Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 30 - a.s. 10/11
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 15/05/2011
raccontiscaffali

Sommario

NOTIZIE DAL FRONTE

La condizione crudele

di Francesco Di Lorenzo
Un patto con chiunque
di Francesco Di Lorenzo

DENTRO LA SCUOLA

Nessuna bugia

di Lorenzo Picunio
La proposta criminale di Fabio Garagnani
di Giuseppe Aragno
Nebulose
di Enrico Maranzana
Differenti o differenziati?
di Marta Gatti

ORIZZONTI

Troppi, maledetti eppure cari

di Gianfranco Pignatelli
E il silenzio scese felicemente nel giorno del terremoto
di Laura Alberico


Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici
Fai conoscere fuoriregistro ai tuoi amici

La condizione crudele
di Francesco Di Lorenzo

È veramente singolare quello che succede. La Confindustria si lamenta che la tanto attesa - ed epocale (per il ministro) - riforma degli istituti tecnici e professionali, non ha dato neanche uno dei frutti sperati. Infatti, dice Gianfelice Rocca, responsabile degli industriali per l'educazione, che il 'made in Italy' sta miseramente fallendo e non si vede all'orizzonte una nuova cultura del lavoro e dell'industria. Allora, sapete cosa propone? Di liberare il merito. Che non si capisce bene cosa sia. (Solo al ministero sembra che sappiano di cosa si parla. Tuttavia anche loro, alla fine, oltre a qualche discorso buttato lì, non hanno le idee così chiare).



Un patto con chiunque
di Francesco Di Lorenzo

Sarà pure un segno dei tempi, ma è qualcosa che dovrebbe far riflettere. La difesa più semplice, normale, chiara e sostanziale della scuola pubblica l'ha fatta, in queste ore, un partito di centro legato alla chiesa, l'Udc, attraverso il suo leader, Casini. Agli attacchi quasi quotidiani che la maggioranza e il presidente del consiglio sferrano contro la nostra scuola, quella vera, quella di tutti, quella pubblica, Casini, ribadendo di non essere contro la scuola privata, ha pronunciato queste parole: "Credo che gli italiani debbano essere orgogliosi della scuola pubblica italiana". E poi: "Noi abbiamo realizzato in questa scuola pubblica delle cose splendide: pensiamo agli inserimenti dei ragazzi diversamente abili. E' una cosa bella per i nostri figli, che così vengono a contatto con delle realtà più complesse, e per questi ragazzi, che si inseriscono in una comunità viva che li coinvolge".



Nessuna bugia
di Lorenzo Picunio

Chi va a scuola, chi ha dei figli che vanno a scuola, si accorge di come si faccia di tutto per soffocare la scuola pubblica. Nessuna bugia può nascondere le classi di 27 alunni, il taglio dei laboratori, le supplenti non chiamate, le scuole strozzate dai costi di funzionamento non finanziati.
Occorre ribellarsi come cittadini, darsi da fare perchè nell'istruzione è il nostro futuro, il futuro di tutti.



La proposta criminale di Fabio Garagnani
di Giuseppe Aragno

La logica, se di logica si può parlare senza coprirsi di ridicolo, è quella dello Stato autoritario o, se preferite, di una repubblica delle banane. Gli estremi spesso si toccano e Fabio Garagnani, con la sua criminale proposta, conferma la regola: "Professori politicizzati sospesi per 3 mesi". Ognuno la prenda come vuole. Chi spera in un miracolo che non verrà, chi si trincera dietro il "delirio" di una minoranza di estremisti che forza le regole del gioco, per affidarsi ai lamenti generosi e impotenti del Capo dello Stato, si accomodi. Meglio sarebbe però dirsi le cose per quello che sono e regolarsi di conseguenza. E' ora di piantarla. Siamo stanchi di subire e non abbiamo paura.



Nebulose
di Enrico Maranzana

Premiare il merito, riconoscere le eccellenze, elevare il livello qualitativo delle prestazioni sono
problematiche che implicano lo studio del rapporto obiettivi .. risultati conseguiti.
Nessuno dovrebbe sottrarsi a tale accertamento: il ritornello: "il merito dei politici è giudicato dalle urne"
non ha fondamento razionale in quanto efficacia e consenso sono aspetti che muovono in dimensioni
differenti.



Differenti o differenziati?
di Marta Gatti

Nel caos delle prove Invalsi (test con cui si valuta la preparazione dei nostri studenti) forse la notizia è sfuggita. Eppure la circolare ministeriale una volta tanto è scritta a chiare lettere.

Al punto "Alunni con disabilità intellettiva" dice esplicitamente che questi non possono né devono partecipare ai test di valutazione nazionale. (Il loro handicap abbasserebbe la media, soprattutto delle classi campione).
Se però i genitori in questi giorni li vogliono proprio portare a scuola, e i prof e i maestri non vogliono che si sentano esclusi, ebbene, quei bambini e ragazzi potranno sì fare il test, purchè in un "locale differente da quello utilizzato dagli altri allievi", al fine di non disturbare la prova dei "normodotati". Non solo. Lo stesso trattamento è riservato ai bimbi ipovedenti, e a quelli con i disturbi dell'apprendimento: per loro, che utilizzano strumenti speciali, la prova è prevista, ma, appunto, in locali diversi da quelli dei loro compagni di classe...



Troppi, maledetti eppure cari
di Gianfranco Pignatelli

Dopo il pestaggio morale e professionale dei docenti e l'invito a iscrivere gli alunni alle scuole private, viaggia un'altra falsità: la prossima manovra di aggiustamento dei conti pubblici prevista per giugno, naturalmente ad urne chiuse, sarà lacrime e sangue. Magari perché la finanza creativa aveva i conti truccati? O perché la scilipolitik, col suo stuolo di inutili sottosegretari, scarica sulla fiscalità pubblica i costi del pizzo politico al quale è sottoposta la maggioranza che non c'è? Macché, tutta colpa degli insegnanti da immettere in ruolo.
Per la verità gli insegnanti sono i più malpagati nel nostro pubblico impiego e sono terzultimi tra i loro colleghi europei. Ma nell'etere delle verità nascoste questa non passa.



E il silenzio scese felicemente nel giorno del terremoto
di Laura Alberico

Oggi ho apprezzato il piacere del silenzio: pochi alunni in classe per paura (?!) del giorno che le improbabili previsioni hanno decretato catastrofico. Il giorno x, variabile indipendente, ha fatto strage di presenze e questo fenomeno, per contrasto, ha creato un clima sereno e ovattato, cosa che nelle classi ormai è diventato un desiderio spesso impossibile da realizzare.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


 

Sponde
Referendum 12 - 13 giugno
La Redazione - 09-05-2011
 mappamondo 
Il referendum non sarà pubblicizzato in TV.
I cittadini, non sapranno nemmeno che ci sarà un referendum da votare il 12 giugno.
QUINDI : I cittadini, non andranno a votare il referendum.
Cerchiamo di diffondere a più persone questo documento per chiarire idee e scenari sui referendum abrogativi del 12-13-giugno 2011, che pagheremo a caro prezzo se non parteciperemo "attivamente"....

[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
Un altro ddl Carlucci (Pdl): per prof 3 categorie merito
Virgilio news - 14-05-2011
Dopo il ddl sul cambiamento dei tanti libri di testo scolastici, scritti da autori con ideologie di stampo comunista, l'on. Gabriella Carlucci (Pdl) diventa prima firmataria di un'altra proposta di legge sull'istruzione pubblica: stavolta il ddl, ora all'esame della commissione cultura della Camera, riguarda i docenti e ricalca a grandi linee quello, ormai fermo da un anno, presentato dall'on. Valentina Aprea ed incentrato sulla meritocrazia e premialità applicate all'insegnamento.

[ leggi ][ commenta
Formazione Iniziale Docenti
Cub Scuola - 11-05-2011
Il 29 aprile 2010 il MIUR è tornato sulla delicata questione della Formazione Iniziale dei Docenti di straordinario interesse perché, leggendola, è possibile formulare due ipotesi:- è stata scritta in parallelo da diverse persone ognuna delle quali non sapeva cosa scriveva l'altra e poi fusa a caso in un unico testo;
- è stata elaborata come test per verificare se, leggendola, ci saremmo accorti che contiene delle contraddizione lampanti. Una sorta di Test Invalsi dedicato agli insegnanti, insomma.

[ leggi ][ commenta
La valutazione è uno strumento, non un'ideologia
www.bastico.eu/ - 12-05-2011
Ritengo che il boicottaggio delle prove Invalsi, promosso dai Cobas, sia controproducente, perché impedisce una discussione vera sulla valutazione, determinando schieramenti precostituiti che valorizzano le posizioni di chi, come il Ministro Gelmini, fa della valutazione una sorta di ideologia.
La valutazione è, invece, semplicemente uno strumento, in sé né buono né cattivo, le cui caratteristiche sono definite dagli obiettivi che si intendono perseguire. E qui c'è la prima incongruenza della Gelmini...

[ leggi ][ commenta
La scuola a confronto con la comunità
scuolachefarete.it - 10-05-2011
Accogliere i propri studenti all'ingresso della scuola. E' questa una delle tante iniziative ideate da Gonzalez, giovane preside della scuola media 223, una delle più difficili del South Bronx a New York, che sta diventando un punto di riferimento in città, proprio grazie all'impegno del suo capo d'istituto e alle tante iniziative realizzate per far sentire maggiormente a loro agio gli studenti e per stimolarli ad andare a scuola, in un quartiere dove l'evasione scolastica è elevatissima.

[ leggi ][ commenta
Buono scuola anche per chi va nei diplomifici ?
La Tecnica della scuola - 09-05-2011
A rileggere il nuovo discorso del premier sul tema delle scuole pubbliche e private, sugli insegnanti di sinistra e sui libri di testo, viene da chiedersi se i nostri massimi governanti conoscano bene le leggi dello Stato.
Vediamo perché.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Tutti per uno
Sentieri Selvaggi - 14-05-2011
 cinema 
Sta per uscire in Italia un film francese sui rimpatri forzati degli immigrati. Si tratta di Tutti per uno diretto da Romain Goupil, dal 1° giugno nelle sale distribuito da Teodora.
Di grande impatto emotivo, la pellicola ha imbarazzato l'Eliseo perché la protagonista, nei panni di una madre coraggio che difende i piccoli immigrati, è Valeria Bruni Tedeschi, la sorella della Première Dame Carla Bruni Sarkozy.

[ leggi ][ commenta
Wi-Fi nelle scuole italiane
Zeus News - 12-05-2011
 software libero 
Un investimento di per sé sufficiente: infatti, non è adottando tecnologie in isolamento che si può veramente migliorare l'apprendimento dei nostri ragazzi". Computer, lavagne interattive, copertura WiFi: come potranno le scuole utilizzare queste tecnologie, se non sono state pensate per lavorare insieme e se non esiste un piano di coinvolgimento dei docenti e dei genitori?"

[ leggi ][ commenta
O' gallo 'ncoppa a città?
Gianfranco Pignatelli - 11-05-2011
 opinione 
Fa o' gallo 'ncoppa 'a munnezza, letteralmente: fa il gallo sulla immondizia. Significa ringalluzzirsi o menar vanto per un non nulla. Un po' come riuscire con le donne per soldi, ottenere consenso politico per compenso, essere imbonitori e chiamarsi imprenditori, dirsi a posto con la legge dopo essersi fatto le leggi. La locuzione è napoletana e, non a caso, s'addice a Napoli e al gallo nazionale. Quello che raduna intorno a sé e ai cumuli di rifiuti campani tutti i ratti neri della politica italiana. Così ha vinto, nell'ordine, le elezioni politiche, provinciali, regionali. Ora punta al comune di Napoli.

[ leggi ][ commenta
Giorni di scuola
Edizioni Erikcson - 10-05-2011
 libri 
Le testimonianze di 17 protagonisti del mondo della scuola (insegnanti urricolari e di sostegno, dirigenti scolastici, funzionari), che raccontano a un «diario immaginario» un giorno di scuola, una giornata costruttiva, una buona prassi che rinunci alla tentazione di essere lezione pedagogica o rivendicazione polemica per assumere invece i toni tecnici dell'esperienza, dell'impegno, della competenza, della professionalità. Sullo sfondo la propria storia e le proprie emozioni.

[ leggi ][ commenta
Festival della Complessità
Sergio Boria - 09-05-2011
 in vacanza 
Il Festival vuole allora essere una risposta al bisogno di molta gente di tornare a riflettere con attenzione sulla società-mondo in cui viviamo immersi, e sui nostri stili di vita. Il tema della complessità sarà anche quest'anno centrale, con l'intenzione di esplorare le questioni ed i contesti della quotidianità utilizzando gli strumenti del pensiero sistemico. Si parlerà di scuola, salute, ambiente, tecnologia e scienza, arte, famiglia, politica, rapporti tra i generi, globalizzazione, gestione dei conflitti, management, e molto altro.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Scuolachefarete
Docenti insieme per informare, formare, partecipare.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva