Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 23 - a.s. 12/13
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 03/03/2013
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LA SCUOLA

Soluzioni possibili e impossibili

di Francesco Di Lorenzo
Tu vuò fa L'Americano...ma si nato in Italy
di Cosimo De Nitto
La scuola ha una febbre da cavallo. Curiamola!
di Enrico Maranzana


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici


Soluzioni possibili e impossibili
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale "Notizie dal fronte 2012-2013"

Che ci sia una situazione di stallo per la scuola, è innegabile. Che queste elezioni abbiamo segnalato ed indicato alcune strade o direzioni da prendere, è evidente. Il problema è capire nelle prossime settimane cosa succederà. E soprattutto ci sarà da capire quale ruolo avrà il 'problema scuola' nelle idee, nei propositi, nelle intenzioni di chi governerà. Ma chi?

Dobbiamo dire però che, paradossalmente, partiamo avvantaggiati. Peggio dei governi di centro-destra e della continuità, più reale che dichiarata, espressa dall'ultimo governo dei tecnici, umanamente non si può fare. Oddio, è anche vero che al peggio non c'è mai fine, ma speriamo ci venga risparmiato almeno questo ultimo possibile affondo.

Così, mentre la scienziata del Cern Fabiola Gianotti, dichiara che è un suicidio non investire nella ricerca, nell'arte e nella conoscenza di base, diciamo direttamente nella scuola, si apprende che anche gli insegnanti, come tutti i dipendenti statali, non avranno il rinnovo del contratto di lavoro scaduto ormai da tempo. Cioè, in soldoni, nella scuola si continua a tagliare chiedendo sacrifici non più sopportabili, mentre si continua a non indicare una qualsiasi ipotesi di riscatto, di sviluppo, di futuro per la ricerca e per la conoscenza. Solo che in questo modo (come se ce fosse bisogno) viene ancora una volta confermata l'inutilità dei tagli, poiché nonostante negli ultimi anni i dipendenti siano diminuiti, la spesa continua a salire. Allora qualcosa non va, gli sprechi, è evidente, ci sono, ma da qualche altra parte. Però si continua a far finta di no.



Tu vuò fa L'Americano...ma si nato in Italy
di Cosimo De Nitto

Leggendo l'articolo "SCUOLA - Lo stratagemma dell'astuto Bertoldo piace a (certi) cattolici e alla Cgil" di Giovanni Cominelli mi è venuto di fare le seguenti schematiche riflessioni.


1) L'articolista fa un'analisi delle correnti culturali, filosofiche, pedagogiche che hanno influenzato e in-formato il sistema scolastico italiano statale. Croce, Gentile, il personalismo cristiano, l'umanesimo marxista, filoni che caratterizzano la radice e l'identità culturale del nostro paese e ne costituiscono una sorta di marchio di made in Italy, spesso studiato all'estero, talvolta apprezzato, in qualche caso tenuto presente nelle riforme dei sistemi formativi di quei paesi. Buttarli a mare? Come dire agli anglosassoni di buttare al mare le loro radici pragmatistiche, Dewey, ecc. e tutta una loro tradizione che ne ha caratterizzato finora la cultura, la scienza, la filosofia, gli orientamenti pedagogici.
La "tradizione", l'identità storica, non si butta al mare. Si arricchisce, se ne ampliano i confini, se ne aggiornano aspetti e modalità, la si "fallibilizza", se ne cambiano aspetti, si contamina se si ritiene, certo. Ma non si butta al mare.
Trapiantare modelli che sono assai distanti dalla tradizione e dai filoni culturali che la caratterizzano farebbe cantare al compianto Carosone "Tu vuò fa L'Americano"...ma si' nato in Italy.



La scuola ha una febbre da cavallo. Curiamola!
di Enrico Maranzana

Eugène N. Marais ha investito la sua vita nell'osservazione delle formiche bianche. Sorprendente la sua sintesi: Il termitaio è l'essere vivente. Le termiti, raggruppate rispetto alla loro specializzazione, costituiscono gli organi dell'animale.
Una seconda, significativa informazione è presente nel resoconto della sua attività: l'intero formicaio scompare se la regina viene soppressa.
L'analogia col mondo scolastico è molto, molto stretta:
la scuola è un complesso unitario, finalizzato, che interagisce con l'ambiente in cui é immerso, composto da parti sinergicamente collegate.
Si tratta della concezione veicolata dalla nomenclatura utilizzata dalla legge: non più "scuola" ma "SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E DI FORMAZIONE".
il preside dirige e coordina le attività dell'istituzione: funzioni essenziali per la vita e l'efficacia del servizio scolastico. Le sue attribuzioni riguardano, primariamente, la stesura degli ordini del giorno degli organismi collegiali. In tal modo, vincolando la loro attività, li obbliga ad assumere le responsabilità previste dal mandato loro conferito.
Il dirigente scolastico indica COSA deve essere fatto e l'organismo collegiale elabora e indica COME conseguire il risultato. In base a tali proposizioni è stato messo a punto un termometro, sotto forma di questionario, per rilevare lo stato di salute di una scuola.



 

Sponde
Il Maresciallo dei RR. CC.
Redazione - 02-03-2013
 mappamondo 
E' difficile dubitarne: l'esito delle elezioni politiche è uno di quegli eventi di cui si parlerà nei libri di storia. Oggi, a caldo, mentre il Paese, scosso, si interroga sul suo futuro, i riflettori si accendono sul "nuovo" e la valanga sembra giungere inattesa, imprevedibile e tutto sommato slegata dalle radici storiche della Repubblica. Probabilmente, quando il tempo lo consentirà, un filo rosso che lega passato e predente emergerà e il punto focale della discussione non sembrerà più il cambiamento che si prospetta, ma il rinnovamento che non c'è stato quando poteva e doveva esserci. Oggi prevale l'idea che siamo al salto nel buio e il Movimento di Grillo sembra sbucare dal nulla. A ben vedere però, i meriti del "nuovo" terminano là dove iniziano le gravi responsabilità del vecchio. In questo senso, il naufragio della sinistra italiana appare davvero storico e inquieta molto più dell'avanzata tutt'altro che imprevedibile di una rabbia che per fortuna non è sfociata in rivolta e si indirizza ancora su una via istituzionale.

[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
Annullato il dimensionamento scolastico
Sindacato SAB - 02-03-2013
la Giunta Regionale della Regione Calabria ha recepito la sentenza del Consiglio di Stato n. 110/2013 che ha annullato il precedente dimensionamento delle scuole dell'obbligo del Comune di Castrovillari che aveva trasformato le due direzioni didattiche e la scuola media "E. de Nicola" in istituti comprensivi.
Al Consiglio di Stato si erano rivolti alcuni genitori che avevano iscritto i propri figli a una delle scuole funzionanti nel comune di Castrovillari, salvo dopo vederseli assegnati ad altre scuole, da qui il ricorso al TAR della Calabria prima e al Consiglio di Stato dopo che accoglieva le rimostranze dei genitori.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
L'infame stroncatura governativa a Bari
Pasquale Piergiovanni - 01-03-2013
 storie 
"Onde por termine ad una incresciosa situazione determinatasi in Bari ad opera di elementi sovversivi che - muovendosi dalla Camera Sindacale del Lavoro - turbavano la tranquillità cittadina con spari ed altre esplosioni, trovando poi comodo rifugiarsi in Bari vecchia, l'autorità politica stabilì di fare occupare militarmente i locali della Camera del Lavoro ed altri punti della città vecchia. L'operazione è stata effettuata dall'autorità di P.S. di concerto con l'autorità militare; ha avuto inizio alle 4 di stamani ed è terminata alle 8 senza nessun incidente. Nel porto prestano servizio di P.S. la torpediniera "Airone" della Regia Marina. Sono state sequestrate armi e arrestati 20 sovversivi"

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Occhio Pinocchio
Qui l'Occhio è il protagonista di una campagna di sensibilizzazione che, con il suo amico Pinocchio, dice falso al falso e vero al vero per il benessere della vista. Bausch+Lomb, da sempre dedicata alla protezione e al miglioramento della vista per milioni di persone in tutto il mondo, insieme alla Fondazione Nazionale Carlo Collodi, organizza in quest'ambito una Gara Creativa sui temi dell'educazione ad una corretta igiene oculare. Le Scuole Primarie che desiderano aderire a questo progetto avranno a disposizione un kit didattico completamente gratuito, ricco di spunti e materiali per coinvolgere i loro alunni.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva