Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 28 - a.s. 10/11
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 17/04/2011
raccontiscaffali

Sommario

NOTIZIE DAL FRONTE

Il fango e la storia

di Francesco Di Lorenzo
Compra quel che non puoi vincere
di Francesco Di Lorenzo

PAESE NOSTRO

Spesso pochi hanno cambiato il mondo

di Giuseppe Aragno
Senza prezzo. Anzi, comunista
di Gianfranco Pignatelli
Docente precario disoccupato? No salva-precari? Ti salva Canale 5
di Fuoriregistro

DENTRO LA SCUOLA

La logica dell'ambulanza

di Cosimo De Nitto
Per una volta sperimentate sulla vostra pelle!
di Libero Tassella
La certificazione delle competenze: indicazioni operative
di Enrico Maranzana
Proteo, l'inafferrabile
di Emanuela Cerutti


C O M U N I C A Z I O N E

In occasione delle prossime feste,
la news settimanale è sospesa per quindici giorni.
Come sempre lo spazio web rimane aperto
a contributi, commenti, suggerimenti


D I C U O R E B U O N V E N T I C I N Q U E A P R I L E B U O N P R I M O M A G G I O A T U T T E T U T T I

La Redazione


Il fango e la storia
di Francesco Di Lorenzo

Ci mancava solo la chicca, o forse questa è solamente l'ultima ed ennesima - stupida - uscita sulla scuola della maggioranza e del ministero dell'Istruzione. Diciannove parlamentari del PDL, capeggiati da Gabriella Carlucci, hanno chiesto l'istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta "sull'imparzialità dei libri di testo scolastici". Perché, secondo loro, i libri di storia in uso nelle scuole sono parziali e gettano fango su Berlusconi. Naturalmente, non lo dicono ma lo pensano, chi scrive i libri di storia è comunista.
O comunque di sinistra, e questi uomini, scrivendo libri di storia, vogliono far cadere l'unico baluardo, il premier, contro il ritorno al potere di persone rozze e con la barba. Insomma, chi scrive di storia (e i loro libri) attaccano chi sta arginando una marea di estremisti che premono.
Il problema è che il ministro Gelmini è d'accordo.



Compra quel che non puoi vincere
di Francesco Di Lorenzo

Un gruppo di docenti precari sarà protagonista di un reality show su Canale 5. I prof dovranno, durante il programma, insegnare a dei presunti vip, le nozioni base di cultura.
Tali presunti vip sono scelti tra quelli che hanno dimostrato, in altri reality, limiti di conoscenze linguistiche, scarsa cultura ed altre amenità di questo genere.
Secondo gli ideatori del programma l'idea sarebbe molto attraente. Dimostrerebbe al grande pubblico che chi ha successo ha molte lacune sul versante delle conoscenze ed è, spesse volte, in difficoltà. Mentre metterebbe i precari in buona luce, perché darebbe loro la possibilità di dimostrare che - in realtà - sono dei bravi insegnanti.
Intanto i Cobas preparano i giorni dell'indignazione...



Spesso pochi hanno cambiato il mondo
di Giuseppe Aragno

Un Paese ipnotizzato dal circo mediatico e dall'infinita querelle sulle vicende giudiziarie di Berlusconi, non presta molta attenzione alle mille, preziose notizie che la controinformazione riesce a far filtrare con intelligenza e coraggio attraverso le maglie del conformismo. Giorni fa, Iside Gjergji ci ha raccontato d'una scelta inquietante e rivelatrice del Presidente del Consiglio, che il 7 aprile "per consentire un efficace contrasto all'eccezionale afflusso di cittadini extracomunitari nel territorio nazionale", ha dichiarato per decreto lo "stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa".
Tragica, nella sua essenza comica - non si capisce quale Paese sia il Nord Africa e l'Italia non può dichiarare lo stato di emergenza in un altro Stato - l'anomalia giuridica ha le mille ombre sulle quali acutamente si ferma la studiosa, ma è anche un fatto da archiviare a futura memoria.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Senza prezzo. Anzi, comunista
di Gianfranco Pignatelli

Non sono a sua disposizione, egregio presidente del consiglio.
Non sono un prezzolato che partecipa ai suoi bunga bunga di notte, o ai suoi vota vota di giorno.
Non sono in vendita.
Ho una dignità che il suo denaro non può comprare.
Ho una libertà di pensiero troppo grande per essere ospitata nella sua casa delle libertà e non sono pecora per il suo popolo di presunte libertà.
Insegno ciò che so e ciò che vale.
Se lei non c'è, pazienza. Vorrà dire che merita di essere ignorato o non vale.
La cattedra non è una ribalta per sketch politici di parte, non è uno spazio pubblicitario alla sua mercé.



Docente precario disoccupato? No salva-precari? Ti salva Canale 5
di Fuoriregistro

... ovvero ... non è mai troppo tardi ...

In questi giorni appare sempre più spesso sui canali Mediaset una striscia pubblicitaria con la quale il casting comunica di essere alla ricerca di docenti precari. Di che si tratta?
Sarebbe intenzione delle reti Mediaset la messa in onda di un reality show nel quale vengano coinvolti anche i docenti precari.
Ci sono già indiscrezioni sui conduttori: Nicola Savino e Barbara d'Urso, quest'ultima, addirittura, nei panni della preside.
In cosa consisterebbe questo programma?
della preside.
In cosa consisterebbe questo programma?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La logica dell'ambulanza
di Cosimo De Nitto

La colpa dei tagli, chiaramente inventati dall'opposizione in malafede e ideologicamente prevenuta, non è del governo, ma dei dirigenti scolastici che chiedono soldi alle famiglie, non perché servono alla scuola per sopravvivere, ma per "attaccare il governo". Seguendo questa logica si dirà che la colpa della disoccupazione e della precarietà è dei giovani che scendono in strada a protestare, i quali avrebbero da lavorare, ma preferiscono rimanere disoccupati e precari per "attaccare il governo". Se il governo diminuisce i fondi per gli enti locali e questi aumentano il costo dei servizi la colpa è degli enti locali che chiedono più soldi ai cittadini per "attaccare il governo". Insomma la colpa non è di chi provoca il danno ma di chi si lamenta perché lo fa per "attaccare" chi questo danno ha provocato.



Per una volta sperimentate sulla vostra pelle!
di Libero Tassella

Nell'articolo di Ichino sul Corriere del 31 marzo si nota che la preoccupazione è quella di sanare una vergogna pubblica con la regolarizzazione dei contratti dei precari. Cioè in pratica rendendoli tutti a tempo determinato, altro che indeterminato come pubblicizzato.
In realtà anche oggi nessuno è inamovibile, i licenziamenti ci sono anche nella scuola, certo solo per gravi motivi. Ma in questo caso la parte da cui si cerca di sanare il problema è quello a vantaggio dell'imprenditore, a cui dare tutele e vantaggi perché non si trovi sul groppone ingombranti dipendenti. Ha senso nella scuola un principio del genere?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La certificazione delle competenze: indicazioni operative
di Enrico Maranzana

In un forum di discussione sull'insegnamento della matematica è apparsa la seguente richiesta d'aiuto: "Qualcuno di voi insegna in un liceo scientifico e si sta occupando della certificazione delle competenze che da quest'anno è obbligatoria al termine della classe II nella scuola secondaria di secondo grado ? Quale strategie state adottando per la compilazione del modello proposto dal ministero?"
Si tratta di un sintomo della situazione d'abbandono e d'isolamento in cui gli insegnanti sono chiamati a operare, situazione che richiede azioni mirate e coordinate al governo della scuola da parte:
- della dirigenza, per orientare il SISTEMA educativo, di formazione e istruzione al conseguimento dei traguardi istituzionali;
- degli insegnanti, chiamati a realizzare la collaborazione insita nella natura e nella finalità della funzione formativa e di quella educativa.



Proteo, l'inafferrabile
di Emanuela Cerutti

Una tre giorni di studio in territorio milanese dal titolo "Ricomporre Babele: educare al cosmpolitismo". Organizzatrice la Fondazione Intercultura che si occupa da anni di interscambi tra scuole e famiglie e apre la porta del suo sito con una citazione da Robert Hanvey, antropologo: "Chi è chiuso nella gabbia di una sola cultura, la propria, è in guerra col mondo e non lo sa".
Massimo Razzi sfoglia per Repubblica i ricchi materiali del convegno e si sofferma su un dato di realtà marca Ipsos: lo specchio - sondaggio ci rimanda un'immagine italiana frammentata davanti al diverso. Chi ne ha paura, chi si rassegna alla sua presenza, chi è curioso, chi incerto sul da farsi, chi gli sorride.
Menelao, come da copione, pone domande...



 

Sponde


Restiamo umani
La Redazione - 14-04-2011
 mappamondo 
Il blog di Vittorio Arrigoni rappresenta il volto migliore dell'Utopia. Quello che sa accostare pensiero e cuore a coraggio e coerenza, brama di Verità (il maiuscolo è suo) e ribellione al sonno della ragione a militanza concreta, lucida e coraggiosa. I diari e le cronache si accompagnano a riflessioni e citazioni di altri che hanno, nella scorrevole varietà spazio-temporale, una caratteristica comune: il non essersi arresi ad apparenze più sicure, più indolori, meno radicalmente umane. Tra le molte scegliamo una citazione di Paolo Borsellino. Ci pare la più adatta ad accompagnare l'ultima notizia pubbblicata. Ultima per ora, vogliamo esserne certi.
"Non ho mai chiesto di occuparmi di mafia. Ci sono entrato per caso. E poi ci sono rimasto per un problema morale. La gente mi moriva attorno".

[ leggi ][ commenta


Brevi di cronaca
Catania accoglie l'eccellenza giovanile studentesca
Calogero Virzì - 16-04-2011
La manifestazione conclude un lungo percorso di studio e tre fasi di competizione a squadre: la fase di istituto, quella provinciale e quella nazionale. Hanno superato le selezioni provinciali e arriveranno a Catania per affrontare le semifinali nazionali: per la sezione senior 14 squadre per un totale di 70 alunni (27 maschi equivalenti al 38,5% e 43 femmine equivalenti al 61,5%); per la sezione junior 23 squadre per un totale di 115 alunni, di cui 34 maschi equivalenti al 29,5% e 81 femmine equivalenti al 70,5%. Anche in questa circostanza a scuola l'eccellenza è femmina.

[ leggi ][ commenta
Nucleare? Sì, grazie ...
Giornalettismo - 14-04-2011
In Piemonte è in corso una propaganda pro-nucleare nelle scuole affidata alla Sogin, società che gestisce il sito nucleare di Saluggia. È grave che venga fatta informazione a senso unico a dei giovani studenti da una società come la Sogin che per motivazioni economiche legittimamente vede con favore il ritorno al nucleare in Italia...
[ leggi ][ commenta
Quel pezzo di carta
ADiscuola - 13-04-2011
... se è vero che grazie ai titoli di studio, in particolare grazie alle lauree, è più facile trovare un posto di lavoro e guadagnare di più (dato comprovato da diverse indagini), non è assolutamente vero che questi titoli siano assegnati in modo giusto e ai più meritevoli.
...togliere il feticcio del valore legale del titolo di studio potrebbe probabilmente aiutare a rendere più giusto l'apprezzamento dei migliori e la valorizzazione del merito.

[ leggi ][ commenta
Incentivare la qualità del lavoro docente: afferrare Proteo?
Education 2.0 - 12-04-2011
Se l'obiettivo è scommettere sull'intelligenza del lavoro per promuovere l'innovazione del sistema formativo, allora è decisivo cogliere correttamente la specificità del lavoro che si intende valorizzare. Il lavoro docente è caratterizzata da due aspetti essenziali: ampia autonomia tecnico-professionale e dimensione cooperativa. Sono aspetti presenti in ogni tipo di attività lavorativa non meramente esecutiva, ma nel caso del lavoro scolastico assumono una rilevanza eccezionale, un vero e proprio tratto di specificità rispetto a molti altri lavori altamente qualificati: la libertà di insegnamento è addirittura tutelata dalla Costituzione e la cooperazione non è solo un aspetto virtuoso della professionalità, ma è la condizione stessa in cui essa si può esplicare. Ne consegue che ogni possibile forma di valorizzazione professionale deve agire contemporaneamente su entrambi questi aspetti, pena il dar luogo a gravi distorsioni.

[ leggi ][ commenta
Equipollenze complicate
C.A.P.D.I. - 11-04-2011
Il 5 aprile 2011 il Senato della Repubblica ha sancito l' Abrogazione dell'articolo 1-septies del decreto-legge 5 dicembre 2005, n. 250, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 febbraio 2006, n. 27, in materia di equipollenza di diploma di laurea in scienze motorie al diploma di laurea in fisioterapia, mantenendo il testo approvato alla Camera nel maggio 2010.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Dubidoo.it
Alberto Pellini - 16-04-2011
 software libero 
E' un quotidiano on line che offre ai ragazzi le notizie dei grandi (e non solo). Le racconta come i giovani vorrebbero: in maniera semplice e con una formula nuova. Non esistono solo gli ipertesti che caratterizzano l'informazione on line.
Le parole difficili vengono spiegate - se straniere, tradotte - e c'è la possibilità di andare in particolari pagine per ricerche e approfondimenti.
Non mancano, poi, gli spazi dedicati alle curiosità che stuzzicano l'interesse dei giovani. Storia, geografia, filosofia, lingue: ogni articolo è un'occasione, uno spunto in più, per riflettere e crescere.

[ leggi ][ commenta
La sola acqua non basta alla vita
Rete dei nuovi Municipi - 14-04-2011
 sociale 
Chiunque sia impegnato a cambiare il mondo sa bene quanto sia difficile avanzare. Pensate a quante persone lavorano ogni giorno da tempo per evitare che la gestione dell'acqua non sia privatizzata e quanto sia difficile in ciò fare progressi. Per questo bisognerebbe utilizzare bene le nostre energie, focalizzandole sul cambiamento di quei fondamentali della società che sono causa di ogni problema. Perché altrimenti speranza di avere successo non c'è. Nel tempo in cui una intera moltitudine di persone sensibili si trova impegnata a difendere l'acqua, altri arraffano il resto della RES PUBLICA.

[ leggi ][ commenta
Tragedia durante lo sbarco
Repubblica Palermo - 13-04-2011
 donne 
Erano a bordo di un vecchio peschereccio con 250 profughi, partito dalla Libia, che è finito sugli scogli. Le vittime sono due giovani donne. Secondo una prima ricostruzione, sono morte dopo che il barcone utilizzato per la traversata si è incagliato negli scogli in località Arenella.

[ leggi ][ commenta
E andae, andae, anda ayo
Fabrizio De André: la mostra - 12-04-2011
 musica 
...E nella barca del vino ci navigheremo sugli scogli
emigranti della risata con i chiodi negli occhi
finché il mattino crescerà da poterlo raccogliere
fratello dei garofani e delle ragazze
padrone della corda marcia d'acqua e di sale
che ci lega e ci porta in una mulattiera di mare...

[ leggi ][ commenta
Concorso di Prosa e Poesia per studenti Regione Lombardia
Luigi Cannillo - 11-04-2011
 quaderni 
L' I.T.S. Pier Paolo Pasolini di Milano organizza la XXII Edizione del Concorso di Prosa e Poesia "Marina Incerti" per ricordare la figura della poetessa e insegnante scomparsa nel 1988 e per valorizzare la scrittura giovanile. Il Concorso è aperto a tutti gli studenti delle scuole medie inferiori e superiori di Milano e Provincia. Una sezione è riservata agli studenti delle scuole medie superiori delle altre province della Regione Lombardia.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Didattica per progetti
Un laboratorio di studi e progettazione di servizi educativi interdisciplinari per l'aggiornamento e la formazione permanente di quanti operano nella didattica, nella pedagogia e, più in generale, nelle attività di promozione sociale.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva