Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 29 - a.s. 12/13
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 28/04/2013
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LA SCUOLA

Pedagogicamente scorretti e non solo

di Francesco Di Lorenzo
La scuola, il neoliberismo e il referendum di Bologna
di Mauro Boarelli
Sì al test, ma... nei limiti oggettivi che lo caratterizzano
di Maurizio Tiriticco

ORIZZONTI

L'educazione è la nemica della saggezza...

di Cosimo De Nitto
Guerra alla dispersione
di Claudia Fanti
Il senso di appartenenza
di Laura Alberico


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici


Pedagogicamente scorretti e non solo
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale 'Notizie dal fronte' 2012-2013

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la possibilità delle scuole di assumere direttamente gli insegnanti, come voleva introdurre surrettiziamente nel nostro sistema la regione Lombardia. Giocare con l'autonomia delle regioni per conquistare fettine di potere, proprio quando si parla di scuola, è scorretto in sé e, soprattutto, è scorretto pedagogicamente. Si parlava una volta di una norma che imponeva a tutte le leggi, le circolari, gli atti concernenti la scuola, di aderire al principio di essere pedagogicamente corretti. Ci si doveva assicurare cioè che ogni singolo atto fosse compatibile con l'idea di insegnamento, che non contrastasse con il guidare, l'accompagnare il discente e rappresentasse un 'esempio'. Chissà tale norma dove è andata a finire. Certo che rappresentare l'autonomia come scorciatoia per far quello che si vuole - fare i furbetti - non sarebbe stato (e non è) un grandissimo esempio.



La scuola, il neoliberismo e il referendum di Bologna
di Mauro Boarelli

A Bologna, alla fine di maggio, i cittadini saranno chiamati a votare per un referendum consultivo sulla scuola dell'infanzia. Dovranno esprimersi sul finanziamento di un milione di euro all'anno alle scuole private da parte del Comune, scegliendo tra il suo mantenimento o la sua abolizione.
Si tratta di una scadenza che non riguarda solo Bologna, e non riguarda solo la scuola dell'infanzia. Se ci allontaniamo per un momento dall'oggetto del referendum possiamo comprenderne meglio la portata.
Il finanziamento pubblico alla scuola privata ha il suo teorico più illustre nell'economista statunitense Milton Friedman, il principale esponente della "scuola di Chicago", le cui strategie economiche liberiste hanno influenzato le politiche di Margaret Thatcher e Ronald Reagan (e anche di Pinochet).
Friedman non si preoccupa di analizzare i rischi che la proliferazione di scuole private può provocare in termini di limitazione e condizionamento della conoscenza, né di valutare cosa comporti la riduzione delle scuole pubbliche dal punto di vista della costruzione della cittadinanza, anzi, fugge letteralmente di fronte al problema.



Sì al test, ma... nei limiti oggettivi che lo caratterizzano
di Maurizio Tiriticco

non è affatto detto che una prova Invalsi sia in grado di dare il coefficiente di produttività di una classe di alunni. Può dirci soltanto se il pensiero convergente di un alunno è in grado di operare correttamente su determinati dati. E non potremmo mai dire che un alunno "non conosce", se non ricorda la data della battaglia di Zama. Perché può darsi che sappia tutto dell'importanza delle guerre puniche, ma non ricordare quel fatidico 202 a.C.! Potremmo allora dargli zero in storia? E poi gli elefanti schierati da Annibale saranno stati veramente 80? Una data! Un numero! Sono sufficienti per promuovere o per bocciare?
Voglio sperare che il nuovo ministro faccia un po' di chiarezza sui compiti dell'Invalsi e sui limiti "oggettivi" delle prove "imposte" alle scuole! Mah!!! Ormai sono anni che mi auguro la nomina di un ministro di alto profilo, all'altezza di una situazione difficile e complessa! Ma non sono mai ascoltato!!! Vogliamo sperare? Mah!!!

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


L'educazione è la nemica della saggezza...
di Cosimo De Nitto

La cosa che più colpisce nella parte del documento dei "saggi" dedicata alla scuola è il linguaggio. Un perfetto euroburocratese. Sembra di leggere un brano dei vari documenti, "raccomandazioni", analisi che l'euroburocrazia dedica alla scuola.
E' un fatto positivo che si siano ricordati della scuola (di questi tempi), ma sono, a mio avviso, estremamente limitati, riduttivi, privi di un orizzonte progettuale i termini in cui l'hanno fatto.
D'altronde se chiamano a scrivere di scuola economisti o comunque esperti che adottano come unico approccio quello economicistico cosa ci si può aspettare d'altro se non parole-concetti-paradigmi come: produttività, capitale umano, performance, filiera, sostenibilità, (economica), ecc?
Che l'approccio sia economicistico lo dimostrano gli interventi a breve termine (ma come si fa a concepire un breve termine se non inserito in una visione strategica a "lungo termine"?) suggeriti: abbandono scolastico, merito, salute, digitale.



Guerra alla dispersione
di Claudia Fanti

Ancora una volta sosterrò che nulla può portare alla guerra contro la dispersione se non un'attenzione totale ai soggetti, a una reale personalizzazione fatta di gesti, parole e collaborazione in relazione e in apprendimento, e non di piani scritti e poi lasciati morti sulla carta. Ma la personalizzazione va pensata tenendo in massima considerazione il soggetto dentro la collettività nella quale vive. Infatti non ha senso nella scuola fingere che le relazioni fra pari siano ininfluenti all'apprendimento e alla costruzione della propria personalità.



Il senso di appartenenza
di Laura Alberico

L'anniversario della liberazione mi fa riflettere sul suo intrinseco significato e su come lo stesso sia diventato un simbolo, per molti, privo di valore. . Nel corso degli anni le ricorrenze storiche sono guardate con occhi miopi in nome della superficialità che contraddistingue il consumismo del "tutto e subito" o del " qui e ora" . Difficile poter interpretare e riconoscere il passato se in questo periodo storico il senso di appartenenza e di identità viene ogni giorno calpestato dalle ingiustizie sociali, dall'impoverimento progressivo delle risorse individuali e della collettività. La memoria insegna a coltivare il ricordo, a ricollocare nella giusta posizione quegli ideali che hanno indicato la strada da percorrere nel nome della giustizia di un popolo intero. È necessario che le radici possano ritrovare la loro dimora in un terreno fertile perché come diceva De Andre' in una sua canzone " dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori". In una società di " riflesso" brillano troppe luci e, spesso, non nascono mai dal profondo dell'Io per illuminare la memoria e renderle giustizia.

[ commenta ] [ sommario


 

Brevi di cronaca
Precari: i docenti della scuola pubblica possono essere assunti solo dallo Stato
Mnews.it - 27-04-2013
I docenti della scuola pubblica possono essere assunti solo dallo Stato: a stabilirlo è la Corte Costituzionale, che bocciando l'articolo 8 della legge n.2/2012 della Lombardia ha accolto il ricorso presentato il 19 giugno scorso dalla Presidenza del Consiglio - Dipartimento per gli Affari Regionali - per rigettare il tentativo dell'ex Giunta Formigoni di rivendicare la piena applicazione del Titolo V della Costituzione, al fine di porre in capo alle Regioni la responsabilità della gestione del sistema scolastico e degli organici.

[ leggi ][ commenta
Prove Invalsi e dintorni ...
Oltrescuola - 26-04-2013
Un documento nato con l'intento di avviare all'interno del nostro istituto un dibattito ed un positivo confronto in merito alle prove Invalsi.
Lo scorso anno, infatti, la decisione di somministrare le prove non è stata preceduta da alcuna riflessione all'interno dei dipartimenti ed è stata frettolosamente risolta, da un punto di vista finanziario, quando ormai la contrattazione d'istituto si era già conclusa.
Ritenendo che il collegio debba esprimersi in merito alle questioni della valutazione oltre che della didattica, intendiamo quindi avviare una riflessione al fine di arrivare nel collegio che dovrà esprimersi in merito, ad una presa di posizione più chiara, consapevole e il più possibile condivisa.

[ leggi ][ commenta
Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi
Sindacato SAB - 24-04-2013
La Commissione per l'accesso ai documenti amministrativi, che è stata istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 1991 a seguito dell'entrata in vigore della legge 7 agosto 1990, n. 241 sul procedimento amministrativo, è l'organismo preposto alla vigilanza sull'attuazione del principio della piena conoscibilità e trasparenza dell'attività della pubblica amministrazione, al quale possono rivolgersi privati cittadini e pubbliche amministrazioni avverso le determinazioni (diniego, espresso o tacito, o differimento dell'accesso) concernenti il diritto di accesso adottate dalle amministrazioni statali o dai soggetti a esse equiparati operanti in ambito ultraregionale. Così è successo a Rende...

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
28 aprile: Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro
Giocondo Talamonti - 27-04-2013
 comunicato 
La piaga degli incidenti sul lavoro va combattuta attraverso la cultura della sicurezza con comportamenti rispettosi della gestione delle macchine, dei percorsi produttivi e delle mansioni inerenti il proprio lavoro. E' dal comportamento di ciascuno che scaturiscono le condizioni di sicurezza collettiva.
La Cultura della sicurezza si acquisisce sui banchi di scuola, si fortifica con la formazione continua e si matura con la quotidianità.

[ leggi ][ commenta
Accidenti, è finito il 900
Mauro Artibani - 24-04-2013
 consumo 
Essì Signori, finisce il '900, finisce la cruda dialettica tra capitale e lavoro, quel braccio di ferro che ha squinternato il mondo dove sono state achittate ideologie economiche, quella Liberale e quella Socialista, per fornire ragioni ai contendenti; gruppi politici per rappresentarle: la destra e la sinistra.
Oggi viene dichiarata la pace; un patto di pace. Tutti sembrano crederci ...Vicenda vecchia quella di un capitalismo che si rifà il trucco senza spostare di una virgola i problemi che lo attanagliano.

[ leggi ][ commenta
Il ricompattamento del sistema nel segno di Napolitano
Lucio Garofalo - 22-04-2013
 opinione 
La rielezione di Giorgio Napolitano, al di là dei limiti anagrafici, era la migliore garanzia politica per il capitale finanziario internazionale. In fin dei conti è lui che ha messo a capo del governo il proconsole delle banche, garantendo quella maggioranza necessaria a far passare i provvedimenti di macelleria sociale varati da Monti. Ma, nelle condizioni date, la sua riconferma poteva essere presentata solo come necessità da ultima risorsa.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Educa.RE
Il Progetto è ideato e promosso da CTS - Centro Turistico Studentesco e Giovanile, in collaborazione con Associazione Carta Giovani e cofinanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Obiettivo del progetto è valorizzare e promuovere il turismo sostenibile e responsabile tra giovani ed operatori CTS attraverso attività di educazione e formazione, per colmare il gap ancora esistente tra dibattito etico-ambientale e comportamenti turistici.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva