Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 8 - a.s. 11/12
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 23/10/2011
raccontiscaffali

Sommario

DENTRO LE PIAZZE

Roma sabato 15 ottobre

di Antonio Limonciello
Cecità, direbbe Saramago
di Giuseppe Aragno
La violenza del capitale
di Lucio Garofalo

DENTRO LA SCUOLA

Non tutto è perduto, la maggior parte sì

di Francesco Di Lorenzo
L'ultimo treno prima della Restaurazione
di Gennaro Tedesco

DENTRO LA STORIA

Alla conquista del nostro Oltremare

di Leonardo De Franceschi
Stupidità da smog
di Monica Capezzuto


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici
Condivi

Roma sabato 15 ottobre
di Antonio Limonciello

A me non interessa parlare del potere e della natura di chi sta dalla sua parte, a me interessa parlare di chi mi sta a cuore, di quella parte che per cambiare il potere deve conquistarsi con abnegazione, rigore e tanta fatica la credibilità di portatrice di un mondo migliore. Non è nelle manifestazioni che si può interagire con loro, sono altri i momenti e gli spazi per tessere relazioni. Le manifestazioni da una decina d'anni a questa parte sono diventate una teoria di mucchi di bottiglie vuote, perché per emozionarsi, per stare bene insieme non basta un'idea, una passione, no, la passione è sostituita dall'alcol, da musica mandata ad alto volume, e anche da altre sostanze eccitanti.

[ leggi (5 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Cecità, direbbe Saramago
di Giuseppe Aragno

Avrebbero avuto ben altro senso, la condanna della violenza e l'improvvisa passione legalitaria, se ci si fosse sdegnati con pari veemenza per i patti con Gheddafi, gli omicidi libici e le leggi razziste di questi anni. Non è stato così e i nuovi "nonviolenti" hanno votato indifferenti due destre responsabili di violenze ben più gravi di quella che li indigna. Sarebbe stati credibile il palpito di "nonviolenza", se dei presidi messi in piedi dai nostri figli contro i campi di concentramento per stranieri, avessimo fatto bandiera di legalità violata da una inaudita violenza di Stato. Se, dico per dire, quando i giovani, violentemente privati del futuro, lottavano per la scuola della Costituzione, tra cariche e lacrimogeni, i "neononviolenti", nati evidentemente a Roma il 15 ottobre del 2011, fossero stati con loro per protestare sull'invalicabile linea rossa che il 14 dicembre scorso protesse i violentissimi tagli della Gelmini e la compravendita parlamentare.



La violenza del capitale
di Lucio Garofalo

Ormai persino i "santoni" di Wall Street, padroni assoluti della finanza globale che sta strozzando i popoli europei, studiano le teorie di Marx per spiegare le dinamiche capitalistiche, analisi confermate dalla storia, per cui se ne avvalgono come un valido strumento di comprensione e, dunque, di potere. Non per interpretare e trasformare il mondo come suggeriva il grande pensatore, bensì per modificarlo in peggio, per speculare più liberamente, rovinare milioni di piccoli risparmiatori e soffocare le energie vive del lavoro, per esercitare un controllo assoluto sulle masse e dirigere verticisticamente i processi della finanza e dell'economia mondiale senza più il filtro costituito dalla sovranità degli Stati nazionali e dei Parlamenti eletti democraticamente.



Non tutto è perduto, la maggior parte sì
di Francesco Di Lorenzo

Dallo Speciale Notizie dal fronte 2011-2012

C'era stata, solo qualche mese fa, la denuncia di una associazione sullo stesso problema. Ora però Legambiente ci informa in modo preciso e dettagliato. Il patrimonio immobiliare scolastico italiano è decisamente fatiscente. Appena l'8% è stato costruito negli ultimi vent'anni, per il restante la vecchiaia è soltanto da stabilire. Nelle aule che si praticano ogni giorno il rischio è costante: una su quattro non ha impianti elettrici a norma. Le scale di sicurezza sono presenti in una scuola su due. Un terzo degli edifici scolastici non possiede il certificato di agibilità igienico-sanitaria. Il 36% delle nostre scuole avrebbe bisogno di lavori urgenti di manutenzione. Naturalmente non ci sono i soldi. La parte della questione spettante ai comuni è un discorso chiuso: con tutti i tagli subiti ultimamente, la scuola non è più una priorità. Neanche in quei comuni in cui poteva esserlo e lo era (si tratta di parecchi comuni del nord).



