Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 35 - a.s. 11/12
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 10/06/2012
raccontiscaffali

Sommario

INFINE

Un grazie agli studenti

di Francesco Di Lorenzo
Che Profumo ha questa riforma eccellente?
di Paolo Citran
Il disordine delle forze dell'ordine
di Giuseppe Aragno
Come si fa?
di Libero Tassella
Piccola proposta per governi (tecnici e non solo)
di Francesco Masala

ORIZZONTI

Premiare il merito: atmosfera di un sentire antico

di Enrico Maranzana
La penombra del prof
di Gigi Monello
Dio e il male: riflessioni per una classe di filosofia
di Paolo Citran
La Rivoluzione francese: caratteri generali
di Gennaro Tedesco


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici


Un grazie agli studenti
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale "Notizie dal fronte 2011-2012"

Finisce un altro anno scolastico, difficile come gli altri precedenti, specie gli ultimi. Un pensiero a tutti gli alunni che nonostante gli ostacoli distribuiti ad arte sul loro percorso, hanno 'sopportato' con grande spirito di sacrificio, evitando le difficoltà più eclatanti e portando a casa risultati onorevoli e in alcuni casi ottimi. E non era prevista nessuna premiazione.



Che Profumo ha questa riforma eccellente?
di Paolo Citran

La proposta del ministro è sbagliata, inopportuna e pericolosa perché .........

Perché coloro che dovrebbero valutare sarebbero caporali obbedienti in un sistema managerialburosaurico, a cui verrebbe vietato di esprimere un pensiero autonomo, diverso da quello "unico" che si richiede ad un funzionario obbediente: ovviamente non accetterebbero pensieri e comportamenti liberi e democratici da parte dei "valutandi".



Il disordine delle forze dell'ordine
di Giuseppe Aragno

Non illudiamoci. Le ennesime manganellate, quelle assestate a Trento con cieca e impunita furia sui corpi di chi legittimamente intendeva contestare la Fornero, non vivono di vita propria rispetto al Governo e anzi, a ben vedere, sono uno dei rovesci della medaglia. Col cuore in gola, preso da incomprensibili affanni, i "tecnici" eletti da Napolitano e il Parlamento dei nominati che nessuno ha mai votato portano avanti precipitosamente una legge di riforma costituzionale che promette esiti devastanti: in discussione sono, infatti, non solo la marginalizzazione delle funzioni del Presidente della Repubblica, ma il ridimensionamento di un Parlamento mortificato dal ruolo assolutamente centrale di un Presidente del Consiglio che ha facoltà di sciogliere le Camere se votano contro una sua legge e gli negando la fiducia.



Come si fa?
di Libero Tassella

Ma come si fa a pensare a un concorso per trecentomila neo insegnanti, come si fa a pensare a un mega concorso con le regole di venti anni fa, la legge Falcucci la 270/82, come si fa a pensare a creare nuove fabbriche dei sogni come i tirocini brevi o lunghi. Per fare questo, per dirlo, per volerlo, considerata la situazione disastrosa sotto gli occhi di tutti bisognerebbe pensare o che l'esperienza non abbia mai insegnato niente al legislatore di turno ovvero, come credo che sono prevalsi gli interessi politici, sindacali, delle università, delle case editrici a fronte degli interessi dei neo insegnanti, dei cittadini, del Paese.
Tra amenità politiche e sindacali sentite in questi giorni ( l'8 c'è un incontro sull'argomento), le stesse da anni, come si fa a non capire che il modello dell'82 è stato proprio quello che ha concorso a generare il precariato come struttura del reclutamento con il sistema del doppio canale,malgrado la Falcucci che ebbe il merito di ripristinare i concorsi dopo decenni.



Piccola proposta per governi (tecnici e non solo)
di Francesco Masala

Ormai sembra normale che anche i dipendenti pubblici si possano (e debbano) licenziare, per un malinteso senso di uguaglianza, se si licenzia nel privato allora lo si faccia anche nel pubblico.
Magari bisognerebbe smettere di licenziare nel privato, ma se lo dici sembri di un altro pianeta.
Penso alla minaccia, non più velata, di licenziare gli insegnanti in esubero.
Ci sarebbe un sistema per ridurre gli esuberi e aumentare i posti di lavoro: costringere chi fa un secondo lavoro a prendere il part time.
E se il secondo lavoro fa percepire (nella media dell'ultimo triennio, ad esempio) più del reddito di insegnante, allora si scelga quale lavoro fare.



Premiare il merito: atmosfera di un sentire antico
di Enrico Maranzana

Premiare lo studente dell'anno, gratificare chi si è distinto per il livello dei risultati ottenuti: una questione mutevole, che varia in funzione dell'ambiente di riferimento.
Il ministro Profumo ha rilasciato un'intervista in cui afferma di essere "profondamente rispettoso degli organismi collegiali" e di avere "una lunga esperienza di scuola". Per quanto riguarda il suo vissuto l'università è il riferimento primario le cui problematiche hanno natura e struttura diversa da quelle della scuola. Sul versante degli organi di governo delle istituzioni scolastiche le anticipazioni sulle linee portanti la sua "riforma" contraddicono la prima affermazione.
Questo scritto esplora la premialità quale agente di miglioramento del servizio scolastico.



La penombra del prof
di Gigi Monello

Grande fermento negli ambienti dei consumatori abituali di rivoluzioni copernicane nella didattica. È in arrivo una vagonata di LIM. Per chi non lo sapesse, LIM sta per "Lavagna Interattiva Multimediale": un grande schermo che, mediante videoproiettore, riceve da un PC tutto quanto desiderate; e diventa, all'occorrenza, pannello di navigazione in rete o lavagna tradizionale. Basta far scendere la penombra e il gioco è fatto: il nativo digitale è bello che catturato, preso, immobilizzato e inebetito con le sue stesse armi; l'elettronica multicolore che gli riempie le tasche. Fenomenale. In Sardegna, anni fa sentimmo a lungo parlare di "Marte". La sigla stava per "moduli di apprendimento su rete tecno-educativa"; confesso di avere sempre coltivato il sospetto che chi inventò l'acronimo, pensò prima ad un suono suggestivo e solo qualche ora dopo a cosa dovesse esattamente significare.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Dio e il male: riflessioni per una classe di filosofia
di Paolo Citran

Scrive Eco: Il problema della Stupidità ha la stessa valenza metafisica del problema del Male, anzi di più: perché si può persino pensare (gnosticamente) che il male si annidi come possibilità rimossa nel seno stesso della Divinità; ma la Divinità non può ospitare e concepire la Stupidità, e pertanto la sola presenza degli stupidi nel Cosmo potrebbe testimoniare della Morte di Dio.
La posizione di Eco viene così riassunta da Eugenio Scalfari: la Creazione può anche contenere il Male oltre che il Bene senza con ciò cessar d'essere opera di un disegno intelligente. Ma se uno dei suoi elementi costitutivi è la Stupidità, allora vuol dire veramente che Dio è morto e anzi che non è mai esistito.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La Rivoluzione francese: caratteri generali
di Gennaro Tedesco

Dallo Speciale "Il tempo e la storia"

La fine del XVIII secolo è contrassegnata dalla massiccia e ingombrante presenza di un evento capitale per la storia contemporanea, la Rivoluzione francese che ancora oggi getta le sue terribili ombre e le sue abbacinanti luci sul corso degli avvenimenti umani.
La Francia della fine del XVIII secolo è una nazione schiacciata dal peso di una monarchia assoluta dedita agli sprechi finanziari, dall'apparato fastoso, sfarzoso e dispendioso di una corte improduttiva e parassitaria e da una aristocrazia laica ed ecclesiastica non meno vorace e dissipatrice dei re e della corte.



 

Sponde
Buone vacanze!
La Redazione - 09-06-2012
 osservascuola 
Anche quest'anno scolastico chiude i cancelli.
Li chiude sulle molte ombre che non avremmo voluto vedere, ma contro cui ci siamo scontrati; e li chiude sulle luci che, pur piccole e quasi timide, hanno comunque dato un senso al nostro lavoro quotidiano.
Il percorso ci è sembrato un po' più lungo e faticoso del solito, ma abbiamo fatto il possibile per esserci, mentre cambiamenti, contraddizioni, resistenze e lotte segnavano il tempo che ora sta dietro di noi.
Non sappiamo che futuro ci attende nei prossimi mesi, sappiamo però che la scuola in cui crediamo non ha avuto vita facile.
Ne siamo stati testimoni e cronisti, ma ciò ha potuto accadere perché, ancora una volta, c'è stato chi ha avuto la pazienza di seguirci e la voglia di collaborare.
Ora, con la pausa estiva, la newsletter settimanale sospende le sue pubblicazioni, mentre lo spazio web rimane aperto per gli eventuali contributi che riceveremo.
A tutte e tutti diciamo il nostro più sentito grazie e auguriamo un meritato riposo!

[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
Fermare la proposta di legge sul governo della Istituzioni scolastiche
Tavoli regionali - 09-06-2012
E' attualmente all'esame della Commissione Cultura e Istruzione della Camera una proposta di legge (ex Aprea) che in sintesi propone: 1) la trasformazione del sistema scolastico statale, previsto dalla Costituzione ("la Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi") per garantire a tutti/e una formazione democratica e culturale il più possibile uguale in un sistema nazionale formato da scuole statali, paritarie private (e quindi anche di orientamento confessionale) e pubbliche, già delineato nella legge di parità ed ora più accentuato e definito ...

[ leggi ][ commenta
Al merito inneggiano i cortigiani del potere
Qui Brescia.it - 07-06-2012
La promozione del merito non può non risentire di un clima culturale diffuso, che è anche il frutto di una lunga campagna ideologica: quella che come parola d'ordine la meritocrazia e come modello i Paesi anglosassoni. Vale forse la pena di citare un autore che nella cultura anglosassone ha avuto un ruolo certamente non inferiore. Ci riferiamo all'Amleto di William Shakespeare, laddove il principe di Danimarca raccomanda a Polonio di trattare come si deve un gruppo di attori loro ospiti, e il ciambellano risponde che li tratterà "come meritano"...

[ leggi ][ commenta
Riforma dell'Istruzione: Profumo di sóla?
Controcampus.it - 05-06-2012
Continua il braccio di ferro tra Pd e il Ministro Profumo sul chiacchieratissimo "pacchetto merito", il vero casus belli della riforma attesa mercoledì sul tavolo di Palazzo Chigi. Chiara la posizione di Bersani & Co.: "Le misure per premiare l'eccellenza restano, ma sono complementari a quelle in favore della scuola di tutti".

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Chiusura sedi Polizia Postale è regalo a pedofili
Davide Romano - 09-06-2012
 comunicato 
"La chiusura delle sedi locali della Polizia Postale di fatto permetterà ai pedofili di agire impunemente nella rete." A lanciare l'allarme è il presidente dell'associazione antipedofili Prometeo, Massimiliano Frassi, che ha scritto una lettera aperta al Ministro dell'Interno, Anna Maria Cancellieri.

[ leggi ][ commenta
Prosegue la traversata umanitaria di Georges Alexandre verso Bruxelles e il Parlamento europeo
Everyone - 07-06-2012
 storie 
L'attivista ha effettuato difficili azioni umanitarie ed è il principale testimone delle politiche anti-immigrazione, con le continue violazioni della Convenzione di Ginevra sui Rifugiati. Georges ha subito, nella sua permanenza in punti tanto caldi, intimidazioni, minacce, perquisizioni e una brutale aggressione. Nonostante ciò, non si è lasciato spaventare...

[ leggi ][ commenta
Anche la crisi ha il suo antivirus...
Artisti Turistic Comunication - 05-06-2012
 arte 
...Artisti in Piazza a Pennabilli (Montefeltro).
La vita essenziale e divertente degli artisti di strada vi porterà a ritrovare un'isola di serena felicità anche nei tempi di crisi: un antivirus naturale per ricaricare le batterie e l'entusiasmo.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
La scuola che funziona - news
... un servizio gratuito di Scoop.it, un quasi-notiziario sempre aggiornato con le ultime discussioni che si svolgono nel network, le attività dei gruppi, gli eventi, le ultime "storie di didattica" ... Tutto ciò che succede nel network e dintorni sempre a portata di click. Per essere informati sulle novità del network potete: attivare il servizio novità via mail cliccando in Scoop.it su "Follow" (icona blu in alto a destra inserendo il vostro indirizzo di e-mail), o abbonarvi al servizio FEED RSS cliccando sulla sesta iconcina da sinistra sotto il titolo e scegliendo uno dei servizi disponibili, oppure inserire l'URL dell'aggregatore tra i vostri "preferiti". Tenetevi informati e partecipate alle attività de "La scuola che funziona"-br>
f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva