Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 17 - a.s. 10/11
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 30/01/2011
raccontiscaffali

Sommario

NOTIZIE DAL FRONTE

Scatti e conflitti

di Francesco Di Lorenzo
Invidia e delirio
di Francesco Di Lorenzo

DENTRO LA SCUOLA

Le due verità del ministro

di Fuoriregistro
Grandi slogan, piccole riforme
di Lorenzo Bussi
Una scuola che fabbrica miseria
di Giuseppe Aragno
La Gelmini, Tremonti e quella truffa agli insegnanti sugli scatti di anzianità
di Tommaso Caldarelli
Contributi volontari: c'è chi dice no
di Francesco Mele
Frutta nelle scuole: se la mangi (ti) frutta
di Marisa Fazio

DENTRO IL PAESE

Con una piccola vena polemica

di Francesco Masala
Il Ricordo di quel 27 gennaio 1945 e non solo....
di Giocondo Talamonti


Scatti e conflitti
di Francesco Di Lorenzo

Il problema è serio. Se anche i sindacati si mettono a dare notizie false e tendenziose, allora stiamo freschi. Sembra, a leggere sempre le notizie, che una parte dei sindacati: Cisl, Uil, Snals e Gilda, che sottoscrissero l'accordo estivo col ministro Tremonti, secondo la Cgil si siano fatti imbrogliare.
In pratica si è scoperto che ci sarebbe un buco nella carriera dei docenti che non verrebbe mai più colmato. Un po', come dire, è vero che ti restituisco gli scatti del 2010, ma ti rubo tre anni di carriera, così risparmio. I firmatari, naturalmente dicono che non è vero, che ricontratteranno anno per anno, che il recupero avverrà e sono fiduciosi. Qualche dubbio, nelle persone sane potrebbe anche sorgere...e forse forse, sarebbe più opportuno essere chiari e trasparenti, sia da parte del ministero, che dalla controparte. Non aggiungere, cioè, ulteriori dubbi e ansie...che non è il caso.



Invidia e delirio
di Francesco Di Lorenzo

Anche gli studenti degli Stati Uniti non raggiungono risultati brillati nelle discipline scientifiche. La notizia non è di per sé importante e comunque non serve a fare degli inutili raffronti.
Un'indicazione di rilievo ci viene, invece, per quanto riguarda il dopo, il cosa fare, il come affrontare un problema di questo genere.
Ebbene, gli esponenti governativi degli Stati Uniti, a quanto pare, sono preoccupatissimi. È intervenuto anche il presidente Obama. Ha detto che metterà mano ai programmi del 2002 elaborati dal governo Bush che, guarda caso, prevedevano meno ore da dedicare alle scienze. Poiché l'alto livello di competitività anche nell'istruzione è una delle priorità del governo americano attuale, è certo che si interverrà per cambiare la vecchia legge del 2002. Peccato che da noi, invece, la tendenza sia quella di tagliare le ore per risparmiare. E, quindi, ci tocca solo un po' di invidia.



Le due verità del ministro
di Fuoriregistro

Quando questo governo se ne andrà - e dovrà accadere - di Maria Stella Gelmini rimarranno indelebili, nel ricordo di chi l'ha vista all'opera, l'immagine più concreta e completa della crisi morale, prima ancora che economica, di questi anni bui. Una donna che ha governato la scuola senza poter spiegare in virtù di quali titoli sia giunta al governo, che per quasi tre anni ha continuato a confondere tempo pieno e tempo scuola e non ha mai distinto tra propaganda e progetto politico.
Da qualche giorno, poi, mentre difende il "suo" premier da quello che, a suo modo di vedere, è il "fango" rovesciatogli addosso da comunisti e congiurati annidati nella Procura di Milano, il "ministro ha completamente dimenticato quanto pure aveva solennemente promesso ieri e fa di tutto per meritare una menzione particolare nell'albo dei venditori di tappeti che occupano il banco di questo sciagurato governo.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Grandi slogan, piccole riforme
di Lorenzo Bussi

Io non nego che scuola e università avessero bisogno di essere riformate, ma razionalizzando le risorse ed appianando le differenze tra nord e sud, non sforbiciando alla cieca! Che strano modo di avviare delle riforme (leggasi tagli) partendo da slogan che eccitano l'emotività popolare.

Adesso scopriamo che le incompetenze dei nostri quindicenni non erano poi così gravi, che la scuola tutto sommato, quella pre-riforma, ha retto alla prova. Potremo dire lo stesso quando verranno presentati i dati della prossima indagine Ocse-Pisa?



Una scuola che fabbrica miseria
di Giuseppe Aragno

Venerdì' prossimo, 28 gennaio, sciopero generale della scuola e dell'università con la Fiom. E sarà bene dirlo: è sciopero politico. Non sarà la Procura di Milano a chiudere la partita col neoliberismo all'italiana e, assente in Parlamento un'opposizione pronta a una battaglia di democrazia, la piazza fa supplenza.
Semaforo rosso per ogni soluzione autoritaria d'una crisi economica e sociale, che chiude nell'unico modo possibile la seducente "età dell'oro" promessa dal capitale dopo la caduta del muro di Berlino.
C'è un filo diretto tra il massacro di Marchionne alla Fiat e la decimazione del Ministro Gelmini. Si vede chiaro e bisogna far fronte, reagire e scompaginarlo: è un pericoloso progetto politico.



La Gelmini, Tremonti e quella truffa agli insegnanti sugli scatti di anzianità
di Tommaso Caldarelli

Il ministero, su pressione dei sindacati, ripristina gli aumenti salariali per il periodo di servizio. Ma li posticipa, e di molto.
Per capire - anzi, per provarci, visto che la materia è complicata e dispersiva - cosa sta succedendo nella scuola pubblica, in materia di trattamento economico dei docenti, bisogna appoggiarsi a quanto ricostruito da Repubblica, che denuncia quella che, sugli scatti di anzianità agli insegnanti italiani, appare come una vera e propria truffa.



Contributi volontari: c'è chi dice no
di Francesco Mele

Dal rapporto del CENSIS salta agli occhi un dato eclatante: il contributo volontario non è inevitabile, ci sono scuole e non poche (il 43,5% delle intervistate) che non lo richiedono e anche le cifre richieste oscillano davvero molto partendo da pochi miseri euro, cosa che fa aumentare il numero delle scuole che di fatto non chiedono nulla ...

E allora, come la mettiamo con l'ineluttabilità del contributo volontario?
Come la mettiamo col ricatto che i genitori si sentono fare ogni anno sulla qualità della scuola dei propri figli che sarebbe annullata senza il loro contributo?



Frutta nelle scuole: se la mangi (ti) frutta
di Marisa Fazio

Da qualche mese in molte scuole pubbliche italiane viene distribuita, una volta a settimana, frutta fresca per incoraggiarne il consumo fin dalla più tenera età, progetto patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole e dal Ministero della Salute con l'obiettivo di educare ad una sana alimentazione, al rispetto dell'ambiente e della biodiversità...
In una gelida mattina di gennaio nelle scuole aderenti al progetto, dal Nord al Sud d'Italia, vengono distribuite le susine angeleno, che maturano da giugno a ottobre, e i maggiori produttori sono: Piemonte e Emilia, confezionate a Forlìmpopoli, in provincia di Forlì - Cesena...



Con una piccola vena polemica
di Francesco Masala

Cosa si fa per non aderire a uno sciopero indetto da Cub e Cobas, sciopero che la Cgil non ha avuto il coraggio di indire, nonostante i colpi terribili che subisce tutto il mondo del lavoro .

Ma per un lavoratore scuola della Cgil è più dignitoso andare in piazza con la sua bandiera col trucchetto del permesso sindacale (quando tutti gli altri lavoratori presenti stanno rinunciando a un giorno di paga), non aderire allo sciopero, come ha deciso il suo sindacato, o scioperare coi Cub e i Cobas e rischiare la scomunica dal suo sindacato?



Il Ricordo di quel 27 gennaio 1945 e non solo....
di Giocondo Talamonti

L'Ipsia S. Pertini è la scuola che fa della cultura strumento imprescindibile per l'affermazione della dignità dell'uomo, non solo nella sua genericità ma anche nella specificità e unicità della dinamica evolutiva che interessa il vissuto di ognuno. Come modello di riferimento per ogni generazione, la scuola non manca mai di riunire i suoi studenti per celebrare il "Giorno della Memoria" e riflettere sullo Shoah, uno spartiacque tra barbarie e civiltà, guerra e pace, assolutismo e democrazia.
Se ci fosse consapevolezza della Shoah l' "altro", il "diverso", non sarebbe definito tale, ma persona con la quale coesistere pacificamente su una terra e un universo che è di tutti e di ciascuno.



 

Brevi di cronaca
No dei prof a un mese di paga in più
Il Giornale - 29-01-2011
I docenti dicono no al voto sul loro operato. Pur di non ricevere giudizi sono perfino disposti a rinunciare a uno stipendio in più alla fine dell'anno. Era già successo due mesi fa a Torino e Napoli. Ora anche i prof milanesi hanno votato contro la sperimentazione sulla meritocrazia introdotta dal ministro Maria Stella Gelmini. Tanto che il ministero è stato costretto a prorogare i termini di adesione al 7 febbraio.

[ leggi ][ commenta
A proposito di classi pollaio
Salvatore Nocera - 27-01-2011
E' da tener presente che , sulla base della nuova normativa sulla class action, se le singole famiglie volessero ottenere una riduzione del numero degli alunni nelle classi irregolari ed il risarcimento dei danni subiti, dovranno agire individualmente con appositi ricorsi . Infatti la recente normativa si è limitata solo a predisporre strumenti di stimolo all'efficienza dell'Amministrazione e non anche a garantire direttamente i diritti violati dalle omissioni dell'Amministrazione.Diversamente invece stabilisce la normativa americana alla quale la nostra si è solo in parte ispirata.

[ leggi ][ commenta
Illegittimo predisporre ora le graduatorie d'istituto per i perdenti posto
Sindacato Sab - 26-01-2011
Nonostante reiterati interventi in proposito nei decorsi anni scolastici, siamo costretti, nuovamente, a denunciare l'illegittimità del comportamento di alcuni dirigenti scolastici che, non curanti delle disposizioni contrattuali vigenti, formulano le predette graduatorie prima della pubblicazione del contratto sulla mobilità che disciplina modalità e termini per dette operazioni incidenti, profondamente, sulle posizioni giuridiche dei soprannumerari e prima della scadenza delle iscrizioni degli alunni prevista per il 12/2/2011.
In particolare, in attesa del nuovo contratto che, sebbene firmato in ipotesi, da quest'anno dovrà essere avallato dal Ministero della Funzione Pubblica che potrà chiedere modificazioni e solo dopo sarà reso esecutivo.

[ leggi ][ commenta
Mobbing scolastico
Scuolamagazine.it - 25-01-2011
Vorrei diffondere queste riflessioni ispiratemi dal vergognoso episodio di coercizione riferito nel "pezzo" stesso... Credo sia necessario parlare di quanto accade entro le mura scolastiche, dei mutati atteggiamenti dei dirigenti, per capire cosa si intenda quando si parla di "mutamento antropologico" o di "genocidio culturale" indotto dalla mercificazione dei saperi come dei corpi...
V.P.
[ leggi ][ commenta
Iscrizioni alunni e organico di strumento musicale nella scuola media
Sindacato SAB - 24-01-2011
Al fine di dare massima informativa tra il personale interessato, anche in vista della scadenza dell'iscrizione degli alunni nelle scuole statati e per vigilare sulla corretta composizione dei posti di strumento musicale nella scuola media, portiamo a conoscenza la sentenza emessa dal TAR Calabria in merito all'esatta composizione delle cattedre a 18 ore di strumento musicale in organico di diritto invece delle 12 ore che, normalmente, molti ATP assegnano a tale discipline per non far costituire posti in organico di diritto, quindi posti disponibili per la mobilità e l'immissione in ruolo dei precari di strumento musicale.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
L'Egitto e i parenti di Dio
Collettivo Baruda - 29-01-2011
 storie 
Non solo non ho modo di aggiornare queste mie pagine, ma nemmeno di seguire come voglio la rivolta egiziana e un po' tutto quello che in quella larga sponda di mediterraneo sta accadendo da giorni e in queste ultimissime ore.
Niente connessione, vivo e forse vivrò ancora una manciata di ore, in un batuffolo di ovatta che mi fa venire ancora più voglia di andare a guardare con i miei occhi, di salpare e attraccare sull'altra riva dello stesso identico mare.
Sentire le urla di quelle piazze, sentire il fischio di quegli spari che assomiglia a tutti gli altri, lui si.

[ leggi ][ commenta
Gli strateghi che guidano il caos cittadino
Repubblica Napoli - 28-01-2011
 ritratti 
Qualunque teoria, fisica o metafisica, che spieghi il passaggio dal caos originario all´universo ordinato, non può non tener conto dell´anomalia rappresentata dalle nostre terre e quindi dalla nostra città. Nelle quali la trasformazione, diciamo così, non è del tutto riuscita. Intanto, ci sono aspetti positivi di una non compiuta "normalizzazione", per esempio per quanto riguarda i luoghi godiamo di una bellezza e una mitezza eccezionali e fuori dell´ordinario, e anche per quel che riguarda la gente la creatività, l´ingegnosità, la gioiosità abbondano tra la popolazione.

[ leggi ][ commenta
Il Gazzettino dei ragazzi
Team Istituto Criscuoli - 27-01-2011
 quaderni 
Il progetto si ispira alle finalità stesse della scuola. Il bisogno di esprimersi è insito nella natura umana e l'educazione ha il compito di abilitare gli alunni a comunicare correttamente, a maggior ragione in un mondo complesso e plurale come quello contemporaneo, cioè nella società della comunicazione. Inoltre, tale iniziativa consente di realizzare le finalità proprie dell'educazione alla convivenza democratica, in quanto il senso di un giornalino scolastico è anzitutto quello di contribuire a pensare e scrivere in modo autonomo e cosciente. L'intento del giornalino è l'arricchimento culturale e formativo degli alunni a prescindere da ogni altro scopo non strettamente didattico.

[ leggi ][ commenta
Quando l'equità migliora la vita
La Voce.info - 26-01-2011
 espressioni 
...il benessere non può essere misurato direttamente, perché si tratta di una condizione tipicamente soggettiva, al pari della felicità, dell'amore, della bellezza di un'opera d'arte, eccetera. Per questo motivo, sono sostanzialmente falliti i vari tentativi di misurazione del benessere mediante scale ordinali (ricavate chiedendo a ciascun individuo di dare un "voto" alla propria condizione) o deducendolo dalle preferenze rivelate dagli intervistati nella scelta tra diverse combinazioni di beni e condizioni di vita. Forse, di fronte al problema della misurazione del benessere, dovremmo ispirarci alla famosa scena del film "L'attimo fuggente" in cui il professor Keating/Robin Williams invita gli studenti a strappare dal libro di testo le pagine iniziali, che pretendono di spiegare come si misura "scientificamente" il valore di un'opera letteraria in base ad alcuni discutibili parametri quantitativi.

[ leggi ][ commenta
Hai sentito il ronzio?
Avaaz.org - 24-01-2011
 pianeta 
Le api stanno morendo in tutto il mondo e la nostra intera catena alimentare è in pericolo. Gli scienziati puntano il dito contro i pesticidi tossici e quattro governi europei li hanno già vietati. Se riusciamo a convincere gli USA e l'UE a unirsi alla messa al bando, altri governi in tutto il mondo potrebbero seguirli, e salvare così le api dall'estinzione.
Firma la petizione e inoltra questo appello urgente.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Avaaz
Avaaz è un alleato e un luogo di raduno in favore delle persone svantaggiate per aiutare a costruire il cambiamento reale."
Zainab Bangura, Ministro degli esteri della Sierra Leone

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva