Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 4 - a.s. 07/08
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 14/10/2007
raccontiscaffali

Sommario

A PROPOSITO DI WELFARE

Votandonio

di Doriana Goracci
Il ministro della mala vita
di Giuseppe Aragno

DENTRO LA SCUOLA

Il merito

di Marino Bocchi
Esami di riparazione
di Dire Giovani
Quiz per un futuro
di Carla Andreolini

PIAZZE E PALAZZI

Il contratto del nostro scontento

di Cosimo Scarinzi Cub Piemonte
Attacco alla libertà di insegnamento
di Corrado Mauceri
Una prima vittoria
di Giuseppe Tuozzo

SCRITTURE BAMBINE

Music Slam

di Associazione Cuore e Parole


Consulta qui altre rassegne

Votandonio
di Doriana Goracci

Sembra che una gran voglia ha portato a votare migliaia di lavoratori per il Welfare, lavoratori avete sentito bene. Io che non ci capisco niente, penso che molti hanno pensato di risparmiarsi una bella manciata di giornate di sciopero. Alcuni, quelli dei piani di sopra, in alto per capirci, esultano e si fregano le mani, mentre altri ricominciano a dire che che non ci stanno, non è vero, non è giusto questo voto. Siccome tanti lavoratori con il contratto fermo o che non ce l'hanno mai avuto non hanno votato, ecco che gli si fornisce un'occasione vicinissima nel tempo, meno di una settimana e si vota.
Accontenteranno questi incontenibili vogliosi. Non si fanno divieti, neanche ai minori.
Ma cosa hanno votato e chi?



Il ministro della mala vita
di Giuseppe Aragno

Oggi, ancora una volta, un governo deciso a salvaguardare i redditi, le rendite e i dividendi delle classi dirigenti, strombazza dalle televisioni più o meno irreggimentate, i risultati di un referendum sindacale che stracciano le più rosee aspettative del padronato, annichiliscono le maggioranze bulgare e ci proponongono, nell'apparente compattezza dei sì, un'immagine paurosamente disgregata e sostanzialmente falsa d'un paese indecifrabile, d'una classe lavoratrice ripresa attraverso lo specchio deformante di un voto che, a leggerlo, richiama alla mente Salvemini, Giolitti e il ministro della mala vita. Un voto che ha escluso i precari e i disoccupati e nasce dalla paura di una destra di cui la sinistra è perfetta supplente.
Contro il ministro della malavita, nella mia Napoli fatta a pezzi dalla cecità del centro sinistra, rompendo con le appartenenze, schierandosi allo stesso tempo con i lavoratori della la Fiat e dell'Alenia e con gli innumerevoli compagni esclusi dal voto per misura profilattica, 932 dei mille operai della Fincantieri, pari al 92 % dei votanti, hanno risposto "no" a governo e sindacato. Un no che fa a pugni con la limpida vittoria del sì ed è la chiave di lettura d'un inganno durato anche troppo. Nella dottrina politica che gli inglesi chiamano liberalismo e che il nostro governo scimmiotta, dire democrazia vuol dire sostenere i diritti delle classi subalterne contro i privilegi di quelle dominanti. Non c'è bisogno di Marx, per leggere in quello che accade i rischi d'una involuzione autoritaria. E non basta alzare la bandiera dell'interesse delle classi deboli, per dire di essere democratici.

[ leggi (4 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Il merito
di Marino Bocchi

Credo che tutti conveniamo sul fatto che sia piuttosto arduo distinguere, in assoluto, il "vero" dal "falso", in questo come in tutti gli altri ambiti del "giudizio", posto che ogni epoca e ogni cultura hanno elaborato i loro propri criteri. E qui si pone la domanda cruciale: puo' un insegnante valutare secondo criteri di "merito" che non corrispondano a quelli della cultura dominante, delle "mode", del quadro storico-sociale in cui vive? Puo' un insegnante, per esempio, ritenere che non sia un vero motivo di merito il comportamento dello studente che si omologa ai precetti attuali che gli richiedono di essere ambizioso, competitivo, insomma, "vincente"? Orientando quindi il suo stile cognitivo, il suo orizzonte mentale in direzione della logica liberista dell'Homo homini lupus?

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Esami di riparazione
di Dire Giovani

Ci giungono in Redazione richieste di informazioni su possibili controproposte alla reintroduzione degli esami di riparazione voluta da Fioroni. Nell'aprire volentieri uno spazio di dibattito sul tema, proponiamo di ascoltare la voce degli studenti, indubbiamente parti in causa con dovere di precedenza! - Red

Il no degli studenti

ROMA - Studenti italiani furibondi. La proposta del ministro della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni, di reintrodurre gli esami di riparazione nei licei non è andata affatto giù ai giovani italiani che il prossimo 12 ottobre scenderanno in piazza con una grande mobilitazione di protesta.

Decisamente contrarie le associazioni di settore. "Ribadiamo la nostra assoluta contrarietà rispetto alla reintroduzione dell'esame di riparazione. Anzi siamo esterrefatti di aver trovato questa notizia sul sito del ministero senza essere stati prima consultati".

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Quiz per un futuro
di Carla Andreolini

A proposito di numero chiuso all'Università e di test d'ammissione

Esempio: ammissione al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia

Sicuramente non tutti abbiamo le qualità per fare il medico!
Ma metto in discussione le modalità utilizzate per decidere chi può accedere al corso di laurea e chi no!
Ho visto le prove di ammissione di questo anno, ho guardato in particolare i quesiti di Biologia (materia che insegno al liceo ); li ho trovati non significativi ... sia per come sono stati formulati che per l'oggetto del controllo!
A proposito della formulazione: da anni per la valutazione dell'apprendimento faccio ricorso anche a test strutturati, costituiti cioè da domande a risposta chiusa; pertanto le mie considerazioni non sono falsate dal pre-giudizio negativo, molto diffuso tra gli insegnanti, nei confronti di questa tipologia di test.
Non si tratta di quiz alla Mike Buongiorno, bensì di quesiti costruiti in modo da verificare il raggiungimento degli obiettivi perseguiti (siano cioè VALIDI).
Sono test che non vanno bene per tutti gli obiettivi (ad esempio non consentono di controllare in modo adeguato lo sviluppo delle capacità espressive) ma vanno benissimo per molti altri obiettivi , a patto che siano ben costruiti ( c'è molta letteratura su questo tema alla quale ricorrere per imparare a formularli ) e siano validi, cioè coerenti con ciò che si intende valutare.
Ora come sono i quesiti del test d'ammissione alla facoltà di medicina che ho avuto modo di vedere?



Il contratto del nostro scontento
di Cosimo Scarinzi Cub Piemonte

Sciopero generale il 9 novembre

All'alba di domenica 7 ottobre, stanchi ma soddisfatti, i sindacati concertativi ed il governo hanno firmato il contratto della scuola.
Dopo 22 mesi di ritardo rispetto alla scadenza del contratto precedente, i nostri eroi ci hanno concesso, in media, la cifra netta di 70 EURO PER I DOCENTI E POCO PIU' DI 50 PER GLI ATA.
Nei fatti non si recupera lontanamente quanto abbiamo perso nel biennio passato grazie
all'inflazione. Verifichiamo, per l'ennesima volta, come
i contratti, all'epoca della concertazione, si sono ridotti ad una scala mobile guasta e al rallentatore.
Per fare ingoiare l'accordo e per farsi gioco dell'opinione pubblica diffondono i dati sugli aumenti retributivi lordi, peccato che beni e servizi si paghino con lo stipendio netto.

Se poi guardiamo gli arretrati scopriamo che, con un'anzianità media (15/20 anni) ...




Attacco alla libertà di insegnamento
di Corrado Mauceri

Nei giorni scorsi la Camera dei Deputati ha approvato la conversione in legge del D.L. n. 147 del 7/09/07 "Disposizioni urgenti per l'avvio dell'anno scolastico 2007-08"; mentre scriviamo queste brevi note, il ddl è passato al Senato e si deve ritenere che sarà rapidamente approvato.
L'art. 2 del decreto riguarda la modifica delle norme del Testo unico n. 297/94. ( Artt.468- 469- 503e 509) concernenti i procedimenti disciplinari e cautelari nei confronti dei docenti; tale norma tra l'altro prevede:
a) la trasformazione del parere "parzialmente vincolante" (nel senso che l'Amministrazione poteva discostarsi dal parere solo in senso più favorevole per il docente) dei consigli di disciplina del Consiglio scolastico provinciale (per i docenti delle scuole materne, elementare e media) e del Consiglio nazionale della pubblica istruzione (per i docenti della scuola superiore) in parere "obbligatorio, ma non vincolante" (l'Amministrazione può in altre parole disattenderlo in ogni senso)...




Una prima vittoria
di Giuseppe Tuozzo

Stamani tramite il CSA di Salerno abbiamo saputo che le cattedre assegnate sul sostegno alla nostra provincia sono 45, ancora non si conosce però la ripartizione fra i vari ordini di scuola. Francamente ci aspettavamo di più, ma è comunque un risultato importante ottenuto SOLO grazie alla grande mobilitazione del Comitato dei docenti precari e del Comit. dei familiari degli alunni disabili, con il supporto dei COBAS scuola di Salerno E' solo il primo risultato, la mobilitazione continuerà fino alla reintegrazione di tutte le cattedre eliminate!



Music Slam
di Associazione Cuore e Parole

Le poesie son fatte di mano tamburo che sa battere le rime, di piedi versi che sanno scandire il cammino, di occhi aiku che sanno vedere le cose per come davvero sono. E poi di sangue e cuore, di verità della vita invincibile, che erompe e inonda e fa ballare tutto il resto.




 

Brevi di cronaca
Fioroni ce le paghi tu le ripetizioni
L'Unità - 13-10-2007
Cinquantamila studenti in tutta Italia hanno partecipato ai cortei di protesta in 47 capoluoghi di provincia. I numeri vengono dalla polizia di Stato. Secondo i dati forniti dalle forze dell'ordine, il picco della partecipazione si è avuto a Milano, con 5mila studenti in piazza.

[ leggi ][ commenta
Mezzo vuoto ...
GILDA degli Insegnanti - 12-10-2007
Con questo contratto quadriennale che, visti i continui, ripetuti ritardi con i quali si procede al rinnovo, potrebbe essere un contratto della durata di sei anni, è tramontata l'idea stessa di un aggancio alla media degli stipendi europei a breve e a medio termine. Gli insegnanti sono sempre più assimilati agli impiegati dello Stato e subiscono la stessa considerazione da parte dei decisori politici: sono considerati tout court una spesa da tagliare.

[ leggi ][ commenta
Scuola di Formigoni
Scuolaoggi - 11-10-2007
Da quest' anno è legge dello Stato l'obbligo scolastico fino a 16 anni. Così l' Italia si allinea all' Europa. Non la Lombardia, perché una recente norma di Formigoni ha deciso una sorta di "condono": qui i ragazzi devono scegliere subito dopo la terza media tra scuola, lavoro e formazione breve. Il Governo, contro il provvedimento della Regione Lombardia, ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale.

[ leggi ][ commenta
La Camera approva il ddl sull'istruzione
Il Messaggero - 10-10-2007
La Casa delle libertà, che ha dato voto contrario al ddl, ha definito il ministro dell'Istruzione, Giuseppe Fioroni, un «pinocchio-cinese». Pinocchio, come ha spiegato il senatore Giuseppe Valditara di An, perché dice bugie e cinese «perché ricorda quegli imprenditori cinesi che copiano un determinato modello e lo vendono come proprio».

[ leggi ][ commenta
La dichiarazione di F. Scrima
Cisl scuola - 09-10-2007
Con questo contratto il Sindacato dà una prima risposta alle domande e ai nuovi bisogni della nostra scuola. Si attende, ora, lo stesso impegno e la stessa volontà da parte del Governo con investimenti di risorse finanziarie ed umane.

[ leggi ][ commenta
Il contratto scuola è firmato
l'Unità - 08-10-2007
È stata firmata all'Aran l'intesa per il rinnovo del contratto della scuola che interessa circa 1 milione e 200 mila lavoratori (850.000 docenti ed oltre 250.000 assistenti, tecnici ed ausiliari). Dopo una trattativa di tre giorni consecutivi, i sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda hanno concordato con l'agenzia della contrattazione nel pubblico impiego, un aumento medio di 140 euro per i docenti e di 100 euro per gli Ata (Ausiliari, tecnici e amministrativi).

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Chi ha paura della storia?
Forum Insegnanti - 13-10-2007
 quaderni 

[ leggi ][ commenta
Capecchi: sopravvissuto a un'infanzia di abbandono
La Stampa.it - 12-10-2007
 ritratti 
"Sono felice per il Nobel per la Medicina e dentro di me mi sento sempre un sovravvissuto". Quando risponde al telefono dalla casa di Salt Lake City, nello Utah, Mario Capecchi ha da poco saputo del premio assegnatogli ad Oslo grazie alla ricerca sui cambiamenti genetici nei topi e cela a stento l'emozione, ma la prima reazione non è parlare di scienza bensì di Lucie, la madre che la Gestapo deportò nel lager di Dachau nel 1941.


[ leggi ][ commenta
Campagna Nastro rosa
Arcoiris Tv - 11-10-2007
 diritti 
La Campagna Nastro Rosa nasce con l'obiettivo di ampliare la cultura della prevenzione nel campo della salute, in particolare si propone di sensibilizzare le donne sulla necessità di sottoporsi ad opportuni esami per prevenire il tumore del seno.

[ leggi ][ commenta
Donne
Doriana Goracci - 10-10-2007
 donne 
In questi mesi non riesco a capire, se la giovane donna uccisa tre giorni fa è la stessa di tre ore fa.
C'è un affollo di notizie di assassini mai trovati altri rei
confessi quasi sempre non casuali. Si raccontano le abitudini di queste donne ammazzate in casa e fuori casa, in famiglia e fuori famiglia.

[ leggi ][ commenta
In ricordo di Che Guevara
Fuoriregistro - 09-10-2007
 storie 
Che Guevara non ebbe nulla a che vedere con molti di quelli che oggi si affannano a ricordarlo: non fu un "democratico", come va di moda, non lo fu, se con questa parola si mettono insieme Blair e Prodi, D'Alema e Zapatero. Non si pentì quando venne il tempo di pagare, non rinnegò il passato per salvare l'anima "dissociandosi". Sotto il basco che affascina ebbe un cervello e un cuore gli pulsò in petto sotto l'eterna blusa militare: l'agitarono amore e odio.

[ leggi ][ commenta
Chagrin d'école
Repubblica - 08-10-2007
 libri 
un libro che ho portato in me per molti anni. Scriverlo è stato un esercizio catartico che mi ha permesso di liberarmi di una vecchia ossessione. La scrittura, infatti, è un processo che trasforma il dolore in conoscenza. Finora mi sembrava che tutta quella sofferenza giovanile non fosse servita a nulla. Invece, grazie al libro, ho l'impressione di condividere il sapere pedagogico ereditato dalla mia disastrosa esperienza scolastica. [Daniel Pennac]

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Ted - Technology & Edutainment days
Il più importante evento nazionale dedicato al settore delle nuove tecnologie per la scuola, l'università, la pubblica amministrazione e l'impresa.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
Ideatore: Marino Bocchi
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Grazia Perrone
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi
Sviluppo e manutenzione del sito: Maurizio Guercio

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva