Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 21/11/2004 - a.s. 04/05

racconti

f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 21/11/2004

raccontiscaffali

 

Sommario


SCUOLA

Un coro contro la politica Moratti

di Mauro Bulgarelli

Non ho scioperato
di Giuseppe Aragno

Dieci domande sulla secondaria superiore e la legge 53
di Pino Patroncini

Chi riduce gli organici?
di Alba Sasso

L'autonomia dimezzata
di Grilloparlante

Stipendi europei?
di Gianni Mereghetti

Siamo nella normalità
di Aldo E. Quagliozzi

La Scuola siete Voi
di Piera Capitelli, Alba Sasso, Giovanna Grignaffini

A Torino arrivano i gendarmi
di Cosimo Scarinzi

Il mistero delle 14.000 sedie
di Pino Patroncini

Patentino a scuola: impossibile utilizzare il FIS
di Gennaro Capodanno

Sparanise
di Paolo Mesolella


ORIZZONTI

Un libro aperto in un mondo di analfabeti

di Arturo Ghinelli

Una di loro
di ilaria ricciotti

I nostri bambini
di ilaria ricciotti

La scuola di Bush e le due Americhe
di Pino Patroncini

 

 

CONVEGNO REGIONALE
3 dicembre 2004
Sala del Consiglio provinciale
Provincia della Spezia
Via Vittorio Veneto, 1
Le scuole e le città costruiscono l’Europa
qui la scheda di adesione

 

Un coro contro la politica Moratti
di Mauro Bulgarelli


Credo, come ho più volte denunciato, che lo sfascio della scuola pubblica sia il vero motivo per cui la Moratti siede al Ministero dell'Istruzione, e che su questo il Ministro misura i suoi successi; sarebbe altrimenti incomprensibile la sua indifferenza di fronte al fatto di non aver assolutamente alcun consenso nel mondo della scuola pubblica. Tuttavia anche grazie al successo di una grande manifestazione come quella di oggi la Moratti non potrà far orecchie da mercante ancora a lungo. Intanto la resistenza civile proseguirà con rinnovato fervore.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Non ho scioperato
di Giuseppe Aragno


Sembra utile scioperare oggi contro la riforma approvata ieri, come sembrò utile ieri attendere che la riforma fosse approvata senza scioperare. Sembra che l’unità sia necessaria, così come appare necessario dividersi ad ogni piè sospinto. Sembra chiaro che abbiamo per nemica un’unica riforma, ma sembra altrettanto chiaro che occorra fare fronte con cortei separati. Sembra che la pluralità delle posizioni sia sintomo di democrazia e, tuttavia, la frantumazione pare un regalo al neofascismo. Sembra. Pare. Appare. E’ un’orgia di sembianze.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Dieci domande sulla secondaria superiore e la legge 53
di Pino Patroncini


Uscirà il decreto attuativo della legge per la scuola secondaria? Le scommesse sono aperte. Il termine della delega scade l’11 aprile e per farcela dovrebbe uscire almeno entro Natale. E’ il pezzo strutturalmente più complicato: materie, indirizzi, insegnanti diversi tra loro. Ed è anche il pezzo più impegnativo visto che si vuole dividere in due il sistema: i licei, la serie A, allo Stato (devolution permettendo), i professionali, la serie B, alle regioni.

[ leggi (5 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Chi riduce gli organici?
di Alba Sasso


La riduzione di oltre 14 mila unità del personale docente della scuola è un fulmine a ciel sereno. E’ noto infatti che la legge finanziaria 2002 (448/01) ha stabilito la riduzione di 33.847 posti di insegnamento in tre anni: 8.936 per l’anno scolastico 2002/03, 12.651 per il 2003-2004 e altri 12.651 per l’anno scolastico in corso 2004-2005. Nel comma 2 dell’articolo 16 della Legge Finanziaria 2005 si dice che per il prossimo anno rimane inalterato l’organico di diritto del 2004/05. Ora invece questo organico viene diminuito. Mentre avrebbe dovuto essere aumentato per poter attuare il piano triennale di assunzioni in ruolo, previsto dalla legge 143.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


L'autonomia dimezzata
di Grilloparlante


Il DPR n.275/99 (“Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche”) attribuisce agli istituti scolastici autonomi poteri di gestione sul piano organizzativo e didattico. Vale a dire competenze esclusive in materia di progettazione delle attività didattiche, di definizione delle modalità di insegnamento e di impiego dei docenti. L’autonomia delle istituzioni scolastiche è sancita, successivamente, dalla stessa Costituzione nel testo riformato dell’art.117 e dalla Legge costituzionale 18 ottobre 2001 n.3.
Ma a queste affermazioni e princìpi, corrispondono riscontri reali? Ovvero: è davvero così nella realtà? La risposta non può che essere negativa.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Stipendi europei?
di Gianni Mereghetti


Secondo il ministro Moratti gli stipendi degli insegnanti ormai sono “prossimi alle medie europee, visto che un insegnante di scuola superiore arriva ai 1.450”.
Sarebbe stato corretto che il ministro avesse precisato che 1450 euro li guadagna un insegnante di cinquant’anni. Quanto invece al fatto che gli insegnanti italiani siano prossimi alla media europea è invece completamente falso. Basta andare in Germania per rendersi conto della grave differenza, visto che un insegnante tedesco di cinquant’anni di euro mensili ne porta a casa 3000!

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Siamo nella normalità
di Aldo E. Quagliozzi


Era una tranquilla giornata di primavera, ed era anche l’ultima puntata di “Cronache di regime”. L’autore rassicurò gli estimatori, informò i neutrali e minacciò gli ostili che sarebbe rimasto tra i collaboratori dell’“Espresso”. Comunque, addio, pagina 45 (o 47). E pensare che quando avevamo messo nel titolo della rubrica la parola “regime” qualcuno aveva detto: «esagerati!». Da oggi, si gioca più duro. Vi ringrazio e vi saluto cordialmente. (Stefano Benni)

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


La Scuola siete Voi
di Piera Capitelli, Alba Sasso, Giovanna Grignaffini


Care amiche e cari amici maestri, docenti, ricercatori
non vi sembri strana questa lettera aperta delle deputate Ds che si occupano di scuola. Sì, siamo proprio noi, quelle di cui ogni tanto parlate dicendo «ma l’opposizione che ci sta a fare?». Quelle che, sappiate, non si arrendono, nonostante la superiorità numerica della maggioranza. Non si arrendono perché hanno un’altra idea di istruzione, non si arrendono perché voi non glielo perdonereste mai.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


A Torino arrivano i gendarmi
di Cosimo Scarinzi


Sembra che qualcuno pensi che le telecamere nelle scuole, le timbratrici per gli studenti e, comunque, i mezzi di controllo informatici non bastano.
Evidentemente sono troppo freddi e non permettono un dialogo diretto fra sorveglianti e sorvegliati.
L'ultima trovata è di stile più antico e di effetto più suggestivo: a Torino, nel convitto Umberto I^, nelle SMS Nigra e Viotti, nelle DD Antonelli e Allievo e nella Scuola Media Parificata Madre Mazzarello entra la polizia di prossimità. Una volta alla settimana due poliziotti di quartiere entreranno a scuola e si metteranno a disposizione di chi vorrà confidarsi con loro.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Il mistero delle 14.000 sedie
di Pino Patroncini


Sto parlando dei 14.000 posti da tagliare che sono comparsi all’improvviso, il giorno prima dello sciopero negli emendamenti alla finanziaria, di cui il Ministro dell’istruzione ha ammesso candidamente di non sapere niente, e poi ritirati il giorno dopo quando ci si è accorti che fare un annuncio simile il giorno prima dello sciopero della scuola poteva essere una gaffe. Ma intanto la frittata era bella e che fatta! La vicenda può essere letta da molti punti di vista.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Patentino a scuola: impossibile utilizzare il FIS
di Gennaro Capodanno


Resto sconcertato quando un alto funzionario dello Stato, nel caso in questione, il direttore regionale dell’ufficio scolastico per la Campania, Bottino, dimostra palesemente, nelle sue dichiarazioni alla stampa, ma anche nelle circolari che emana al riguardo, di ignorare le norme. Difatti il massimo responsabile della scuola in Campania afferma che i corsi che le scuole devono, per legge, obbligatoriamente organizzare per il conseguimento del certificato per la guida dei ciclomotori, per gli studenti nella fascia dai 14 ai 18 anni, vanno finanziati con il fondo d’istituto .

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Sparanise
di Paolo Mesolella


Il prof. Giuseppe Spera di Sarno, nonostante i suoi 82 anni e la voce rotta dall’emozione, ricorda ancora chiaramente il campo di concentramento tedesco di Sparanise e i giorni vissuti, senza mangiare, in piccole baracche di legno dove si poteva stare soltanto seduti. Lo fa spesso, quando lo invitano nelle scuole, e lo ha fatto il 19 novembre scorso, nel Cinema delle Palme, durante la giornata della memoria dedicata al campo di concentramento tedesco di Sparanise. Un campo dove sono passati migliaia di deportati, prima di essere inviati ai campi di lavoro e di sterminio. E’ il caso del prof. Spera , ma anche del Generale Alfonso Cascone di Pompei, di Giovanni Desiderio di Castellammare di Stabia, deportato a Dacau, di Padre Gaspare Tessarollo di Napoli, del maresciallo Walter Scialdone di Sparanise e di tanti altri, tutti venuti a Sparanise per dare la loro testimonianza di deportati nel campo sparanisano.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Un libro aperto in un mondo di analfabeti
di Arturo Ghinelli


Prima di tutto il diritto al tempo, il tempo dell’infanzia.Il diritto a vivere la propria infanzia e poi ad essere adolescenti. Vivere il proprio tempo da ragazzi.
Per trascorrere il tempo in compagnia ci vuole uno spazio riservato ai bambini. Spazi gratuiti nella città riservati ai ragazzi,dove i ragazzi possano stare senza dover adempiere a nessuna altro compito che quello di essere ragazzi.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Una di loro
di ilaria ricciotti


Sono stata invitata dal Sindaco del Consiglio Comunale Giovanile di un Istituto scomprensivo, sezione scuola media di Morrovalle, per partecipare all'inaugurazione di un parco attiguo alla loro scuola.
I ragazzi hanno lavorato insieme ad alcuni insegnanti con molta meticolosità, interesse e responsabilità. Hanno dimostrato che non sanno soltanto parlare, scrivere, ricercare, ma programmare, chiedere ed agire. Non mi sono sentita un' insegnante in pensione, ma una di loro.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


I nostri bambini
di ilaria ricciotti


Loro ci osservano, ci giudicano, hanno paura, non capiscono e piangono, aspettando che qualcuno comprenda ...

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


La scuola di Bush e le due Americhe
di Pino Patroncini


Non si può dire che il tema della scuola e dell’educazione in genere sia stato al centro del confronto elettorale americano. Questo tuttavia non vuole dire che l’educazione sia stato un tema assente dalla competizione. Solo che non è stato presente come in campagne passate o in campagne minori.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


 

 


Brevi di cronaca

 

Salta una tornata contrattuale?
Repubblica - 20-11-2004

Blocco del contratto degli statali per il biennio 2004-2005, possibile chiusura di tre finestre pensionistiche per il prossimo anno ed, eventualmente, reintroduzione eventuale del ticket sui farmaci su tutto il territorio nazionale. E' questo il menu delle coperture, allestito dai tecnici di Palazzo Chigi, che ha portato Silvio Berlusconi a giocare l´ultima carta per ridurre l'Irpef a partire dal 1° gennaio del 2005. Il progetto sul versante dei tagli torna alla versione originaria con qualche variante: 5 miliardi di Irpef, 1-1,5 di Irap. Tre aliquote (23, 33 e 39 più una del 42% sopra gli 80 mila euro) e riduzione dell'Irap concentrata sugli sconti per i neo assunti al Sud e la ricerca.

[ leggi ][ commenta

Intervista a Massimo Cacciari
il Manifesto - 20-11-2004

Dalle pagine del Corsera di ieri, Letizia Moratti si esibisce nell'ormai sperimentata arte di «un colpo al cerchio e uno alla botte». Prima definisce «inaccettabili» i paventati tagli alla scuola, poi spara a zero sui decreti delegati. L'unica vera forma di democrazia partecipativa, dichiara, è «la responsabilità di ciò che ciascuno fa nel concreto». Ne parliamo col filosofo Massimo Cacciari.

[ leggi ][ commenta

La scheda abolita per conferenza
Scuolaoggi - 19-11-2004

Era stato già ventilato in una conferenza dei dirigenti scolastici del mese scorso, ma sembrava più una considerazione del dirigente ministeriale intervenuto che una comunicazione ufficiale, ma oggi (17 novembre) davanti a tutti i dirigenti scolastici delle scuole elementari (o primarie come si chiamano adesso) e medie (o secondarie di primo grado come si chiamano adesso) della regione il Direttore Dutto ha annunciato ufficialmente che nella scuola dell’obbligo la scheda di valutazione finale sarà sostituita dal portfolio.

[ leggi ][ commenta

A difesa della scuola pubblica
Consiglio comunale di Campobasso - 19-11-2004

Ribadiamo il nostro impegno affinché nelle scuole di ogni ordine e grado della nostra città siano eliminate discriminazioni e autoritarismo e la nostra solidarietà a tutti gli alunni ed alle loro famiglie, ai dirigenti scolastici ed al personale docente e non docente impegnati a difendere il diritto allo studio e l’autonomia delle scuole.

[ leggi ][ commenta

E i supplenti non riescono nemmeno a riscuotere lo stipendio
Corriere della Sera - 18-11-2004

Gli stipendi? Per i supplenti su posto vacante al momento sono ancora un optional. Ancora problemi per i professori precari con compensi che non vengono saldati da oltre un paio di mesi, dall’avvio cioè delle lezioni. E solo in questi ultimi giorni sembra che dal Miur (Ministero Istruzione, Università e Ricerca) qualcosa si sta muovendo con i mandati dei primi pagamenti anche per via di un’interrogazione alla Camera presentata dalla parlamentare Titti De Simone (Rifondazione Comunista) alla quale ha subito risposto il ministro Letizia Moratti annunciando l’atteso «completamento delle pratiche per il pagamento degli stipendi».

[ leggi ][ commenta

Quei mammoni incalliti della generazione x
l'unità online - 18-11-2004

Ai sondaggi, si sa, o ci si crede o non ci si crede. E allora partiamo dal fatto che questo appena “licenziato” dall’Istituto superiore di sanità sia davvero serio e attendibile. È stato condotto l’anno scorso in centinaia di scuole, tra decine di migliaia di ragazzi tra i 14 e i 19 anni. Insomma la nuova “generazione X” per usare la famosa espressione di Douglas Copland. E allora come sono questi adolescenti italiani d’inizio millennio? Il primo valore è la famiglia, che batte di gran lunga gli amici e l’amore. Tra carriera e un posto sicuro la scelta è nettissima: un lavoro tranquillo, magari con tanto tempo libero. Per il posto fisso il 57% dei ragazzi e il 66% delle ragazze rinuncerebbe ad una brillante carriera. Il successo professionale interessa, invece, il 30% del campione.

[ leggi ][ commenta

Giornalismo codardo e narciso
Liberazione - 17-11-2004

Sono tante le "questioni" che affliggono oggi l'Italia. C'è, senza dubbio, una "questione politica". O meglio: un'"emergenza politica" legata al grado estremo di degrado del berlusconismo al governo. E c'è, connessa strettamente a questa, una "questione morale". Per non parlare dei mille frantumi in cui si è scomposta la "questione sociale". Ma vi è, altrettanto clamorosa e troppo spesso taciuta, anche una "questione culturale", chiamiamola così, che trova il punto di maggiore evidenza e di più visibile caduta nello stato del giornalismo italiano. Un problema che riguarda direttamente le forme e i modi che ha assunto l'informazione nel nostro paese, e che come tale ha molto a che fare con la caduta di livello della politica e del ceto politico.

[ leggi ][ commenta

Sul numero dei professori dovrebbero decidere gli istituti
Corriere della Sera - 16-11-2004

«In Italia abbiamo troppi insegnanti: uno ogni nove studenti contro una media europea di uno ogni 15 nella primaria e uno ogni 12 nella secondaria. La verità è che negli ultimi 30 anni la scuola è stata utilizzata per sostenere l’occupazione, creando un sistema di sprechi in cui i professori sono pagati poco e motivati ancora meno». Attilio Oliva è il presidente di TreeLLLe, associazione no profit che studia i problemi dell’educazione.

[ leggi ][ commenta

Uno sciopero per salvare la scuola
Cgil scuola - 15-11-2004

Torniamo in piazza per dire alto e forte che il nostro giudizio sulla Legge 53 è pesantemente negativo. Noi vogliamo un’altra scuola pubblica. La vogliamo riformata, più ricca ed in grado di rispondere alle esigenze degli studenti e del Paese. Noi ci battiamo contro la Legge Moratti perché siamo dei veri riformatori, perciò vogliamo guardare avanti e non tornare ad una scuolettina degli anni ‘50.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam

 

STOP ALL'USO DEI BAMBINI SOLDATO

Donne precarie a vita
L'Unità - 20-11-2004

 sociale 

Le donne, ad opera del Ministero del lavoro, sono diventate categoria di svantaggio sociale.
È questo il risultato di recenti interventi normativi sui nuovi contratti di inserimento. E pensare che, della riforma del mercato del lavoro iniziata lo scorso anno, il contratto di inserimento è la tipologia meno contestata, destinata a raccogliere l'eredità dei contratti di formazione e lavoro, pur discostandosene per la netta - quasi totale - riduzione della componente formativa.
Questi contratti sono finalizzati all'inserimento o reinserimento lavorativo di una serie di soggetti svantaggiati; tra cui i giovani, i disabili e anche le donne, ma solo quelle che sono residenti nelle aree del paese a forte squilibrio occupazionale.

[ leggi ][ commenta

Papà, ma noi siamo una famiglia povera?
l'Unità - 20-11-2004

 storie 

Mio figlio, cinque anni, camminiamo. Poi, all’improvviso, si ferma, mi guarda, inarca le sopracciglia, apre meglio i suoi occhi e dice: «Ma mamma è povera?». «No - rispondo - abbiamo tutto in comune. Ha un lavoro, io ho un lavoro...». Epperò, nel 2000 il lavoro l’ho perso. Il più grande, 8 anni (allora ne aveva 4), qualche domanda se la faceva e se la fa, tuttora.

[ leggi ][ commenta

Intervista con Moni Ovadia
Laura Tussi - 19-11-2004

 opinione 

Moni Ovadia uomo d’estro e d’ingegno, politicamente impegnato sul fronte del mondo in fermento dei sindacati per le tutele dei lavoratori e delle rivendicazioni per i diritti dei “più deboli”, nell’impegno culturale militante delle pari dignità sociali, per la fratellanza universale tra uomini…nella militanza “senza armi”, disarmante degli strapoteri, finalizzata ad un’utopia realizzabile, sociale, con risvolti comunitari e democratici de facto… L’impegno politico alla luce di una profonda, costruttiva e lucida critica di libera ispirazione marxista nella “lotta” di rivendicazione per le pari dignità sociali…
In Italia, per una cultura delle memorie di ieri e pluriappartenenze di oggi.

[ leggi ][ commenta

Giovannino e Serenella
Anna Pizzuti - 19-11-2004

 quaderni 

Una volta dicevamo che quella in cui viviamo o saremmo vissuti, sarebbe stata la società della conoscenza. Quand' è che abbiamo cambiato direzione e siamo passati alla società della competenza? Pur con tutte le sperequazioni, le distribuzioni ingiuste possibili o certe nella prima, la seconda mi sembra prospettare divisioni e fratture ancora più profonde.

[ leggi ][ commenta

Quando è la legge a decidere
Pierangelo Indolfi - 18-11-2004

 espressioni 

Davvero non vorremmo essere nei panni dei giudici della Corte Costituzionale che da qualche giorno stanno processando il crocifisso per stabilire dove, quando e quanto può essere esibito. Non vorremmo essere nei loro panni innazitutto per un senso di rispetto e di riconoscenza verso la nonna che si segnava prima di impastare il pane e poi di nuovo si segnava prima di metterlo nel forno.

NEI COMMENTI: PANORAMICA EUROPEA SULLA LIBERTA' RELIGIOSA

[ leggi ][ commenta

Un disastro mondiale la guerra di Bush
Aldo Quagliozzi - 17-11-2004

 NO WAR 

Joseph E. Stiglitz è stato premio Nobel per l'Economia nel 2001. Studioso prestato alla politica durante la prima presidenza Clinton, come capo dei consiglieri economici e, dal 1997 al 2000 vicepresidente della Banca Mondiale, è tornato a insegnare alla Columbia University. L’intervista è apparsa sul quotidiano l'Unità del giorno 11 settembre 2004, terzo anniversario della tragedia delle Torri gemelle.

[ leggi ][ commenta

Pensioni d'invalidità
Piero Barbieri - 17-11-2004

 sociale 

Nel 2003 la spesa previdenziale per l’invalidità ha continuato a scendere. Lo ha certificato il Nucleo di valutazione della spesa pensionistica nel suo rapporto di monitoraggio della spesa annuale, recapitato al Ministro Roberto Maroni. Il numero delle pensioni di invalidità è sceso di ben 120.000 unità ovvero del 4,5% attestandosi sul numero di 2.554.000. Il dato medio tendenziale nell’ultimo triennio è di una riduzione del 4,77%. Al contrario dell’invalidità, il numero delle pensioni di vecchiaia ed anzianità è in crescita (+1,95%).

[ leggi ][ commenta

Con il cuore nella valigia
Repubblica - 16-11-2004

 storie 

L'Aspromonte 1588, che - chi lo sa perché - in alcuni mesi dell'anno diventa 1590, è un treno triste. Uno di quei treni che quando arriva in stazione vedi scorrere illuminato e vuoto nelle carrozze di prima classe, vuoto del tutto, e come annerito dai corpi dei viaggiatori e umido di vapori nelle carrozze di seconda classe. Rafiluccio non sa nemmeno che si chiama Aspromonte. Lo chiama il Buttasangue. "Tutti quelli che vedi qui dentro buttano il sangue e ce lo hanno scritto in faccia".

[ leggi ][ commenta

Un uomo che legge ne vale due
L'Espresso - 15-11-2004

 quaderni 

Fungheggiano in Italia mille iniziative e progetti per incentivare la lettura: è una geografia di splendide invenzioni. Recentemente, in un'indagine dell'Eta Media Research era stato sottoposto a un campione un questionario letterario con quattro risposte possibili (alla Amadeus). Alla domanda cosa fosse il Decamerone, solo il 21 per cento rispondeva che si tratta di un libro di novelle, il 14 diceva che era un tipo di autobus, il 29 che era un appartamento di dieci stanze e il 36 che era un vino rosso. Su Primo Levi il 33 per cento asseriva che aveva raccontato la vita dei derelitti in Sicilia, ma in compenso il 28 acconsentiva a che i Malavoglia fossero un gruppo di studenti alla vigilia della prima guerra mondiale.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 

Gruppo folk Farandoulaires - Musiche tradizionali, danze d'animazione, corsi di ballo
Musiche tradizionali (non solo occitane) - Danze d'animazione - Corsi di ballo. Nati con la passione per il folk occitano hanno praticamente da subito allargato i loro interessi alla musica tradizionale in generale: Scozzese, Francese, Irlandese, Danese... La musica che propongono è più che altro da ballare e nei loro concerti cercano di coinvolgere il pubblico il più possibile. Per maggiori informazioni visitate il loro sito web.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione-fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Rolando Borzetti, Pierangelo Indolfi, Ilaria Ricciotti. Cura il sito Maurizio Guercio.


  Newsletter precedente Newsletter successiva