Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 14/05/2006 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 14/05/2006
raccontiscaffali

Sommario

ORIZZONTI

Per una buona scuola

di Comitato Nazionale Buona Scuola
Un altro maggio
di Giuseppe Aragno
Lettera a Prodi
di Roberta, Patrizia e Francesco
Fare scuola oggi
di Gianfranco Claudione
Un paese al bivio
di Legambiente Scuola news

PROFESSIONE DOCENTE

Idee chiare sugli standard!

di Maurizio Tiriticco
Scuola elementare: programmi a confronto
di Bruna Sferra
La professione docente e il primato della politica
di Maurizio Tiriticco

QUALI PRIGIONI?

La scuola postindustriale ed il delirio securitario

di Cosimo Scarinzi
La tristissima storia della timbratrice
di Giovanna Lo Presti
Sovegliare e punire
di Cub Scuola Torino

EVENTI

Atene 2006

di Indymedia
Valle di Susa
di Cosimo Scarinzi
Ai sindaci, alle associazioni e a tutta la comunità della Val di Susa
di Ivan Cicconi
Gli assassini e gli indifferenti
di S.B.
Giudizi senza appello
di Vincenzo Andraous


NON CANCELLATE FALCONE E BORSELLINO


Per una buona scuola
di Comitato Nazionale Buona Scuola

L'assemblea nazionale dei comitati per una buona scuola per la repubblica, riunita a Roma il 7 maggio 2006, ha valutato molto positivamente l'esito sin qui raggiunto dalla campagna di raccolta di firme sul testo della proposta di legge di iniziativa popolare "norme sul sistema educativo di istruzione statale nella scuola di base e nella scuola superiore. definizionedei livelli essenziali delle prestazioni in materia di nidi d'infanzia", che ha conseguito un grande successo e consenso da parte dei cittadini, rendendo possibile l'ampio superamento, già ad oggi, della soglia delle 50 mila firme necessarie per la sua presentazione al parlamento.
Tale consenso ha riguardato il metodo di costruzione dal basso del testo della legge e dell'elaborazione dei suoi contenuti, che si rifanno ai temi dibattuti e maturati dalla scuola democratica italiana durante molti anni di ricerca e che sono stati alla base dello spirito ispiratore del vasto movimento popolare contro la cosiddetta "Riforma Moratti".

La Legge di Iniziativa Popolare si è imposta positivamente anche all'attenzione di tutte le forze politiche che oggi formano la nuova maggioranza politica parlamentare, delle Organizzazioni Sindacali e delle Associazioni, che ne hanno riconosciuto il valore e per le quali essa è diventata un ineludibile terreno di confronto.

L'Assemblea ha però deciso di proseguire la raccolta delle firme fino al raggiungimento di almeno 100 mila adesioni, rivolgendo particolare attenzione in questa fase ai genitori ai docenti e agli studenti di tutte le scuole del territorio nazionale.

L'Assemblea dei Comitati assume l'impegno a diffondere il "NO" alla Riforma Costituzionale oggetto del Referendum confermativo del prossimo 25 giugno, per salvaguardare la scuola della Repubblica, uguale su tutto il territorio nazionale e rispondente all'attuale dettato costituzionale.



Un altro maggio
di Giuseppe Aragno

Li ho davanti: lavoratori-studenti dell'università nuova, che stipula accordi con stato e parastato ed offre a buon prezzo pillole di cultura usa e getta; tante pagine, tanti "crediti", tanti esami e lauree da consumare per ogni bisogno: brevi e triennali, quinquennali e lunghe, col codicillo di un dottorato, il coronamento di un master e il miraggio di un futuro remoto lavoro. Li ho davanti e non ci vuole molto per intendersi: siamo noi la storia da imparare. Non è facile capirlo dal guazzabuglio di parole che scriteriatamente chiamiamo "libri di storia ", ma è così: non c'è futuro che non sia stato passato e nulla perciò torna più utile al potere di un popolo senza memoria, perché chi non ha storia è paradossalmente fermo al presente che non si può fermare e non sa di se stesso.



