Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 15 - a.s. 12/13
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 16/12/2012
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LA SCUOLA

Groviera

di Emanuela Cerutti
Le comiche finali
di Cosimo Scarinzi
L'accordo sulla produttività nella scuola è già una realtà
di Marco Barone

ORIZZONTI

1944: CNR Scuola

di Giuseppe Aragno
La priorità è il governo democratico della scuola
di Corrado Mauceri
Per il merito due più due fa cinque?
di Enrico Maranzana


QUESTA E' L'ULTIMA NEWS 2012.
AUGURIAMO A LETTRICI E LETTORI UNA BUONA FINE ANNO
E UN INIZIO MIGLIORE PER IL 2013.
LO SPAZIO WEB
RIMARRA' COME SEMPRE APERTO
A EVENTUALI COMMENTI O CONTRIBUTI.
ARRIVEDERCI A GENNAIO!
LA REDAZIONE


Groviera
di Emanuela Cerutti

Mariangela non sa se ridere o piangere.
- Resto di certo fino a Natale.
Terza fascia, posizione non ottimale nella classifica precaria, è arrivata a novembre in una scuola impensata, e le è piaciuta.
Ripete:
- Potessi non me ne andrei.
Ma è sufficientemente realista per non farsi illusioni.
- Fino all'avente diritto. Poi usciranno le benedette graduatorie definitive e sarà quel che sarà.



Le comiche finali
di Cosimo Scarinzi

"Oggetto: Graduatorie di istituto del personale docente - Pubblicazione graduatorie.

In attesa della risoluzione di alcuni problemi tecnici legati alla pubblicazione delle graduatorie di cui all'oggetto, si invitano gli uffici in indirizzo a dare disposizioni affinché nel frattempo le stesse non vengano utilizzate
"

In altri termini, graduatorie pubblicate con un ritardo incredibile sono SBAGLIATE.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


L'accordo sulla produttività nella scuola è già una realtà
di Marco Barone

E' stato firmato da Cisl, Uil, Snals e Gilda il 12 .12.12 alle ore 21.45 presso l'Aran l'accordo che riguarda il come reperire le risorse in tema di scatti di anzianità per il solo personale assunto a tempo indeterminato nella scuola. Quello precario, nonostante i dettati comunitari e la giurisprudenza affermata, ancora una volta sembra essere escluso.
Si attinge sempre dai fondi destinati alla scuola, non si attinge invece, come era auspicabile, da altre risorse che pure esistono.
Mi soffermo però su una questione specifica che è trattata come promemoria per il futuro contratto che verrà, che riguarda la produttività nella scuola.



1944: CNR Scuola
di Giuseppe Aragno

E' un foglio di carta povera e quasi trasparente. Quattro facciate fitte di stampa in una sorta di velo piegato in due, ma non saprei fare meglio e conviene riportarlo com'è. La lezione potrebbe tornare utile ai "tecnici professori" che sanno forse d'economia, ma zoppicano vistosamente se il discorso cade sulla storia e su una sua moderna filosofia.
"Il governo - spiega il giornale - intuì che l'istruzione è la vera liberatrice dell'uomo e lo rende conscio dei doveri, del diritti, delle sue fondamentali rivendicazioni; chi teme il popolo, vuole il gregge, la folla da sfruttare [...]. Per traviare l'opinione pubblica tarpa le ali al libero insegnamento, lo soggioga, lo vuole dominare [...] e produce perciò una costituzione sociale, fondata solo sulla potenza del denaro".



La priorità è il governo democratico della scuola
di Corrado Mauceri

La "pensata" del Governo dei Professori di prevedere un aumento a 24 ore dell'orario di lezione del personale docente della scuola secondaria è stata dal Parlamento (vista la prossimità delle elezioni) tolta di mezzo, anche se la scuola subirà ugualmente tagli alla spesa in misura equivalente.
Difatti l'idea di fare cassa sulla scuola statale non è stata per niente superata. La scuola non è più un impegno primario dello Stato; ma soprattutto l'istruzione scolastica non è più considerata una funzione istituzionale dello Stato, è un servizio pubblico che può essere gestito indifferentemente o da scuole statali, organizzate però con i criteri privatistici delle aziende o da scuole paritarie (in gran parte confessionali) alle quali si riconosce la stessa funzione di servizio pubblico e che pertanto hanno diritto ad essere finanziate anche dallo Stato, Regioni e Comuni.



Per il merito due più due fa cinque?
di Enrico Maranzana

I politici e gli esperti che auspicano l'introduzione del merito nella scuola hanno commesso un errore: hanno elaborato la loro proposta senza tener conto della natura del servizio scolastico.
Essi considerano i premi e la competizione come leve essenziali per l'innalzamento della qualità del servizio.
Un'idea assurda, traslata acriticamente dal mondo economico: i meccanismi di precisione che governano la gestione scolastica sono calpestati, l'oggetto dei mandato conferito alle scuole è banalizzato, la funzione docente è umiliata.



 

Brevi di cronaca
Stipendi ai precari della scuola: il Ministero si muove, forse tardi...
Cub Scuola, Università e Ricerca - 13-12-2012
Dopo che da settembre migliaia di insegnanti precari non ricevono lo stipendio, dopo che la CUB Scuola Università e ricerca ha sollevato il caso e organizzato diffide e ricorsi, il ministero scopre il problema e, in data 6 dicembre, manda istruzioni alle scuole per "risolvere" questa situazione allucinante.

[ leggi ][ commenta
Grecia, neonazismo quotidiano
Osservatorio sui Balcani - 11-12-2012
Già a ottobre i greci hanno assistito alla minacciosa richiesta del deputato di Alba dorata Ilias Panaghiotaro, dai banchi del Parlamento, di avere dati precisi sulla presenza di bambini stranieri negli asili nido e nelle scuole materne. Mentre un altro parlamentare di Chrysì Avghì, Antonis Gregos, annunciava "visite mirate" di membri del partito nelle scuole per vedere se i programmi d'insegnamento si uniformano al triplice motto "Dio, Patria, Famiglia". Suscitando sinistri ricordi nei più anziani che hanno vissuto gli anni dell'occupazione nazista e delle varie dittature che hanno insanguinato l'Ellade nel ventesimo secolo.

[ leggi ][ commenta
Bimbi a scuola al freddo con i cappotti
Il Mattino - 10-12-2012
NAPOLI - Sono diverse le scuole ancora senza riscaldamenti, centinaia i bambini costretti a stare in classe con i cappotti. Le proteste dei genitori e dei dirigenti scolastici sono arrivate in Comune che però rassicura che da domani il servizio partirà in tutti gli istituti.
A confermarlo è l'assessore al Patrimonio del Comune, Bernardino Tuccillo. I genitori, gli insegnanti e i dirigenti scolastici negli ultimi due giorni hanno tempestato di telefonate l'assessorato al Patrimonio chiedendo informazioni e rassicurazioni sull'accensione dei riscaldamenti. Migliaia di bambini infatti sono rimasti al gelo proprio nei primi giorni di grande freddo.

[ leggi ][ commenta
Il Tribunale conferma: senza nulla osta sindacale le RSU non si spostano
Sindacato SAB - 12-12-2012
Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Castrovillari, con ordinanza emessa su ricorso del sindacato SAB, accoglie il medesimo e per gli effetti dichiara antisindacale il comportamento dell'ATP di Cosenza che ha proceduto a spostare le RSU del SAB dalle scuole dov'erano state elette senza il preventivo nulla osta sindacale e, per l'effetto, ne ordina la rimozione degli effetti, con la condanna al pagamento delle spese del procedimento pari a 1.000,00 euro, oltre iva e cpa come per legge.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Cittadinanza per i senegalesi feriti
Change.org - 15-12-2012
 appelli 
Il 13 dicembre 2011 in Piazza Dalmazia a Firenze furono assassinati Modou Samb e Mor Diop; furono feriti in modo grave Sougou Mor, Mbengue Cheike e Moustapha Dieng (che non potrà più essere autosufficiente). Ad un anno di distanza vogliamo con questa petizione fare una proposta che dia il via ad un clima diverso...

[ leggi ][ commenta
La crisi che mette in crisi l'Eurozona
Mauro Artibani - 12-12-2012
 consumo 
Quelli di Eurostat ci rammentano come in Europa già 119,6 milioni di persone erano minacciate di poverta' o di esclusione sociale nel 2011: ossia il 24,2% della popolazione contro il 23,4% nel 2010 e il 23,5% nel 2008. Fra le "privazioni importanti" quei grandissimi statistici annoverano ''la difficolta' a pagare affitto, a riscaldarsi, ad acquistare carne" e '' le limitate risorse familiari da lavoro''.

[ leggi ][ commenta
Chi fa le leggi?
Gianni Zappoli - 11-12-2012
 ritratti 
Chi pensa e scrive le leggi? Operai, lavoratori, avvocati , mantenuti, condannati o persone oneste? Il risultato cambia di molto.
Ieri le hanno scritte i lavoratori, oggi....oggi abbiamo questa immagine su cui riflettere ...

[ leggi ][ commenta
La voce felice
Maria Massa - 10-12-2012
 comunicato 
Il Progetto "LA VOCE FELICE", iniziato nei primi giorni di Ottobre, presso la Scuola "Maria Cristina di Savoia" di Napoli, con il Partenariato dell'Associazione DIVA (Didattica Integrata Voce Artistica), vede coinvolti, con entusiasmo, circa 70 bambini della Scuola Primaria, in attività ludiche, ritmico, corporeo ed espressive.
Le attività mirano ad un'azione globale sulla persona e sull'ambiente che circonda il bambino, sia familiare che scolastico, per realizzare lo "star bene" inteso in tutte le sue manifestazioni.
Per questo motivo sono stati previsti, in aggiunta alle attività laboratoriali con cadenza settimanale, rivolti ai bambini, interventi formativi per docenti e genitori.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Arkeomania
Questa pubblicazione si propone di sensibilizzare le nuove generazioni ai temi dell'archeologia e, in genere, dei beni culturali, di cui è così ricca la Sicilia.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva