Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro n. 10 - a.s. 10/11
Newsletter fuoriregistro
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 21/11/2010
raccontiscaffali

Sommario

NOTIZIE DAL FRONTE

Superman aiutaci tu

di Francesco Di Lorenzo
Parole di troppo
di Francesco Di Lorenzo

SCUOLA E PALAZZI

Un nuovo Concorsone?

di Il Manifesto dei 500
Un progetto cannibale
di Cosimo Scarinzi
Da Gelmini a Trichet: disumanizzare
di Giuseppe Aragno
È proprio un vizio
di Maristella Curreli

MESTIERE DIFFICILE

Il problema dei compiti e non solo

di Adele De Vito
La scuola del presente
di Claudia Fanti
Chi forma i formatori?
di Liana Gerbi

PAESE NOSTRO

In basso la resa

di Andrea Tornago
Colpa della lotta di classe?
di Giovanni Lamagna
La tournee nei perimetri dell'assenza
di Vincenzo Andraous






Superman aiutaci tu
di Francesco Di Lorenzo

Intanto gli studenti sono in agitazione: contro la riforma Gelmini, contro i tagli alla scuola pubblica e contro il modo - che questo governo dell'istruzione propone e propaganda - di trattare gli extracomunitari e i disabili. E già questi punti, solo questi, potrebbero essere il programma per una scuola nuova e di diverso tenore. Ma i giovani chi li ascolta? Sono stupidi, inconcludenti, dicono sempre le stesse cose. Qualche ministro li ha chiamati quattro pirla che non hanno niente da fare, riferendosi in particolare a qualcuno che lo contestava. Qualche genitore, invece, guarda con sospetto chi, a suo dire, fa perdere due ore di lezione alla sua amata figlioletta. Insomma, loro, i giovani, sono circondati e accerchiati.
Eppure, chiedono semplicemente alla scuola di aiutarli a cercare un futuro.



Parole di troppo
di Francesco Di Lorenzo

Quello che più spaventa dell'attuale ministro Gelmini è il tono enfatico che usa. Che non si addice ad un ministro, o almeno non dovrebbe. E' di appena pochi mesi fa le definizione di "epocale" da lei attribuita alla riforma delle scuole secondarie; più recente è l'espressione "'giorno storico", usata per aver dato avvio alla sperimentazione sulla valutazione di scuole e professori: francamente ci sembra un po' troppo. Come se prima di lei non si fosse discusso di nulla. Come se la scuola italiana fosse vissuta in un buco nero, in un deserto mentale. E non si aspettasse che la sua visione illuminata per risorgere.



Un nuovo Concorsone?
di Il Manifesto dei 500

Al di là delle modalità si tratta di un fatto gravissimo: con un governo che sopravvive nel discredito totale, mentre non ci sarebbero i soldi per i nostri contratti scaduti, con gli insegnanti costretti a lavorare nelle condizioni più incredibili, con le scuole che soffrono dei tagli di organico e di orari, con i bambini portatori di handicap che non hanno le ore necessarie, con il 90% degli edifici che non sono a norma, mentre si sono distrutti i Programmi Nazionali, il ministro si permette di stanziare centinaia di migliaia di euro per "premiare" un pugno di insegnanti che verrebbero selezionati dal dirigente scolastico e da due colleghi, con la "visione" di un genitore!

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Un progetto cannibale
di Cosimo Scarinzi

... si chiede ai Collegi Docenti di designare due tagliatori di teste che, sotto il controllo del Dirigente, dovranno scegliere sulla base di criteri scientifici quanto l'astrologia i salvati ed i sommersi
...si introduce un criterio quale l'apprezzamento da parte di genitori e
studenti per scegliere i migliori. In pratica, un legittimo parere diventa un modo per valutare le competenze degli insegnanti. Si tende a distruggere il carattere libero e gratuito della comunica educante...



Da Gelmini a Trichet: disumanizzare
di Giuseppe Aragno

Precario tra i precari, l'avvocato Gelmini, diventato ministro per un mistero glorioso, s'è dichiarato soddisfatto: la scuola dello Stato non ha avuto un centesimo, ma quella papalina, apostolica e romana ha visto salire a 245 milioni il fondo per le scuole private. In tutt'altre faccende affaccendato, l'avvocato ha tenuto a comunicare a studenti e docenti la buona novella: "Sono prive di fondamento le notizie legate ad una uscita del ministro Carfagna dal Governo e dal Pdl. Mara Carfagna è un ottimo ministro e la sua lealtà nei confronti del presidente Berlusconi non può essere messa in discussione, come ha anche sottolineato in questi giorni il coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini"'. Diffusa la sua nota, s'è preparata al week end.



È proprio un vizio
di Maristella Curreli

È proprio un vizio. Purché neri, che siano lunghe sottane o corti tubini, non fa differenza. Berlusconi subisce il loro fascino: non resiste, e paga. E così capita che migliaia di euro s'infilino nelle pochette delle escort o milioni di euro si sfilino dalle casse dello stato per infilarsi in quelle delle scuole private, prioritariamente paritarie e clericali.



Il problema dei compiti e non solo
di Adele De Vito

Sono la mamma di due bambini di 7 e 6 anni. Entrambi sono iscritti al tempo pieno e quindi sono a scuola 40 ore a settimana.
Il primo bambino riporta lo zaino a casa il venerdì per svolgere dei compiti che chiaramente hanno la funzione di "non rilassare", nel senso che ho sperimentato che quando il bambino stacca completamente la spina, il lunedì riprende con maggiore difficoltà. In ogni caso sono compiti in quantità adeguata che impegnano il bambino nel modo giusto. Questo bambino è andato a scuola che non sapeva leggere e scrivere e il 17 novembre (dopo due mesi di scuola) ha svolto il suo primo tema: osservazioni climatiche. I risultati: ottimi!
Il secondo bambino ha iniziato quest'anno la scuola e fin dal primo giorno è tornato carico di compiti (atteso che anche lui non sapeva nè leggere nè scrivere). Siamo all'inverosimile.



La scuola del presente
di Claudia Fanti

Nessuno ne parla o scrive, tuttavia la scuola elementare, ops!... primaria, sarà soggetta ancora a cambiamenti: "nuovi programmi" in arrivo! Di nuovo, ancora, sempre di più...o di meno...chi lo sa.
Quelli del 1985 erano su misura per il futuro oltre che per il presente.
Con una briciola di riflessione si sarebbero dovuti mantenere o potuti modificare in maniera lieve senza alcuna spesa!



Chi forma i formatori?
di Liana Gerbi

Sono formata in Counseling scolastico....ma ho sempre lavorato PRIMA di TUTTO sul POTENZIALE UMANO", sulla facilitazione della comunicazione.
I mass media, le nuove tecnologie SEMBRANO rendere la vita piu' ricca e facile ... ma il valore... il TESORO che e' in ognuno di noi nella nostra UNICITA' ed IIRRIPETIBILITA' chi riesce a TRARLO fuori con sapiente arte MAIEUTICA?
EDUCARE = EX DUCERE = PORTARE FUORI
Che cosa ?
LA parte MIGLIORE di NOI !!!
Quanti Insegnanti oltre che dispensare SAPERE ... COMUNICANO SAPERE e sollecitano il POTENZIALE che c'e', ESISTE nell'allievo?
Purtroppo sono per primi gli INSEGNANTI oltre ai GENITORI talvolta a MORTIFICARE lo sviluppo del potenziale ... non riconoscendolo per primi DENTRO di LORO .



In basso la resa
di Andrea Tornago

Dodici e quattordici giorni vissuti a stretto contatto con i compagni sulla gru di via San Faustino con la determinazione ad andare fino in fondo e poi improvvisamente, quasi si fossero sbagliati, ognuno per conto proprio due dei ragazzi scendono lasciando gli altri in bilico senza cibo e al freddo a trentacinque metri d'altezza.
Che condizioni ha contemplato la trattativa condotta dai mediatori, sfociata nella resa individuale di Kuldip e Papa? Quali minacce sono state rivolte a Kuldip Singh dal mediatore, in lingua urdu, cui il ragazzo indiano ha risposto con rabbia? Quali promesse e quali privilegi sono stati accordati prima a Kuldip e poi a Papa, e a quali condizioni? S'è trattato di soldi, protezione, documenti? O quali altri privilegi, vincolati a quali obblighi? I cittadini italiani hanno il diritto di ricevere una risposta a queste domande, i giornalisti il dovere di formularle.


[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Colpa della lotta di classe?
di Giovanni Lamagna

Lunedì scorso La Repubblica, nella rubrica Linea di confine, gestita settimanalmente da Mario Pirani, ha pubblicato un articolo di questo giornalista, che vorrei commentare.
Il suo titolo, La lotta di classe taglia paghe e lavori, già lasciava sottintendere il senso complessivo dell'articolo sottostante. D'altra parte, conoscendo il giornalista e il suo pensiero, non era difficile in qualche modo prevederlo.
In sintesi, secondo il Pirani-pensiero, i bassi salari e i tagli all'occupazione sarebbero conseguenza delle lotte esasperate, in una parola dell'estremismo, dei lavoratori e delle loro organizzazioni sindacali, in modo particolare di una di queste organizzazioni (la CGIL) e, in modo ancora più particolare, di una delle organizzazioni di categoria della CGIL (la FIOM).
Ma vediamo di ricostruire per punti l'articolo di Pirani e di commentarlo pezzo per pezzo.



La tournee nei perimetri dell'assenza
di Vincenzo Andraous

I grandi delitti italiani fanno audience, costituiscono il piatto forte della nostra informazione, si parla della morte, dei contorcimenti delle vittime, delle meschinità innominabili dei carnefici, lo si fa soprattutto per sentito dire, per interpretazioni personali, per voglia di gogna, se ne parla senza alcuna compassione per le assenze eterne.
Scompaiono bambini, uomini e donne, ognuno di essi viene "liquidato", con una tecnica senza preambolo, la morte sopraggiunge senza neppure concedere l'ultima volontà di un perdono. Neanche più gridare è permesso.
Quando di mezzo ci sono costantemente i più giovani, quando vanno a farsi male gli indifesi, uno stato e una società coesi non mollano la presa, non arretrano di un passo, divengono radice profonda per sostenere il carico che deriva dalla cultura universale che considera illegittimo, ingiusto e disumano appropriarsi con la forza e la violenza della vita altrui, soprattutto di donne e bambini.



 

Brevi di cronaca
Teramo: sospetti maltrattamenti a scuola
lebanane.it - 20-11-2010
La storia è cittadina. La voce era flebile, poi si è fatta confidenza, poi gruppo e ora denuncia pubblica. Il palcoscenico è la scuola Elementare Noè Lucidi di Teramo. Un'insegnante e gli alunni di prima elementare. Un bambino si alza per temperare la matita nel cestino, come a casa gli hanno insegnato, come vuole l'educazione di una terra pulita, dell'ordine delle cose, dell'affetto e del rispetto per le cose in comune. Sublimazione Civica. La reazione dell'educatrice, dell'insegnante sarebbe stata violenta. Il racconto delle mamme si fa cupo e triste. Balbuziente.

[ leggi ][ commenta
La fuga verso le scuole private?
Scuolaoggi.org - 18-11-2010
In un suo recente editoriale sul Corriere della Sera Galli della Loggia esprime preoccupazione per l'attenuarsi nelle élites italiane dell'interesse e del legame verso l'identità collettiva nazionale. La prova di ciò va cercata nella crescita delle iscrizioni dei loro (delle élites) figli non tanto alle scuole private italiane quanto alle scuole private straniere (francesi, tedesche, angloamericane). Il motivo è il decadimento del nostro sistema d'istruzione imputabile alle prepotenze corporative dei professori universitari e dei sindacati degli insegnanti, anche se la classe politica che di ciò dovrebbe pur preoccuparsi e occuparsi non lo fa! Qualcuno però obietta...

[ leggi ][ commenta
Scuola verso autunno caldo, partono prime occupazioni
ApiCom - 17-11-2010
La giornata studentesca internazionale per il diritto allo studio, in programma domani, potrebbe coincidere con l'avvio delle tradizionali mobilitazioni autunnali in segno di protesta contro le politiche governative sul fronte dell'istruzione: dopo le occupazioni attuate in alcuni istituti del nord, in particolare a Trieste e Genova, oggi la contestazione degli studenti ha cominciato a produrre i suoi effetti anche nella capitale.

[ leggi ][ commenta
Uffici inadempienti
Sindacato SAB - 16-11-2010
Annullato il trasferimento d'ufficio a una docente che si era vista sottrarre le ore di Dattilografia e Stenografia per assegnarle invece ad Informatica nel biennio riformato delle scuole superiori senza avere prima unificato le graduatorie d'istituto.
A seguito dell'entrata in vigore dei regolamenti applicativi della riforma delle scuole superiori ed alla revisione degli assetti ordinamentali e delle classi di concorso confluite, a partire dal primo anno, in altre e/o nuove classi di concorso, il MIUR, con nota n. 1348 del 21/4/2010 emanava disposizioni applicative per la predisposizione degli organici di diritto per l'a.s. 2010/11 ed in particolare, raccomandava i dirigenti scolastici e gli ATP (ex Provveditorati agli Studi) sugli adempimenti propedeutici al fine di individuare correttamente i docenti perdenti posto di quelle discipline che confluivano in nuove materie e/o classi di concorso.

[ leggi ][ commenta
Basta inventare scuse. I supplenti vanno chiamati
Mimmo Fusco - 15-11-2010
Si sapeva da prima, ma ora è chiarissimo. I dirigenti non hanno scuse da accampare: devono chiamare i supplenti. La circolare non consente equivoci: bisogna farlo subito, senza effettuare sostituzioni con l'insegnante di sostegno e usando le ore eccedenti solo per il tempo necessario a reperire trovare un supplente.
"...Pertanto, nel rispetto della normativa e delle procedure richiamate nella stessa nota, nel caso in cui le soluzioni indicate (sostituzione con personale in esubero, con ore a disposizione, con attribuzione di ore eccedenti nel limite delle risorse assegnate) non risultino praticabili o sufficienti, i dirigenti scolastici, al fine di garantire ed assicurare il prioritario obiettivo del diritto allo studio e della piena funzionalità delle attività didattiche, possono provvedere alla nomina di personale supplente in ogni ordine e grado di scuola anche nel caso di assenza del titolare..."

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Non toccate il 5 per 1.000
Fondazione Franceschi - 20-11-2010
 appelli 
Negli scorsi giorni, gli organi di stampa hanno riportato la notizia che la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha esaminato il testo della nuova "legge per la stabilità" di prossima discussione e approvazione in Parlamento, legge che limiterebbe a 100 milioni di euro i fondi da destinare al "5 x 1.000" per l'anno 2011. Questo significherebbe non rispettare la volontà dei cittadini che liberamente decideranno di versare alle associazioni destinatarie la loro quota del 5 x 1.000 con la prossima dichiarazione dei redditi...
Chiediamo al Parlamento Italiano di intervenire...

[ leggi ][ commenta
Acqua bene privato
Rete dei Nuovi Municipi - 18-11-2010
 pianeta 
La Corte Costituzionale ha bocciato i ricorsi che alcune regioni avevano opposto al Decreto Ronchi. La privatizzazione dei servizi idrici andrà avanti a tappe forzate.
A questo punto i tre referendum per l'acqua pubblica previsti per la prossima primavera sono l'unica strada per salvare questo bene comune dalla speculazione e dalle logiche di mercato.

[ leggi ][ commenta
Una strage senza colpevoli
Ansa.it - 17-11-2010
 storie 
I giudici della Corte d'assise di Brescia hanno assolto tutti i cinque imputati al termine del processo per la strage di piazza della Loggia del 28 maggio 1974 (8 morti e oltre 100 feriti). L'assoluzione è intervenuta in base all'articolo 530 comma 2 assimilabile alla vecchia insufficienza di prove. Revocata la misura cautelare nei confronti dell'ex ordinovista Delfo Zorzi che vive in Giappone
[ leggi ][ commenta
I nuovi percorsi per diventiare insegnanti
ANFIS (Associazione Nazionale dei Formatori Insegnanti Supervisori) - 16-11-2010
 proposta 
L'ANFIS, Associazione Nazionale dei Formatori Insegnanti Supervisori organizza il 19 novembre prossimo, nell'ambito delle manifestazioni di ABCD - Salone italiano dell'educazione, un convegno che illustra le caratteristiche dei nuovi percorsi per diventare insegnanti previsti dal decreto firmato il 10 settembre dal Ministro dell'Istruzione U. e R., che entrerà presto in vigore.
L'occasione si inserisce in un ciclo di eventi che l'ANFIS sta tenendo sul tema: Cagliari, Verona, Viareggio (già svoltisi in ottobre), Vicenza (27.11), Bari (29.11), Sabbioneta (MN; 15.12) in programma entro l'anno. Altri ne seguiranno nel 2011.

[ leggi ][ commenta
La Scuola con la Lim
Mario Gabbari - 15-11-2010
 software libero 
Questo manuale è rivolto agli insegnanti che vogliano avvalersi della Lavagna Interattiva Multimediale (LIM) nella didattica quotidiana. Si tratta di una guida di base che propone esempi di lezioni, realizzate con la LIM, per diverse materie. Le lezioni sono spiegate attraverso esempi passo passo, perciò fruibili anche da chi è alle prime armi, con le procedure necessarie per l'utilizzo degli strumenti e delle risorse delle lavagne. Seguendo le esercitazioni svolte e gli esempi proposti, i docenti saranno in grado di utilizzare la LIM nelle loro attività didattiche come potente strumento per l'insegnamento e per l'apprendimento. I riferimenti metodologici, sono mirati a una didattica costruttivista e laboratoriale e permettono di inquadrare correttamente le possibilità dello strumento LIM e di progettare lezioni corrispondenti alle esigenze della propria programmazione e alle attitudini cognitive dei propri allievi.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Torneo del paesaggio
Il FAI e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM lanciano per l'anno scolastico 2010/2011 un nuovo importante progetto nazionale dedicato alla scuola secondaria di II grado: la prima edizione del "Torneo del paesaggio", un'iniziativa che gode del patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO e del Comitato Italia 150 e che si propone di sensibilizzare i giovani allo straordinario patrimonio italiano. Perchè l'educazione alla conoscenza e alla tutela del paesaggio, la cui difesa è una priorità assoluta per entrambe le Istituzioni, è di fondamentale importanza per i giovani.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Fuoriregistro online
Direttore responsabile: Luciano Scateni
Fuoriregistro non è responsabile della pubblicità che Domeus inserisce sulla newsletter, offrendoci un servizio di distribuzione gratuita.

  Newsletter precedente Newsletter successiva