Lettera a Prodi
di Roberta, Patrizia e Francesco

Professore, il mondo della scuola Le chiede un ministro dell'Istruzione competente e coraggioso. Una persona che conosca da vicino la realtà scolastica, ne abbia una visione democratica, laica e pluralista.
Una persona che sappia ascoltare la voce di studenti, genitori ed insegnanti, e che promuova il loro contributo.
Le chiediamo di non deludere le nostre attese per una stagione di buona scuola.



Fare scuola oggi
di Gianfranco Claudione

Spesso, però, il lavoro culturale ed educativo profuso dai docenti rimane senza traccia e si consuma nel respiro breve dell'attualità, rimane come soffocato dai limiti angusti della cronaca senza riuscire a radicarsi nella dimensione della storia e della memoria. Eppure, il buon Cicerone di insegna che «la memoria è tesoro e custode di tutte le cose»: è la memoria che "ferma" e vivifica il patrimonio intellettuale che la scuola trasmette ed elabora, prolungandone la fruibilità anche oltre la specifica occasione in cui è prodotto, ed estendendone i benefici anche ad altri destinatari.



Un paese al bivio
di Legambiente Scuola news

C'è bisogno di una nuovo progetto culturale e sociale che dia il senso della prospettiva e rilanci la fiducia nel futuro. Qui le sfide con cui nei prossimi anni si dovranno confrontare gli educatori, le scuole, il mondo della ricerca, le organizzazioni associative, sindacali e politiche, le Amministrazioni locali, il Governo.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Idee chiare sugli standard!
di Maurizio Tiriticco

Sul recente numero 8 di "Scuola Secondaria" Giuseppe Bertagna interviene con un lungo e documentato saggio sulla questione degli Obiettivi Specifici di Apprendimento, sostenendo che questi devono assolutamente costituire i Livelli Essenziali delle Prestazioni che le istituzioni scolastiche devono garantire sull'intero territorio nazionale e che nulla devono avere a che fare con le prestazioni che si richiedono agli alunni. Ed in questo senso - come è noto - si esprimono le attuatali Indicazioni nazionali.
A tale tesi si oppongono vivamente sia la ricerca educativa più accreditata sia la gran parte degli operatori scolastici.


Scuola elementare: programmi a confronto
di Bruna Sferra

Chi conosce la scuola elementare ha denunciato il regresso di 30 anni che la riforma Moratti ha apportato ad essa, ma questo raffronto dimostra come questo ritorno al passato sia ben più consistente.
I Programmi del 1955, sebbene abbiano avuto una durata formale trentennale, furono sostituiti de facto ben prima del 1985 da una serie di radicali innovazioni sia nel campo della legislazione sia in quello pedagogico.


La professione docente e il primato della politica
di Maurizio Tiriticco

Nel recente mese di ottobre si è tenuto in Roma un convegno organizzato dalle associazioni professionali dei docenti dal titolo "L'insegnante, una risorsa sprecata?". Nel mio intervento ho posto allora un altro interrogativo, in effetti abbastanza provocatorio: l'insegnante è veramente una risorsa? O meglio, può essere una risorsa quando l'intera istruzione - il Sistema nazionale di istruzione - in questo quinquennio di buio morattiano non lo è?



La scuola postindustriale ed il delirio securitario
di Cosimo Scarinzi

L'ITIS Peano è un Istituto Tecnico Industriale nella forma e nella sostanza.
E di questa sua natura industriale il Peano ha fornito prova recente ed irrefutabile introducendo l'obbligo per gli studenti di sottoporre al controllo di 12 lettori ottici sistemati ai piani un badge o, per dirlo in italiano, un cartellino. Va detto che, in questo modo, ha cercato di passare dal veteroindustriale all'iperindustriale ma si è mosso sempre nello stile della fabbrica.



La tristissima storia della timbratrice
di Giovanna Lo Presti

Chi ama le poesiole per l'infanzia d'altri tempi senz'altro conosce una raccolta di versi intitolata "Pierino Porcospino".
Narra la storia di un bambino, Pierino porcospino appunto, che compare nell'esordio - oh che schifo quel bambino, è Pierino il porcospino - e che poi nel prosieguo viene sostituito da numerosi alter ego, accomunati da una vocazione all'indisciplina e da una irresistibile attrazione verso la trasgressione delle regole, cosa che li porta, nel breve volger di qualche strofa, a fare una brutta fine. Anche la timbratrice è un mostro come le forbici del sartore che punisce esemplarmente il povero Corrado.



Sovegliare e punire
di Cub Scuola Torino

il delirio securitario non riguarda solo la scuola ma corrisponde ad una deriva generale: meno libertà, intesa anche come tutela della sfera privata della propria vita e del proprio lavoro, in cambio di sicurezza. Questa deriva determina un vero e proprio addestramento all'essere sorvegliati, la caduta della sensibilità sull'argomento, il ritorno sulla scena del tradizionale luogo comune reazionario secondo il quale chi si "comporta bene" non avrebbe nulla da "nascondere" . L'immagine del grande fratello non è, a questo proposito, eccessiva. Chi controlla i dati, come e quando li usa, secondo quale logica? Sono domande urgenti ed essenziali.



Atene 2006
di Indymedia

Un appuntamento che mira ad approfondire una riflessione comune tra le varie realtà studentesche europee, a confrontare omogeneità e differenze tra le diverse esplosioni studentesche, ma anche a coordinare le mobilitazioni proposte e la loro costruzione nei diversi paesi. Infatti riteniamo che il Social Fourm sia centrale soprattutto per la costruzione di date di mobilitazione comuni a livello europeo, tra le quali quest'anno potrebbe essere significativa una data europea sulla precarietà da costruire in ogni paese, per vincere come in Francia ciascuno contro il proprio Cpe.


Valle di Susa
di Cosimo Scarinzi

Il 3 maggio, 9 avvisi di garanzia sono arrivati a cittadini della Valle di Susa fra i quali il sindaco di Bussoleno Giuseppe Joannas e Alberto Perino, oltre a un ragazzo, studente persso il Liceo di Bussoleno, che all'epoca dei fatti era minorenne, impegnati nella mobilitazione.



Ai sindaci, alle associazioni e a tutta la comunità della Val di Susa
di Ivan Cicconi

Cari amici,
Dopo che avete subito, per oltre dieci anni, il totale disinteresse per le vostre serie e puntuali ragioni e dopo la pretesa di aprire i cantieri manu-militari per un'opera ancora priva di un progetto degno di questo nome, nei prossimi giorni si dovrebbe, finalmente, aprire il confronto con l'avvio dei lavori dell'osservatorio. L'auspicio è che il confronto sia effettivo, serio e di merito.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Gli assassini e gli indifferenti
di S.B.

Decapitata per strada con un coltello - non vi sfugga il dettaglio - tipo Rambo. Sepolta viva col pancione di nove mesi a una settimana dal parto indesiderato (dall´assassino). Rapite, violentate, picchiate come tamburi. Ricattate sessualmente. Insomma, le donne e la violenza, una buona benzina per la cronaca nera, che è poi semplicemente la cronaca: quel che succede. Eppure, a quanto sembra, pochi collegano le immagini splatter dei telegiornali sulla donna-uccisa-del-giorno con le grandi cifre di come va il mondo tutto intero.



Giudizi senza appello
di Vincenzo Andraous

Non c'è niente da fare, siamo italiani in ogni occasione che si presenta, anche in quella meno evidente, ma una volta individuata, non perdiamo tempo a imbracciare il lanciafiamme per bruciarci il deretano, anche quello più nobile, benché travestito di titoli e ruoli al miglior offerente.



 

Brevi di cronaca

Consulta qui altre rassegne

Un attacco a chi critica la Moratti
Repubblica - 13-05-2006
Ancira non vuole crederci. Giuliana Balboni, preside di un Istituto Comprensivo bolognese, è stata messa sotto accusa dall´Ufficio scolastico regionale per "gravi responsabilità dirigenziali" per le quali si prevede la revoca dell´incarico. Oggetto dell´azione legale, per la quale la dirigente è stata convocata, con avvocato, lunedì davanti all´Ufficio contenziosi, sono i test di valutazione degli alunni, le prove Invalsi, che i docenti dell´istituto hanno boicottato nel novembre scorso.
[ leggi ][ commenta
Laureati ma senza un impiego
Repubblica - 12-05-2006
In aumento in Italia i disoccupati intellettuali, e cresce il numero di coloro che sono disposti ad emigrare pur di mettere a frutto i propri studi. Alle ricerche annuali che denunciano il fenomeno si affianca ora l'Istat, con l'indagine campionaria (Inserimento professionale dei laureati: indagine 2004) su oltre 25 mila soggetti laureatisi nel 2001. I fortunati che tre anni dopo riescono a raggiungere il sospirato traguardo e svolgono un lavoro continuativo iniziato dopo la laurea sono sempre meno: il 56,4 per cento del totale.
[ leggi ][ commenta
Sospesi 200 studenti perché si sono rifiutati di timbrare
Cub Scuola Torino - 11-05-2006
Da anni gli studenti e gli insegnanti dell'Itis Peano di Torino si sono opposti al badge per molte e precise ragioni. All'opposizione degli studenti, l'istituzione reagisce con duecento sospensioni di tre giorni.
Chi difende la libertà viene equiparato ad un teppista. Questa è l'idea di scuola degli apologeti della scuola azienda. La CUB Scuola sosterrà, nei prossimi giorni le iniziative degli studenti e degli insegnanti dell'Itis Peano e invita tutte le lavoratrici ed i lavoratori della scuola a garantire la massima solidarietà agli studenti sanzionati.

[ leggi ][ commenta
Saperi forti fino a 16 anni
Italia Oggi - 10-05-2006
Non è impegno da poco assumere, nelle condizioni attuali, la responsabilità del sistema scolastico italiano. Occorre promuovere, con rapidità, iniziative capaci di riavviare un sistema che in questi anni ha manifestato un disagio profondo, posto di fronte a intenti incerti e confusi, a innovazioni improvvisate e alla richiesta di adempimenti contraddittori.
[ leggi ][ commenta
Overdose di dati: segreterie scolastiche in crisi
Tuttoscuola - 09-05-2006
Nel complesso mondo della scuola, caratterizzato da diversi indicatori di sistema, di struttura e di risultato in continua evoluzione, l'esatta conoscenza di dati puo' far da efficace supporto alle decisioni.
Sono le segreterie delle scuole ad avere questo delicato compito di raccolta e trasmissione di dati che vengono messi a disposizione del sistema.
Ma a chiedere dati alle scuole sono oggi in tanti, in troppi, le segreterie a volte sono sommerse di richieste, con il rischio di rendere sempre piu' approssimata o tardiva la risposta.
[ leggi ][ commenta
Dispersione scolastica, i falsi dati del Miur
Il Manifesto - 08-05-2006
"Se la dispersione scolastica in Italia è un fenomeno che si attesta globalmente sul 21,9%, vuol dire che non ci si può più nascondere: il problema ha due facce, una politica, l'altra pedagogica". Malgrado che nella sala strapiena del Palazzo delle Stelline - dove due giorni fa si è tenuto il convegno della Fondazione Unidea "Non uno di meno" - nessuno ce l'avesse con lei o con la "sua"riforma, forse a Letizia Moratti sono di nuovo fischiate le orecchie.

[ leggi ][ commenta
Prodi: la scuola è in regressione, bisogna allargare le risorse
La tecnica della scuola - 06-05-2006
Secondo il leader dell'Unione, che nei prossimi giorni verrà incaricato di formare il nuovo Governo, la scuola rimane una delle priorità nell'agenda degli impegni della maggioranza. "Nei bilanci della scuola - ha detto a Radio Vaticana - oltre alla spesa per il personale, non c'è rimasto più nulla: la soluzione è nell'allargamento delle risorse da portare verso il sistema della scuola inteso nella sua totalità".
[ leggi ][ commenta
Comitati insegnanti precari: l'Unione rispetti gli impegni
Tuttoscuola - 05-05-2006
I comitati insegnanti precari rivendicano il merito di aver contribuito al successo dell'Unione, e in un loro comunicato stampa di commento all'esito delle elezioni chiedono al costituendo nuovo governo di "dare un esempio forte e chiaro all'imprenditoria privata convertendo i contratti a tempo determinato degli statali in assunzioni in ruolo".

[ leggi ][ commenta
Scuola-lavoro, tiriamo giù quel muro
L'Unità - 04-05-2006
Scuola e lavoro possono diventare un'antinomia. Non l'una funzionale all'altro, ma contro. Se di fronte a una società ultraliberistica abbassassimo la guardia, e delegassimo completamente il principio della formazione al mercato - il quale tuttavia è un concetto più equivoco e sfuggente di quanto si pensi, largo o stretto a seconda della nostra fantasia di rappresentarlo - ci sottrarremmo a una nostra responsabilità, tanto più grande quanto apparentemente ridotta o annullata dal momento storico.
[ leggi ][ commenta
Vorremmo sperare che le parole di Bertinotti...
La Sicilia .it - 03-05-2006
Non era mai successo, a nostro ricordo, che nel primo discorso di insediamento di un presidente della Camera dei deputati ci fosse una così lunga e pertinente citazione proprio sulla scuola e proprio sugli insegnanti, con un altrettanto felice riferimento all'opera svolta da Don Milani, sia come educatore dei ragazzi di Barbiana e sia come autore di uno dei testi più importanti di sociologia e didattica sul quale migliaia di docenti hanno ispirato la loro azione educativa: Lettera a una professoressa.

[ leggi ][ commenta
A proposito di elevamento dell'obbligo di istruzione
Flc Cgil scuola - 02-05-2006
Da alcune settimane con alcuni interventi si è cominciata a riaprire la discussione sull'elevamento dell'obbligo scolastico ed in qualche caso rieccheggiano considerazioni che avevamo sperato definitivamente superate riguardo alle modalità in cui assolverlo.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam

Difendiamo la Costituzione
Patrizia Rulli - 13-05-2006
 storie 
A Milano, il 19 maggio, proiezione del dvd "Piero Calamandrei - Discorso sulla Costituzione" .... la Costituzione fissa una volta per tutte i principidi libertà e giustizia. Le sue garanzie non appartengono alla politica ma hanno una funzione politica. Comprendere questo paradosso signif ica penetrare l'essenza della democrazia ...

[ leggi ][ commenta
Campus della pace
Carlo Carzan - 12-05-2006
 NO WAR 
Il campus della pace è una grande festa della pace, alla quale verranno invitati gli studenti dell'istituto e delle scuole cittadine nonché esponenti di enti e associazioni presenti nel territorio.
A Palermo nei giorni 18 e 19 Maggio si allestiranno mostre, attività ludiche - cooperative - artistiche -manuali ed incontri con scrittori e pacifisti.
[ leggi ][ commenta
Una iniziativa da appoggiare
Federico Repetto - 11-05-2006
 appelli 
Una LEGGE che regolamenti
le FREQUENZE TV,
l 'INFORMAZIONE
e la PUBBLICITA'
è di straordinaria rilevanza per i destini della democrazia e dell'educazione
nel nostro paese.
C'E' URGENTE BISOGNO DELLA VOSTRA FIRMA
per raggiungere le 50.000 necessarie entro il 15 giugno!


[ leggi ][ commenta
Un Ministero per la Bonino
Giuseppe Aragno - 10-05-2006
 opinione 
Per Emma Bonino viene rivendicato il Ministero della Difesa. La stessa a suo tempo si fece un nome in appoggio alla Nato nei 78 giorni di bombardamenti sui popoli della ex Yugoslavia e oggi è contraria al ritiro delle truppe italiane dall'Iraq.
[ leggi ][ commenta
Giornata di festa
U.E. - 09-05-2006
 europa 
Questa giornata del 9 maggio è diventata un simbolo europeo che, insieme alla bandiera, all'inno, al motto e alla moneta unica (l'euro ), identifica l'entità politica dell'Unione Europea. La festa dell'Europa è l'occasione di dar vita a festività e di organizzare attività che avvicinano l'Europa ai suoi cittadini ed i popoli dell'Unione fra loro.

[ leggi ][ commenta
C'è poco da ridere
l'Espresso - 08-05-2006
 ritratti 
In una nota (emanata da una fantomatica agenzia ANSIA) a seguito dell'incontro Milan-Barcellona. Dalla data del comunicato si evince che ci si riferisce ancora alla partita di andata, vinta uno a zero dal Barcellona, e non al pareggio successivo, ma la sostanza non cambia. Il titolo suona: 'Milan-Barcellona: non ha vinto nessuno!', poi seguono le dichiarazioni delle persone informate sui fatti.

[ leggi ][ commenta
L'operaia Moratti
L'Unità - 06-05-2006
 espressioni 
I solidi stolti del centrosinistra non hanno capito Letizia Brichetto Arnaboldi Moratti. L'hanno fischiata anche il primo maggio, dopo averla fischiata il 25 aprile. Non si capisce perché. Non si capisce quali segreti istinti abbiano indotto costoro a contestare la candidata del centrodestra, colei che dovrebbe riprendere lo scranno ora occupato dall'ex presidente della Federmeccanica Gabriele Albertini. Un primo cittadino che invece il Primo Maggio l'ha festeggiato a Kabul, in Afghanistan.
[ leggi ][ commenta
Premio letterario Paradisino
IPSSAR - 05-05-2006
 proposta 
Il concorso chiede ai partecipanti di affrontare liberamente in un racconto breve il tema delle diversità e delle diversabilità e dovra' avere al suo interno espliciti riferimenti ad argomenti gastronomici, ed eventualmente, anche ad argomenti legati al mare (si dovrà citare un piatto, una ricetta, una preparazione, un menù, o quanto altro abbia attinenza con la gastronomia).

[ leggi ][ commenta
Brutta bocciatura
disarmolombardia - 04-05-2006
 NO WAR 
Nel giorno dell'ennesimo attentato in Iraq, che rende sempre più evidente l'insopportabilità della guerra, la maggioranza di centro-destra che governa la Regione Lombardia affossa la proposta di legge di iniziativa popolare per la rivitalizzazione dell'Agenzia Regionale per la riconversione dell'industria bellica e il disarmo.

[ leggi ][ commenta
Corrispondenze dal Brasile
Francesco Giappichini - 03-05-2006
 libri 
Salve amici, perché acquistare il libro? Perché i libri sul Brasile nella libreria di casa non debbono mancare, perché di certo troverete spunti interessanti, per diffondere indirettamente il nome del nostro progetto Musibrasil, e infine per invogliarmi a continuare con idee e sperimentazioni sempre nuove.
[ leggi ][ commenta
Io viaggio da Solo
Cies - 02-05-2006
 giochi 
Un gioco interattivo che affronta il tema dei diritti dei minori nei paesi del Sud del mondo e della crescente presenza in Italia di minori stranieri non accompagnati, attraverso la simulazione del viaggio di tre bambini provenienti da Marocco, Albania e Romania.
[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Addio pizzo
Il mattino del 29 giugno 2004, su centinaia di piccoli adesivi listati a lutto attaccati dappertutto per le strade del centro, Palermo ha letto per la prima volta questo messaggio: "Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità". Attaccando dei semplici adesivi speriamo di affermare tra le strade della città una verità che pensiamo debba essere di dominio pubblico. La nostra pratica è un piccolo e fragile segno di implicita resistenza. Il 2 maggio 2006 è stata finalmente pubblicata la lista dei primi 104 imprenditori e commercianti pizzo-free.

Education International
L'Internazionale dell'Educazione rappresenta insegnanti, lavoratori e lavoratrici della scuola, studenti, in 166 paesi del mondo. Lotta contro il razzismo e la discriminazione sociale, si batte per lo sviluppo di organizzazioni democratiche nei contesti scolastici, crea progetti di solidarietà e collaborazioni reciproche.


f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005

  Newsletter precedente Newsletter successiva