Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 10 - a.s. 13/14
fuoriregistro
newsletter n. 10 - a.s. 13/14
BACHECA
OMBRE NERE. Storie di cui bisogna parlare
Rachele Lentini - 21-11-2013
L' iniziativa affronta i temi del "male" contemporaneo in un confronto con la storia finalizzato alla costruzione di un processo autentico di educazione ad una cittadinanza attiva e responsabile.
La mafia vista da Gaetano Mosca
Giovanna Corradini - 20-11-2013
Si tratta di uno scritto sintetico, ben strutturato, frutto di una conferenza tenuta dallo studioso a Milano nel 1900, quando nella Corte d'Assise di questa città si celebrava il processo per il delitto Notarbartolo.
Torino, impedito con la forza alla CUB l'accesso ad un dibattito
CUB Scuola Università Ricerca - 19-11-2013
Comunione e Liberazione, Esposito e Giachino invitano ad un confronto Si TAV - No TAV ma schierano la polizia per impedire l'ingresso ( annunciato come libero) a dirigenti e delegati della Confederazione Unitaria di Base.
GALASSIA SCUOLA
Valutare: come e perché
di Fuoriregistro - 21-11-2013
Dalle classi di scuola elementare alle aule universitarie, il problema "valutazione" è certamente uno dei più dibattuti e critici. Pubblichiamo alcune considerazioni interessanti.
Gentile direttore...
di Nicola Siciliano - 19-11-2013
... ho appena letto su Repubblica un articolo lesivo di una intera categoria di docenti che ammonta a poco più di 15.000, denominati Insegnanti-Tecnico-Pratici.
La Ministra Carrozza vuole abolire del tutto la democrazia scolastica
di Corrado Mauceri - 18-11-2013
La MInistra Carrozza ripropone il tentativo già fatto da Brunetta con i suoi provvedimenti, inutilmenti, autoritari, di abolire del tutto la democrazia scolastica.
GRANDANGOLO
Monti, Renzi, Napolitano, D'Alema...
di Giuseppe Aragno - 20-11-2013
Ho lavorato dodici ore e va così da molte settimane. La notte, quando mi accorgo di non avere più la forza per andare avanti, lascio poche parole scritte con una penna rossa sul foglio che ho davanti:
Giornata della Memoria delle stragi di migrantI
di Giocondo Talamonti - 19-11-2013
Nei nostri mari si consuma una tragedia quotidiana che deve scuotere le coscienze, condannare l'indifferenza ed esigere misure di natura umanitaria e sociale non più procrastinabili.
Per una salute senza profitto
di USI-AIT Puglia - 18-11-2013
I lavoratori della Sanità operanti presso l'ospedale San Carlo di Milano hanno saputo costruire negli ultimi anni percorsi di lotta che hanno investito e colpito il potere assoluto dell'amministrazione sanitaria denunciandone abusi, prevaricazioni e sprechi.
NOTIZIE DAL FRONTE
Per favore, ha un'idea per la scuola?
Francesco di Lorenzo - 22-11-2013
La Commissione Europea ha aperto una procedura di infrazione contro l'Italia perché il nostro Paese non ha rispettato la direttiva Ue sul lavoro a tempo determinato. In breve, in Europa se ne sono accorti, non è possibile utilizzare i precari, nel nostro caso della scuola, per anni, facendogli fare lo stesso lavoro di tutti gli altri ma mantenendoli in una condizione da sottocategoria, con meno diritti e con un contratto di lavoro diverso. Nel corso di questi anni si sono già sentiti casi isolati di ricorsi vinti da singoli docenti appellatisi proprio a questa direttiva europea, ma ora sembra che la situazione sia un poco diversa, o quantomeno questa volta include una quantità di persone maggiore.
Intanto il premier Letta ha lanciato l'idea di nominare ogni anno una capitale italiana della cultura. E la scuola, questa Cenerentola che sta scivolando pian piano nell'ordine delle notizie di secondo piano, anche perché si ripetono, quando si interviene, sempre le stesse cose e si dimenticano argomenti seri e importanti?
IN CLASSE
Il Principe della Notte
Gennaro Tedesco - 21-11-2013
Vorrei porre al centro del mio discorso simboli, miti e riti che, in modo consapevole, sono o dovrebbero essere gli elementi portanti di una didattica della Storia, ma anche della didattica generale e della Scuola e dell'Università , queste ultime come luoghi non solo istituzionali. Di recente per divulgare e approfondire per allievi di un Biennio Superiore riformato lo studio della Romania e dei Balcani mi sono servito del mito di Dracula, che consente di portare al centro dell'attenzione adolescenziale e giovanile una complessa e avvincente simbologia e un notevole livello di recondita e arcana ritualità. All'adolescente il mito di Dracula o qualunque altro mito possente e significativo, consente di ritrovare quei sentimenti profondi, che trasmessi e potenziati dal simbolismo sociale e da quello teatrale, intesi come comunicazione e azione e non come mero psicologismo, lo riavvicinano alla essenza naturale dell' uomo . La violenza, la crudeltà, la malvagità, la brutalità insite nella saga draculica, ma non solo in essa, non sono incentivi alla "Maleducazione", ma sollecitazioni a giochi profondi, a riconsiderazioni, riflessioni e rivisitazioni delle nostre emozioni.

  Newsletter precedente Newsletter successiva