero gettati alle ortiche.
La vera riforma: abolire le classi pollaio
di Gianfranco Scialpi - 20-04-2015
Ho letto più volte il documento sulla "Buona Scuola ". Stesso "trattamento" ho riservato al Disegno di Legge. Conclusione: i due testi sono stati partoriti da persone che non hanno mai frequentato un'aula.
GRANDANGOLO
La pietà per Piazzale Loreto
di Giuseppe Aragno - 24-04-2015
La foto di Mussolini e dei gerarchi esposti a Piazzale Loreto è indiscutibilmente tragica e non ci sono dubbi: qualcuno tra quelli che inveiscono e oltraggiano i cadaveri era stato fascista.
Fermate le morti in mare ora
di Tareke Brhane e Comitato 3 Ottobre - 22-04-2015
Chiediamo che sull'emergenza immigrazione venga decisa la messa in atto di una solida operazione congiunta europea principalmente concentrata sul salvataggio di vite umane.
In Italia c'è di nuovo una dittatura
di Giuseppe Aragno - 21-04-2015
In Italia c'è la tortura, abbiamo il codice fascista di Rocco, stiamo stracciando la Costituzione antifascista, i deputati non li ha eletti nessuno e la nostra barbarie sta ammazzando migliaia di sventurati.
NOTIZIE DAL FRONTE
Buon 25 Aprile
Francesco di Lorenzo - 25-04-2015
Così, anche la presentazione dell'anagrafe dell'edilizia scolastica è slittata a data da destinarsi. Doveva esserci per il 22 aprile, lo aveva annunciato il sottosegretario Faraone con grande enfasi, ma non aveva specificato l'anno. A parte lo scherzo, ormai neanche le morti e le tragedie degli studenti che sono la diretta conseguenza dell'insicurezza dei nostri edifici scolastici servono a far rispettare gli impegni. È davvero inammissibile giocare in questo modo barbaro (forse anche crudele) con le vite dei ragazzi che ogni giorno entrano nelle nostre scuole, e tutto ciò per continuare con una linea di annunci e propaganda che non ha nulla dietro di sé. Che almeno su alcune questioni cruciali e delicate si rispettino gli impegnipresi. Anche perché, per altri tipi di scadenze, tempo e risorse si trovano in abbondanza. Sì, perché nonostante gli impegni (?), il ministro ha trovato il modo di firmare il decreto che assegna i contributi alle scuole paritarie per il 2015.
IN CLASSE
Come parlare di immigrazione a scuola
Christian Raimo - 25-04-2015
E' complicato intavolare un dibattito in classe, anche perché le voci politiche che hanno dominato la reazione si sono modulate da subito su un'isterica ricerca delle cause, che in pochi secondi diventa una caccia ai colpevoli e quindi la loro criminalizzazione. Il primo passo se si vuole provare ad avviare un dibattito su questi temi, anche a partire da questo genere di considerazioni, è darsi una regola preliminare e farla rispettare. Restare sul tema. Poi bisogna chiedere ogni volta di avvalorare empiricamente e logicamente le proprie affermazioni. Chi ha avuto in questi giorni la tenacia pedagogica di tenere il dibattito dentro le regole dell'argomentazione nel discorso pubblico? Quasi nessuno, nessun politico, pochissimi giornalisti, rari intellettuali e un'eccezione significativa...

  Newsletter precedente Newsletter successiva