Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 17 - a.s. 14/15
fuoriregistro
newsletter n. 17 - a.s. 14/15
BACHECA
Si torna alle benedizioni nelle scuole?
Cobas Bologna - 14-03-2015
A Bologna un attacco alla laicità della scuola statale.
leggi (1 commento/i) commenta
Ri...Petizione per la Graduatoria Unica Nazionale
Francesco Raddi - 12-03-2015
Propongo l'idea di una nuova raccolta firme per la costituzione di una Graduatoria Unica Nazionale per arrivare alla assunzione di tutti i precari della scuola.
Cittadinanza e graduatorie
Cub Piemonte - 11-03-2015
Il requisito della cittadinanza italiana o comunitaria per l'accesso alle graduatorie di III fascia non è necessario. Nuovi termini per la presentazione delle domande, accolti precedenti respingimenti.
La scuola capovolta
Gianluca Gabrielli - 10-03-2015
Il 13 marzo verrà ufficializzata la nascita a Bologna del Centro di documentazione sulla Scuola negli anni '70. Per l'occasione un confronto tra studiosi e testimoni e un appello per la raccolta di libri, quaderni e documenti rivolto a chi ha vissuto quella stagione.
Pericolosità sociale o società pericolosa?
Giuseppe Aragno - 09-03-2015
Giunta a ridosso delle dure condanne chieste per gli imputati dei fatti di Roma del 14 dicembre 2010, l'occupazione dell'ex Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Napoli...
GALASSIA SCUOLA
Le vestali della meritocrazia uccidono il merito
di Cosimo De Nitto - 14-03-2015
Che triste e malinconica fine ha fatto il discorso sul merito. Una fine che è coincisa con quella del povero "parametro"...
Buona [scuola] è categoria morale
di Enrico Maranzana - 14-03-2015
Le parole non hanno quasi mai un significato semplice, univoco. Il DDL del governo, infrangendo tale principio, ha semplificato, banalizzandolo, il problema educativo.
Libero pidocchio in non libero docente
di Claudia Fanti - 13-03-2015
Mi metto comoda dopo una giornata a scuola. Incollo orecchi e occhi allo schermo e cerco nelle parole del premier qualcosa.
La scuola come strumento di fascistizzazione
di Giuseppe Aragno - 13-03-2015
Quando si parla di scuola del futuro, bisognerebbe anzitutto tornare al passato e ricordare almeno ciò che scrissero i docenti su un foglio stampato alla macchia,
Cari studenti, sono un'insegnante e vi chiedo scusa
di Lizanne Foster, insegnante - 12-03-2015
Cari studenti delle superiori del ventunesimo secolo, la settimana prossima comincerà un nuovo semestre e mi sento costretta a chiedervi scusa.
GRANDANGOLO
Un'Alba Mediterranea contro troika ed euro. Il M5S rompe gli indugi
di Contropiano - 14-03-2015
La televisione di Stato, che dovrebbe informare ma è somiglia ormai all'Istituto Luce negli anni dell'Italietta imperiale, l'ha presentata come una buffonata del soliti "Grillini"
La pedagogia del Capo
di Cosimo De Nitto - 13-03-2015
Oggi incombe la rottamazione come pratica iconoclastica che crea una soluzione di continuità non solo tra ieri e oggi, ma con la Pedagogia in quanto tale.
Le donne il giorno dopo la festa
di Mauro Artibani - 09-03-2015
Passata la festa ricominciamo: la ripresa dell'economia mondiale è anemica ma aumentare la partecipazione delle donne nel processo produttivo potrebbe cambiare in meglio la situazione.
NOTIZIE DAL FRONTE
Vado al massimo, vado all'estero
Francesco di Lorenzo - 14-03-2015
Poiché la buona scuola per ora è solo un disegno fatto con la matita e quindi cancellabile, e poiché troppe volte negli ultimi anni le riforme della scuola (tra epocali e non), dopo gli iniziali annunci enfatici hanno lasciato durante il loro percorso solo macerie, un po' di cautela ad entrare nei particolari non sarebbe da scartare. Naturalmente non si possono tacere, se non le contraddizioni, almeno le confusioni. Un esempio? Tra gli studenti, un sondaggio rivela che il 57% di loro non conosce il provvedimento. Evidentemente, qualcosa non funziona, non solo negli atenei italiani, ma anche in ciò che avviene prima e cioè nella scuola secondaria, come minimo. E lo scarso peso delle Università Italiane nel mondo lo dimostra.
IN CLASSE
Che senso ha oggi insegnare filosofia?
Stefano Ulliana - 14-03-2015
Se l'insegnamento della filosofia è apertura consapevole alla ricerca, libera ed incondizionata, intorno al vero ed al reale, tutte le acquisizioni relative ai singoli autori ed alla loro relazione con il contesto e la tradizione storica non possono non rimanere potenzialmente e dinamicamente sempre riorientabili, in un rapporto dialettico continuo fra la proposta del singolo pensatore e gli orizzonti culturali prevalenti nella sua contingenza e nella trasmissione effettiva o potenziale delle versioni dominanti o di quelle apparentemente recessive e/o alternative.

  Newsletter precedente Newsletter successiva