Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 22/05/2005 - a.s. 04/05
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 22/05/2005
raccontiscaffali

Sommario

MOVIMENTI

Care/i compagne/i ...

di Piero Bernocchi - Pino Giampietro
Un invito
di Flc Cgil Modena
In limine mortis
di Giuseppe Aragno
Per un sindacalismo di base
di Coordinamento Nazionale delle Rsu
Il valore dell'unità ... il dovere della chiarezza
di Grazia Perrone

DAL PALAZZO

Interrogazione al Ministro Moratti sulle graduatorie

di Alba Sasso
Caduta libera
di Gianni Mereghetti
Bulli e pupe
di Maurizio Tiriticco

PAESE SCUOLA

E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio.

di Arturo Ghinelli
Autonomia e democrazia scolastica
di Corrado Mauceri
Perchè tanti compiti?
di Stefania
La riforma del ciclo secondario: una controriforma da abrogare
di Corrado Mauceri
A che cosa servono i pedagogisti?
di Roberto Renzetti

ESPRESSIONI

Croci e delizie della traduzione

di Cinzia Crosali
Un pullman per Roma
di Anna Pizzuti


Domenica 29 Maggio 2005
Ore 10.30
IVª EDIZIONE DELLA MARCIA DI BARBIANA
Per la scuola uguale e libera



Care/i compagne/i ...
di Piero Bernocchi - Pino Giampietro

L'assemblea che abbiamo organizzato come Confederazione Cobas a Roma il 6 maggio. riteniamo abbia costituito un significativo momento di chiarimento, confronto e approfondimento su questioni oggi di grande rilievo per tutto il mondo del lavoro.

Ciò che è emerso dalla gran parte degli interventi è la consapevolezza che la scelta del governo Berlusconi di andare verso la generalizzazione dei fondi pensione - legata al processo di finanziarizzazione dell'economia e di concentrazione del capitale e alla logica dell'attacco al welfare e al sistema previdenziale publico, connesso alla ricerca di nuove fonti di profitto - è stata condivisa dalla Confindustria e dalla quasi totalità di CGIL-CISL-UIL ed accettata da buona parte del centrosinistra.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Un invito
di Flc Cgil Modena

Il seminario che si terrà sull'argomento il 31 maggio si avvale del contributo giuridico dei massimi teorici dell'autonomia scolastica, serve per cogliere il contesto giuridico e per agire con maggiore serenità e precisi strumenti giuridici dentro le scuole dell'autonomia.
I rappresentanti delle RSU possono trovare nella definizione del ruolo dirigente in relazione all'autonomia scolastica spunto per meglio intrecciare le loro relazioni sindacali con la dirigenza scolastica.



In limine mortis
di Giuseppe Aragno

Autonomi e titolati - il titolo quinto è un pezzo pregiato nei quarti di nobiltà d'una insalata russa ch'è per quattro quinti a destra e per un quinto fa l'occhiolino al centro - posizionati a distanze di sicurezza dalle formule spericolate del "presidenzialismo operaio", ma audaci quanto basta per far balenare lampi d'operaismo, i neocon aprono la fabbrica dei programmi e pensano alla fabbrica dei voti.
Misurati, incapaci di passi decisi, non fecero la rivoluzione e non si rendono conto che serve una restaurazione. Avevamo una scuola dello stato fatta per uguali, ce l'hanno scippata per conquistare ceti moderati e simpatie clericali. Occorre dirglielo che restituire quella scuola al paese è un vero imperativo morale?



Per un sindacalismo di base
di Coordinamento Nazionale delle Rsu

Il nuovo orario di lavoro .. ed altre cose ancora
Mentre i salari continuano a diminuire e la precarietà lavorativa aumenta, i sindacati aprono alla direttiva europea che aumenta l'orario di lavoro e lo sfruttamento.


Il valore dell'unità ... il dovere della chiarezza
di Grazia Perrone

(...)""Io mi sono assunto quasi da solo la responsabilità di dire no ad un contratto che stava per chiudersi e che non mi sembrava giusto chiudere (...)" . Così si è espresso il Presidente del Consiglio ... e persino un bambino capirebbe l'antifona. E questo perché il "nostro" non è solo un grande venditore ma, anche, un imprenditore. In quanto tale sa, per esperienza, che la carta vincente per sparigliare il campo avverso è quello di dividere i lavoratori. Cosa che, subdolamente, fa insinuando il dubbio - subito ripreso e amplificato dai mass-media - che l'aumento stipendiale ai dipendenti pubblici avrrebbe ripercussioni negative sull'economia e che - in ultima analisi - si tradurrebbe in nuove tasse.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Interrogazione al Ministro Moratti sulle graduatorie
di Alba Sasso

Di seguito, inoltriamo il testo dell'interrogazione a risposta orale, presentata oggi 17 maggio dalle onorevoli Alba Sasso, Giovanna Grignaffini, Piera Capitelli e Titti De Simone, e rivolta al Ministro dell'Istruzione, in merito al problema della disparità di trattamento per i corsisti che presentino domanda di ammissione alle graduatorie per gli anni scolastici 2005/06 e 2006/07

l'Ufficio Stampa dell'on. Alba Sasso

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Caduta libera
di Gianni Mereghetti

Gentilissimo ministro,

la risposta che ha dato a Mario Pirani su Repubblica mi ha lasciato a dir poco esterrefatto. Le confesso che da lei mi sarei aspettato altro, ma tant'è. All'editorialista di Repubblica che con un lungo articolo ha invocato più regole per far fronte alla crisi dei giovani, lei risponde, sostenendo che la sua riforma sta già arginando tale crisi, e lo sta facendo in quanto imperniata sull'educazione ai valori della convivenza civile.



Bulli e pupe
di Maurizio Tiriticco

E' certo - ed il ministro ha ragione - che il bullismo affonda le sue radici nel disagio giovanile e che la soluzione è a medio e a lungo termine, ma... Dov'è la soluzione? O meglio, l'avvio della soluzione? E qui mi vengono in mente le pupe, cioè tutti gli ingenui che credono alle favole, soprattutto a quelle che raccontano loro! Nel Paese di Bengodi, dove il popolo bolso a Pasqua preferisce andare al mare per far crollare il Pil, dove le massaie non sono più quelle di una volta che sapevano fare la spesa e contenere i prezzi, in questo Paese di Bengodi godiamo anche noi di avere una pupa che... ancora non è certo se ci fa... o ci crede...



E' meglio essere diversi per sopravvivere meglio.
di Arturo Ghinelli

Ho fatto ai miei alunni di terza elementare due domande : "E' meglio essere diversi o essere uguali?" e "Se i miei genitori fossero neri...io cosa farei?".
Niente di originale, si tratta delle stesse questioni poste alle classi che parteciparono all'indagine di Paola Tabet e i cui risultati si possono leggere nel libro "La pelle giusta" edito da Einaudi.
Semplicemente essendo trascorsa una decina d'anni da quella indagine, volevo vedere che risposte davano oggi dei bambini, che tra l'altro ho imparato a conoscere in questi tre anni trascorsi insieme.




Autonomia e democrazia scolastica
di Corrado Mauceri

La Costituzione prevede una scuola per tutti gli ordini e gradi, statale, pluralista (libertà di insegnamento), laica ed aperta a tutti.
Oggi noi abbiamo invece una scuola la cui natura e funzione statale è messa in discussione sia da una forma sempre più diffusa di autonomia concorrenziale che mette in discussione la funzione unificante della scuola, sia da confuse attribuzioni di competenze alle regioni, sia infine dall'espulsione dal sistema scolastico statale dell'istruzione professionale.
Nel contempo la libertà di insegnamento è fortemente condizionata dal rafforzamento del potere che il Ministro mantiene e dal tentativo di introdurre nelle scuole forme di gerarchizzazione dei ruoli professionali con a capo il dirigente scolastico.



Perchè tanti compiti?
di Stefania

Io sono la mamma di una bimba che fa tempo pieno in quarta elementare e credo che dare i compiti a casa violi il diritto dei bambini al gioco.
Anche giocando si impara, dopo otto ore di scuola, credo che sia giusto lasciare i bambini liberi da impegni scolastici e nel fine settimana sarebbe meglio rispettare il diritto della famiglia ad unirsi senza dover essere subissati di compiti basterebbe un'esercizio per materia a tenere un bambino bene allenato.



La riforma del ciclo secondario: una controriforma da abrogare
di Corrado Mauceri

Le "Leggi Moratti" sull'istruzione (la L. n. 53/03 ed i relativi decreti delegati) hanno un solo pregio: sono coerenti ed inequivoche; le leggi Moratti difatti propongono un sistema scolastico volto a riprodurre i ruoli sociali e quindi non una scuola il più possibile uguale per tutti, non una scuola volta ad eliminare, per quanto possibile, le condizioni di disuguaglianza, ma una scuola che rifletta, a tutti i livelli, le differenze sociali e che sia funzionale al loro mantenimento.



A che cosa servono i pedagogisti?
di Roberto Renzetti

Leggere il Pirani di oggi (16 maggio) fa ripensare ai disastri che il centrosinistra ha iniziato a fare con le sue riforme Bassanini-Berlinguer. I pedagogisti hanno in quel momento preso il potere ed hanno portato la scuola a livelli anglosassoni, cioè allo sfascio.
Prendo atto che pedagogisti e burocrati ministeriali, pur discutendo di ben altro, sono tornati, dopo le recenti fughe. Sono tornati con altri manifesti affissi in tutti i siti, con promesse preelettorali. Ma non parlano dei programmi DS per l'eventuale nuovo governo di centrosinistra. Devo però ricordare che vi è una proposta di non voto per i DS se non si impegneranno pubblicamente per l'abrogazione, almeno, di TUTTA la legislazione Moratti (la cosa è anche ribadita nella home di Fuoriregistro). E su questo vi è il silenzio rotto solo da Cicciotello che dice che la Moratti va mantenuta con modifiche.
Ora invio ai pedagogisti circolanti da queste parti questo lavoro che scrissi un anno fa per Insegnare, rivista del Cidi, che fu accettato ma mai pubblicato (insieme ad altri articoli) dopo la pubblicazione sulla stessa rivista (giugno 2004) di quello scandaloso "Le mani sulla Scuola" in cui si denunciava la sintonia del centrosinistra, oltre che con la Confindustria, con i piani di privatizzazione europea della scuola. Sarei estremamente interessato a conoscere cosa dicono i signori pedagogisti che ancora seguono da padroni dappertutto.



Croci e delizie della traduzione
di Cinzia Crosali

L'analogia che avvicina l'atto del "tradurre" con quello del "tradire" è largamente conosciuta. Qualcosa di passionale e intimo è, infatti, all'opera. Un'amica traduttrice che lavora con un gruppo di colleghi professionisti, mi raccontava recentemente quanto siano accese le discussioni tra i traduttori del suo gruppo di lavoro. Quando non si trova l'accordo su una scelta linguistica facilmente si arriva a litigare anche in modo aspro. Nessuno vuole cedere o fare concessioni all'altro; a volte le dispute sulla scelta delle parole, sulla sintassi e sullo stile diventano così violente da rendere impossibile la continuazione del lavoro. Pare proprio che qualcosa di molto intimo e prezioso sia messo in gioco. Di che cosa si tratta? A che cosa non si vuole rinunciare? Quale punto insopportabile viene toccato?


Un pullman per Roma
di Anna Pizzuti

Domenica mattina, pullman delle 6.50, da Sora, per Roma. All'inizio quasi vuoto e silenzioso, ma poi - via via che la strada si snoda nel verde della primavera e tra le case a metà, abusive o abbandonate che lo deturpano - sempre più affollato e denso di voci, di lingue.


 

Brevi di cronaca

C O N T R O L A G U E R R A

dall'assemblea nazionale
di domenica 15 maggio,
pienamente riuscita sul piano della partecipazione, della rappresentatività e della discussione, ad alcune proposte di iniziativa per i prossimi mesi, consapevoli che la guerra non può essere espulsa dall'agenda dei movimenti né da quella della politica

Manifesti abusivi, agli studenti multa da 50 mila euro
Corsera - 21-05-2005
Telefonata tra due giovani amici. «Stamattina a mio papà sono arrivate tre multe per affissione abusiva. Sai i volantini che abbiamo appeso per pubblicizzare il corteo del 18 marzo e le nostre feste serali? Quelli. In tutto fanno cinquantamila euro. Cento milioni, se preferisci. Mio padre non l'ha presa tanto bene». Bel guaio per i ragazzi del Cantiere, il centro sociale che riunisce l'area disobbediente del movimento studentesco milanese. Dopo i genitori e gli insegnanti di Retescuole (22 mila euro di sanzione, poi annullata dal Comune), anche i giovani dei collettivi sono stati multati per i manifesti appesi abusivamente.

[ leggi ][ commenta
Milano, mobbing in aumento a scuola
Orizzonte Scuola - 21-05-2005
L'Associazione docenti cattolici suggerisce di reagire con fermezza ai mobbers con cause presso il Tribunale civile per danni morali, materiali e biologici, o al Tribunale penale per diffamazione o calunnia. Suggerisce di denunciare tutti gli episodi ai sindacati amici, sicuri e fedeli della scuola e di rivolgersi alle associazioni anti mobbing.

[ leggi ][ commenta
Gli studenti si informano
il Tempo.it - 20-05-2005
Negli ultimi tempi,spesso si è fatto un gran parlare sulla riforma scolastica proposta dal ministro Moratti, ma noi studenti non abbiamo ancora le idee chiare a tal proposito. Per questo abbiamo voluto parlare con chi ne sa di sicuro più di noi e potrà chiarirci i molti dubbi. Ci auguriamo che con questo articolo vi siate chiarite le idee, perché è giusto che anche noi studenti sappiamo che cosa ci sta succedendo intorno e cosa stanno prospettando per il nostro futuro.
[ leggi ][ commenta
Campagna mondiale per l'educazione: pagella negativa per Silvio Berlusconi
FLC Cgil - 19-05-2005
I promotori della Campagna mondiale per un'educazione per tutti hanno pubblicato il rapporto "Missing the Mark" sull'attività svolta dai paesi più ricchi per quanto riguarda gli aiuti ai paesi in via di sviluppo nel campo dell'istruzione.Giudizio negativo per l'Italia e per Silvio Berlusconi che con una brutta pagella e una E come giudizio finale - la valutazione va da A ad F - si colloca al 18° posto in compagnia della Spagna e in una posizione un po' migliore dei paesi col profitto più basso di tutti : Nuova Zelanda, Stati Uniti ed Austria.

[ leggi ][ commenta
Il blocco degli scrutini contro la Moratti e i tagli
Repubblica Torino - 19-05-2005
Blocco degli scrutini nelle scuole superiori. Il momento più importante dell'anno scolastico sarà sospeso, rimandato, di almeno due giorni. Valutazioni e pagelle finali aspetteranno. In bilico, promozioni o bocciature. L'hanno annunciato ieri i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil in un documento unitario in cui dichiarano lo stato di mobilitazione della categoria e avviano in Prefettura la procedura di conciliazione obbligatoria.
[ leggi ][ commenta
Dal pasticcio pilota al pasticcio generale
Proteofaresapere - 18-05-2005
L'idea è che il Sistema Nazionale per la Valutazione debba basarsi su test direttamente somministrati a tutti gli studenti del paese. A questi test si dovranno in sostanza uniformare tutte le scuole e la Aprea vagheggia anche un manuale di preparazione che aiuti gli insegnanti e gli studenti ad adeguarsi agli standard previsti dal governo. In questo modo le scuole potranno agire la loro autonomia, adeguandosi ai dettami del Ministero dell'Istruzione.

[ leggi ][ commenta
La fabbrica del programma. Fidarsi di Prodi???
il Manifesto - 18-05-2005
È necessario «voltare pagina sul sistema dei finanziamenti. Vedremo quali risorse saranno disponibili». Nel giorno in cui si manifesta a Roma per l'abrogazione della legge Moratti, suona pericolosamente sibillina l'affermazione di Romano Prodi sulla scuola. Già il fatto che il professore avesse tenuta aperta la fabbrica bolognese del programma mentre gli studenti sfilavano nella capitale, del resto, era suonato come uno sgarbo. Il «voltare pagina» prodiano prende perciò il sapore dell'apertura al finanziamento privato della scuola pubblica.

[ leggi ][ commenta
Lo Snals minaccia il blocco degli scrutini per il contratto
Tuttoscuola Focus - 17-05-2005
Nelle prossime ore, a quanto sembra, il Governo dovrebbe sciogliere gli ultimi dubbi sul contratto dei 3,5 milioni di dipendenti statali, tra cui un milione e 100 mila della scuola. Ciononostante lo Snals ha già fatto sapere, attraverso il segretario generale Galati, che "Il tempo dell'attesa è finito e, in mancanza di risposte immediate e certe, lo Snals e la propria Confederazione
faranno seguire concrete azioni di lotta ivi compresi il blocco degli adempimenti di fine anno scolastico e degli scrutini''.
[ leggi ][ commenta
La scuola deve risalire nella gerarchia dei valori
Romano Prodi.it - 16-05-2005
Il leader dell'Unione Romano Prodi, tira le conclusioni della giornata di sabato alla Fabbrica del Programma dedicata alla scuola e agli insegnanti. «La scuola italiana ha bisogno di risorse e il Paese - ha detto - deve rimetterla al centro di ogni attenzione. La scuola, però, deve anche essere una scuola seria, organizzata, forte, in cui le riforme diano un ruolo nuovo agli insegnanti, una responsabilizzazione di coloro che vi operano all'interno.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam

LA PROPOSTA DEL FORUM INSEGNANTI:

chiediamo ai partiti dell' Unione di esprimere una chiara, inequivocabile ed univoca posizione a favore dell' abrogazione della riforma Moratti e l' impegno a costruire un progetto per la scuola che sia graduale, democratico e condiviso.

Leggi i nuovi commenti


Alla radice culturale dei nostri mali
Aldo Ettore Quagliozzi - 16-05-2005
 riletture 
Nell'agone del dibattito politico è sempre ricorrente il nome del grande Machiavelli, tirato per la giacchetta, come suol dirsi, da tutte le confraternite politiche del bel paese. Ne ha scritto di recente anche Paolo Sylos Labini con la sua solita insuperabile maestria, e la sua riflessione ad alta voce riporta in primo piano nefandezze e legami tra comprimari del malaffare ai quali andrebbe sottratta almeno la memoria del grande pensatore.
[ leggi ][ commenta
Fumata nera
Repubblica.it - 21-05-2005
 sociale 
Il ministro dell'Economia Domenico Siniscalco lo ha definito un incontro "interessante e costruttivo", ma i sindacati lo bocciano senza appello, giudicandolo insoddisfacente e si preparano allo sciopero generale. Il vertice di ieri pomeriggio a Palazzo Chigi tra governo e sindacati si è concluso con una fumata nera, senza decisioni sui due principali punti all'ordine del giorno: taglio dell'Irap e rinnovo contrattuale del pubblico impiego.

[ leggi ][ commenta
Bisbigli mafiosi in prigione
Métrofrance - 21-05-2005
 storie 
A seguito di alcune investigazioni, è stato reso pubblico un video che mostra capi della mafia mentre trasmettono messaggi scritti e sussurrano all'orecchio di membri della loro famiglia durante le ore di visita in una prigione di Palermo, Sicilia. Alcuni uomini politici ed alcuni giornali hanno espresso la loro indignazione: vogliono sapere perchè i detenuti fossereo stati autorizzati a sporgersi oltre il vetro che li separa dai visitatori.
Ciò conferma, in ogni caso, che molti boss mafiosi continuano a a dirigare gli affari dei loro clan, comunicando con gli associati direttamente dalla prigione.

[ leggi ][ commenta
Progetti di servizio civile
Simona Iannelli - 20-05-2005
 comunicato 
La U.I.L.D.M. (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) cerca un totale di 150 giovani tra 18 e 27 anni da inserire in due differenti progetti di Servizio Civile Volontario. Il termine per la presentazione delle domande d'ammissione è fissato per il 1° giugno 2005.
[ leggi ][ commenta
Il primato della coscienza
Adista - 19-05-2005
 appelli 
Che dire della chiamata all'ubbidienza verso l'autorità e all'appartenenza ecclesiale in occasione del referendum sulla procreazione assistita? Che ne è del pluralismo, è dell'etica della responsabilità, della lettera e dello spirito del Concilio? Perché forzare le coscienze col principio di autorità per fare un fronte politico contrappositivo? La soluzione al problema del rapporto fra la legge umana imperfetta e la legge divina perfetta è la testimonianza che rifiuta il potere e che allontana da sé la tentazione stessa del potere.
[ leggi ][ commenta
Pensieri minimi e riferimenti storici ai tempi della recessione
Aldo Ettore Quagliozzi - 19-05-2005
 riletture 
Vi avevo detto di non andare in vacanza. Ve la siete cercata, la recessione. Dopo gli ultimi dati sulla produzione industriale che inchiodano quel pallone gonfiato del Pil alla dura realtà di una panchina ai giardinetti della crisi, non ho più dubbi. È tutta colpa delle vacanze di Pasqua, troppe, visto che i dati si riferiscono a marzo.
[ leggi ][ commenta
Un dibattito
Bergamo Social Forum - 18-05-2005
 europa 
NO all'approvazione del Trattato per una Costituzione Europea o SI alle deportazioni in Libia?
I francesi si stanno interrogando e dibattendo, ne va del loro futuro. Vogliono vederci chiaro prima di approvare questo menu neoliberista di politiche economiche, militari, agricole e monetarie. Intanto la III Sezione della Corte Europea dei diritti dell'Uomo ha preso, per la prima volta, un provvedimento di condanna nei confronti del Governo italiano per l'illegittimità di 11 provvedimenti di espulsione di cittadini migranti entrati "irregolarmente" nel nostro paese.
[ leggi ][ commenta
Berlusconi e gli statali
la Repubblica.it - 17-05-2005
 sociale 
Berlusconi definisce "sempre valido" il cosiddetto contratto con gli italiani firmato davanti alle telecamere di Porta a Porta: "Nonostante il periodo negativo, molto è stato fatto". Un esempio? "Noi non abbiamo aumentato il peso del debito pubblico sul Pil; il peso è diminuito. Quindi, credo non si potesse fare meglio di così". Quanto agli ostacoli incontrati dall'azione di governo nella stessa Cdl, per Berlusconi "il governo, nonostante ciò, ha fatto partire dal suo tavolo oltre 550 provvedimenti e la maggioranza ne ha approvati in Parlamento quasi 400".
[ leggi ][ commenta
A che libro giochiamo?
Carlo Carzan - 16-05-2005
 giochi 
Campionato di lettura ed incontri con autori: il percorso è pensato in modo da coinvolgere i bambini in una sorta di viaggio basato sulle esperienze dirette e sulla passione per l'avventura del leggere, in una zona, la Sicilia, dove bambini non hanno quasi mai l'opportunità di confrontarsi con gli autori dei libri...
[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
I giochi di Elio
ELIO GIACONE - Nato a Torino nel 1953, sotto il segno del Cancro. Si occupa dal 1978 del gioco come strumento di animazione, didattico e di conoscenza delle dinamiche di gruppo, realizzando corsi di aggiornamento per insegnanti ed animatori e laboratori di creazione di giochi nuovi (progetto "Il gioco per conoscere, il gioco per capire", realizzato nelle scuole elementari per l'Assessorato all'Istruzione del Comune di Torino e in scuole elementari e materne di vari Comuni della Provincia di Pavia).

GioNa
Il gioco, nelle sue molteplici forme e attività (ludoteche, tornei, musei, attività educative e di formazione, centri gioco, feste...), è un elemento chiave della qualità della vita e una risorsa spesso non abbastanza valorizzata. GioNa lo afferma e ribadisce, impegnandosi anche con tutte le sue forze per la "celebrazione" in tutta Italia della Giornata Mondiale del Gioco del 28 maggio.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

  Newsletter precedente Newsletter successiva