L'ultimo treno prima della Restaurazione
di Gennaro Tedesco

Si può comunicare la Storia ad adolescenti e giovani senza ricorrere a un saggio monografico di stampo accademico o a un manuale? Mi sento di rispondere affermativamente a questa domanda per tanti motivi. Il primo di questi è "filosofico", perché la "verità" ha tante facce quanti sono i soggetti che la vivono, la comunicano e la ricevono in un processo interattivo, ciclico e ricorsivo. E gli approcci, le forme e i modi della comunicazione non solo storica nella nostra epoca globalizzata, policentrica, poliedrica, frammentata e frammentaria che ha posto al centro dei suoi interessi e del suo divenire la pervasività informativa e informatica non sono più riducibili esclusivamente al saggio monografico o al manuale onnicomprensivo di storia o ai libri di testo.
Attraverso quali sottili linee e margini di confine delle varie discipline oggi assurdamente compartimentate e parcellizzate possiamo sperare di trovare dei sentieri trasversali atti a introdurci nel mondo della Scuola e dell'Università opportunamente deterritorializzate, denazionalizzate e despecializzate alla riconquista dell'uomo non a una dimensione, ma interculturale, multilaterale e multidimensionale?



Alla conquista del nostro Oltremare
di Leonardo De Franceschi

Dallo Speciale "Il tempo e la storia"

Martedì scorso a Roma, si è tenuto un interessante convegno sulla giolittiana Guerra di Libia (1911-12) di cui quest'anno ricorre il triste centenario, amabilmente rimosso dai media, televisione in testa... La guerra immaginata. L'avvento della civiltà mediale e la Guerra di Libia (1911-1912), questo il titolo, si inserisce nell'ambito di una ricerca che poggia sulla scommessa, tutt'altro che agevole, di coinvolgere l'Esercito nel sostegno a un progetto universitario di storiografia del cinema e dell'immaginario mediale, basato anche sui materiali visivi contenuti negli archivi dello Stato Maggiore. Solo il tempo potrà evidenziare la portata dei risultati di questo progetto ma, a giudicare dal convegno, che auspicabilmente ne rappresenta solo una prima tappa, valeva la pena di fare questa scommessa.



Stupidità da smog
di Monica Capezzuto

Forrest Gump diceva: "Stupido è chi stupido fa".
Secondo uno studio di alcuni ricercatori di Boston, vivere in aree con alti livelli di inquinamento da traffico ridurrebbe le prestazioni nei test cognitivi.
Dunque, lo smog ci renderebbe più stupidi e, secondo l' OMS, ucciderebbe in media 2 milioni di persone l'anno nel mondo.
Ma c'è allora una giustificazione alla stupidità? Stupidi si diventa, non si nasce o, piuttosto, c'è un terreno fertile su cui le tossine attecchiscono più facilmente rispetto ad altri?
Con tali presupposti, si potrebbero trarre molteplici conclusioni, legate alle variabili ambientali, quali gli stili di vita che si conducono, la scelta di abitare in città o in campagna , l'effetto che i tubi di scappamento delle auto hanno sui bambini, visto che sono ad altezza passeggino.
Gli esempi sarebbero infiniti.



 

Brevi di cronaca
28 ottobre: nuovo appuntamento
Studenti.it - 22-10-2011
La rete degli studenti medi comunica che il 28 ottobre 2011 si terrà un sit in pacifico di protesta sotto la sede del Ministero dell'Istruzione; l'appuntamento è per le ore 14 in v.le Trastevere a Roma, dove gli studenti esprimeranno il loro dissenso nei confronti della proposta dei tagli sugli enti del diritto allo studio.

[ leggi ][ commenta
Zennaro, l'uomo del tunnel, continua a far parlare di sé
Roma capitale.net - 20-10-2011
Dopo l'ormai nota gaffe relativa al presunto tunnel tra il Cern di Ginevra con il laboratorio dell'Istituto nazionale di fisica nucleare ad Assergi, presso il Gran Sasso, la notizia delle dimissioni di Massimo Zennaro, allora capo ufficio stampa del ministro dell'Istruzione, Maria Stella Gelmini, sono sembrate a tutti un atto dovuto. Nonostante ciò Zennaro continua a mantenere l'incarico di responsabile della direzione generale per lo studente, una delle più importanti al Miur, incarico che ricopre dal 2009 per designazione dello stesso Ministro.
Non solo. A fine settembre usciva la notizia, pubblicata dai maggiori quotidiani, della contemporanea assunzione di un nuovo incarico di consulente culturale offertogli da Barbara Berlusconi...

[ leggi ][ commenta
Prove Invalsi: informare è meglio
La Tecnica della scuola - 19-10-2011
Parte con notevole anticipo rispetto allo scorso anno scolastico l'informazione sulle prove Invalsi. La Nota Miur n.6830 del 18 ottobre trasmette la Direttiva n.88 per la rilevazione degli apprendimenti nell'anno scolastico 2011/12, facendo chiarezza su obiettivi, modalità e impegni del personale.

[ leggi ][ commenta
Buon lavoro ministra Gelmini!
Tutti a scuola - 18-10-2011
--- e dovrà scusarci se ci siamo augurati che il governo potesse essere destituito dal voto parlamentare. Lei ha tanto lavoro da svolgere ancora: per esempio dovrà spiegare ai genitori di bambini disabili con diagnosi di gravità media perché 6 ore di sostegno alla settimana sono il massimo per i loro figli. Lo dovrà spiegare con chiarezza e lo dovrà anche provare a spiegare ai neuropsichiatri infantili che invitano le famiglie e la scuola a stimolare, proprio nelle delicata fase della crescita iniziale, i piccoli.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Serve un martirio per evitare la follia?
Ambiente Valsusa - 21-10-2011
 sociale 
All'alba del nuovo millennio ognuno di noi troverà questa domanda assurda, ma tra le tante questioni irrisolte (e facilmente risolvibili) il "caso TAV" della Torino Lyon presto potrebbe trovarsi al bivio tra follia e martirio. Nessuno creda che chi scrive non sappia che esistono problemi ben più gravi in Italia. Deficit, sanità, scuola, sicurezza dei cittadini, solo alcuni esempi, ma la realtà è ormai che il TAV fa più notizia, pur essendo il tema meno conosciuto (nei numeri) tra tutte le gravi questioni italiane.

[ leggi ][ commenta
Gruppo su Inganno Padano ancora invisibile malgrado le scuse di Facebook
Editrice La Zisa - 20-10-2011
 libri 
"Il gruppo 'Inganno Padano. La vera storia della Lega Nord' di Fabio Bonasera e Davide Romano non è stato rimosso, non era visibile a causa di un problema tecnico. È stato ripristinato ed è ora tornato visibile". Questa la risposta data, via mail, dall'ufficio stampa in Italia di Facebook ai giornalisti Fabio Bonasera e Davide Romano in merito alla scomparsa della pagina relativa al gruppo sul loro libro. In realtà...



[ leggi ][ commenta
Mobilità sostenibile e trasporto pubblico
Giocondo Talamonti - 19-10-2011
 pianeta 
In un incontro con l'ACI gli studenti dell'Ipia di Terni hanno affrontato il tema della mobilità sostenibile intesa come sistema di mobilità urbana da conciliare con l'esigenza di ridurre l'inquinamento e le esternalità negative, quali le emissioni di gas serra, lo smog, l'inquinamento acustico, la congestione del traffico urbano e l'incidentalità. Queste esternalità hanno un costo sociale che grava su tutti. Possono essere rimosse soltanto con una adeguata regolamentazione.


[ leggi ][ commenta
Decreto salva precari: domande entro il 2 novembre
Sindacato Sab - 17-10-2011
 comunicato 
il MIUR ha emesso il nuovo decreto salva precari per il 2011/12 per coloro che, inseriti nelle graduatorie ad esaurimento (docenti ed educativi) o nelle graduatorie permanenti (personale ATA), hanno sottoscritto un contratto annuale con l'ATP o con il dirigente scolastico in una unica soluzione o mediante proroghe e conferme nella medesima scuola, nel triennio 2008/11, per almeno 180 gg. ed a tutt'oggi non hanno ottenuto incarico annuale di pari durata a quello sottoscritto nel predetto periodo.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
U4energy
Le scuole primarie e secondarie di tutta Europa sono invitate a partecipare a questo entusiasmante concorso. Le scuole hanno la possibilità di vincere dei premi a fronte dei loro risultati nel risparmio energetico. Il primo turno della competizione U4energy è stato lanciato ufficialmente nel settembre 2010. La seconda fase è aperta: potete presentare le vostre candidature fino a maggio 2012.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva