Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 31 - a.s. 12/13
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 12/05/2013
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LA SCUOLA

Siamo tutti in attesa

di Francesco Di Lorenzo
Perchè siamo contro le prove Invalsi
di Associazione Scuola Viva - Forlì
Quei pasticciacci brutti di viale Trastevere che si trova ad affrontare il ministro Carrozza
di Francesco Masala
I pois dell'ispettore
di Giuseppe Aragno

ORIZZONTI

Un appello che parla alle coscienze: la repressione incalza

di Gianluca Gabrielli
Uscire dall'Aula del racconto della storia: Andreotti e Ambrosoli
di Severo Laleo


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici


Siamo tutti in attesa
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale "Notizie dal fronte 2012-2013"

Dalla lettura delle notizie circolanti sulla scuola si evince che siamo tutti in attesa dì capire cosa succederà. Se questo governo e la sua anomala maggioranza sbatteranno contro uno scoglio e si frantumeranno, oppure se si farà finta di niente e si continueranno a prendere mezze misure che non porteranno da nessuna parte. Su questo terreno neanche i politologi più accreditati riescono a fare previsioni, quindi siamo tutti in attesa di sapere di che morte moriremo. Sì, perché nell'uno e nell'altro caso, il tempo perso, il continuo rimandare l'avvio della soluzione dei problemi, farà male a tutta la scuola. E se questa non è propriamente una morte fisica, saremo più o meno accanto o già dentro alla morte cerebrale. La nostra unica speranza è che crescano sempre di più le proteste dal basso, che lo scuotimento arrivi da chi i problemi quotidiani della scuola li vive sulla propria pelle. Il caso delle maestre di Bologna o delle mamme di Roma che protestano per il mancato tempo pieno, sono appunto ancora solo casi. Certo è che gli scontri a Napoli tra studenti e polizia, per la visita del ministro dell'Istruzione Carrozza, non sono un ottimo segnale.



Perchè siamo contro le prove Invalsi
di Associazione Scuola Viva - Forlì

In queste settimane si somministrano agli studenti, in tutti gli ordini di scuola, i test standardizzati denominati Prove Invalsi, dal nome dell'istituto che le elabora.
Come Associazione di insegnanti, genitori, studenti esprimiamo la nostra netta contrarietà nei confronti di queste prove, dovuta in particolare all'uso che se ne fa o che se ne intende fare.
Esse riguardano solo una piccola parte degli apprendimenti dei ragazzi, mentre ne restano esclusi molti altri che, almeno per quanto riguarda la sfera delle competenze linguistiche, sono anche di livello superiore.



Quei pasticciacci brutti di viale Trastevere che si trova ad affrontare il ministro Carrozza
di Francesco Masala

Qualche giorno fa Giorgio Israel scriveva così al ministro:
"...Il primo augurio che le si deve quindi fare è che riesca a esercitare pienamente la sua funzione di ministro, e a non farsi ridurre al ruolo di "re Travicello" dal prepotere di una burocrazia e di una dirigenza che ha sempre detto, neanche sottovoce, che "i ministri passano e noi restiamo"; e da enti cui è stato dato un ruolo smisurato e fuori controllo come l'Anvur, l'Invalsi e l'Indire.



I pois dell'ispettore
di Giuseppe Aragno

Statemi a sentire e datemi una risposta se vi riesce. Vediamo che idea vi siete fatti della valutazione e, per favore, non fate quella faccia. Sono discorsi all'ordine del giorno. Partiamo dalla cronaca e stiamo ai fatti. Com'è andato lo sciopero dei Cobas per boicottare il primo giorno dei test Invalsi? Non lo sapete? Ma allora non leggete l'Huffington Post! Se l'aveste letto, il 10 maggio, lo sapreste: "Invalsi, boicottaggio fallito a scuola". E' così, credeteci, basta coi dubbi e non tirate fuori la storiella dei punti di vista e del sistema di valori di riferimento. Il valore di riferimento lo decide il valutatore e se v'hanno insegnato a leggere i fatti in un contesto, se avete imparato che esistono obiettivi minimi e massimi, che si può avere i numeri contro e vincere moralmente, se state appresso alla favola di Silvio Pellico che con le "sue prigioni" costò all'Austria quanto Waterloo a Napoleone, beh, snebbiatevi il cervello e prendete atto: Pellico era un "perdente", un contestatore da tre soldi che non seppe evitare la galera. E anche con Gramsci, piantatela per favore.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Un appello che parla alle coscienze: la repressione incalza
di Gianluca Gabrielli

Car* amic*,

tra il 2008 e il 2010 in tutta Italia si sono succedute contestazioni pacifiche di massa contro i tagli e le controriforme della scuola targate Gelmini. A Bologna il 7 giugno 2010 tra le altre iniziative è stato calato uno striscione dalla torre degli Asinelli che diceva "No ai tagli" mentre ai piedi della stessa veniva esposto un altro striscione con scritto "Difendiamo la Scuola Pubblica".



Uscire dall'Aula del racconto della storia: Andreotti e Ambrosoli
di Severo Laleo

Quando uscì il film "Un eroe borghese", narrante la storia di Giorgio Ambrosoli, per proposta dei docenti di storia, si deliberò di andare al cinema con le classi quinte di un Liceo Scientifico. All'uscita, ho ancora viva la scena nel ricordo, un'alunna, commossa e, a suo modo, indignata, così mi apostrofò: "Perché non ce le dite a scuola queste cose?". Ancora inseguo una scuola a misura di quell'allieva.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


 

Brevi di cronaca
Giornalista aggredito dal vicequestore.
Corriere del Mezzogiorno - 11-05-2013
NAPOLI - Non si placano le polemiche per l'aggressione ad un cronista nel corso della manifestazione studentesca organizzata ieri, martedì, a Napoli. Il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli ha incontrato questa mattina il giornalista Carlo Maria Alfarano accompagnato dalla collega Antonella Cozzi entrambi del sito di informazione NapoliUrbanBlog. «Alfarano - si ricorda in una nota dell'Ordine - è stato aggredito martedì in via San Sebastiano da un funzionario della Questura (il vicequestore Fiorillo, ndr) mentre stava filmando una carica della polizia contro gli studenti universitari che manifestavano in occasione della visita del ministro Carrozza. Pur avendo mostrato immediatamente il tesserino dell'Ordine, Alfarano ha subito il sequestro temporaneo della telecamera e dello stesso tesserino.

[ leggi ][ commenta
Inizia la Quattro Giorni di Boicottaggio dei quiz Invalsi
Usb Pubblico Impiego - Scuola - 07-05-2013
Con la prima giornata di quiz alla scuola primaria, inizia oggi la 4 giorni di lotta della scuola contro i quiz invalsi. In tantissime scuole, numerosi colleghi stanno impugnando gli ordini illegittimi dei dirigenti che pretendono di imporre l'obbligatorietà della somministrazione e correzione dei quiz, sempre vantando un obbligo di legge, ma sempre senza essere in grado di citare quale sia la legge.
Per oggi è stato, tra l'altro, organizzato uno sciopero, proprio al fine di impedire lo svolgimento dei quiz. Ci giungono segnalazioni circa dirigenti che hanno sostituito il personale in sciopero, magari predisponendo in anticipo cambi d'orario e sostituzioni o adducendo la scusa che lo sciopero non impedisce di sorvegliare i ragazzi, guarda caso mentre compilano i quiz.

[ leggi ][ commenta
Risultanze incontro SAB e ATP di Cosenza su organici infanzia e primaria
Sindacato SAB - 06-05-2013
Con riferimento alla convocazione sindacale del 3 maggio presso l'ATP di Cosenza, dove il SAB ha partecipato con il segretario generale prof. Francesco Sola e dall'informativa ricevuta in merito agli organici dei docenti della scuola primaria e dell'infanzia, risulta chiaramente che i più penalizzati sono gli alunni disabili che si sono visti tagliare i posti di sostegno e quindi i docenti individuati perdenti posto.
In particolare, nella scuola primaria, fra le varie tipologie di sostegno (psicofisici, udito e vista), andranno in soprannumero ben 46 titolari se non saranno recuperati i posti di sostegno a Belvedere, Corigliano Guidi, Corigliano Don Bosco, Cosenza Gullo, Cosenza Spirito Santo, Diamante, Montalto Scalo, Frascineto, Paola Gentile; Rossano 1° e Rossano 4°; nell'infanzia i perdenti posto saranno 28.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Senato: approvato il Pacchetto sicurezza per Internet
Supermoney news - 11-05-2013
 software libero 
l'approvazione è passata attraverso le alleanze trasversali del nuovo governo, dal senatore D'Alia (UDC), e secondo l'emendamento approvato, qualunque cittadino che pubblichi attraverso blog, social network, Facebook, Twitter, o magazine online, messaggi che possano istigare alla violenza o alla disobbedienza, contro leggi o provvedimenti di cui è contrario, potrà essere oscurato dai provider, che dovranno bloccare il blog o il sito in questione, reo della pubblicazione, ovunque si trovi, non solo in Italia ma anche dall'Estero.

[ leggi ][ commenta
Olimpiadi nazionali Asso della Grammatica
Calogero Virzì - 09-05-2013
 comunicato 
La terza settimana di maggio la città di Catania ospiterà la fase nazionale delle Olimpiadi cooperative Asso della Grammatica. Tredici sono le regioni presenti a questa terza edizione per un totale di 490 alunni e 196 docenti di 98 scuole (elementari, medie e primo biennio superiori).

[ leggi ][ commenta
Fare più Europa S.p.A.
Mauro Artibani - 06-05-2013
 consumo 
Fare più Europa. Lo dicono in molti, pochi fanno quel che s' ha da fare per farla st' Europa. Già, ma come si fa?
Di questi tempi risulta tutto più difficile o forse, giacchè costretti, più facile. Il gioco si fa duro quando nelle palestre della politica volano sberle tra chi, senza se-senza ma, afferma la crescita senza il debito (Germania & Co) e gli altri che si stanno organizzando, con i se e i ma alla bisogna, per far spuntare una qualunque crescita.
Tra chi insomma ha trovato il modo di crescere impiegando il debito degli altri e chi, per poter ridurre quel debito, ha smesso di crescere.
Personaggi ed interpreti: i primi producono più di quanto consumano, i secondi, al contrario, consumano più di quanto producono. Fin ieri i primi hanno fatto affari, con merci competitive vendendo ai secondi che, per acquistare, hanno fatto debiti.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Rassegna.it
Un sito d'informazione quotidiana su lavoro, politica ed economia sociale in rete dal 1999, per iniziativa della cooperativa di giornalisti Edit Coop e dell'allora direttore Renato D'Agostini.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva