Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 6 - a.s. 13/14
fuoriregistro
newsletter n. 6 - a.s. 13/14

BACHECA
Il futuro non è scritto
Manifestanti a Roma - 19-10-2013
La voglia di CAMBIARE QUESTO TEMPO non va via. Una vita degna per tutti è possibile!
Non è sempre possibile tornare indietro!
Davide e Bright - 18-10-2013
Un video per trasmettere un messaggio semplice e chiaro, che è "l'importanza di ogni gesto quotidiano". Perché nel nostro piccolo possiamo migliorare il mondo, o almeno cercare di non peggiorare.
Sciopero 18 ottobre: la scuola si ferma per tutta la giornata
Cobas Scuola - 17-10-2013
Lo sciopero generale indetto per il 18 ottobre riguarderà tutta la Pubblica Amministrazione, ma anche se si è posto l'accento soprattutto allo sciopero dei trasporti pubblici, anche il mondo della scuola si fermerà per protestare contro la politica dell'austerità imposta dal governo Letta.
leggi (1 commento/i) commenta
Professore lei è felice?
Claudio Berretta - 15-10-2013
La domanda arriva a bomba, da una mia allieva di seconda media, mentre sono seduto al tavolo della mensa con lei e la sua classe. Faccio appena in tempo a farfugliare qualcosa, che devo intervenire su un suo compagno impegnato a lanciare bucce di arancia in testa ai compagni di un'altra classe, seduti al tavolo vicino.
GALASSIA SCUOLA
Bisogni educativi o BES
di Laura Alberico - 19-10-2013
Una nuova sigla che non contempla niente di nuovo rispetto a quanto già si fa nella scuola. L'analisi dei bisogni e delle risorse individuali di ogni alunno è sempre stata una piattaforma nella quale innestare i percorsi formativi personalizzati e individualizzati che consentono di modellare, in uno specifico contesto, la didattica.
Campagna diffamatoria
di Marcella Raiola - 17-10-2013
E' iniziata la seconda campagna diffamatoria contro i docenti, per predisporre l'opinione pubblica a giustificare e, anzi, postulare l'introduzione dell'orario a 24 ore (siamo lavativi, abbiamo tre mesi di ferie, siamo privilegiati, facciamo il lavoro delle casalinghe e dei falliti) e della retribuzione "premiale" (più soldi a chi lavora anche la notte, a chi lava i cessi della scuola, a chi fa il mastino delatore dei colleghi e il tirapiedi del preside-padrone).
Formazione docenti: l'illogicità del decreto legge 104/13
di Enrico Maranzana - 15-10-2013
L'indagine sui livelli di alfabetizzazione degli italiani ha dato esiti disastrosi. Quali provvedimenti si stanno architettando per ricondurre l'istituzione scuola a livelli accettabili? In questi giorni la VII commissione cultura della camera discute di "Misure urgenti in materia di istruzione di università e ricerca". Il decreto individua l'università come ambito privilegiato per la riqualificazione del lavoro dei docenti: una scelta che ripropone gli itinerari che hanno condotto alla devastazione del settore. Chi convocherebbe dei campioni di tennis per selezionare allenatori di squadre di calcio?
Perché analfabeti?
di Claudia Fanti - 14-10-2013
In giorni come questi che vedono il nostro Mediterraneo come un'immensa bara liquida ancora di più mi dispiace immensamente che abbiano tolto lo studio della Storia fino al '900 alle elementari. E' stata la più grande delusione provata nel silenzio, anzi nel compiacimento di molti, come non si ritenessero i bambini in grado di ragionare e di riflettere...
GRANDANGOLO
Odifreddi insegna: il negazionismo non si può proibire
di Luca Telese - 19-10-2013
Provate a fare come nei giochi della Settimana Enigmistica. Se unite con una linea retta due punti - o meglio, due notizie di questi giorni - per vedere cosa apparirà, scoprirete che alle incredibile affermazioni di Piergiorgio Odifreddi sull'Olocausto - se venisse approvata la legge anti-negazionisno oggi in discussione - dovrebbe seguire il carcere. Questo piccolo gioco, quindi, la congiunzione tra due polemiche apparentemente distanti ma parallele, apre due problemi enormi. Ovvero il difficile equilibrio tra la libertà di polemizzare, anche drammaticamente, e la libertà di poter dire, anche cose poco condivisibili.
NOTIZIE DAL FRONTE
Polli, birre e larghe intese
Francesco di Lorenzo - 19-10-2013
I numeri non si possono nascondere. Se l'organico degli insegnanti è bloccato nonostante ci siano 21mila alunni in più, l'affollamento delle aule, cioè il numero alto di alunni per classe, resta identico. In sintesi, ci sono ancora le classi-pollaio. Speriamo che a qualcuno non venga in mente di proporre un 'indulto scolastico' e di chiudere per tre anni, mettiamo, una parte delle scuole italiane, magari le meno pregiate...Tra i tagli alla spesa pubblica per reperire le risorse e le coperture finanziarie che servono per mandare avanti il sistema, è una guerra combattuta a suon di intrecci e relazioni pericolose e a farne le spese sono sempre i soliti. Prendiamo i birrai: aumentare l'accisa su un prodotto di consumo come la birra sarebbe servito a finanziare gli investimenti nel settore scolastico, ma la commissione finanza, che doveva esprimere un suo parere sull'argomento proposto dal governo, ha detto di no.
IN CLASSE
Grammatica valenziale
Emanuela Cerutti - 19-10-2013
Di che cosa si tratti e a che cosa possa servire questo strumento sono stati i primi interrogativi che mi sono posta, in quanto docente di Lingua italiana, nel momento in cui qualcuno me ne ha parlato, ormai qualche anno fa. Lascio ad altri il compito di introdurre una riflessione più specifica attorno al tema, e di proporre qualche spunto simpatico e adattabile per attività da svolgere in classe. Di mio aggiungo solo un'osservazione: capire come è fatta una lingua, penetrare nella sua struttura e diventarne esperti non sono obiettivi raggiungibili attraverso un lavoro meccanico, basato sulla memorizzazione di regole da applicare in esercizi. La lingua, ma credo ogni altro oggetto conoscitivo, deve poter essere "osservata", "manipolata", "ricostruita". Mi pare che l'impostazione valenziale ben si accordi con quel fare e rifare, insieme, ipotesi e verifiche sulle espressioni che ogni giorno incontriamo o usiamo.

  Newsletter precedente Newsletter successiva