Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 34 - a.s. 11/12
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 03/06/2012
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LA SCUOLA

Aggiornare e sperare

di Francesco Di Lorenzo
Al servizio dello Stato
di Lia
Adozioni dei libri di testo
di Enrico Maranzana
La circolare sugli esami di licenza media
di Avv. Salvatore Nocera

ORIZZONTI

I media e la scuola

di Cosimo De Nitto
Condurre in porto tutti quanti ...
di Maria Pennetta
L'attentato
di Giuseppe Aragno


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici


Aggiornare e sperare
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale "Notizie dal fronte 2011-2012"


Il nostro patrimonio immobiliare scolastico, già negli anni scorsi al centro di numerose polemiche, si trova di nuovo sotto i riflettori. Il piano per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, coordinato dalla protezione civile dopo il terremoto in Molise del 2002 (nel quale crollò una scuola a S. Giuliano di Puglia in provincia di Campobasso e morirono 27 bambini più una maestra) non è mai stato finanziato. Esiste da allora una mappa dei rischi commissionata dal ministro Moratti, che la ordinò sull'onda dell'emozione e del dolore, ma che adesso, dopo il terremoto dell'Emilia Romagna, è sicuramente da rifare.

E a proposito di "rifare": pare che le LIM siano già superate da altre tecnologie. Mentre le LIM nelle classi sono una percentuale bassissima e ugualmente basso è il numero complessivo di chi le sa usare, ormai con il proiettore interattivo a ottica corta si fanno molte più cose, con meno spesa e anche meno difficoltà. Basta un pennino ottico e la superficie di una qualsiasi parete, il gioco è fatto. Di conseguenza, è perfettamente inutile aggiornare sulle LIM e tutto va spostato sull'ultimo ritrovato tecnologico. La domanda è: ma per aggiornarsi sul proiettore interattivo, bisogna prima essere stati aggiornati sulle lavagne interattive?



Al servizio dello Stato
di Lia

Ho girato un sacco di scuole, nella mia zingaresca carriera, e qualche volta mi è capitato di avere cattivi presidi, o presidi così così. Poche volte, ché la scuola continua ad essere un'istituzione fondamentalmente sana nonostante tutto, ma qualche volta è capitato. Mi è successo di vedere cose brutte, di sentirmi chiedere di dichiarare cose non vere, di ricevere pressioni fatte di quieto vivere e non solo. Non mi è successo solo nella scuola di Stato, bada bene: mi è successo lì come nella scuola privata come all'università. La differenza, quando mi è successo nella scuola statale, sta tutta in quello che ho pensato guardando il dirigente che avevo di fronte: "Tu non sei il mio datore di lavoro. Il mio datore di lavoro è lo Stato." Non si ha idea di quanta forza - e di quanto senso di responsabilità - ti dia un pensiero del genere, fino a quando non lo si prova.



Adozioni dei libri di testo
di Enrico Maranzana

Sono molti a pensare che il ritorno all'insegnamento tradizionale, alla buona vecchia scuola sia la via maestra, da percorrere per ridarle la dignità perduta: non è così. Un atteggiamento conservativo che è la conseguenza di riferimenti concettuali immutabili e intangibili e, in particolare, di un vocabolario rimasto vincolato ai tipici parametri dei primi anni del secolo scorso . Le conseguenze di tale fissità si possono accertare sfogliando i POF: la trasmissione della conoscenza ne costituisce l'asse portante .
La lettura della circolare sull'adozione dei libri di testo del 2012 offre l'occasione sia per mettere a fuoco le resistenze frapposte al cambiamento, sia per indicare la via all'ammodernamento del servizio scolastico.



La circolare sugli esami di licenza media
di Avv. Salvatore Nocera

Il MIUR ha emanato la circolare sugli esami di licenza media per il prossimo Giugno 2012.
E' interessante e fa discutere la norma che stabilisce nella pubblicazione dei quadri l'obbligo di scrivere, accanto al nome di alunni con disabilità che non conseguono il diploma ma il solo attestato, la dizione "esito positivo", come già avviene da anni per lo stesso caso relativo però agli esami di scuola superiore, in luogo della precedente dizione "non licenziato".
Alla luce delle critiche mosse alla c m n. 48/12, sugli esami di licenza media, circa l'espressione "esito positivo" da porre, nei quadri pubblicati all'albo della scuola, accanto ai nomi degli alunni con disabilità che conseguono il semplice attestato coi crediti formativi maturati, debbo ammettere quanto segue.



I media e la scuola
di Cosimo De Nitto

Mentre leggevo l'articolo "Nessun abuso nell'asilo di Rignano. Gli imputati assolti con formula piena", la mente mi è tornata alla lapidazione mediatica cui maestre e bidella di quella scuola sono state sottoposte anni fa e per molto tempo. Cosa hanno provato a passare per mostri. Ricordo l'abominio e il disprezzo suscitato contro il più esecrando dei delitti, quello di chi viola dei bambini innocenti. Non c'era spazio per il dubbio. La giustizia sembrava troppo lenta e cauta con i mostri, occorreva un rogo purificatore di delitti, veri o presunti non importava, e soprattutto di coscienze. Si aveva terrore a sostenere che forse bisognava aspettare la giustizia, si rischiava di passare per simpatizzanti dei mostri, difensori di una categoria nella quale c'è tanto marcio, forse è tutta marcia. Un clima contro la scuola, contro gli insegnanti, a generalizzare si fa presto, a strumentalizzare ancora più presto, soprattutto da parte di coloro (Brunetta, Gelmini, Tremonti &C.) che si preparavano a sferrare un attacco alla scuola pubblica senza precedenti. Complici buona parte dei media, quasi silenzio da parte di chi avrebbe dovuto strillare, ribellarsi a tale abominio.



Condurre in porto tutti quanti ...
di Maria Pennetta

Chissà se coloro i quali ragionano di scuola sui media hanno mai riflettuto su quel provare a condurre in porto tutti quanti gli alunni, di cui parla Lodoli, cercando di non perderne nessuno (nemmeno il pirata con l' uncino), chissà se hanno qualche volta sospettato l'esistenza di quella cipolla fatta di paura, preoccupazione, insoddisfazioni varie, con cui i ragazzi entrano in classe e che, secondo la metafora di Pennac, deve essere pelata prima di iniziare la lezione.
Questo dubbio si alimenta leggendo certi articoli, pubblicati da quotidiani anche a larga diffusione, in cui capita di vedere sovrapposto alla scuola di oggi il ricordo della belle classi di un tempo: improbabile paragone con una realtà assai remota, che ben poco ha da spartire con quella attuale.
Anche prescindendo da essi, però, sui giornali si parla quasi sempre di scuola con superficialità : si pubblicano notizie orecchiate, si privilegia il folclore o la nota di colore, si riportano senza alcuna analisi critica, o tentativo di contestualizzazione, i dati di ricerche internazionali.



L'attentato
di Giuseppe Aragno

Dallo Speciale "Racconti"

- Basta con le vostre maledette menzogne - gridò Ernesto, saltando su dal divano con impensabile agilità - BASTA!
L'urlo liberatorio sembrò calmarlo e tornò a sedersi, mormorando:
- Eccola la bomba più terribile di tutte, la televisione. Bell'idiota che sono a darti retta ...
A poco a poco, nella solitudine del vecchio salotto, il desolato soliloquio riusciva in qualche modo a diventare dialogo col mondo virtuale che aveva di fronte; come l'avesse davanti in carne ed ossa, l'uomo faceva il verso alla giovane cronista che, microfono in mano e tono di allarme commosso, ripeteva il suo mantra: "Mai accaduto! Una bomba davanti a una scuola... mai!"



 

Brevi di cronaca
Anagrafe professionalità docenti
Orizzonte scuola - 02-06-2012
Lettera unitaria di FLC CGIL, Cisl, UIl, Snals, Gilda Unams, per richiedere al Ministero la proroga per le incombenze spettanti alle segreterie a settembre 2012.

[ leggi ][ commenta
Gli studenti emiliani scrivono a Napolitano
www.eilmensile.it - 01-06-2012
Le chiediamo di celebrare la Festa della Repubblica diversamente quest'anno, affinché esplichi i valori della nostra Costituzione in un modo nuovo. La parata prevista per il 2 giugno ha certamente un valore simbolico, ma il senso di unità che si spiegherebbe se la maggior parte o la totalità dei suoi costi fossero devoluti alle vittime del terremoto sarebbe ineguagliabile. Il significato di questa decisione riavvicinerebbe i cittadini allo Stato, quantomeno sarebbe la prova della presenza di una parte sana e genuina ancora viva nell'apparato statale.

[ leggi ][ commenta
Nessun abuso nell'asilo di Rignano
La Stampa.it - 29-05-2012
Per i cinque imputati, nessuno dei quali presenti oggi in aula, il pubblico ministero, Marco Mansi, aveva chiesto la condanna a 12 anni di reclusione. Dopo sei anni di indagini e processo, oggi è stato quindi messo un primo punto sul caso di Rignano Flaminio. Ma non la parola fine perchè i genitori dei bambini costituitisi parte civile hanno già annunciato che non intendono rassegnarsi a quella che considerano una «ingiustizia» e che la loro «battaglia» proseguirà in appello.

[ leggi ][ commenta
Brescia: tensione e cariche in Piazza della Loggia
Contropiano.org - 28-05-2012
In questo paese non solo non è permesso sapere la verità sui colpevoli delle stragi fasciste degli anni '70. Non è permesso neanche ricordare e manifestare. La strage fascista di Brescia la devono e possono ricordare soltanto coloro che sono preposti a farlo. Che hanno gestito questo paese per decenni all'insegna della coltre di silenzio e della rimozione sui mandanti e sui responsabili delle stragi fasciste che hanno insanguinato le città italiane dal dopoguerra in poi.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Innovare con i Cittadini: Da Code for America a Code for Europe
http://w2.lynxlab.com - 02-06-2012
 software libero 
In occasione della presenza di Peter Corbett a Roma, vi invitiamo al workshop organizzato dalla Provincia di Roma in collaborazione con Lynx e Caspur.

[ leggi ][ commenta
Solidarietà alle vittime del terremoto e del profitto
Unione Sindacale Italiana - 31-05-2012
 sociale 
Ora assistiamo, purtroppo, a scenari già visti negli ultimi anni in simili circostanze: militarizzazione del territorio, smembramenti e deportazioni di interi nuclei famigliari dalle loro case, dai loro paesi. I mass-media, sciacallano sul dolore per fare audience televisivo pronti poi a "voltare pagina" tra qualche giorno ove, ai pareri degli esperti, ai consigli dell'opinionista di turno, al politico in cerca di possibili nuovi consensi elettorali, farà seguito il disinteresse dei più.

[ leggi ][ commenta
Francesco Sola rieletto, all'unanimita, segretario generale
Sindacato Sab - 29-05-2012
 comunicato 
I lavori congressuali hanno visto il segretario generale esporre sul difficile momento della scuola italiana e del personale di ruolo e precario perché si continua a tagliare nonostante promesse contrarie, le riconversioni del personale in esubero, docente e ATA, pur alla presenza di precise disposizioni in merito preesistenti, non sono state mai attuate.

[ leggi ][ commenta
Mancano solo 478 kilomteri a Parigi!
Cascina Macondo - 28-05-2012
 appelli 
Gli attori del gruppo integrato (disabilità & normalità) "VIAGGI FUORI DAI PARAGGI" di Cascina Macondo se lo meritano davvero! Dopo diversi anni di impegno, lavoro costante e appassionato, e performance esibite già a Les Mureaux (Parigi) nella rassegna Handi-Scène, a Verona nella rassegna La Grande Sfida, a Cascina Macondo nella rassegna Per un Barattolo di Storie, a Torino in varie rassegne e occasioni, il gruppo è stato invitato per il 7 giugno 2012 a partecipare di nuovo come compagnia straniera alla rassegna di teatro Handi-Scène di Les Mureaux. Vogliamo offrire ai ragazzi questa opportunità ad ogni costo. Adotta 1 kilometro!

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Capitalismo e salame
Questo è un blog di Economia, per questo mi sembra giusto iniziare con una formula, un'equivalenza per essere precisi: "Salame : Capitalismo = Noi : ?" L'obiettivo del blog è indagare, scovare e individuare, insieme a voi, il termine che completi l'equivalenza ...

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva