Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 15 - a.s. 11/12
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 18/12/2011
raccontiscaffali

Sommario

ORIZZONTI

Restiamo umani

di Maria Antonia Stefanino
Senegalesi: non è stata pazzia
di Giuseppe Aragno
Buttafuori dall'Italia
di Doriana Goracci
La «cupola dei rifiuti», con la benedizione del Pirellone
di Andrea Tornago

DENTRO LA SCUOLA

Lavoro ben fatto

di Francesco Di Lorenzo
Perché non sospendiamo le prove Invalsi finché...
di Maurizio Tiriticco
A riveder le stelle
di Enrico Maranzana
Memoria e nuove generazioni
di Gennaro Tedesco


CON I NOSTRI MIGLIORI AUGURI
DI BUONE VACANZE, BUONE FESTE E BUON 2012
VI DIAMO APPUNTAMENTO ALL'ANNO PROSSIMO!
LA REDAZIONE



atelierdelborgo



Restiamo umani
di Maria Antonia Stefanino

Restiamo umani era il credo di Vittorio Arrigoni, volontario italiano ucciso a Gaza. E' la prima voce di dentro che mi è salita alla gola sentendo le notizie dal baratro in cui stiamo precipitando. Ieri a Firenze ed in Belgio, ieri l'altro con un incendio in un campo rom a Torino, qualche tempo fa lo stesso avvenne a Ponticelli, con sempre più ravvicinata cadenza, il nostro tempo svela gli orrori verso i quali da tempo ci incamminiamo. La società degli individui che devono rispondere con "biografie individuali a crisi sistemiche" (Bauman) mostra i suoi lati ormai non più oscuri ma sempre più diffusi.



Senegalesi: non è stata pazzia
di Giuseppe Aragno

Non è stata pazzia.
La mano che ha armato la pistola omicida troppe volte l'abbiamo ignorata, non di rado incoraggiata e talora per fini oscuri addirittura utilizzata. Andiamo a cercare nelle pieghe del potere, tra i banchi del Parlamento, tra lo sfascismo e il razzismo leghista e suoi complici destri e sinistri. Controlliamo i calcoli di parrocchia, i complici silenzi, gli opportunismi elettorali, le radiografie rivoltanti alle costole d'una sinistra senza onore e senza dignità e troveremo la radice del problema, la formula del veleno che da troppo tempo ci intossica. Facciamo luce nelle zone d'ombra, nei vicoli bui del sottobosco travestito da classe dirigente. Lì troveremo l'indigenza culturale e la miseria morale che ha fatto e fa da brodo di cultura della tragedia infinita che viviamo.



Buttafuori dall'Italia
di Doriana Goracci

Tanto ho ritenuto di scrivere oggi, per dovere di informazione e non sollecitata da nessuno, se non dalla mia testa e cuore. Non siamo complici di certi silenzi su storie vere, tragicamente Minori. Anche se non trovi le parole... NON AVERE PAURA DI NON FARE SILENZIO. Tento ancora una volta di riportare alla vostra attenzione e denuncia. DANNATO SILENZIO.



La «cupola dei rifiuti», con la benedizione del Pirellone
di Andrea Tornago

Dallo Speciale brace brace brace

Sono due i nomi illustri di imprenditori bresciani che compaiono nelle intercettazioni dell'inchiesta che ha portato all'arresto di Franco Nicoli Cristiani: uno è Mauro Papa, amministratore della società «Ecoeternit» che gestisce una discussa discarica di amianto a Montichiari. L'altro è Alessandro Faustini, proprietario del «gruppo Faustini» di Brescia, una potenza nel campo dei rifiuti e della pavimentazione stradale.
Nicoli Cristiani e l'imprenditore bergamasco Locatelli, entrambi arrestati per smaltimento illecito di rifiuti e corruzione, si incontrano con Mauro Papa il 14 ottobre 2011 al ristorante «il Lorenzaccio» di Brescia: il vicepresidente del Consiglio regionale vuole favorire la formazione di un cartello di tre imprese che avrebbero dovuto spartirsi una grossa fetta del mercato dei rifiuti in Lombardia.



Lavoro ben fatto
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale "Notizie dal fronte 2011-2012"

Che dire? Il lavoro sporco è stato fatto per bene. Solamente che è passato per lavoro pulito. La notizia è che le scuole private, negli ultimi sei anni, hanno aumentato del 10% le iscrizioni. (Naturalmente, la 'novità' è solo apparente perché resa nota adesso, ma 'alcuni', se non tutti, sapevano già il fine e lo scopo a cui miravano i personaggi che hanno guidato la scuola italiana).Ormai è già tardi, non è nemmeno più il tempo di discutere da posizioni contrapposte e conosciute: i pro e i contro sono fermi e non si intravede all'orizzonte nessuna soluzione. Resta, a noi tutti, lo sfascio della scuola pubblica. Allora, forse, la discussione sarebbe più utile se si incentrasse su cosa fare per risalire la china. Ammesso che ci sia disponibilità, volontà e passione per farlo.



Perché non sospendiamo le prove Invalsi finché...
di Maurizio Tiriticco

Occorre dare atto al Ministro Profumo di avere cominciato ... ad "aprire la borsa"! Era il mio auspicio nella lettera aperta dello scorso 19 novembre! Infatti, è di questi giorni la sottoscrizione del Patto d'azione e coesione con cui verranno investiti nelle scuole del Sud 1,3 miliardi di fondi europei. Si tratta di una iniziativa che segna una svolta riguardo alla politica dei tagli! Ma ora la buona volontà del ministro si deve misurare su un'altra questione, quella di cui alla citata lettera aperta: le prove Invalsi. Che fare?



A riveder le stelle
di Enrico Maranzana

La torre di Babele e la confusione dei linguaggi sono un'analogia calzante della situazione in cui versa la scuola italiana.
L'attenta lettura dell'articolo cardine del D.P.R. sull'autonomia offre materia sufficiente per illuminare la scena e fornisce l'occasione per riflettere sul significato di alcuni concetti: "L'autonomia delle istituzioni scolastiche è garanzia di libertà di insegnamento e di pluralismo culturale e si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati ai diversi contesti, alla domanda delle famiglie e alle caratteristiche specifiche dei soggetti coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo, coerentemente con le finalità e gli obiettivi generali del sistema di istruzione e con l'esigenza di migliorare l'efficacia del processo di insegnamento e di apprendimento"



Memoria e nuove generazioni
di Gennaro Tedesco

Più che porre sacrosante domande e dare risposte che comunque sarebbero passionali, vorrei tentare di fornire alcuni flash, alcune istantanee, alcune impressioni personali sull'evoluzione della società adolescenziale, giovanile e studentesca nella scuola e nell'extrascuola.
Non molto tempo fa ho sperimentato con i miei alunni della media l'ascolto di musica leggera italiana e straniera in classe per tastare i loro interessi e i loro gusti, per farmi un'idea sul campo dell'evoluzione del loro immaginario collettivo nella sfera paraletteraria, musicale e del ballo.



 

Brevi di cronaca
Ecco come funziona l'accordo di integrazione
Stranieri in Italia - 17-12-2011
Sulla Gazzetta Ufficiale, lo scorso 11 novembre, è stato pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica n. 179 del 14 settembre 2011, ossia il Regolamento concernente la disciplina dell'accordo di integrazione tra lo straniero e lo Stato. Tale Regolamento entrerà in vigore il 10 marzo 2012.

[ leggi ][ commenta
Ministro Profumo, dove giocano i bambini?
l'Unità - 15-12-2011
Ministro Profumo, dove giocano i bambini italiani? Giocano in strade senza legge? Sotto quali tetti e dentro quali scuole studiano? C'è qualcuno in Italia che se lo chiede per davvero? Chiedetevelo. Credano alle favole i nostri figli, non noi che cresciuti lo siamo da un po'. "O mytos deloi oti", studiavamo da ragazzi, la favola insegna che la crisi la superiamo se torniamo seri e dignitosi. Tutti.

[ leggi ][ commenta
Insegnanti vecchi e nuovi ladri di tredicesime
Comitato NoGelmini - 14-12-2011
Se siete insegnanti, se fate questo lavoro da più di venti anni, se non avete ancora dato un'occhiata al vostro cedolino del mese di dicembre, quello che contiene anche la vostra tredicesima, beh, se avete tutte queste caratteristiche vi invito ad entrare nel portale stipendi e a leggere attentamente la vostra busta paga.
Per comprendere meglio il perché di questo invito, scaricate anche il cedolino equivalente dello scorso anno scolastico (è ancora caricato) e fate il confronto.
Come dite? Trovate che quello di quest'anno sia decisamente inferiore?

[ leggi ][ commenta
Sciopero 19 dicembre: solo l'ultima ora?
La Tecnica della Scuola - 12-12-2011
Poca chiarezza sullo sciopero contro la manovra del Governo Monti. I comunicati sindacali parlano di una fermata per l'ultima ora di lezione .Potranno scioperare anche I docenti del turno del mattino? Si attendono chiarimenti.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Volevo vedere le balene
Alberto - 17-12-2011
 libri 
Un libro per ragazzi che propone un approccio 'caldo' alla biologia; un invito ad avvicinarsi a questa disciplina e più in generale alle scienze naturali, rivolto a studenti delle scuole superiori, indicativamente dai 14 ai 17 anni. La ricerca delle balene è il filo conduttore che lega tra loro le pagine, anche se questa rincorsa a tratti sfuma, lasciando spazio al vero soggetto del libro: il viaggio e la biologia.

[ leggi ][ commenta
Milano ricorda piazza Fontana
Repubblica Milano - 12-12-2011
 storie 
"Abbiamo una verità storica e non abbiamo una verità giudiziaria. A tutti gli italiani, ai milanesi e ai parenti delle vittime è dovuta una verità condivisa". Parole pronunicate dal sindaco Giuliano Pisapia alla vigilia del 42esimo anniversario della strage della Banca nazionale dell'agricoltura. Il 12 dicembre del 1969, alle 16,37 all'interno dei saloni dell'istituto di piazza Fontana esplodeva un ordigno che provocava la morte di 14 persone e il ferimento di altre 87. Tre dei feriti non sopravvissero.

[ leggi ][ commenta
Modello Monti a Terni
Giocondo Talamonti - 15-12-2011
 opinione 
Il Premier Monti, fra le tante critiche che il suo governo di tecnici si trascina dietro, potrà almeno gioire dell'ammirazione che l'opposizione comunale ternana gli riserva.
Scegliere dei tecnici per risolvere i problemi della politica equivale a pretendere che i politici si impegnino nel compiere miracoli tecnologici.
In realtà per i nostri rappresentanti eletti, si tratta di un fallimento doppio. Di maggioranza e minoranza, incapaci l'una e l'altra di svolgere il compito cui il popolo li ha chiamati.

[ leggi ][ commenta
De Magistris e la Festa di Pomigliano
Gianni Zappoli - 14-12-2011
 sociale 
Dalla dichiarazione di De Magistris:
"...oggi si deve essere responsabili, anche rispetto alle generazioni future, e denunciare chiaramente l'epocale svolta che si sta realizzando. La morte della democrazia nelle fabbriche e in tutti i posti di lavoro. E quando la democrazia muore nelle fabbriche, cioè nel mondo del lavoro, muore anche nel paese. E questo non può essere celebrato, questo non può essere consentito..."

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Stranità
Questo sito è dedicato a tutti gli insegnanti di italiano per stranieri. L'idea è di creare un supporto pratico per chi lavora in questo campo. Qualcosa che effettivamente ci aiuti nel lavoro di tutti i giorni. La struttura è semplice e aperta all'intervento di tutti.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva