Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 09/01/2005 - a.s. 04/05

racconti

f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 09/01/2005

raccontiscaffali

 

Sommario


TRA PASSATO E FUTURO

Auguri per il 2005, a tutti e a ciascuno

di Gabriele Boselli

Notizie dalla neoscuola: buon anno
di Mario Menziani

C’era una volta una regione del mondo che tutti amavamo...
di Concetta Centonze

La nostra Camera del Lavoro
di Giuseppe Aragno


IL PRESENTE

Esserci e non più

di una voce

A margine di una tragedia
di Aldo Ettore Quagliozzi

Dentro la notizia
di Anna Di Gennaro Melchiori

Di uranio (impoverito) si muore ...
di Fuoriregistro


ORIZZONTI

Scalfari e il relativismo

di Gianni Mereghetti

Il diavolo e l’acqua santa
di Giuseppe Aragno

Aggressione squadristica
di Pierluigi Nannetti

F u o r i p r o g r a m m a
di Le riviste promotrici

Proposta di legge sulla Riforma della scuola
di Lorenzo Picunio


DI SCUOLA SI TRATTA

Le brutte parole

di Pierangelo Indolfi

Dalla scheda di Stato alla scheda Arlecchino
di Dedalus

Università di Neuchâtel: greco a rischio
di Alberto Biuso

La metodologia dell'apprendimento
di Laura Tussi


NUOVA SECONDARIA

La Moratti mette all'angolo il diritto

di Redazione

Delle indicazioni e degli Osa
di Maurizio Tiriticco

Orario: si torna indietro?
di Vittorio Delmoro

Non è vero, ma ci credo ... un po'
di Anna Pizzuti

 

Con il buon anno della Redazione:
Divieto di lettura
Censura preventiva
Libro e moschetto
Il giro di vite integralista
La macellazione delle Autorità
Ora e sempre Croce Rossa

Auguri per il 2005, a tutti e a ciascuno
di Gabriele Boselli


Vi auguro di giocare e creare, di avere sempre di che riscaldare il cuore e luoghi amici ove raccogliervi in pace. Che illuminiate di voi la casa, la scuola, il mondo e l'anima di chi vi vuol bene (e un pò anche il corpo).
Che (anche) nel prossimo anno qualcuno, a casa e a scuola, creda sia valsa la pena di pensarvi. V'auguro giorni di luce intensa.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Notizie dalla neoscuola: buon anno
di Mario Menziani


Poche ore all’anno nuovo. E allora facciamo così: facciamo finta che ci siano solo due o tre cose da sistemare prima di partire con questo nuovo anno. Solo due o tre cose, e piccole per giunta.
In realtà lo sappiamo bene che queste due o tre cose le dobbiamo estrarre da una vera e propria montagna. Ma di vedere l’intera montagna, a questo punto, proprio non ci va, preferiamo vedere solo due o tre cose, possibilmente piccole.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


C’era una volta una regione del mondo che tutti amavamo...
di Concetta Centonze


L’amavamo perché era giovane e i giovani, si sa, sono amabili per
natura; ai giovani si perdonano volentieri gli errori perché sono errori
d’impulsività e di inesperienza: mai di malizia.
Era una plaga in cui tutti amavamo andare, almeno con il pensiero: là
regnavano giustizia e ardore e i buoni vincevano sempre.
Quale nostalgia !

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


La nostra Camera del Lavoro
di Giuseppe Aragno


Se la Storia è alla fine un insieme di storie, uomini ne ho incontrati da non far morire e storie ne ho ricostruite da voler raccontare. Una - si lega per vie traverse ad una Epifania persa nella nostra corta memoria storica - una mi vien voglia di raccontare, perché non muoia del tutto il caso singolare di un calzolaio milanese che a fine Ottocento qui, nella nostra città disoccupata trova lavoro e mette radici.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Esserci e non più
di una voce


Apriamo il nostro cuore
al dolore apriamolo
alla gioia di esserci
di esserci ancora con loro
che non ci sono più

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


A margine di una tragedia
di Aldo Ettore Quagliozzi


E come al solito è partita a spron battuto la “ carità pelosa “ del bel paese; è tutto un fiorire di opere altamente benefiche finalizzate ad aiutare le popolazioni colpite dall’immane forza della natura.
E’ forse irriverente in queste circostanze, o fuor di luogo, accennare solamente a questa abitudine da postulanti per cui, depositato il soldino, ora possibile anche con un sms, nel cappellaccio del povero sventurato di turno, il tutto torna al prima, con i pensieri rivolti altrove?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Dentro la notizia
di Anna Di Gennaro Melchiori


Parlarne ma soprattutto far parlare loro, i più piccoli, dell'immane tragedia che ha sconvolto il sud-est asiatico, a cui hanno assistito attraverso le immagini proposte dai media, che certamente possono averli traumatizzati, scatenando in loro ansie e paure come quella del mare. Alla vigilia della riapertura delle scuole dopo la lunga pausa natalizia purtroppo contrassegnata dalla catastrofe di Santo Stefano, è questo il compito che spetta agli insegnanti che, al fianco dei genitori, devono aiutare, attraverso il dialogo, i bambini a far emergere ed elaborare la tragica esperienza che, seppure vissuta indirettamente, li ha comunque segnati. Su questo sono d'accordo gli esperti.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Di uranio (impoverito) si muore ...
di Fuoriregistro


Marco Diana ha un tumore che i medici considerano inguaribile. A trentasei anni, ha pochissime possibilità di sfuggire alla morte. Il suo è un cancro rarissimo. Una delle cinque forme tumorali più rare al mondo: un carcinoide all'intestino. Le metastasi ormai sono dappertutto. Lui però non molla. Combatte contro la malattia. Combatte per far sapere che a condannarlo non è stata una fatalità, ma l'esposizione alle stesse sostanze cancerogene che hanno ucciso, o che stanno uccidendo, tanti altri militari che hanno partecipato alla missione in Somalia e alle guerre nei Balcani e in Iraq.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Scalfari e il relativismo
di Gianni Mereghetti


Eugenio Scalfari in un articolo dal titolo “La fede dei laici contro i nichilisti” evidenzia – e giustamente – che è il nichilismo il vero cappio al collo della laicità. Quanto sostiene Scalfari è sacrosanto: infatti se laicità significa concepire la ragione come coscienza della realtà secondo tutti i suoi fattori e usarla in questo senso, è evidente che il nichilismo rappresenti il suo nemico numero uno, non tanto nel suo negare l’esistenza della verità, quanto nel ritenere irragionevole la sua stessa domanda.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Il diavolo e l’acqua santa
di Giuseppe Aragno


Certo, ognuno può intenderla come vuole. Di fatto, che il “grande vecchio” del nostro giornalismo di sinistra approdi, in tema di laicità, sulle rive che gli furono opposte di un ciellino, ha un preciso valore politico e può fare da specchio al tempo che viviamo. Non è forse questa l’ora di coloro che lamentano il mancato riconoscimento delle radici giudaico-cristiane dell’Europa che nasce morente, eppure si fanno in quattro per dimostrare la legittima appartenenza geografica e storica della Turchia all’aborto che definiscono Europa unita?

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Aggressione squadristica
di Pierluigi Nannetti


Mario Luzi ha subito e sta subendo una vera e propria aggressione squadristica, per aver espresso una sacrosanta opinione sulla vicenda del treppiede lanciato da un turista contro Berlusconi. Condivido pienamente l'opinione di Luzi, che ha visto nell'episodio qualcosa di molto simile alle reazioni di Mussolini dopo l'attentato del gennaio 1925.

[ leggi (5 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


F u o r i p r o g r a m m a
di Le riviste promotrici


Le riviste “Aprile”, “Carta”, “Alternative”, il network “Eco Radio”, “Quaderni laburisti” promuovono per domenica 16 gennaio 2005 (presso Angelicum University Press) una giornata di dibattito e confronto.
Lo scopo: avviare una ricerca comune che, a partire dalla società civile e dai movimenti, possa interloquire, in piena autonomia, con la costruzione del programma con cui la Grande Alleanza Democratica vuole sconfiggere la destra e governare. Al cantiere parteciperanno altri media indipendenti, come Mosaico di pace, Altreconomia, Quale Stato, il manifesto, Missione Oggi, Ora locale, Adista, CEM Mondialità, ma la lista dei partecipanti è sempre aperta. Tutti sono accomunati dall’essere pubblicazioni indipendenti da singoli partiti.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Proposta di legge sulla Riforma della scuola
di Lorenzo Picunio


1. Il sistema dell’istruzione pubblica in Italia è organizzato in scuole autonome, coordinate a livello nazionale dal Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e delle Ricerca. Le scuole autonome sono gestite democraticamente da organi di gestione di carattere didattico, Collegi dei Docenti, e di carattere organizzativo, Consigli di Scuola. È fatta salva l’autonomia dell’Università, regolata da leggi specifiche....

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Le brutte parole
di Pierangelo Indolfi


Può la mannaia dei tagli alla scuola del governo Berlusconi compattare idee della formazione diverse e renderle concordi? È possibile pensare che il marcio della privatizzazione e confessionalizzazione della scuola venga tutto dalle confuse idee della ministra Moratti? Possiamo dimenticare che gli assi della trasformazione buro-familistico-tecnicista della scuola non sono stati generati solo dai governi delle destre, ma al contrario partoriti, con dignità di Riforma, proprio quando il centrosinistra era al governo?

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Dalla scheda di Stato alla scheda Arlecchino
di Dedalus


Quest’anno ne vedremo di tutti i colori. In senso non metaforico. Stiamo parlando del documento di valutazione o scheda personale dell’alunno. Con la circolare ministeriale n. 85 del 3 dicembre 2004 si apre la strada infatti al “fai da te”, alla devolution spinta in fatto di attestazione dei risultati raggiunti e/o di certificazione delle competenze. Ma riepiloghiamo quel che è successo negli ultimi tempi ripercorrendo rapidamente il cammino degli anni passati.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Università di Neuchâtel: greco a rischio
di Alberto Biuso


Progetti di ristrutturazione presso l'Università di Neuchâtel prevedono la prossima soppressione della cattedra di Lingua e letteratura greca: i mezzi di informazione ne hanno parlato ampiamente, anche perché tale soppressione è abbinata a quella della cattedra di Letteratura italiana.
Le conseguenze di queste due soppressioni sull'insegnamento e sulla ricerca nell'ambito di una Facoltà di Lettere non possono non preoccupare. Preoccupa pure che, nel caso concreto, si stia per passare ad una fase esecutiva di soppressioni che pure in altre Università sono o potrebbero presto essere attuate, con ripercussioni che potrebbero non limitarsi ai soli insegnamenti delle due cattedre in questione, ma riguardare ambiti formativi e culturali più ampi.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


La metodologia dell'apprendimento
di Laura Tussi


La metodologia riconduce alla possibilità logica di intraprendere percorsi di impostazione cognitiva e di apprendimento relativi alle materie dell’insegnamento, ossia alle scienze didattiche. In questo scritto si tratterà delle materie inerenti il campo umanistico e l’orientamento dell’allievo rispetto a tali argomentazioni, con l’ausilio di strumenti appunto didattici, con il supporto della costruzione ermeneutica e gnoseologica di brani e paragrafi in base a degli schematismi che possono orientare appunto l’applicazione pratica verso il contenuto, che così potrà assumere una forma, una valenza, una morfologia facilmente assimilabile e strutturabile in costanti interpretative, in chiavi di lettura ermeneutiche e memorizzabili in tracce schematiche di apprendimento.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


La Moratti mette all'angolo il diritto
di Redazione


La riforma Moratti mette all'angolo i docenti di diritto ed economia. Il rischio è la riconversione e, nei casi limite, il licenziamento. Stando alle norme sulla secondaria, in corso di emanazione, le discipline giuridiche ed economiche, che oggi si insegnano negli istituti tecnici e professionali, dovrebbero subire un brusco ridimensionamento. Il tutto per fare spazio all'insegnamento della seconda lingua straniera, che dovrebbe entrare a far parte del curricolo di tutti i licei riformati.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Delle indicazioni e degli Osa
di Maurizio Tiriticco


Quando per la prima volta ho letto l’infiorata degli OSA nelle Indicazioni nazionali, già operative ma transitorie (fino a quando?), mi sono tornate in mente le tante esercitazioni che facevamo con gli insegnanti della scuola media in seguito ai programmi del ’79 con cui si era adottata (ma non in via transitoria!) la strategia della programmazione curricolare! Dopo la fase informativa, gli insegnanti erano invitati a scrivere, a mo’ di brain storming, un elenco di obiettivi relativi alle materie di competenza. Di qui seguiva, poi, tutto il lavoro di discussione, scrematura, limatura e così via! Mi domando: gli OSA sono forse il risultato di una esercitazione didattica?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Orario: si torna indietro?
di Vittorio Delmoro


Come mai l’antico progetto di ridurre sostanziosamente il tempo scuola garantito dallo stato in favore della crescita dell’offerta privata si sta così riducendo tanto da confermare l’offerta formativa precedente alla riforma? Cosa è successo in questo frattempo?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Non è vero, ma ci credo ... un po'
di Anna Pizzuti


Sulla riforma del secondo ciclo, sia su quanto trapelato – i pochi documenti sul sistema dei licei – sia su quelle che definirei le mosse del cavallo - cioè i decreti che faranno da paracadute alla determinazione di quel sistema di istruzione e formazione professionale che costituisce il vero nodo su cui si gioca tutta l’impostazione della scuola secondaria superiore che verrà – nei mesi scorsi e fino alla diffusione della bozza di decreto, molte le analisi delle problematicità e le denunce di inadeguatezza e di arretramento. Utilissime, sicuramente: ma solo preliminari alle proposte alternative.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


 

 


Brevi di cronaca

Marino Bocchi

F A R F A L L A

Le radici dell'Europa

Mille divieti ma nelle scuole fumano tutti
Pierangelo Indolfi - 08-01-2005

Alle preccupazioni di Lodoli per il quale "a sedici anni sembra fantastico sbuffare in faccia al mondo il fumo di una sigaretta, lo capisco, però poi si passa la vita intera a tossire, scatarrare, ansimare, cercando invano qualcuno che riesca a farci smettere" accosto il ricordo di Enzo Biagi, che su un muro di Parigi leggeva: 'Il fumo ti uccide lentamente' e sotto il commento di uno sconosciuto: 'Io non ho nessuna fretta'.

[ leggi ][ commenta

Il manager? Faceva il capoclasse
Repubblica - 07-01-2005

C´è sempre un leader incontestato nei nostri ricordi di scuola: il compagno che puntualmente veniva eletto capoclasse, quello che faceva per acclamazione il capitano nella squadra di calcio o di basket o di pallavolo, non necessariamente il tipico «primo della classe» secchione e con i voti migliori, ma sicuramente il più brillante, simpatico, estroverso, capace di affascinare i coetanei e tenere testa agli insegnanti, di primeggiare nello sport o almeno di dare questa impressione.
Di tipi così, ce n´è stato almeno uno in ogni classe di tutti i tempi e di tutte le latitudini, il ragazzo (o la ragazza) di cui professori e genitori dicevano con ammirazione: «Si vede già che avrà successo nella vita». Ebbene, avevano ragione.

[ leggi ][ commenta

Fuori dalla Storia
L'Unità - 07-01-2005

Se il referendum verrà giudicato inammissibile la nostra estiva fatica di firmare e far firmare e contare le firme, andrà a unirsi a tutte le altre gioiose militanze, che sono, è bene ripeterlo, premio a sé stesse.
Se, al contrario, la Corte Costituzionale darà torto al governo e il referendum si farà, la legge sarà abrogata. Vinceremo. Come faccio a esserne così sicura? Credete che avrebbero armato tutto questo casino, quelli della casa delle libertà, se non fossero stati sicuri di perdere? (Lidia Ravera)

[ leggi ][ commenta

Un buon sondaggio nasconde tutto
l'Unità - 06-01-2005

Anno nuovo, sondaggi vecchi. È quasi una persecuzione ormai, quella che ci arriva dalle pagine dei giornali. Ogni giorno siamo informati sulle opinioni, sui desideri, sui gradimenti, sulle conoscenze degli Italiani, e sempre, ovviamente, ciò avviene per via statistica (su campioni “rappresentativi” della popolazione).
Non voglio certo sminuire la fondatezza scientifica delle tecniche demoscopiche, che ha raggiunto livelli estremamente sofisticati (soprattutto in Italia, fra l’altro). Mi sembra, però, che l’eccesso di sondaggi pubblicati dai mezzi di comunicazione di massa rifletta un cattivo costume che ha preso piede nel nostro Paese, e che fra l'altro danneggia anche l'immagine degli stessi ricercatori. Proviamo a ragionarci su.

[ leggi ][ commenta

Gianni e Pierino nel terzo millennio
azionecattolica.it - 06-01-2005

Vi ricordate cosa scrivevano gli studenti di Barbiana in "Lettera ad una professoressa" a proposito di Gianni e Pierino? Gianni, figlio di una famiglia povera, e Pierino, figlio del dottore, entrambi con una carriera scolastica già decisa dalla condizione sociale delle rispettive famiglie. E Don Milani e i suoi studenti a battersi per una scuola che mettesse tutti i ragazzi allo stesso livello, tutti con le stesse opportunità.
Ebbene, il CNEL, Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro, ha recentemente pubblicato il suo annuale rapporto, dove dedica un ampio spazio ad una indagine sulla scuola e le sue relazioni con il mondo del lavoro, e da questa indagine emerge un fatto: anche nel terzo millennio la condizione sociale dei genitori è il fattore più influente nello scegliere il tipo di secondaria frequentata dallo studente. In pratica, un figlio di genitori analfabeti su due fa un istituto professionale, e solo il 7% un liceo, mentre se almeno un genitore è laureato la percentuale di chi frequenta il liceo sale al 60%.

[ leggi ][ commenta

Un laboratorio dove i giovani imparano a integrarsi
Corriere della Sera - 05-01-2005

Dina ha 21 anni. Quando ha lasciato lo Sri Lanka, nel 2001, le mancava un semestre di scuola per potersi iscrivere a medicina. A Milano ha dovuto ricominciare gli studi da capo. Si è iscritta al professionale [statale n.d.r.] Oriani Mazzini, istituto di «frontiera» che accoglie oltre duecento studenti stranieri (circa il 10 per cento). La voglia di studiare Dina non l’ha persa, però. Anzi. Quando torna a casa, la sera, fa i compiti con il padre. E se lui è stanco, se non ha voglia di leggere o scrivere in italiano, Dina insiste: «Papà, è importante. Ti devi integrare. Come facciamo noi a scuola».
Perché all’Oriani Mazzini esiste un programma speciale per gli studenti stranieri. Corsi aggiuntivi di italiano, uno sportello per aiutare chi è appena arrivato e non sa come iscriversi, come muoversi in città, come sbrigare pratiche burocratiche o semplicemente ha bisogno di parlare con qualcuno. E un progetto di tutoraggio tra i ragazzi delle superiori e quelli delle medie.

[ leggi ][ commenta

Intervista con Carmel Budiardjo
Lettera 22 - 04-01-2005

Secondo la stampa indonesiana le operazioni militari ad Aceh continuano. Stando a quanto hanno denunciato i responsabili in Svezia del Gerakan Aceh Merdeka, la guerriglia separatista in guerra dagli anni ’70 col governo centrale, l’esercito continuerebbe a colpire i suoi nemici. A poco dunque sarebbero serviti gli appelli, sia del Gam come di Jakarta, per un cessate il fuoco che permetta le operazioni di soccorso alla popolazione civile. Azioni di guerra sono state segnalata ad Aceh Nord e Aceh Est, fuori cioè dalla zona colpita dallo tsunami, e i guerriglieri accusano Jakarta di continuare a cercare i militanti del Gam per colpirli nei loro santuari nonostante l’emergenza.

[ leggi ][ commenta

Il feroce mantovano
L'unità - 04-01-2005

Chi è veramente quel misterioso figuro, d’origine Mantovana, sbucato in Piazza Navona a Roma, tra presepi e pastorelli, per lanciare un trespolo contro il presidente del Consiglio? Un atto esacrato ed esacrabile che ha sollevato emozione e sdegno dalle Alpi alle Piramidi. Tutto il mondo ne parla e la tragedia asiatica si è dissolta.

[ leggi ][ commenta

Secondigliano, la favola dei Ragazzi del Coro
Repubblica - 03-01-2005

«Il professore di educazione musicale - dice Antonio, maglietta nera con la scritta Eminem e la faccia seria di chi a 16 anni si sente grande - quest´anno è riuscito a fare promuovere anche me, all´esame di terza media. Io ormai non ci pensavo più. In seconda ero stato bocciato due volte. Aspettavo solo di non avere più l´obbligo di venire ogni mattina in mezzo a questi ragazzini e di andare a fare il fornaio. L´esame me lo ricordo bene: storia, geografia, matematica poi il professore di musica mi ha detto: «Adesso canta, fai vedere come sei diventato bravo». E io ho cantato.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam

Il mestiere di insegnare
einaudiscuola - 08-01-2005

 quaderni 

Cari colleghi, vi invitiamo a riflettere sulla vostra professione, utilizzando e ricostruendo la vostra esperienza personale, muovendo da episodi che sono nella vostra quotidianità, per giungere, attraverso casi individuali, alla definizione di un «mestiere» da sempre, e oggi più che mai, importante e complesso. Dunque, scriveteci. Raccontate.

[ leggi ][ commenta

Cara pace, ti scrivo
Domenico Monti - 08-01-2005

 NO WAR 

Il Sindacato pensionati CGIL (SPI) di Cesena, l'AUSER di Cesena, l'ARCI di Cesena, l'Associazione APRILE, organizzano un concorso letterario, con il Patrocinio del Comune di Cesena e del Comune di Longiano, in collaborazione con la Consulta del volontariato di Cesenatico, la Tavola per la Pace di Cesena e il Centro Pace di Cesena, e decidono di devolvere interamente la quota di iscrizione ad Emergency, l'associazione nata nel 1994 per portare aiuto alle vittime civili di guerra.

[ leggi ][ commenta

Arte in corso
Simona Iannelli - 07-01-2005

 proposta 

La U.I.L.D.M. (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) sezione laziale Onlus presso la propria sede di Via Prospero Santacroce organizza corsi di teatro e di danceability (tecnica nata in America alla fine degli anni settanta, utilizza i principi di base della Contact Improvisation).
I laboratori sono condotti dall’Associazione fuori conTesto, nata in U.I.L.D.M nel 1999 come gruppo teatrale integrato, si è esibita in numerose occasioni sul territorio nazionale portando in scena testi originali.

[ leggi ][ commenta

Esplode lo scandalo dell'acqua minerale all'arsenico
Frilli editori - 06-01-2005

 libri 

Il ministero della Salute ha sospeso l'autorizzazione di 115 acque minerali attualmente in commercio. Il clamoroso provvedimento e l'elenco completo delle marche fuorilegge è contenuto sulla Gazzetta Ufficiale n. 305 del 30-12-2004. Le aziende imbottigliatrici avrebbero dovuto produrre entro il 31 ottobre 2004 i certificati con le analisi conformi alla nuova Direttiva europea 2003/40. In particolare, avrebbero dovuto fornire i dati relativi ai nuovi parametri fissati per antimonio, arsenico e manganese. Non avendo ricevuto alcuna comunicazione, il ministero ha provveduto a sospendere l'autorizzazione a partire dal 1° gennaio 2005. «Finalmente, dopo anni di comportamenti poco comprensibili, il ministero della Salute ha deciso di stare dalla parte dei cittadini consumatori. La pubblicazione dell'elenco delle acque minerali fuori norma è una scelta trasparente e coraggiosa allo stesso tempo, ma per anni i consumatori hanno bevuto qualcosa che forse ha causato danni alla salute», afferma Giuseppe Altamore, giornalista di Famiglia Cristiana e autore del libro che proponiamo.

[ leggi ][ commenta

Da bambino a bambino
Ilaria Ricciotti - 06-01-2005

 ilforasacco 

Oggi, 6 gennaio 2005, giorno della befana, in cui molti bambini si sono alzati di buon’ora, incuriositi, per aprire la loro tanto attesa calza, in altre parti del mondo ed in modo particolare in diverse zone del sud est asiatico, i loro coetanei ancora in vita cercano un altro dono: quello di poter ritrovare i loro cari e/o di dimenticare ciò che hanno vissuto e visto.

[ leggi ][ commenta

Cancelliamo il debito
Centro di ricerca per la pace di Viterbo - 05-01-2005

 messaggio 

Il maremoto nel Sud-est asiatico e' qualcosa di talmente immane che ci colpisce dritti al cuore. Ma non vorrei che questo dolore sparisse di colpo il giorno in cui riprenderemo i voli per andare a fare le nostre vacanze in quei paesi martoriati. Vorrei che questa tragedia costituisse invece un'occasione per riflettere sui poveri del Sud-est asiatico, che sono quelli che hanno pagato maggiormente il prezzo del disastro. In questo senso, ritengo necessario rilanciare la discussione sul debito: penso che sia imperativo cancellare immediatamente e senza condizioni il debito a tutte le nazioni coinvolte in questo cataclisma.
Alex Zanotelli

[ leggi ][ commenta

Cominciavano gli anni Sessanta e noi eravamo felici
Repubblica Napoli - 04-01-2005

 storie 

Ci battemmo per avere l´intervallo, per eliminare, noi ragazze, il grembiule, e i ragazzi la giacca, per gestire la nostra festa di fine anno senza intervento di professori, per eleggere rappresentanti di classe
Prima gli scioperi erano gestiti dai fascisti, che allora si chiamavano missini ed erano stati per Trieste libera. Ma non mi piacevano quelle brutte facce che venivano sotto scuola, di ometti seri e tristi
Ingiusto era il modo in cui ci trattavano i professori, quelle interrogazioni terroristiche, quell´angoscia...

[ leggi ][ commenta

Quando l' Europa fu amica di Solimano
Corsera - 04-01-2005

 opinione 

La Turchia è entrata in Europa per diritto di conquista e ha giocato tutte le partite della politica europea, da allora, con le stesse regole delle altre potenze. Non ha minacciato la nostra libertà religiosa più di quanto i Paesi cattolici abbiano minacciato quella dei Paesi protestanti e i Paesi protestanti quella dei Paesi cattolici. E non ha minacciato la libertà degli europei più di quanto l' abbiano minacciata la Spagna di Carlo V e Filippo II, la Francia di Luigi XIV e di Napoleone, la Germania di Guglielmo II e di Hitler. Anzi, vi sono stati momenti in cui l' Impero Ottomano venne usato dale potenze europee per meglio raggiungere i loro scopi.

[ leggi ][ commenta

Tirchierie
l'Unità - 03-01-2005

 curiosità 

La società civile è generosa: in una settimana gli italiani hanno raccolto oltre 70 milioni di euro in aiuti per le popolazioni terremotate dell'Oceano Indiano. Ma il governo Berlusconi è decisamente avaro: ha stanziato poco più di 3 milioni di euro (ovvero poco di 4 milioni di dollari).
Il reiterato comportamento del governo italiano costituisce di fatto un attacco alla politica fondata su accordi multilaterali tra i paesi e sulla creazione di strutture tecniche internazionali per la gestione dei problemi globali.

A COMMENTO: GLI AIUTI UMANITARI IN MANO A SCELLI

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 

Dueparole
Le parole sono fatte, prima che per essere dette, per essere capite: proprio per questo, diceva un filosofo, gli dei ci hanno dato una lingua e due orecchie. Chi non si fa capire viola la libertà di parola dei suoi ascoltatori. È un maleducato, se parla in privato e da privato. È qualcosa di peggio se è un giornalista, un insegnante, un dipendente pubblico, un eletto dal popolo. Chi è al servizio di un pubblico ha il dovere costituzionale di farsi capire. /Tullio Demauro)

Thamils Rehabilitation organisation
Due decenni di inesorabile guerra nel nord ed est dello Sri Lanka, hanno decimato la struttura sociale nella regione. La vita di oltre un milione di sfollati dipende crucialmente dalla ripresa e dalle misure di riabilitazione prese dalle organizzazioni non governative. Il TRO fu formato nel 1985, principalmente come un organizzazione di auto-aiuto per i Tamil dello Sri Lanka che si rifugiarono nell'India Meridionale. La nostra missione è di fornire il rilievo, ed aiutare la riabilitazione e lo sviluppo, tanto necessari per la bisognosa popolazione del nordest dello Sri Lanka.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione-fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Rolando Borzetti, Pierangelo Indolfi, Ilaria Ricciotti. Cura il sito Maurizio Guercio.


  Newsletter precedente Newsletter successiva