Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 14/11/2004 - a.s. 04/05
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 14/11/2004
raccontiscaffali

Sommario

S C I O P E R O

Uno sciopero unitario

di Francesco Mele
La Cub scuola aderisce
di Cub Scuola Roma
Per difendere la scuola
di Alessandro Ameli
Filastrocca dell'altro dal no
di Ilaria Ricciotti
Perchè non sciopererò
di Luigi Gaudio
Il 15 contro la Moratti ci saranno anche i precari dell'Università
di Rete Nazionale Ricercatori Precari

ORIZZONTI

I platani

di Silvia Zetto Cassano
Il portfolio della riforma
di Comitato genitori ed insegnanti di Soliera
Sostegno e qualità, un binomio difficile
di Salvatore Nocera
Lo sport come cultura e gioco per i genitori e per i ragazzi
di On. Piera Capitelli
22 prof, la ministra e la vergine cuccia
di Salvo Bascone
Gli studenti possono accusare per iscritto i loro insegnanti
di Gianni Mereghetti

PALAZZI

Dibattito sull'articolo 16 della Legge Finanziaria

di Ufficio Stampa on. Alba Sasso
Emendamenti in discussione
di On. Piera Capitelli
Interrogazione parlamentare
di Fuoriregistro

PIAZZE

Arafat ci ha lasciato

di ICS - Consorzio Italiano di Solidarietà
Censura di lotta e di governo
di Grazia Perrone
A proposito di ‘ regime ‘ o’ non regime ‘
di Aldo Quagliozzi
I diritti degli omosessuali e i doveri del giurista
di Paolo Cendon e Francesco Bilotta

La scuola paga i costi della manovra fiscale

Per pagare il costo della manovra fiscale di Siniscalco,
gli organici del personale docente della scuola italiana
vengono ridotti di 14mila unità.
Si tratta di un colpo durissimo alla qualità dell'insegnamento
e al sistema scolastico nel suo complesso.
Viene così alla luce la verità sulle reali intenzioni di questo governo
rispetto alla scuola e all'istruzione,
dopo le tante dichiarazioni del ministro Moratti e del sottosegretario Aprea
che promettevano investimenti e assunzioni.

Alba Sasso

Uno sciopero unitario
di Francesco Mele

Tra i vari punti della piattaforma riportati nel manifesto unitario modenese in vista dello sciopero del 15 c'è l'abrogazione della legge 53 e il ritiro di decreti attuativi. Questo dimostra che la posizione di CISL scuola e UIL scuola al riguardo non è monolitica, e se è così per la periferia figuriamoci tra gli iscritti di entrambi i sindacati quanto sia diffusa questa parola d'ordine.
Questo mi convince ancora di più di quanto sia importante, specie in questo momento, perseguire l'unità sindacale a tutti i livelli, ma con una particolare attenzione alla base di tali sindacati.
[ leggi (5 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La Cub scuola aderisce
di Cub Scuola Roma

Contro le politiche irresponsabili del Governo la Cub scuola ha deciso di partecipare allo sciopero dei lavoratori della scuola del 15 novembre con le stesse rivendicazioni dei Coordinamenti dei Genitori in difesa del Tempo Pieno e Prolungato:
- l'abrogazione della legge 53 (controriforma Moratti)
- il ritiro del decreto 59 attuativo della controriforma
- la difesa del Tempo Pieno, del Tempo Prolungato, del tempo scuola in tutte le classi
- la difesa della scuola pubblica dal tentativo di demolizione di questo governo
- la difesa delle condizioni di apprendimento dei bambini e di lavoro degli insegnanti.
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Per difendere la scuola
di Alessandro Ameli

Lo sciopero del 15 deve convincere il governo ad uscire dalle tentazioni di una moratoria sui rinnovi contrattuali e a porre immediatamente le condizioni per l’apertura del contratto economico biennale, scaduto ormai da ben 11 mesi. Il progressivo drammatico impoverimento della categoria docente (ormai inserita stabilmente tra i cosiddetti nuovi poveri), per i terribili effetti svalutativi di questi anni, non concede alibi a nessuno.


Filastrocca dell'altro dal no
di Ilaria Ricciotti

Se il 15 in piazza non si scenderà:
la signora sempre più trionferà,
la nostra scuola tanto amata
diverrà una cosa imbrattata,
insomma la nostra cara, amata e “vecchia” scuola
se non la difenderemo diverrà una raggrinzita “sola”,
in cui tutti coloro che la abiteranno
grandi motivazioni non troveranno.


Perchè non sciopererò
di Luigi Gaudio

Perché so che l’attuale Finanziaria non prevede tagli nell’organico (Art. 16. Disposizioni in materia di organizzazione scolastica), invece la Finanziaria '98 (legge n. 449/97, art. 40, comma 1) dispose un taglio di posti pari al 3% (circa 23.000, da effettuarsi nel biennio 98-99). Dopo la pausa del '99, la Finanziaria del 2000 (legge n. 488/99, art. 21, comma 1) previde un ulteriore taglio dell'1%, pari a 7.500 posti, da sommare al precedente 3%. Tagli disposti dal precedente Governo di centro-sinistra. Come mai in quelle occasioni i confederali non hanno indetto scioperi, anche in presenza degli ingenti tagli di personale previsti?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Il 15 contro la Moratti ci saranno anche i precari dell'Università
di Rete Nazionale Ricercatori Precari

LUNEDI 15 novembre la scuola sciopera e scende in piazza contro le riforme dell'istruzione. Ma i progetti del ministro Moratti non toccano solo la scuola: la precarizzazione e lo smantellamento della didattica umiliano anche l'università. Oggi, dunque, l'intera formazione pubblica è a rischio: l'opposizione alle riforme deve quindi unire scuole ed atenei.
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


I platani
di Silvia Zetto Cassano

La scuola che i nostri antenati hanno costruito non era perfetta, aveva rami secchi e parassiti a minacciarla, ma con sapienti potature, ed efficaci antidoti al veleno dei bruchi avrebbe potuto vivere ancora. Di quella che hanno messo al suo posto non ci si può contentare i nessun modo. Non si può avere la pazienza di aggiustarla, di sistemarci quattro fioretti destinati ad appassire in mezzo allo smog. Dobbiamo dire no, e si deve capirlo bene, perché sappiamo che quel che sta succedendo è un danno irreparabile. C’è ancora tempo?


Il portfolio della riforma
di Comitato genitori ed insegnanti di Soliera

Il progetto contenuto nella riforma Moratti è minuzioso e per niente improvvisato. Ad “aspettare” il “Portfolio” c’è infatti l’abolizione dell'obbligo scolastico fino a 15 anni, sostituito con un generico diritto -dovere all'istruzione: ciò significa che un ragazzino di 13 anni, con il suo bel Portfolio sotto il braccio, potrà tranquillamente smettere di andare a scuola o nella migliore delle ipotesi sarà obbligato a ipotecare rigidamente il proprio futuro, scegliere a senso unico tra formazione professionale e liceale; dovrà in definitiva compiere una scelta gravosa ed assurda per la sua età.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Sostegno e qualità, un binomio difficile
di Salvatore Nocera

Spesso alcuni dirigenti scolastici chiedono agli insegnanti specializzati di occuparsi delle supplenze in classi diverse da quelle in cui si trova l’alunno loro assegnato, lasciando lo studente disabile o portandolo con loro come se si trattasse di un pacco. Un comportamento che viola le norme e che ostacola l’integrazione.


Lo sport come cultura e gioco per i genitori e per i ragazzi
di On. Piera Capitelli

Poiché le pratiche e i valori dello sport costituiscono una positiva opportunità di socializzazione per i nostri bambini e ragazzi, a maggior ragione la scuola è uno dei primi luoghi di indirizzo degli atteggiamenti e delle pratiche sportive di tutti.
Proprio per questo, le disattenzioni degli adulti verso il ruolo dello sport per i giovani, come la riforma Moratti che due anni fa nelle scuole primarie ha reso discrezionale l’educazione motoria, accentuano processi sociali che rendono lo sport ininfluente per l’apprendimento e la formazione della personalità di un individuo.
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


22 prof, la ministra e la vergine cuccia
di Salvo Bascone

I 22 sono i professori del “Parini” (liceo) che vorrebbero espellere dalla loro scuola i quattro rei di allagamento colposo, la ministra è ovviamente lei, Donna Letizia, mentre la vergine cuccia (sì, proprio la cagnetta viziata del noto episodio de Il Giorno del Parini, quello vero questa volta) qui diventa amara allegoria dei quattro pargoletti incriminati.
Tanto clamore, inutile dirlo, è dovuto al fatto che stiamo parlando del liceo bene, per antonomasia, di Milano e non già della periferia dell’impero, dell’ultima disastrata scuolina da eterno mezzogiorno d’Italia.



Gli studenti possono accusare per iscritto i loro insegnanti
di Gianni Mereghetti

La Corte di Cassazione ha stabilito che gli studenti possono accusare per iscritto i loro insegnanti e non commettono reato anche se le accuse si rivelano «infondate».
Non mi fa nessun problema che uno studente possa criticare un suo insegnante, e lo possa fare pubblicamente – lo dico da insegnante!. Ciò che invece mi ha lasciato perplesso è che la Corte di Cassazione abbia dato come ragione della sua sentenza il fatto che le accuse, per quanto possano «offendere» la reputazione dei docenti, debbano essere inquadrate nelle "battaglie ricorrenti nella vita scolastica”.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Dibattito sull'articolo 16 della Legge Finanziaria
di Ufficio Stampa on. Alba Sasso

Di seguito, inoltriamo il testo dell'intervento svolto ieri 11 novembre alla Camera dall'onorevole Alba Sasso, nel corso della discussione sulla Legge Finanziaria 2005, e precisamente durante l'esame dell'articolo n. 16 della Finanziaria, avente a oggetto "Disposizioni in materia di organizzazione scolastica"



Emendamenti in discussione
di On. Piera Capitelli

Presento i miei interventi in aula nella Camera dei Deputati nel giorno 11 novembre 2004. Per motivi di tempo non ho potuto esprimere altre considerazioni in merito alla questione riguardante i dirigenti scolastici e sui rinnovi contrattuali del pubblico impiego. Di seguito agli interventi allego i miei appunti.



Interrogazione parlamentare
di Fuoriregistro

Riportiamo la replica del Ministro Moratti ad una
interrogazione parlamentare presentata dell'on. Titti De Simone, sul ritardo dello stipendio per i supplenti, sui ritardi nella compilazione delle graduatorie, sui disagi per gli studenti dovuti all’avvicendamento degli insegnanti. Ovvero su un inizio d’anno scolastico che, nonostante le ingannevoli dichiarazioni in conferenza stampa, fa acqua da tutte le parti.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Arafat ci ha lasciato
di ICS - Consorzio Italiano di Solidarietà

Siamo tutti un po' più soli in questa giornata di lutto, ma siamo anche più forti: se ne è andata la persona simbolo delle nostre speranze, ma non se ne vannno i principi e le convinzioni che continuano e continueranno a guidare il nostro cammino per la pace e la giustizia. In Palestina, in Israele, come in tutto il mondo.

[ leggi (3 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Censura di lotta e di governo
di Grazia Perrone

Il 12 settembre 1953 Guido Aristarco e Renzo Renzi furono denunciati per vilipendio delle forze armate, quindi arrestati e rinchiusi a Peschiera per un soggetto sull´occupazione italiana in Grecia La storia si intitolava "L´armata s´agapò" un nomignolo sfottò creato dagli inglesi. Lo scritto di Renzi fu ripreso da Camilleri quando scoppiò un caso analogo
Il "misfatto" venne consumato sulla rivista "Cinema nuovo" diretta da Aristarco.



A proposito di ‘ regime ‘ o’ non regime ‘
di Aldo Quagliozzi

Sono di questi giorni le notizie ultime che giungono dalla Casa delle ( il ) libertà sulle iniziative di riforma costituzionale che non poco scalpore ed allarme hanno disseminato per tutto il bel paese.
Ma con quale ritorno? Nella pubblica opinione, in quale misura le iniziative illiberali del governo dell’egoarca creano apprensione vera e diffusa?
Di recente Raniero La Valle, già senatore della Sinistra Indipendente dal 1976 al 1992 e tra i promotori dei Comitati contro la riforma, ha concesso una intervista ad Adista il 19 ottobre 2004. Rileggiamola per riflettere.



I diritti degli omosessuali e i doveri del giurista
di Paolo Cendon e Francesco Bilotta

Il 4 novembre scorso, il Consigliere Domenico Maltese, dalle colonne de “Il Piccolo” di Trieste, ha messo in evidenza una circostanza vera: nel nostro attuale codice civile non è contemplato il matrimonio tra due persone dello stesso sesso.
Viene in mente il Posto delle fragole di Bergman, quando il dott. Borg si trova (in uno dei suoi sogni/incubo) a dover fare un esame di medicina. L’interrogante pone varie questioni, cui il vecchio medico non sa rispondere; arriva poi l’ultima domanda: «Qual è il primo dovere di un medico?». L’interrogato esita, balbetta, alla fine ammette che non conosce la risposta. E l’altro: «Il primo dovere di un medico è quello di chiedere scusa».
Lo stesso, noi crediamo, dovrebbe valere per il giurista di oggi.



 

Brevi di cronaca

Tra le tante battaglie che hanno insanguinato l’Iraq, quella in corso a Falluja è la più «misteriosa». Il Pentagono ed i comandi militari Usa hanno il monopolio delle informazioni e i pochi reporter arabi che inviano dalla città in fiamme le loro corrispondenze ai giornali occidentali, non spiegano quel che sta veramente accadendo.

Dimentica ciò che vedi, comincia a sognare
Unione degli studenti - 13-11-2004
APPELLO PER IL 17 NOVEMBRE

RIVENDICHIAMO:

- l'istruzione come DIRITTO, non come PRIVILEGIO dei più ricchi - un'istruzione PUBBLICA, GRATUITA, laica, che non dipenda dal reddito e dall'influsso dei potentati - l'accesso LIBERO all'istruzione, ai saperi e alle conoscenze, garantito a tutti, abbattendo le barriere economiche e sociali - l'approvazione di uno statuto europeo dei diritti degli studenti.

[ leggi ][ commenta
La riforma finirà in un ... POF?
il Venerdì di Repubblica - 13-11-2004
Piano di offerta formativa. Ovvero, le materie in pratica non esistono più e gli insegnanti devono ingegnarsi a trovare progetti che attirino i clienti-genitori. Ma i soldi non ci sono, le strutture neppure: la confusione, anche lessicale, regna totale. E lunedì è sciopero. Molti, tra genitori ed insegnanti, sono estenuati. Prima con la riforma Berlinguer, ora con il nuovo corso, la scuola italiana subisce scossoni continui. Aggredita, prima di tutto, da un mare di parole dietro le quali non ci sono né soldi per realizzare quasi nulla né, spesso, contenuti.
[ leggi ][ commenta
In Senato le Indicazioni Nazionali
Cgil scuola - 12-11-2004
Il dibattito in Senato sulla mozione dell'opposizione in materia di programmi scolastici, e in particolare sulla cancellazione di Darwin e lo stravolgimento dell'insegnamento della storia, è stato molto costruttivo. Ci ha infatti permesso di capire come la Destra ha confezionato i programmi, visto che il senatore Valditara, responsabile nazionale di An per la scuola, ha ammesso in aula di avere partecipato ad apposite riunioni e aver suggerito indicazioni. Fatto assai strano, perché normalmente le commissioni per i programmi sono composte di tecnici, i cui nomi vengono resi noti. E' per questo che non è mai stato possibile discuterne in Parlamento. (On. Chiara Acciarini).
[ leggi ][ commenta
Giovane professore…assalta le Ssis!!!
aetnanet.org - 11-11-2004
quando vinse il concorso per l'insegnamento nelle scuole superiori, nel 2000, Marco Magni arrivò quarantesimo nel Lazio e ora si ritrova ad essere 504esimo nelle graduatorie per l'insegnamento di storia e geografia. Il motivo?
«La ragione principale sta nei 24 punti in più concessi dal governo agli abilitati presso le scuole di specializzazione (Ssis)», si legge nel volantino che ieri mattina ha portato con sé presso la sede della Scuola di specializzazione di Roma. Qui è entrato, ha chiamato la polizia per autodenunciarsi, e poi ha spaccato tre bacheche...

[ leggi ][ commenta
La Moratti taglia, noi ci autotassiamo
L'Unità - 10-11-2004
Questa è la storia di 21 famiglie, di una quarantina di genitori che davanti a un diritto negato hanno deciso di fare da sé. Non senza averle tentate tutte, prima: hanno scritto, manifestato per le strade della loro città e a Bologna sotto l’Ufficio scolastico regionale, occupato la “loro” scuola materna per chiedere quello che consideravano naturale: la possibilità per i loro bimbi di frequentare la scuola d’infanzia. Un’esigenza, visto l’aumento demografico in zona, più che annunciata: e infatti il Comune in modo lungimirante aveva speso 540 mila euro per costruire due nuove aule.

A COMMENTO LA RISPOSTA DEL MINISTRO ... OVVERO ... MEGLIO TARDI CHE MAI


[ leggi ][ commenta
Bambini malati di solitudine
L'eco di Bergamo - 09-11-2004
Trascorrono la maggior parte della giornata in compagnia, impegnati in mille diverse attività: palestra, corsi di nuoto, di musica o di inglese. Eppure si sentono tremendamente soli. Anche a scuola, tra maestre e compagni. È la fotografia dei bambini italiani, colpiti sempre più spesso da quella che gli esperti hanno battezzato come la nuova sindrome del «soli anche in compagnia»: a soffrirne sarebbe almeno il 7% dei ragazzi tra i 5 e i 15 anni. A puntare i riflettori sul «fenomeno solitudine» dell'universo infantile è lo psicoterapeuta e direttore dell'Istituto di Ortofonologia di Roma, Federico Bianchi di Castelbianco.

[ leggi ][ commenta
Lavoro a chiamata inventato dal duce
Il Manifesto - 08-11-2004
Con puntiglio da notaio, il deputato Alfonso Gianni ha presentato a Montecitorio la lista dei «nuovi lavori» che si potrebbero rendere disponibili per i giovani con la legge 30 («Custodi, guardiani diurni, guardie daziarie, cavallanti, stallieri e addetti al governo dei cavalli e del bestiame, personale addetto alla sorveglianza degli essiccatoi, addetti alla sorveglianza degli apparecchi di sollevamento e distribuzione di acqua potabile...») traendoli dal Regio decreto del 6 dicembre 1923, n.2657 a cui si fa riferimento per l'applicazione del decreto legislativo del 2003 sul lavoro a chiamata. Il Sole 24 Ore conferma.
[ leggi ][ commenta
Caso Parini. Chi vuole la tolleranza zero?
Tuttoscuola - 08-11-2004
Il liceo Parini di Milano e' forse destinato ad entrare di nuovo nella storia dell'evoluzione del costume e dei valori “di tendenza” del nostro Paese. E non solo perche' “le gesta” di quei quattro allievi hanno gia' trovato degli epigoni presso l'istituto professionale Alcide di Morciano di Romagna. Accadde gia' agli albori del sessantotto con il caso della “Zanzara”, il giornalino studentesco censurato dalle autorita' scolastiche, diventato il simbolo delle lotte studentesche per una scuola piu' libera e partecipata, meno conformista e autoritaria, piu' aperta all'interazione sociale e culturale.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Bugie sconfessate
Diario.it - 13-11-2004
 curiosità 
Il manifesto che compariva fino alla notte di martedì 9 novembre sul sito di Forza Italia è magicamente scomparso il mattino dopo...
... A numero ormai chiuso, mercoledì mattina, Berlusconi ha annunciato che la riforma dell'Irpef non si farà perché i suoi alleati di governo (che fino al giorno prima sembravano starci, pur suggerendo modifiche alle tre aliquote secche volute dal premier) hanno posto il veto...

[ leggi ][ commenta
Da parte nostra che si fa? Si converge?
Paolo Galletti - 13-11-2004
 opinione 
Volevo scrivere qualcosa sull’esito sconfortante delle elezioni americane, sulle indicazioni che comunque devono giungerci da quel risultato, ma non lo farò.
A distogliermi dall’intento è l’articolo-intervista apparso in data 9 novembre sulle pagine nazionali de “la Nazione. Q.N.“ dedicato a Ferdinando Adornato, l’antico fondatore di “liberal”, attivo nell’area di centrosinistra fino alla folgorazione sulla via di Arcore che lo ha portato ad occupare una stabile poltrona in parlamento. L’intervista ed il contenuto sono, a mio parere, segno dei tempi (grami) e del futuro che ci attende in tema di polemica politica, un futuro inquietante e preoccupante. Partiamo dall’inizio.

[ leggi ][ commenta
Se il Mondo sbatte la porta
L'Unità - 12-11-2004
 espressioni 
Il giorno 16 ottobre 2004 è iniziato il periodo santo della fede islamica detto Ramadan". Fra i grandi Paesi europei, fondatori dell'Unione Europea, (Francia, Germania, Inghilterra, Spagna) l'Italia ospita la comunità islamica più piccola, circa un milione e cinquecentomila persone, di cui almeno centomila sono cittadini italiani. Si tenga conto che non esiste un problema di criminalità legato a questa minoranza, salvo sporadici arresti per sospetto di terrorismo finora sempre risolti in tribunale con l'assoluzione degli imputati.
Eppure la Lega Nord, un partito politico italiano che non avrebbe alcun peso se non fosse parte della coalizione di destra guidata da Silvio Berlusconi, mantiene in alcune zone del Nord Italia, una tensione fortissima, come se sul Paese incombesse un pericolo islamico.

[ leggi ][ commenta
Giovanardi e la povertà in Italia
Aldo Quagliozzi - 11-11-2004
 riletture 
Ho assistito, sera di martedì 9 novembre, alla consueta puntata del programma televisivo della terza rete ‘ Ballarò ‘ condotta dal bravo Giovanni Floris. Ospiti della serata in studio il ministro Giovanardi, l’onorevole Rutelli, il giornalista Oliverio Beha, un professore di scienze delle comunicazioni, del quale al momento mi sfuggono nome e cognome; ed in collegamento da Bologna il professor Tito Boeri, docente di economia presso quella Università. All’attenzione dei presenti in studio ed ai milioni di abitatori del bel paese incollati allo schermo, l’imminente decisione, che sarebbe stata presa proprio nel corso della trasmissione, della riduzione delle tasse. Il solito bugiardo manifesto elettorale! Allo scopo propongo la rilettura del bel saggio di Alessandra Messina, apparso di recente, dal titolo ‘ Uno su quattro povero, come negli Usa ‘; lettura ostica ma piena di grandi ed evidenti verità.
[ leggi ][ commenta
Il kit del bravo supplente
Carlo Carzan - 10-11-2004
 proposta 
Manca un collega, voi avete un’ora libera, cercate di sfuggire, vi nascondete, vi mimetizzate come un camaleonte tra i registri di classe, ma ecco che inesorabile arriva l’ordine di servizio, una magica, eccezionale supplenza!”
Situazioni del genere capitano spesso a scuola, abbiamo quindi pensato di realizzare un breve percorso di aggiornamento per docenti, per superare il problema.

[ leggi ][ commenta
Ludo Reporter
Le terre del gioco - 09-11-2004
 giochi 
Nell'ambito delle attività dell'associazione Così per Gioco, presentiamo di seguito il programma di Novembre del nostro centro di aggregazione "Le Terre del Gioco".
Un programma intenso dedicato ai diritti dei bambini, in vista dell'anniversario della convenzione ONU sui diritti dei bambini.
Abbiamo pensato però di fare qualcosa di diverso, costruendo un telegiornale sui diritti ed una serie di attività ludiche che possano stimolare la riflessione dei nostri ragazzi.
[ leggi ][ commenta
Dalla scuola all'impero
Laura Tussi - 08-11-2004
 comunicato 
La Biblioteca Nazionale Braidense realizza, in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nell’ambito del progetto generale di riordinamento e di ricatalogazione dei fondi librari, un’iniziativa editoriale basata su un programma espositivo che ripropone materiale librario della letteratura scolastica dal 1924 al 1944, per dare inizio alla ricerca relativa ad un fondo librario fino ad oggi ignorato e per analizzare e archiviare documenti, in modo specifico e articolato. Risulta possibile ripercorrere la storia dell’istruzione in Italia negli anni che seguirono la riforma Gentile fino alla Carta della Scuola, dall’autarchia alla seconda guerra mondiale.
[ leggi ][ commenta
Giullare da niente ma indignato
L'Unità - 08-11-2004
 musica 
Francesco Guccini, “giullare da niente ma indignato”, forse coinvolge anche e soprattutto perché ha parole semplici da dire: c'è un mondo brutto e uno meno brutto (e quello bello deve ancora venire e forse, se ci crediamo di più, magari succede che viene), dice no alla guerra, no al mondo del consumismo facile, no ai personaggi cicaleggianti della tv, no alla politica fatta dai ragionieri e da chi non sceglie e non prende parte, no a chi è amico di tutti perché poi non si sa mai. Certo, lo sappiamo: mica basta dire no. Ma Guccini, quanti sì sa dire? E se fosse questo, in fondo, il motivo vero per cui i suoi concerti sono una bella festa di passione e di vita? Non sarà per caso che quel che avviene lì davanti al palco (passione, canto, indignazione, musica, bandiere della pace, drappi rossi, sogni ad occhi aperti) è proprio quello che la sinistra non riesce più a far muovere?

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Liceo Scientifico Galilei Lamezia Terme
Il sito ufficiale del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Lamezia Terme (Catanzaro). Il sito propone un forum di discussione, area download e spazio news.

Scuole Senza Frontiere
Esperienze e progetti di didattica condivisa ad accesso libero e gratuito. Il sito promuove progetti didattici basati sulla condivisione del sapere che espone la conoscenza alla creatività e alla ricchezza delle relazioni tra persone; vuole contribuire a creare una sorta di ecologia della conoscenza, a permettere l'accesso e l'allargamento delle acquisizioni della creatività e della scienza a tutti come un diritto fondamentale primario di ogni individuo. Quante esperienze restano isolate o ooscurate per mancanza di visibilità, di risorse! Noi vogliamo organizzarci per strutturare, consolidare tutte quelle metodologie pedagogiche di trasmissione della cultura senza parcellizzazioni, frammentazioni, ma ricomposta in una visione complessiva unificante.

Il sito delle utopie
Utopie è un'organizzazione senza scopo di lucro, indipendente, nonviolenta, apartitica che ha come oggetto la promozione e la realizzazione d’iniziative culturali, sociali ed editoriali. Utopie intende promuovere la giustizia tra gli uomini e la conservazione del pianeta per una migliore qualità della vita, accrescere le potenzialità umane sviluppando l’immaginazione e la creatività, incoraggiare la cooperazione locale e internazionale, sostenere lo sviluppo sostenibile, preservando i diritti delle generazioni future ad un ambiente vivibile.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione-fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Rolando Borzetti, Pierangelo Indolfi, Ilaria Ricciotti. Cura il sito Maurizio Guercio.

  Newsletter precedente Newsletter successiva