Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 27 - a.s. 10/11
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 10/04/2011
raccontiscaffali

Sommario

NOTIZIE DAL FRONTE

Da epocale a invisibile

di Francesco Di Lorenzo
Truffe e zanzare
di Francesco Di Lorenzo

DENTRO LA SCUOLA

Dove stanno gli asini?

di Vincenzo Pascuzzi
Giù le mani dal disabile, giù le mani da chi non si può difendere
di Lorenzo Picunio

ORIZZONTI

Fora d'i ball, ringhia la bestia

di Giuseppe Aragno
16 aprile: Manifestazione nazionale contro la guerra a Napoli
di Assemblea contro la guerra
Il Partito felicità
di Giuseppe Aragno


Da epocale a invisibile
di Francesco Di Lorenzo

Il messaggio era già chiaro. Ora c'è solo da prenderne atto: viviamo all'insegna del "si fa ma non si dice". Così, si è saputo da un'intervista, il ministro Gelmini non sopporta i presidi che chiedono soldi alle famiglie.
Anzi, per dirla tutta, le dà ancora più fastidio che lo dicano ai quattro venti, e che tutto ciò venga riportato da giornali e gazzette. Perché, questa è la chiosa, se chiedono contributi alle famiglie per le normali spese scolastiche (visto che sono a corto di liquidi), lo fanno per screditare il governo.
"Ipotizzare un improbabile accordo fra diecimila presidi, di orientamenti diversi, per fare politica antigovernativa è una di quelle semplificazioni comunicative che non giovano a comprendere e che sarebbe meglio evitare", questa è la risposta che l'ANP (associazione nazionale presidi) ha dato al ministro. Il quale, però, non ha smesso di stupire, perché, ha detto ancora, udite udite, che le scuole sono piene di soldi ed è quindi inutile chiederli in giro.



Truffe e zanzare
di Francesco Di Lorenzo

Quando si dice che la realtà supera la fantasia. Quello che era stato descritto appena qualche mese fa in un film dal titolo Immaturi, ancora sugli schermi italiani, e che sembrava una invenzione buona per un soggetto, una sceneggiatura e un film di medio successo, è invece diventata una realtà. Si tratta di un maledetto imbroglio, scoperto in questi giorni e che ha portato in galera i due organizzatori della truffa.

Sono stati resi noti i risultati di una ricerca svolta negli Stati Uniti presso la 'Penn State University'. È stato osservato per 4 anni il comportamento di 434 giovani tra i 17 e i 19 anni ( lì sono studenti del college, da noi sarebbero tra l'ultimo anno delle superiori e il primo dell'università), e si è scoperto che i maschi e le femmine hanno differenti reazioni dopo il loro primo rapporto sessuale.



Dove stanno gli asini?
di Vincenzo Pascuzzi

"A fronte di questo insensato lassismo, che ha riempito le scuole italiane di professori asini": così scrive Sergio Luciano su ItaliaOggi del 7 aprile 2011.

La scuola ha problemi, l'Italia ha problemi, c'è - ancora - la crisi, il nostro premier pensa ai suoi guai con la giustizia e trascura tutto il resto e, in particolare, i problemi economici e occupazionali: questa è la situazione. Ma che un giornalista salti fuori ad affermare che i prof precari non sono selezionati e perciò "asini" (scrive proprio cosi, il tapino!), no, non lo accettiamo! Non è vero, non è serio, deforma la realtà, attribuisce - al solito! - le colpe alle vittime invece che ai veri responsabili: governo e ministri dell'istruzione e dell'economia!



Giù le mani dal disabile, giù le mani da chi non si può difendere
di Lorenzo Picunio

Merita di essere sostenuta una legge di civiltà, la 517 del 1977, che inserisce i bambini e ragazzi disabili nella scuola pubblica, creando un'esperienza che ha arricchito migliaia di alunni disabili e milioni di alunni in genere, che hanno avuto l'esperienza formativa di crescere insieme a loro.
Lo diciamo al Ministro dell'Istruzione che asserisce, alla televisione pubblica, che qualcuno è troppo "largo" nell'assegnare certificazioni.



Fora d'i ball, ringhia la bestia
di Giuseppe Aragno

Un branco di australopitechi si sarebbe ribellato. Una tribù di trogloditi l'avrebbe cacciato via d'istinto e una comunità d'ominidi l'avrebbe punito, il ringhio vile: "fora d'i ball" sarebbe costato caro per sempre, ovunque e comunque, dal miocene all'età della pietra, dalla preistoria alla storia. L'istinto della bestia o l'onore del guerriero si sarebbero rivoltati e le femmine ne avrebbero fatto un punto d'onore: nessun genere di rapporto. Nulla, dalle necessità del sesso, alla carità d'una spidocchiata. Persino le pulci sarebbero saltate vie, nauseate dal sangue velenoso, e l'intero pianeta si sarebbe trovato unito in un universale e memorabile diluvio. Nulla sarebbe rimasto com'era.
L'evoluzione della specie, invece, qui da noi, oggi, s'è prima fermata, incerta e sospesa, poi ha scelto d'invertire il suo corso.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


16 aprile: Manifestazione nazionale contro la guerra a Napoli
di Assemblea contro la guerra

L'Italia che a parole ripudia la guerra si è lanciata in una nuova aggressione militare a senso unico, come le precedenti, questa volta contro la Libia che rappresenta la "nostra" quarta sponda. La quinta in vent'anni, la terza nel giro di un decennio in cui si è persa ogni remora nei confronti dell'intervento bellico.

Ma a differenza delle altre occasioni pochi sembrano indignarsi, pochi alzano la voce per gridare che questa, come già altre guerre, ha dei motivi ben precisi: le immense ricchezze del sottosuolo libico, il gas, il petrolio, gli affari delle grandi aziende e della grande finanza. Motivi che stanno causando già centinaia di morti fra i libici, e che ne causeranno ancora di più, appena l'uranio impoverito, sganciato in quantità, comincerà a fare effetto.
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Il Partito felicità
di Giuseppe Aragno

- E' tardi, sì. Che vuoi che ti dica? S'è fat-to tar-di! - sillabò urlando Marco, per dar spessore sonoro all'ira che montava. Si fermò un attimo, rabbrividì sfilandosi la giacca bagnata, poi riprese, come un pupazzo a molla che s'è incantato:
- E' tardi, sì, hai ragione, però non ti ci mettere anche tu, per favore. Piove, il traffico è impazzito e, come tutti i santi giorni, l'immancabile corteo di nullafacenti protesta, perché, si sa, così nasce un mondo migliore. E l'occasione non gli manca mai.
Sollevò gli occhi al cielo, sospirò profondamente per non farsi travolgere dalla rabbia e ricominciò, aiutandosi col corpo, le mani e le pieghe espressive del volto, come un mimo:
- Sciarpa arcobaleno, orecchini, tatuaggi, capelli di tutti i colori, slogan, bandiere e via. Oggi è il turno della guerra. Quattro gatti, il traffico in tilt e la polizia, vedessi la polizia! - urlò sdegnato - Li scorta, la polizia, li accompagna e sta a guardare!



 

Brevi di cronaca
Mi candido a futuro ministro della Pubblica istruzione
Il Gazzettino.it - 09-04-2011
Egregio presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, Le scrivo per propormi come Ministro della Pubblica Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Scrivo a Lei per primo perché mi piacerebbe essere ministro nel governo del presidente del consiglio che farò di tutto per poter votare. Confesso io stessa di non possedere tutte le carte in regola per ricoprire cotale importantissimo ruolo, d'altro canto son praticamente certa che avrò nel mio mazzo più carte in regola di molti fra quelli che mi hanno preceduto! Non voglio esser troppo prolissa dunque vado al punto.

[ leggi ][ commenta
Per paura di finire come Zurigo, il partito di destra solleva il problema della presenza di docenti stranieri in Canton Ticino
ininsubria.it - 07-04-2011
La Svizzera è assediata dagli insegnanti stranieri.
Se in Italia ogni tanto la Lega pone il problema delle cattedre del Nord che spesso e volentieri vengono occupate da docenti che arrivano dall'altro capo della penisola, in Svizzera il problema diventa addirittura internazionale, dal momento che i posti di insegnanti nelle scuole superiori e nelle vedono un'alta percentuale di occupanti stranieri.

[ leggi ][ commenta
Organici: tinte fosche per la primaria
Bergamonews - 06-04-2011
In provincia di Bergamo l'ufficio scolastico provinciale opererà:
• riducendo a 60 minuti il tempo mensa
• assegnando 40 ore per il tempo pieno dalle prime alle quinte
• l'inglese sarà tagliato e i docenti rientreranno nei posti comuni
• sostegno: saranno assegnati tutti i docenti necessari ma senza classi con numero ridotto; non si sdoppierà la classe
• saranno creati spezzoni orario che rientrano nell'organico di diritto anche nella scuola primaria con un'incidenza a Bergamo pari al 13% dell'organico.

[ leggi ][ commenta
Proposta Ichino, anche l'Ugl la respinge
Tuttoscuolanews - 04-04-2011
Non sono solo Cisl Scuola e Flc Cgil a dire no alla proposta Ichino, ma anche, per l'Ugl Scuola, il segretario nazionale Giuseppe Mascolo: "La presupposta inamovibilità degli insegnanti di ruolo, di cui ha parlato oggi Pietro Ichino, in realtà non esiste. E' quindi inopportuno pensare di abbassare ulteriormente il livello delle loro condizioni lavorative".

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
9 aprile e dintorni
Ilnostrotempoèadesso.it - 09-04-2011
 teatro 
Assunta Buonavolontà si è stancata delle offerte di lavoro più improponibili, delle telefonate sbattute in faccia e della sua situazione di precaria (sentimentale). Sarà in piazza con noi il 9 aprile!!


[ leggi ][ commenta
Risarcita con oltre 13.000,00 euro collaboratrice scolastica precaria
Sindacato SAB - 07-04-2011
 comunicato 
Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Castrovillari accoglie il ricorso di una collaboratrice scolastica precaria che, avendo fatto domanda di inserimento nelle graduatorie permanenti di 2^ fascia del personale ATA come collaboratrice scolastica chiedendo di usufruire della precedenza prevista dall'art. 4.2 per avere prestato almeno 30 gg di servizio nell'a.s. 2000/01 si vedeva scavalcata da chi non poteva far vantare analoga precedenza.

[ leggi ][ commenta
AAA Futuro Cercasi: Giovani e Lavoro
Anchenoi - 06-04-2011
 sociale 
A Bari una giornata di incontro tra giovani e mondo del lavoro all'interno di un percorso di orientamento che vede interessati gli studenti delle Scuole Superiori Calamandrei e Marco Polo, attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie e di eventi in presenza.
[ leggi ][ commenta
Siamo in mezzo a un pandemonio
Mauro Artibani - 04-04-2011
 consumo 
Cortese Consumatore,
ad oltre due anni dallo sconquasso siamo ancora ficcati in mezzo ad un pandemonio; si stenta a capire i fatti.
Lei non ha molto tempo, io non posso tediarla con empiti teorici, di seguito le propongo un percorso accelerato nella crisi ed i modi per andare oltre. Le frasi maiuscole sono stringhe - da me confezionate e custodite, zeppe di dati e fatti - che, se vuole, posso illustrarle.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Caratteri diversi
U cantiere aperto, un laboratorio di idee, uno spazio fuori dalle righe che offre informazioni, curiosità, cultura, arte ed è scelto ogni giorno da più di 200 persone.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva