Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 30/01/2005 - a.s. 04/05

racconti

f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 30/01/2005

raccontiscaffali

 

Sommario


27 GENNAIO

I lager di Mussolini

di Grazia Perrone

Immagini
di Giuseppe Aragno

A proposito di Memoria
di Michele Sorbara

Diamole un futuro
di Gli alunni di quinta, Terlizzi

Non ho intenzione di farle niente
di Gianni Mereghetti

Fascisti brava gente?
di Anna Pizzuti

Shoà
di Francesco Paolo Catanzaro

Musica per ricordare
di Megachip Liguria


ORIZZONTI

Storia del socialismo democratico

di Gaetano Arfè

Il mugugno e l’impostura
di Aldo Ettore Quagliozzi

Carcere e formazione
di Vincenzo Andraous


PAESE SCUOLA

Risposta al Professor Veneziani

di Giuliano Falco

Pensieri convergenti
di Cocco

Lezioni private on line?
di Fuoriregistro

Notizie dalla scuola inglese
di Elena Miglietta


DIBATTITO

Un New Deal per la scuola di base

di Gianni Gandola e Federico Niccoli

Abrogazione sì, abrogazione no.
di Alba Sasso

La scuola che...
di Letizia Indolfi

Severi o buoni? Educatori
di Gianni Mereghetti


NUOVA SECONDARIA

Operazione trasparenza?

di Anna Pizzuti

Il Ministro si nasconde
di Piera Capitelli - Alba Sasso - Antonio Rusconi

La musica nei licei? No grazie
di Mario Piatti


PROPOSTE

Schede

di Forum Scuola Imola

La narrazione come strumento cognitivo
di Laura Tussi

Didattica e antologie
di Laura Tussi

 


I lager di Mussolini
di Grazia Perrone


Le leggi razziali? Un "incidente di percorso" secondo Domenico Gramazio, esponente di spicco del partito postfascista (attualmente al potere) secondo il quale persino il "mazziere" Almirante, direttore del settimanale "La difesa della razza" salvò degli ebrei. Propongo la lettura di un'indagine molto approfondita e poco conosciuta su cosa ha significato, in realtà, per le popolazioni civili della Slovenia e della Dalmazia l'occupazione militare italiana nel periodo immediatamente precedente l'armistizio dell'otto settembre 1943.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Immagini
di Giuseppe Aragno


Le ho trovate in Carlo Spartaco Capogreco, I campi del duce. L'internamento
civile nell'Italia fascista (1940-1943)
, Einaudi, Torino, 2004
. Non occorrono parole.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


A proposito di Memoria
di Michele Sorbara


Mi sono accorto da diversi anni che dimentico tutto ciò che non m’interessa memorizzare. Egoismo, è la parola chiave che razionalizza i comportamenti, ne scandisce i comportamenti quotidiani dei popoli e di conseguenza, regola le azioni dei loro governi “cosiddetti” democratici. Per quanto riguarda la giornata della memoria, mi viene da dire che non serve a nulla se il mondo intero in quel giorno, non si ferma a meditare in rispettoso silenzio. La scuola dovrebbe in ogni momento, insegnare ai giovani e alle loro famiglie il rispetto per l’individuo di qualsiasi razza, religione o ceto.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Diamole un futuro
di Gli alunni di quinta, Terlizzi


"La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, Giorno della Memoria, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati".

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Non ho intenzione di farle niente
di Gianni Mereghetti


Non ho intenzione di farti niente” sono le parole che Wladislaw Szpilman, pianista polacco ed ebreo, si sente rivolgere con grande sorpresa dal capitano della Wermacht, Wilm Hosenfeld, il quale poi, al posto di catturarlo come avrebbe dovuto fare, lo porta nella stanza adiacente a quella in cui l’aveva trovato e gli chiede di suonare il Notturno in do diesis minore di Chopin.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Fascisti brava gente?
di Anna Pizzuti


Ancora una volta – quando non si pensava proprio che ce ne fosse più bisogno – ci ritroviamo a dover riandare indietro, ad estrarre dal libro della Storia, alcune delle pagine che vengono sottoposte a “revisione”, durante l’oscura stagione politica che stiamo attraversando.

[ leggi (4 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Shoà
di Francesco Paolo Catanzaro


Memoria di un genocidio organizzato
dalla farneticazione umana.
Nel tempo del progresso incipiente
durante il secolo ventesimo dell'orrore.
Vergogna perenne
di una condizione
che oggi vorrebbero giustificare
col termine revisionismo.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Musica per ricordare
di Megachip Liguria


La speranza è che nei prossimi anni ci sia un coinvolgimento di un numero sempre maggiore di scuole, unite in un canto comune.
Troppe parole a volte suonano vuote alle orecchie dei giovani, con il risultato di allontanarli dalla consapevolezza delle vicende storiche e culturali: la musica, invece, può essere il veicolo giusto per insegnare loro a ricordare.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Storia del socialismo democratico
di Gaetano Arfè


ogni sconfitta del socialismo ha corrisposto una sconfitta della democrazia europea e il dato non è casuale. A partire dal suo sorgere il socialismo è stato in Europa la fonte di un'etica; una scuola, la più alta, di cultura politica che ha elaborato criteri di metodo rimasti insuperati per la interpretazione dei fenomeni sociali e politici; il centro da cui sono partite direttive di azione che hanno concorso a trasformare la società europea e a liberalizzarne le istituzioni; la forza che più di ogni altra ha unito in indissolubile e mai rinnegato nesso i principii professati e l'azione praticata.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Il mugugno e l’impostura
di Aldo Ettore Quagliozzi


Il traguardo verso il quale ci stiamo avviando a grandi passi è quello di una democrazia puramente negativa, di pura tolleranza.
Non si incarcerano né si torturano gli oppositori, ma il controllo decisionale è interamente sottratto ai cittadini ai quali rimane soltanto – beninteso non sui mass media che davvero contano – il “ diritto di mugugno “. Ma fino a quando potrà durare l’innocuo brontolio degli abitatori del bel paese, immersi ancora in un sonno mediatico profondissimo, anticipatore forse di un più profondo stato comatoso della democrazia in Italia?

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Carcere e formazione
di Vincenzo Andraous


Il grande problema sul versante carcerario consiste nel favorire e costruire una cultura nuova più consona allo spirito delle leggi e delle norme, una cultura nuova che permetta anche a chi vive a contatto diretto e quotidiano con il recluso, un modo nuovo di concepire e mettere in pratica la propria professionalità e le proprie responsabilità. Mi chiedo infatti se un carcere che risponde a condizioni strettamente custodialistiche e prisonizzanti, non sia nell'effetto antitetico allo spirito e alle attese delle leggi stesse.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Risposta al Professor Veneziani
di Giuliano Falco


Ho letto il suo articolo “Poveri Prof, peggiori d’Europa”. Mi permetto di avanzare alcune critiche al Suo testo, anche se sono un umile insegnante di sostegno, per di più insegnante elementare (quindi, come vede, non sarà una difesa corporativa o neo corporativa...).Le scrivo perché alcune Sue affermazioni le trovo molto offensive, e non solo verso gli insegnanti.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Pensieri convergenti
di Cocco


“Le scuole saranno più efficienti se saranno sottoposte alle leggi del mercato capitalistico e, come tutte le aziende, entreranno in concorrenza le une con le altre per attirare i loro clienti: gli studenti. A questo scopo serve un sistema statale di buoni scuola emessi all’ordine dei genitori di un figlio in età scolare, buoni che potranno essere spesi in una scuola a scelta delle famiglie degli studenti, anche private e/o confessionali”. L'efficienza di cui parla Friedman è evidentemente legata allo sfruttamento della scuola a fini di mercato. E' proprio così? E' possibile pensare una cosa del genere? Se si, dove possiamo rintracciarne i sintomi?

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Lezioni private on line?
di Fuoriregistro


Un mercato talmente prospero, quello delle lezioni private, che persino il ministero sta studiando una formula per le ripetizioni on-line, tra polemiche e strali di chi teme che gli venga tolta la polpetta dal piatto. Un´ammissione, certo, dell´inefficacia dei corsi di recupero organizzati un po´ in tutte le scuole.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Notizie dalla scuola inglese
di Elena Miglietta


La storia della scuola negli ultimi anni in GB è stata spesso deprimente. E pure di cattivo esempio. Sembra che abbia dato l’ispirazione nociva/malefica, sia, secondo quello che mi avete spiegato, alla legge Moratti, sia sulla cosiddetta riforma No Child Left behind, il programma seguito dall’amministrazione Bush negli Stati Uniti. Nonostante tutto questo, credo che possiamo anche portare una speranza, per combattere questi assalti all’istruzione pubblica e vedere la possibilità di un’altra scuola, una scuola diversa.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Un New Deal per la scuola di base
di Gianni Gandola e Federico Niccoli


Proviamo, senza pretesa alcuna di esaustività, ad entrare nel merito della discussione avviata indicando quelli che, a nostro modesto avviso, dovrebbero costituire altrettanti punti qualificanti, una possibile piattaforma per un rinnovamento della scuola di base. Una sorta di “nuovo corso”, di New Deal dell’era (auspicabile) del dopo-Moratti.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Abrogazione sì, abrogazione no.
di Alba Sasso


Sono convinta della necessità di indicare già oggi una prospettiva di profonda discontinuità con le politiche del centrodestra, sia per cercare di introdurre i possibili rimedi ai tanti guasti prodotti dagli interventi di questo governo, sia per promuovere quella che è innanzi tutto una battaglia culturale per una idea diversa di istruzione.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


La scuola che...
di Letizia Indolfi


Vorrei che i professori ci considerassero come figli e ci insegnassero non solo le loro materie, ma anche a vivere e a relazionarci con gli altri. Inoltre mi piacerebbe che i docenti si avvicinassero a noi anche fuori dell’ora di lezione, che ci chiedessero se siamo felici e che si interessassero ai nostri problemi, alle nostre storie di tutti i giorni, magari dandoci dei consigli… Perché non vogliono essere il nostro punto di riferimento?

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Severi o buoni? Educatori
di Gianni Mereghetti


E' stata riproposta con forza l’urgenza che si diano delle regole certe alla convivenza scolastica e che si punisca con mano ferma chi tali regole infrange. Sembrano tutti d’accordo, l’unica differenza sta nell’entità delle punizioni, il ministro Moratti ha fatto sapere di non voler più sospensioni, ma lavori socialmente utili! la questione delle regole della convivenza scolastica e del come comportarsi là dove sono infrante è una questione educativa, è squallido e fuorviante che la si riduca al problema se essere severi o buoni!

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Operazione trasparenza?
di Anna Pizzuti


Il grand débat è aperto. "Invito tutti" – così il ministro nel comunicato del 17 gennaio - "a considerare la forte valenza culturale del nostro progetto di ammodernamento della scuola italiana e ad inviare proposte e suggerimenti per migliorare la bozza di decreto" . Ed è stato creato anche lo strumento: potentissimo, perché si discuta e si partecipi: il ministro, infatti, ha messo a nostra disposizione – “operazione trasparenza” , l’ha chiamata - un indirizzo di posta elettronica, che però viene definito Forum, ignorando che un forum è ben altra cosa.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


Il Ministro si nasconde
di Piera Capitelli - Alba Sasso - Antonio Rusconi


Con una lettera evasiva Letizia Moratti ha rifiutato la richiesta delle opposizioni di essere presente in Commissione Cultura per riferire dell’impostazione dei due decreti sul secondo ciclo di istruzione, alla luce del nuovo decreto sulla secondaria superiore non ancora giunto in Parlamento.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


La musica nei licei? No grazie
di Mario Piatti


Nel documento del Ministro sulla riforma della secondaria è sparita la musica, o meglio è stata relegata nel ghetto del Liceo musicale e coreutico.
Si stanno moltiplicando in questi giorni prese di poisizione di musicisti, insegnanti, associazioni culturali contro questa colpevole dimenticanza.
Anch'io ho diffuso un appello. Il testo è modificabile a piacere, sottolineando di più o di meno quello che si vuole sottolineare. Non chiedo sottoscrizioni al mio appello. Ciascuno se ne appropri. L'importante è che ci sia una mobilitazione "popolare" (del popolo). Se sarà così, forse ce la faremo!

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Schede
di Forum Scuola Imola


Con queste schede si è aperta la strada del “fai da te”, ci si è avviati verso una sorta di anarchia per cui si avranno differenze di valutazione tra scuola e scuole o tra zona e zone e i giudizi espressi saranno ancor più difficilmente comparabili rispetto a prima. Per ovviare a questo, gli Istituti della città e del Circondario hanno cercato di elaborare una scheda unica per tutto il territorio locale, sul modello proposto dal ministero derivante da Indicazioni Nazionali transitorie, tanto transitorie che valgono solo per quest’anno.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario

 


La narrazione come strumento cognitivo
di Laura Tussi


Esempi di esercitazioni che facilitino nell’allievo le facoltà astrattive, le capacità creative dell’astrazione, ossia del saper inventare, creare, fantasticare, inventare ed ideare su del materiale edito, prestabilito, ossia su racconti di narrativa scelti ad libitum, rappresentando comunque un’autorità editoriale e da cui, così praticando, con tracce metodologiche alternative ed innovative, si prendono le distanze, liberandosi ed emancipandosi da tutto ciò che appare istituzionale, autoritario, schematico, rigido, approcciandosi invece al materiale in maniera analitica e costruttiva.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


Didattica e antologie
di Laura Tussi


Solitamente la materia scolastica che prevede l’analisi di brani antologici, raccolti negli appositi volumi didattici per l’insegnamento scolastico, viene svolta e spiegata non sempre come un argomento di importanza fondamentale, ma lasciando ad essa quasi una funzione ludica e distensiva e attribuendole connotati ricreativi per gli allievi. Non che tutto questo sia negativo o rappresenti un orizzonte pedagogico da sottovalutare, ma occorre sollecitare sempre i ragazzi con espedienti didattici efficaci e coinvolgenti così da rendere anche la semplice lezione uno strumento atto a favorire lo sviluppo metodologico competente, all’interno di una didattica cosciente e consapevole delle potenzialità dell’allievo.

[ leggi articolo ][ commenta ] [ sommario

 


 

 


Brevi di cronaca

Marino Bocchi

F A R F A L L A

Pugni chiusi

Università: il Governo riblocca le assunzioni e uccide l'autonomia
Ds online - 29-01-2005

Dopo anni di blocco palese delle assunzioni nelle università e negli enti di ricerca abbiamo assistito al balletto del ministro che assicurava di averle sbloccate quest’anno per l’università e di non sapere nulla del reiterato blocco negli enti di ricerca. Con una nota ministeriale di oggi il ministro sospende tutte le procedure concorsuali, inclusi i concorsi già in Gazzetta Ufficiale, successivi al 31.12.2004. È un atto che aggrava le già pesantissime difficoltà delle università. Con il personale docente più anziano d’Europa che va progressivamente in pensione e il reiterato blocco delle assunzioni non si capisce chi possa o debba fare ricerca e didattica, proprio mentre assistiamo ad un continuo incremento della popolazione studentesca.

[ leggi ][ commenta

Intervista a Giuseppe Bertagna
Treccani scuola - 29-01-2005

Le "norme generali" parlano di docenti e di scuola chiamati ad identificare obiettivi formativi adatti e significativi per i singoli allievi, unità di apprendimento con standard personalizzati, piani di studio personalizzati. Danno per scontato, come ho più volte ricordato, che i docenti sappiano fare tutto questo. Se no, che docenti sarebbero? Sarebbe, del resto, poco comprensibile che dicessero ai docenti come fare per realizzare queste disposizioni. Sarebbe un ossimoro logico e un'offesa deontologica: ma come, la mia professione non è trasmettere astrattamente ciò che prescrivono le Indicazioni, ma usarle con libertà e responsabilità per far crescere il Pierino che ho, e le Indicazioni, che, fra l'altro, non conoscono il mio Pierino, pretendono anche di dirmi quali obiettivi formativi, unità di apprendimento e piani di studio personalizzati debba formulare per lui, e magari come, quando, perché? Non è, tutto questo, il risultato della personalità professionale dei singoli docenti e della scuola che essi, ciascuno e insieme, rendono possibile? Non è la saggezza pedagogica che nessun testo di regole e di applicazione di regole, diceva Kant, potrà mai dare?

[ leggi ][ commenta

UN APPELLO
Comitato Indipendente per la Verità sulla Morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin - 29-01-2005

Siamo cittadini, giornalisti, operatori dell'informazione, conosciamo e stimiamo Roberto di Nunzio, reporter indipendente, e fondatore del sito web Reporter Associati, che per quasi un anno è stato Consulente della Comissione Parlamentare d'Inchiesta sulla Morte di Ilaria Alpi, portando nel suo impegno istituzionale la passione e la professionalità che lo hanno fatto apprezare nel mondo dell'informazione indipendente. Consideriamo assolutamente pretestuoso e immotivato il suo allontanamento dalla Commissione deciso dal Presidente onorevole Carlo Taormina, che è arrivato a segnalare Roberto di Nunzio alla magistratura come un depistatore dei lavori della Commissione, una decisione che valutiamo come un preciso segnale politico di intimidazione contro un giornalista indipendente. Un segnale politico che ha raggiunto lo scopo di allontanare dai lavori della Commisione una delle memorie storiche del Caso Alpi, ci ha convinto a dar vita a un Comitato Indipendente per la Verità sulla Morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin".

[ leggi ][ commenta

Marchiati a Genova
L'Unità - 28-01-2005

Enrica Bartesaghi, che per trenta ore non seppe più niente della figlia Sara, allora ventunenne, prima fermata alla Diaz, poi arrestata all'ospedale Galliera, transitata per Bolzaneto e infine rinchiusa nel carcere di Vercelli, ha intenzione di costituirsi parte civile insieme al marito per i danni morali subiti come genitore. «Nei giorni della Memoria» ha ricordato «i manifestanti arrivati a Bolzaneto dopo esser stati arrestati per la strada, alla stazione di Brignole e rastrellati negli ospedali, nella caserma venivano marchiati con una x in faccia, di diverso colore a seconda della provenienza, un atto studiato apposta per umiliare e terrorizzare».

[ leggi ][ commenta

Forum Sociale Mondiale
Carta - 27-01-2005

L'altro mondo possibile è bello [anche] perché è vario. Portebbe essere questa la massima con la quale si apre il quinto Forum sociale mondiale che torna a Porto Alegre, dal 26 al 31 gennaio, ma molto diverso dal passato nella forma e nei contenuti. Centomila le presenze previste, provenienti dai cinque continenti e da oltre sessanta paesi.
Il Forum 2005 a differenza delle precedenti edizioni si spalma sull'intera città e si allargano anche gli assi tematici che diventano undici. E se qualcuno pensa che tra le primarie vinte in Puglia da Nichi Vendola e il Forum sociale mondiale che si sta aprendo a Porto Alegre non vi sia alcun nesso, quel qualcuno sbaglia di grosso. Noi ci andiamo, come sempre, per assorbire idee e umori e colori, per conoscere gente che come noi, in Cile o in Indonesia, si industria a smontare la "modernità", nella sua faccia benevola, e soprattutto nella sua faccia feroce...

[ leggi ][ commenta

An incontra i sindacati per soluzione precariato
Italia Oggi - 26-01-2005

Aprire un tavolo politico con i sindacati per risolvere il precariato. È il progetto a cui sta lavorando Alleanza nazionale per dare seguito all'ipotesi di assumere in ruolo nel 2006 circa 90 mila insegnanti supplenti. I primi incontri sono previsti per questa settimana. La proposta, lanciata da Giuseppe Valditara, responsabile scuola di An, di congelare la ricostruzione di carriera dei precari in cambio di un posto fisso ha infatti raccolto consensi tra gli interessati.

[ leggi ][ commenta

Telestreet
Reporter Associati - 25-01-2005

"Terrorismo ed eversione". E' questo il capitolo della Relazione al Parlamento del Ministero dell'Interno nel quale sono finite le 'Telestreet' (Tv di strada o Tv di quartiere). Secondo la Relazione queste "emittenti non autorizzate sono spesso vicine all'area dei centri sociali e irradiano programmi alternativi con l'obiettivo di creare un Global network che dia ai movimenti antagonisti canali comunicativi indipendenti". Diffuse in Italia dal giugno del 2002, quando a Bologna è nata Orfeo, prima tivù di strada, le Telestreet sono piccoli ma efficaci canali di comunicazion che sfruttano le frequenze non acquisite dalle Tv per trasmettere in zone limitate di una città.

[ leggi ][ commenta

La trattativa dimenticata: dov’è finito il tutor?
Tuttoscuola - 25-01-2005

La trattativa sindacale per l’attuazione dell’articolo 43, relativamente alle questioni del docente tutor e delle modalità organizzative per il sostegno degli anticipi nell’infanzia, sembra sparita completamente dal calendario dei lavori dell’Aran.
Gli ultimi incontri al tavolo contrattuale si sono avuti a fine ottobre quando sembrava ancora possibile (soprattutto negli auspici ministeriali) concludere la trattativa prima dello sciopero generale del 15 novembre.
Si è sfiorato l’accordo ma sono prevalse le posizioni intransigenti contrarie, soprattutto da parte della Cgil-scuola, e la trattativa è stata di fatto abbandonata.
Molte scuole, che avevano soprasseduto alla nomina del tutor e alla piena attivazione delle funzioni tutoriale in attesa dei chiarimenti contrattuali, sono rimaste in mezzo al guado.

[ leggi ][ commenta

Mia cara pagella
Repubblica Bari - 24-01-2005

Oggi la pagella è periclitante, rischia di sparire, anzi in molte scuole è già archiviata tra le rimembranze del tempo andato al macero delle riforme ultramoderne che assillano la scuola. Sarà sostituita la pagella da altro, da altro ancora misterioso e inconsulto, stante l´oscurità che si allarga sulle disposizioni ministeriali. L´afflizione delle autorità scolastiche si aggrava per via di quella disposizione che sobbarca i docenti e le autorità scolastiche alla scelta autonoma di un modo di sostituire la semplice e tassativa pagella.
In molti si stanno studiando di essere originali: mi aspetto tatuaggi con i voti, promozioni a sorteggio, valutazioni oratorie, stesura di giudizi psico-attitudinali complessi e articolati. Roba da far accapponare la pelle ai padri o a coloro che ne fanno le veci

[ leggi ][ commenta


Tam Tam

Curve pericolose
Repubblica Bari - 29-01-2005

 curiosità 

La leggenda vuole che i tifosi del Napoli risposero Giulietta è ´na zoccola, sollevando seri dubbi sulla moralità della signorina Capuleti, al delirante Vesuvio facci sognare degli ultrà del Verona. I napoletani sono autentici cultori della materia: resta indimenticabile la scritta Che vi siete persi! che comparve fra le tombe del cimitero cittadino dopo la conquista del primo scudetto. Fin qui il divertimento. Qualcuno, però, preferisce puntare sull´idiozia: d´altronde l´ironia non è forse figlia dell´intelligenza?

[ leggi ][ commenta

URGENTE
ScuolaFutura - MCE - 29-01-2005

 comunicato 


A causa di indisposizione della relatrice
Clotilde Pontecorvo,
il previsto incontro di giovedì 10 febbraio alle ore 17
sul tema:

Piani di studio personalizzati:
tutti diversi per andare dove?


è stato spostato a
giovedì 3 marzo 2005 alla stessa ora.

 

[ leggi ][ commenta

2°Darwin Day a Milano
flccgil.lombardia.it - 29-01-2005

 pianeta 

Dopo il successo della prima edizione del 2004, torna il Darwin day a Milano. Questa volta alcuni dei protagonisti del dibattito evoluzionistico italiano ed internazionale si confronteranno tra loro e con il pubblico attorno al tema dell'evoluzione umana.
Paleoantropologi, biologhi evoluzionisti, genetisti, filosofi delle scienze animeranno le due giornate del convegno.

[ leggi ][ commenta

Passa l'insalata, cara...
Aldo Ettore Quagliozzi - 28-01-2005

 espressioni 

E’ forse perché le teorie socio-politiche, al pari delle masse d’aria, trasmigrano molto più velocemente da una sponda all’altra dell’Atlantico, per cui la novella parola dei “ neocon “, con il loro implacabile impegno nel distruggere qualsiasi traccia di stato sociale, ha trovato adepti entusiasti anche da questa parte dell’Atlantico, è forse per questi motivi che per rispondere ai bisogni di chi poco o nulla dispone si è dovuta attrezzare una catena della bontà che fa’ leva non sul diritto di cittadinanza ad avere garantito da tutta la collettività la salute, ovvero l’istruzione, ovvero il lavoro o quant’altro, ma sulla caritatevole adesione degli altri un tantino più fortunati che, seppur apprezzabili e lodevoli nelle loro gare di solidarietà, sgravano così, con i loro gesti di solidarietà, gli stati ed i governi e le maggioranze del momento dal farsi carico di problematiche sempre più complesse ed alle quali sarà sempre più difficile dare singolarmente, attraverso quella catena della bontà, adeguate risposte in termini economici, di solidarietà, eguaglianza e fraternità.

[ leggi ][ commenta

Perché cresce l'odio
Repubblica - 27-01-2005

 libri 

Esce a giorni la nuova edizione del libro "Il razzismo spiegato a mia figlia" Il mondo sembra non avere pace, e accettare l´altro è diventato un più grave problema. Sette anni dopo il dialogo con Merièm un nuovo capitolo sulle paure sociali. Assimilare non è un´azione positiva, è un modo di cancellare tutte le differenze. Le intolleranze sono varie e comprendono la paura dell´ebreo e dell´arabo.
Esce in questi giorni da Bompiani un´edizione aggiornata del libro Il razzismo spiegato a mia figlia. Anticipiamo qui parte del capitolo aggiunto.

[ leggi ][ commenta

Gli attori principali del disagio invisibile
Laura Tussi - 26-01-2005

 grande cocomero 

Il disagio adolescenziale rappresenta ed interpreta un passaggio di transizione esistenziale verso un processo di autonomia ed un percorso di progressiva emancipazione dalle figure cardine della prima infanzia, non privo di arresti, di stasi, di drammatici regressi e rifiuti di crescita tramite trasgressioni, sconfessioni di norme e criteri precostituiti e confutazioni di punti di vista più o meno imposti ed impositivi. La percezione di inadeguatezza adolescenziale comporta la volontà di superamento dei modelli della fanciullezza, dei suoi affetti, delle sue norme, dei suoi tabù e divieti, ma anche degli agi, cercando, in opposizione, i continua apicali del rischio, della sfida contro qualsiasi tipo di ostacolo. Comunque rimane aperta la questione dell’indagine del disagio sia attraverso le dinamiche dell’attore, sia nelle modalità del sistema, sia nei fattori e negli indicatori dell’ambiente.

[ leggi ][ commenta

Per ricordare
Ilaria Ricciotti - 25-01-2005

 ilforasacco 

Mai si dovrebbero cancellare gli orrori di ieri e di oggi causati dall’uomo contro altri uomini per lo più indifesi e poveri; che hanno dovuto o debbono subire le angherie dei prepotenti e di coloro che hanno un DNA predisposto per comandare, per imporre il silenzio, per esercitare violenze e violazioni senza dover rendere conto a nessuno, neanche alla loro coscienza. Il forasacco vi propone di ricordare insieme.

[ leggi ][ commenta

Lombardia a rischio?
A.O. - 25-01-2005

 mobbing 

E' possibile che solo la regione Lazio abbia avuto il coraggio di rendere esecutiva la legge sul mobbing? Non servirebbe forse anche di più in Lombardia dove i lavoratori sono così tanto incattiviti da spingersi a comportamenti deprecabili che danneggiano loro stessi oltre che l'azienda (che il più delle volte cerca di sfruttare a proprio vantaggio i tafferugli dei suoi dipendenti)?
Cosa ne pensate?

[ leggi ][ commenta

Scambiarsi idee via posta elettronica
Giorgio Ragazzini - 24-01-2005

 software libero 

Si tratta di un'iniziativa promossa dalla scuola media di Firenze "Masaccio-Calvino-Don Milani" rivolta ai docenti della scuola secondaria di 1° grado: due "liste di discussione" o mailing-list: la prima, denominata "ESPERIENZE / Didattica generale" è stata pensata per consentire lo scambio di idee tra tutti gli insegnanti di questo livello di scuola; la seconda, "ESPERIENZE / Lettere" per i colleghi di questo gruppo di discipline.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 

Coordinamento Superiori
Il Coordinamento Tecnici, Prof.essionali, Licei di Milano si è costituito tra il febbraio e il marzo 2004, ha avuto fino ad oggi (maggio 2004) sei incontri tenutisi in istituti di volta in volta diversi, ha stabilito contatti con 31 istituti superiori di Milano e provincia, vede la presenza e il contributo di lavoratori/trici della scuola e di genitori, ha l’intento di promuovere mobilitazione e informazione contro la riforma Moratti anche nelle scuole superiori e stabilire contatti e concordare iniziative con le altre realtà del Movimento.

Voci del verbo insegnare
Un gruppo di docenti che hanno incominciato ad incontrarsi dal giugno 2002 animati dall’urgenza - in quel momento, con quelle condizioni - di riflettere sul proprio mestiere; e di non farlo più solo individualmente. Questa sezione del sito IGER (Istituti Gramsci Emilia Romagna) vuole porsi come crocevia di esperienze, vissute o segnalate (i materiali), e come luogo aperto alla discussione.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione-fuoriregistro@didaweb.net e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Rolando Borzetti, Pierangelo Indolfi, Ilaria Ricciotti. Cura il sito Maurizio Guercio.


  Newsletter precedente Newsletter successiva