Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 31 - a.s. 13/14
fuoriregistro
newsletter n. 31 - a.s. 13/14
BACHECA
In vacanza
Letizia Pollini - 31-05-2014
Domenica 8 giugno a Cesena, ci sarà l'Open Day informativo di Borgo Indaco, progetto rivolto all'infanzia ideato e curato dall' Associazione Katrièm.
La palestra della matematica
MateFitness - 30-05-2014
Rompicapi, indovinelli, giochi e laboratori al Palazzo Ducale di Genova il prossimo weekend.
Festival della Complessità
Sergio Boria - 29-05-2014
Calcata (Vt), 8 giugno 2014. La partecipazione è possibile solo su prenotazione.
Salviamo la terra dei fuochi
Firmiamo.it - 28-05-2014
Solo negli ultimi giorni sono stati appiccati oltre cinquanta roghi dal fumo denso e nero che hanno appestato un'area estesa tra le province di Napoli e Caserta. Invia un messaggio al Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti.
Domande di supplenza nelle scuole
Sindacato Sab - 27-05-2014
Per docenti e personale educativo per laureati, diplomati ed ex diplomati di scuola o istituto magistrale e per neo abilitati in scienze della formazione e TFA. Scadenza perentoria 23 giugno 2014.
GALASSIA SCUOLA
Se mia nonna avesse le ruote...
di Cosimo De Nitto - 30-05-2014
La nonna (la scuola dell'infanzia/primaria), nemmeno se avesse le ruote (le condizioni necessarie) potrebbe mai essere un carretto (anticipare la primaria a 5 anni).
Alcune considerazioni sull'anticipo a 5 anni
di Claudia Fanti - 29-05-2014
Non mi pare proprio il caso di parlare di anticipo, se mai si chieda alle docenti della scuola dell'infanzia se ritengano proficuo rendere obbligatorio almeno l'ultimo anno del loro ordine di scuola!
Avrà successo l'impresa del ministro Giannini?
di Enrico Maranzana - 27-05-2014
Il ministro per fine luglio presenterà "una proposta precisa che riguarda autonomia e governance degli istituti, valutazione degli insegnanti e dei dirigenti scolastici".
Nonni vigili e nonni insegnanti
di Francesco Masala - 26-05-2014
Quando andavo a scuola i supplenti avevano 20-25 anni erano ragazzini, i professori che avevano 30-35 anni erano "normali" ...
GRANDANGOLO
L'idea di sinistra ha radici antiche
di Giocondo Talamonti - 30-05-2014
Un preciso monito contro i personalismi è insito nel voto recente: niente più urli e sbraiti, niente più uomini soli al comando...
De Gasperi si vergognerebbe
di Giuseppe Aragno - 29-05-2014
Lo «strepitoso» successo di Renzi, «neodemocristiano» levato sugli scudi dal circo mediatico, avrebbe fatto piangere lacrime di vergogna a De Gasperi
Elezioni europee 2014
di Sonia Cartosciello - 26-05-2014
In Italia, malgrado tutto, ha vinto il senso di civiltà a difesa della nostra democrazia.
NOTIZIE DAL FRONTE
Ministri dispersi e urgenze reali
Francesco Di Lorenzo - 31-05-2014
La VII Commissione (Istruzione e Cultura) della Camera, sta procedendo con le audizioni relative al tema della dispersione. I dati i non sono molto cambiati negli ultimi tempi. Resta solo da capire dopo le audizioni che cosa si ha intenzione di fare e che cosa ci si aspetta di sapere ancora.
È uscito in questi giorni il Report sull'andamento delle iscrizioni per l'anno scolastico 2014-15. La riflessione quasi spontanea è che non c'è bisogno di attendere ulteriori consultazioni o audizioni, ci sono richieste talmente esplicite che attendere significa perdere solo tempo: le famiglie italiane chiedono più ore di lezione per i propri figli.
In tutto ciò il ministro Giannini si è dispersa: se qualcuno la vede, avvisi subito.
IN CLASSE
Laboratorio di Storia. Seconda parte
Scuola Media Statale Bice Zona - 30-05-2014
... il governo ed i soldati difendono gli interessi delle persone che hanno le fabbriche, i negozi, le terre che si coltivano, le case che si fittano, e anche quelli delle persone che guadagnano molti soldi e che stanno bene, come ... igiornalisti, e questi interessi non sono uguali a quelli della gente che lavora nelle fabbriche, nei negozi e nei campi, che è disoccupata oppure ha un lavoro che non fa guadagnare molto ... Noi ci abbiamo pensato molto e crediamo che lo scontro vero non è quello tra gli operai e i soldati, ma è lo scontro tra quello che vogliono gli operai e quello che vogliono le persone che governano. È vero che le guardie e i carabinieri fanno rispettare la legge e difendono tutti i cittadini, però se la legge dice che si possono mandare le guardie, i soldati e i carabinieri a sparare contro i lavoratori che fanno sciopero e non sono armati, allora le guardie e i soldati non difendono più tutti i cittadini, ma solo un gruppo di persone prepotenti che comandano con una legge ingiusta e feroce ...

  Newsletter precedente Newsletter successiva