Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 05/03/2006 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 05/03/2006
raccontiscaffali

Sommario

QUESTIONE DI SCELTE

Elezioni e costituzione

di Renato Solmi
Proibire il proibizionismo
di Lucio Garofalo
La scuola inglese nel tempo dell'impresa
di Fuoriregistro

ORIZZONTI

Se la pedagogia di Carl Rogers può servire

di Gabriella Del Duca
Dio, mio!...Peccato?
di Arturo Ghinelli
Tra le forme del pensiero
di Laura Tussi

DENTRO LA SCUOLA

Scuole chiuse a Napoli per il martedì grasso

di Gennaro Capodanno
La violazione della Libertà d'insegnamento
di Bartolo Danzi
Il decreto 775 sulla sperimentazione: l'ennesima forzatura del ministro Moratti
di Alba Sasso

RACCONTI

La Siberia

di Giuseppe Aragno
Za- Za
di Ilaria Ricciotti


Consulta qui altre rassegne


Elezioni e costituzione
di Renato Solmi

È bene che i cittadini italiani prendano coscienza - ciò che purtroppo non è avvenuto, se non in misura molto limitata, in questi ultimi mesi - del fatto che le prossime elezioni politiche presenteranno un carattere completamente diverso da quello che hanno avuto, a prescindere da ogni altro cambiamento, quelle che si sono svolte dal 1948 fino ad oggi. Esse non avranno, infatti, per oggetto solo la scelta dei rappresentanti nelle due Camere, e della coalizione di partiti che dovrà governare il paese nei prossimi cinque anni, ma saranno anche, implicitamente, una sconfessione o una conferma della legge di riforma della Costituzione (che è, in realtà, il varo di una Costituzione affatto nuova) e di tutte le altre leggi più o meno eversive che sono state approvate a tamburo battente, e praticamente senza discussione, nell'ultimo scorcio di questa legislatura.



Proibire il proibizionismo
di Lucio Garofalo

L'intento dichiarato del decreto Fini è quello di colpevolizzare e perseguitare i tossicomani, anche i semplici consumatori di spinelli, giudicati alla stessa stregua degli spacciatori e dei narcotrafficanti, annullando cioè la "liceità" del consumo personale finora tollerato.
Come argomentano i fautori della legge, la gravità dell'attuale situazione sarebbe determinata dal "permissivismo" contenuto nel concetto di "modica quantità", un'idea ispirata e alimentata dall'ascesa, soprattutto negli anni '60 e '70, della cosiddetta "cultura della droga" intimamente sposata alle varie "culture alternative" o "controculture" affermatesi in quel periodo.


La scuola inglese nel tempo dell'impresa
di Fuoriregistro

Il Governo britannico ha rivelato ieri il suo controverso Progetto di Legge sull'autonomia delle scuole pubbliche. Un testo che mette le scuole inconcorrenza e le spinge a cercare sovvenzioni privati. Le scuole che seguiranno questa nuova strada, infatti, saranno padrone dei loro bilanci e potranno determinare le condizioni di lavoro e lo stipendio dei dipendenti. Potranno inoltre essere gestite da imprese, gruppi di genitori, gruppi religiosi od associazioni. Continueranno ad essere finanziate dall Stato e non potranno selezionare i loro allievi.



Se la pedagogia di Carl Rogers può servire
di Gabriella Del Duca

Come ricomporre l'unità di mente e cuore nella scuola, come fare si che la mente si accenda alla luce delle emozioni, che lo studio divenga esperienza di rafforzamento dell'unità dell'io a partire dalla progressiva liquidazione dei costrutti disfunzionali, dalla coraggiosa rinuncia di maschere e ruoli, in definitiva da una professione di umiltà?
Per Carl Rogers, psicoterapeuta americano, fondatore della psicologia umanistica, non ci sono ricette se non l'avvio di un processo personale che investa l'adulto, un processo di autoconsapevolezza, un atto di responsabilità che lo faccia entrare nell'aula ogni mattina come una persona nuova in un luogo nuovo da esplorare come Robinson fece con la sua isola sconosciuta e lì come lui mettersi all'opera utilizzando creativamente i suggerimenti inediti della relazione da persona a persona. Una pedagogia quindi che tenga conto del rapporto duale, dei bisogni e delle aspettative dell'altro, intuite e verificate nel farsi della relazione.



Dio, mio!...Peccato?
di Arturo Ghinelli

La mia collega mi assicura di aver assistito, non vista, a questo dialogo tra alcuni nostri alunni di quarta classe, durante la pausa dopo il pranzo.

M.(figlio di testimoni di Geova)"Arturo crede nel mio Dio"
H.(figlia di musulmani) "No,ti sbagli. Arturo crede nel mio Dio"
R. "Ma tacete voi che non sapete niente.!Anch'io credevo che Arturo fosse musulmano come me. Allora gliel'ho chiesto e lui mi ha detto che non crede in nessun Dio."

Era già capitato con la classe precedente, quella dell'11 settembre, che fossero venuti da me due alunni per dirimere la querelle che era sorta tra loro sul fatto se io ero musulmano o cattolico.
Qualcuno mi ha fatto notare che ho fatto male a dichiarare il mio ateismo.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Tra le forme del pensiero
di Laura Tussi

Con il termine lpensiero lo psicologo indica la realtà che comprende i processi mentali non definibili logici, razionali e creativi, pur essendo prodotti dall'attività psichica dell'uomo. Esistono forme di pensiero in cui sono imperfetti gli strumenti logici quali il pensiero infantile con strumenti logici non sviluppati, il pensiero primitivo sviluppatosi in altri contesti socio-culturali, il pensiero quotidiano.



Scuole chiuse a Napoli per il martedì grasso
di Gennaro Capodanno

Negli ultimi tempi, l'ultimo giorno del periodo di Carnevale, che quest'anno cade martedì 28 febbraio prossimo, per molti allievi della scuola pubblica napoletana diventa l'occasione per fruire di un altro giorno di ferie, visto che in molti plessi scolastici, con la scusa dei pericoli connessi al lancio di uova marce e all'uso di bombolette spray, sono state sospese le attività didattiche. Con grande disappunto, immagino, dei genitori che andranno comunque a lavorare visto che si tratta di un normale giorno feriale.

[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


La violazione della Libertà d'insegnamento
di Bartolo Danzi

La c.d. libertà d'insegnamento costituisce un valore fondamentale del nostro ordinamento, tutelato a livello costituzionale (art. 33, comma 1, Cost.), nonchè a livello di legge ordinaria(art. 1 D.lgs 297/94) e di norme pattizie (art. 26 comma II, CCNL scuola 2003). Al riconoscimento di tale libertà corrisponde l'attribuzione di un diritto soggettivo al singolo docente, il quale, in piena autonomia e senza condizionamenti, proprio perchè libero, deve poter decidere - entro i limiti fissati dalla legge- sia le modalità tecnico didattiche del proprio insegnamento, sia i valori formativi che intende trasmettere ai propri allievi.



Il decreto 775 sulla sperimentazione: l'ennesima forzatura del ministro Moratti
di Alba Sasso

Nonostante la battuta d'arresto impressa dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni al progetto di sperimentazione della riforma della secondaria, il Ministro Moratti, ignorando gli impegni da lei stessa assunti con le Regioni, ha emanato il decreto ministeriale n. 775 del 31 gennaio 2006, con il quale ha promosso un progetto nazionale di sperimentazione (anche se nel decreto il termine utilizzato è "innovazione") sul secondo ciclo.



La Siberia
di Giuseppe Aragno

Pina entrò nella mia vita per caso. Ci si fece un posto che pochi hanno mai avuto e nessun caso glielo avrebbe tolto se, quindici anni dopo il nostro incontro, una mattina di quelle che non sono uguali ad altre, non avessimo scelto di affidare la nostra sorte al caso. E allora sì, perché noi lo volemmo, allora sì che il caso ci divise e ciò che venne dopo doveva venire: non si affida impunemente alla sorte ciò che ha dato un senso a molta parte della nostra vita.
I fili che ci avevano condotti al nostro appuntamento erano parte di una storia collettiva: sessantottini si prendeva a dire qua e là con un'invidia ed un disprezzo astioso che mettevano insieme qualche ragione e numerosi torti. Ma a che servirebbe fare qui la storia di un manipolo di giuda mercanti che vendono fumo salato dalle colonne di giornali prezzolati e s'arrampicano sugli scranni untuosi di quelle istituzioni tante volte spregiate? Ogni tempo li porta con sé: hanno largo consenso nei giorni della storia che dal passato si avviano al futuro presente di nuove generazioni, poi, esclusi da ogni tempo, si perdono in una irrimediabile oscurità. Esistono sempre e non sono mai esistiti.


Za- Za
di Ilaria Ricciotti

Za Za ha lottato e continua, come può a farlo. Lei non ha paura dei potenti, né di coloro che li seguono e che , da "bravi servi", per una manciata di denari in più, sono disposti anche a vendere la loro anima.
Grazie Za Za di esistere ancora, di essere d'esempio a quanti sono delusi, confusi, ma che non vogliono lasciarsi risucchiare dalle sabbie mobili dell'indifferenza e della clonazione!



 

Brevi di cronaca
Innovazione o sperimentazione?
Gildains - 04-03-2006
Il Decreto Ministeriale nr. 775 del 31 gennaio 2006 promuove "un progetto, in ambito nazionale, concernente l'introduzione di innovazioni riguardanti gli ordinamenti liceali e l'articolazione dei relativi percorsi di studio." Per contrastare queste iniziative, la Gilda degli Insegnanti ha predisposto un modello di delibera del Collegio dei Docenti, finalizzata al rifiuto di ogni forma di sperimentazione-innovazione.
[ leggi ][ commenta
Alcune riflessioni sulla scuola italiana
Sergio Casprini, Andrea e Giorgio Ragazzini, Valerio Vagnoli - 03-03-2006
È possibile che una scuola di massa sia anche una scuola seria e rigorosa? Noi pensiamo di sì, e crediamo che sia stata una precisa responsabilità della classe politica italiana nel suo insieme non tanto di non essere stata capace di realizzare questo obbiettivo, quanto di non averlo voluto perseguire.
Con le riforme attuate tra gli anni Sessanta e Settanta, la Scuola media unica (1962), la Scuola materna statale (1968), il tempo pieno (1971), fu avviato un mutamento profondo, che ha sostanzialmente garantito l'accesso allo studio dei ragazzi di tutti gli strati sociali. Era certamente indispensabile anche un complessivo ripensamento dei programmi e della didattica, ma non era inevitabile la progressiva, inarrestabile dequalificazione, che la scuola italiana ha subito negli anni successivi.

[ leggi ][ commenta
Progetto di innovazione in ambito nazionale
Edscuola - 02-03-2006
Con la presente nota si fa riferimento alla lettera datata 8 febbraio, trasmessa, per conoscenza, al Direttore generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e ai Dirigenti degli Istituti di istruzione secondaria di II grado del Lazio, con la quale si lamentano illegittimità, criticità e incongruenze nel D.M. 31 gennaio 2006, n. 775 concernente "Progetto Nazionale di innovazione", diffuso sul sito ufficiale del MIUR unitamente ai decreti ministeriali del 28 dicembre 2005 e alla lettera circolare datata 1° febbraio 2006.

[ leggi ][ commenta
Italiani in miniatura
Il Manifesto - 02-03-2006
Ogni giorno, in questa eterna campagna elettorale, risuona alto il richiamo a parlare di cose reali, a occuparsi dei problemi della gente. Bene. Ecco qui i problemi della gente seienne, ottenne, decenne: italiani in miniatura.
Per il funzionamento amministrativo e didattico dell'istituto, cioè delle tre scuole, nell'anno 2006, il programma finanziario annuale elaborato in base agli stanziamenti di legge (legge finanziaria del 23.12.2005) destina 3,60 euro per ogni alunno iscritto.
[ leggi ][ commenta
La Consulta sbatte fuori gli inidonei
Italia Oggi - 01-03-2006
Ennesima doccia fredda per gli insegnanti dichiarati inidonei allo svolgimento della funzione docente per motivi di salute e utilizzati in altri compiti. I giudici della Corte costituzionale, con l'ordinanza n. 56 del 10 febbraio scorso, hanno infatti dichiarato la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell'articolo 35, comma 5, della legge 27 dicembre 2002, n. 289, sollevata dal tribunale di Parma, in funzione di giudice del lavoro, in riferimento agli articoli 2, 3 e 35 della Costituzione.

[ leggi ][ commenta
Una legge di iniziativa popolare per la sicurezza nella scuola
Legambiente - 28-02-2006
"Norme in materia di sicurezza nelle istituzioni scolastiche". Così si intitola la legge di iniziativa popolare di cui la Gazzetta Ufficiale n. 30 del 15 febbraio scorso ha pubblicato l'avvenuto deposito presso la Cassazione. La proposta di legge "vuole contribuire a sviluppare in tempi rapidi e in forme ispirate al principio di responsabilità, condizioni di maggiore sicurezza nella vita che si svolge negli edifici scolastici".
[ leggi ][ commenta
A rischio gli esami, gli insegnanti rifiutano le nomine a commissari?
CUB Scuola - 27-02-2006
In molte scuole della provincia di Torino accade qualcosa di grave: non sono state corrisposte, ai colleghi e alle colleghe impegnati negli anni passati negli esami di Stato, le spettanze corrispondenti. Le scuole non hanno ricevuto le risorse necessarie dalla Direzione Scolastica Regionale che, a sua volta, non le ha ricevute dal Ministero e, tanto per cambiare, i lavoratori e le lavoratrici non ricevono il dovuto.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Concorso per le scuole indetto da Agriturist
Lucia Damiano - 04-03-2006
 pianeta 
Organizzato da Agriturist (l'Associazione della Confagricoltura che per prima, in Italia, ha ideato e promosso l'agriturismo) con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, parte il concorso per le scuole sui prodotti tipici italiani.
[ leggi ][ commenta
Scene di odio a Sassuolo
L'Unità - 03-03-2006
 storie 
Se i carabinieri son pronti a metterci tanto impegno per bonificare le aree di loro competenza dalla criminosità, devono avere mezzi e leggi, non andare nel corpo a corpo, a farsi una giustizia tribale. Non vanno usati come barriera umana, a scaraventare il loro corpo contro il corpo dell'illegalità. Qui il gesto più saggio, più utile, più moderno, l'ha compiuto il marocchino che ha filmato la scena col suo cellulare, e ha mandato il filmatino alla stampa. Son passati dieci giorni, ed ecco, sappiamo tutto. Se non sapessimo niente, poteva anche succedere che tutto venisse coperto. Invece sappiamo, e scoppia lo scandalo, e la giustizia non può più fermarsi. Perché la giustizia non è la Giustizia. Siamo noi. Sono gli articoli, compreso questo.

[ leggi ][ commenta
Uranio impoverito: il depistaggio è servito
Peacelink - 02-03-2006
 NO WAR 
"L'uranio impoverito ha dei complici", denuncia il senatore Malabarba, membro della Commissione d'inchiesta sull'U.I. La denuncia - in un comunicato stampa - di Gigi Malabarba, capogruppo PRC e segretario della Commissione d'inchiesta sull'uranio impoverito. Attesa per oggi la stesura della relazione conclusiva della Commissione.

[ leggi ][ commenta
Concorso di Poesia e Disegno
Paolo Mesolella - 02-03-2006
 quaderni 
75 anni fa, il 15 marzo 1931, moriva a Sparanise (Caserta) il grande barnabita Padre Giovanni Semeria. L'Istituto Tecnico Commerciale Turistico Statale "G. Galilei" anche quest'anno gli ha voluto dedicare un Concorso riservato agli studenti e ai docenti delle scuole superiori.
[ leggi ][ commenta
Sociale Made in Italy : altro che sussidiarietà
Service Press - 01-03-2006
 sociale 
La notizia ha fatto il giro d'Italia in breve tempo, negli ambienti del Welfare vissuto, del sociale applicato al territorio: sia Prodi che Berlusconi non hanno affrontato seriamente ed organicamente, nei loro rispettivi programmi, il complesso pianeta del Sociale.
A parte alcune macchie, nelle quali confusamente si fa riferimento al genere "sociale" e ad alcune sue "categorie" (gli anziani, i portatori di handicap, gli immigrati, le famiglie disagiate) nessuno dei due schieramenti pare voler gettare i dadi su quel tavolo così sdruccioloso e scarsamente remunerativo politicamente del volontariato e del privato sociale.
[ leggi ][ commenta
Reality show o racconto realistico?
Ilaria Ricciotti - 28-02-2006
 opinione 
Sul palco sono diversi gli attori che interpretano più o meno bene il loro ruolo. Alcuni sono protagonisti di scenari alquanto catastrofici, altri, pur essendo stati relegati ad assumere il ruolo di semplici comparse, hanno in cuor loro un forte desiderio: dimostrare che sono in grado di operare una scelta di campo dignitosa e rispettosa di bisogni ed esigenze di un pubblico stanco, ma attento ed in grado di discernere chi è bravo da chi lo è meno, molto meno.

[ leggi ][ commenta
Fermiamo il massacro di Nablus
L'Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus di Firenze - 27-02-2006
 appelli 
Le associazioni, organizzazioni e gruppi informali che in Italia lavorano da anni sulla questione Mediorientale e operano per per una risoluzione pacifica del conflitto israelo-palestinese, e per una pace giusta, si rivolgono con un appello all'informazione libera e democratica del nostro paese affinchè sia data un'informazione corretta su quanto sta accadendo nei Territori Occupati in Palestina.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Acqua bene comune
Il percorso che ci ha portato ad indire il 1° FORUM DEI MOVIMENTI PER L'ACQUA è stato singolare. I comitati cittadini, civici, regionali hanno girato l'Italia. In cinque incontri nazionali, assembleari e per gruppi di lavoro, ci siamo confrontati, scambiati idee ed esperienze, abbiamo parlato in un linguaggio di progettualità comune, definito insieme, dal basso, approfondimenti e obiettivi. Mantenendo intatto questo spirito vi invitiamo tutte e tutti a marzo a Roma!


f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005

  Newsletter precedente Newsletter successiva