Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 19/02/2006 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 19/02/2006
raccontiscaffali

Sommario

ORIZZONTI ITALIANI

Si vota. Se il regime consente.

di Giuseppe Aragno
E' uno di quei giorni....
di Vincenzo Andraous

SCUOLA E PALAZZI

Conoscere è crescere

di Redazione
God we trust!
di Gabriele Attilio Turci
Scuola e mercato nel mondo globalizzato: fine
di Roberto Renzetti

ESPRESSIONI

Amore

di Ilaria Ricciotti
Fraintendimenti
di Emanuela Cerutti
Corpo sciolto e corpo-rativismo
di Lucio Garofalo

SEGNALAZIONI

Qualcosa in più di una mostra

di Gianni Mereghetti
Allarme rosso
di Fuoriregistro


Consulta qui altre rassegne


Si vota. Se il regime consente.
di Giuseppe Aragno

Giriamoci attorno come vogliamo, demonizziamo il dissenso e ripetiamolo ogni volta che serve: così tu dai una mano a Berlusconi! Si può, tanto non costa nulla, e vincere si deve. Ad ogni costo.
Il dramma politico al quale assistiamo - spettatori impotenti sebbene ancora illusi di giocare ruoli da protagonisti - assume le sue reali dimensioni se, per vederci chiaro, uno si domanda: si vince, d'accordo, ma chi vince?
Fassino e Bertinotti hanno opinioni profondamente diverse sulla Tav. Mastella e Diliberto sono agli antipodi sulla politica estera e l'Irak li contrappone. Prodi e la Bonino sono su opposte trincee se si discute dei Pacs. Di Pietro e Pecoraro Scanio hanno idee diverse sulla Costituzione europea e in quanto alla scuola c'è chi corregge e chi abolisce, c'è chi come Boselli non vuol dare soldi al privato e c'è Rutelli che aprirebbe un conto intestato direttamente a Ruini.
Si vince, d'accordo. Ma chi vince?
Prodi insiste con accanimento: siamo tutti d'accordo. E gli si legge in viso ciò che pensa: non è vero, ma lo dico lo stesso, perché sono in una botte di ferro e se non volete correre il rischio di un regime, dovete affidarvi per forza alla mia armata Brancaleone.
E' questa la risposta alla domanda.
Chi vince? Ma è chiaro come la luce del sole: la democrazia!
La democrazia.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


E' uno di quei giorni....
di Vincenzo Andraous

E' uno di quei giorni in cui la storia personale di ognuno pesa inequivocabilmente sulle responsabilità individuali di ciascuno.
Uno di quei giorni in cui il dolore è così feroce da annebbiare le menti più preparate ai tanti accidenti: in cui l'emotività stravince con un secco tre a zero sulla razionalità.
E' stato ucciso un servitore dello Stato, un uomo posto a difesa della collettività, è stato colpito alle spalle, nella frazione di uno sparo, da un altro uomo, anch'egli morto, che non ha rispettato quel patto di lealtà stipulato con tutta la società; un uomo detenuto a cui era stata concessa una seconda possibilità, ritornare a essere un uomo nuovo, attraverso la dignità del lavoro e degli affetti recuperati, e che invece ha preferito la follia lucida del premere il grilletto della pistola per ottenere un'impunità davvero impossibile.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Conoscere è crescere
di Redazione

Vogliamo segnare una netta discontinuità con quanto fatto dal centrodestra in questi cinque anni: apriremo una nuova grande stagione di alfabetizzazione. Solo attraverso l'istruzione possiamo realizzare pienamente l'equità, l'inclusione sociale, la modernizzazione del Paese.
Con gli atti dei primi mesi di governo, in radicale discontinuità con gli indirizzi e le scelte di centro destra, abrogheremo la legislazione vigente in contrasto con il nostro programma.

Dal Programma dell'Unione 2006-2011


[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


God we trust!
di Gabriele Attilio Turci

Il preside Pasquale d'Avolio aveva, nel novembre del 2003, affrontato con attenzione e prudenza il controverso tema del crocifisso nelle aule.
Egli partiva da un caso concreto, avvenuto sotto la sua dirigenza e raccontava come avesse cercato di affrontare la cosa con buon senso e spirito laico.
L'articolo era poi una riproposizione di un suo lavoro precedente, vecchio di tre anni.
Se si guarda un po' in giro di roba del genere se ne trova a pacchi.
E' da parecchio, infatti, che nella scuola italiana si agita questo problema, certamente per l'ostinata resistenza di pochi che, per formazione e carattere non amano mescolare l'acqua col vino, ma anche e di più, perché questo è, di fatto, un problema irrisolto che denuncia, semmai, lo stato di situazione mentale e storica cui soggiace il nostro paese che accoglie, per una fatalità del destino, da altri assolutamente non invidiata, la sede papale della chiesa cristiano-cattolica.
L'ultima sentenza del Consiglio di Stato sembra, in questi giorni, voler depositare la pietra definitiva sulla questione.


Scuola e mercato nel mondo globalizzato: fine
di Roberto Renzetti

La nuova scuola dovrebbe essere portatrice di un nuovo valore fondamentale, rispetto al passato: la diversità rispetto all'uniformità. L'autonomia dovrebbe essere portatrice della possibilità di costruzione di una scuola diversa per ogni istituto scolastico. L'autonomia si realizzerebbe sul terreno pedagogico, dei contenuti, amministrativo e finanziario. Tutto questo dovrebbe essere considerato insieme, in uno strano ibrido, con il centralismo degli obiettivi, di alcune prescrizioni metodologiche, dei programmi, degli esami. Su questa concezione vi è una convergenza stupefacente tra destra e sinistra. La destra, anche nella completa anomalia italiana, è nella sua storica tradizione; è la sinistra che suscita problemi nei suoi elettori informati di cosa accade. Il problema è: Il decentramento scolastico aumenta il tasso di democrazia? Io sono convinto di no e richiamo l'attenzione del lettore sul fatto che il continuo richiamo alla democrazia, alla partecipazione, alle scelte delle famiglie è sempre accompagnato dall'espressione governance dei processi. Una sorta di direttività centralizzata mascherata da cortine di fumo.
L'obiettivo politico della scelta autonomista è rendere la scuola funzionale al mercato.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Amore
di Ilaria Ricciotti

L'uomo non ha incontrato più Amore diversi anni fa,
quale sia il suo odore e il suo sapore, nessuno più lo sa.
Amore è un sentimento troppo inflazionato,
si vende e svende ogni giorno sul mercato.
Amore, quello che ho in mente io,
è qualcosa di inspiegabile, che sa soltanto Dio.
Dobbiamo riconquistarlo questo nostro Amore,
in ogni angolo del mondo e dentro il nostro cuore.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Fraintendimenti
di Emanuela Cerutti

Capita spesso, e soprattutto nei dibattiti accesi, che i fraintendimenti stiano dietro l'angolo.
Certe volte l'impressione è che siano voluti, come quando uno ti dice "sei assolutamente in torto" e però contemporaneamente afferma di essere aperto alle più diverse opinioni e al dialogo democratico, per cui non coglie il lato contraddittorio della propria modalità comunicativa ed anzi se ne stupisce.
E' così che le violenze verbali si fanno più brutali delle battaglie a ferro e fuoco, nonostante la loro apparente sottigliezza. E che la comunicazione diventa ambigua, o subliminale, per usare un termine inquietante. Abituata alle immagini di cavalieri ed eroi degli album Panini su cui scorreva come in film la storia del Risorgimento, quel tipo di violenza mi pare persino meno nobile e coraggiosa e mi dà fastidio.



Corpo sciolto e corpo-rativismo
di Lucio Garofalo

Una coscienza di classe si forma anche attraverso battaglie che sorgono come "corporative", laddove una mente inizialmente corporativistica riesce ad acquisire e ad esprimere una crescente capacità di critica della società nel suo insieme.
Il salto di qualità politico-intellettuale avviene nel momento in cui da uno stato di mera "autocoscienza individuale" ci si evolve verso un superiore livello di "autocoscienza universale".

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Qualcosa in più di una mostra
di Gianni Mereghetti

Si è conclusa domenica 12 febbraio la mostra sui ragazzi della Rosa Bianca, allestita in piazza Duomo a Milano, grazie al Centro di Aiuto allo studio Portofranco e alla Comunità Ebraica che hanno dato la possibilità a tanti giovani ed adulti di conoscere l'affascinante e drammatica vicenda umana di un gruppo di studenti che si oppose ad Hitler non in nome di un'ideologia, ma di un amore appassionato alla vita. La mostra sulla Rosa Bianca ha un'attrattiva fortissima, chiunque la visiti non può non rimanere colpito dall'umanità cui rimanda ogni frase, ogni immagine, ogni episodio. Ciò che però mi ha maggiormente commosso di questa iniziativa sono state le guide.


Allarme rosso
di Fuoriregistro

Riceviamo la segnalazione dell'appello che Valentino Parlato lanciava due giorni fa sulle pagine del Manifesto. Poche parole essenziali per interrogarsi, interrogare e chiedere a chi sta a sinistra una mano in cambio d'una promessa: continueremo la nostra battaglia - che è anche la vostra - e sapremo essere all'altezza del momento.
Volentieri ci facciamo eco di un giornale che, senza paura di pagare di persona, risponde ad un innegabile bisogno democratico.


 

Brevi di cronaca
Marek e i prof, sfida in classe
Liberazione - 18-02-2006
il tema dell'inserimento degli alunni stranieri nella scuola è percepito dai docenti come inscindibile da tutti gli altri problemi che caratterizzano la loro normale pratica quotidiana. Una scuola percepita come in forte difficoltà, in cui il ruolo dell'insegnante è spesso frustrato anche nelle sue migliori aspirazioni, sia come figura sociale sia come retribuzione economica. In un simile contesto quello che accade copre una vasta gamma di reazioni: ci sono insegnanti che si dichiarano felici di avere "il mondo in classe" e altri che tendono ad annullare se non a non voler percepire la diversità culturale, nè come problema nè come valore aggiunto.
[ leggi ][ commenta
La proposta di Panini
Flc Cgil scuola - 17-02-2006
"La FLc Cgil chiede alle forse politiche di impegnarsi a cancellare tutti i provvedimenti di questo governo su scuola, università e ricerca. Lascio a chi conosce i ferri del mestiere di decidere la tecnica più efficace per cancellarle, ma non delegherò mai la decisino circa il se ed il per che cosa. E' il tempo della discontinuità. Per noi infatti la cancellazione dei provvedimenti governativi su scuola, università e ricerca deve accompagnarsi subito ad alcune scelte programmatiche precise, anche in grado di parlare dell'utopia."

[ leggi ][ commenta
Forum ricerca e università - la proposta di legge DS
Arcoiris TV - 16-02-2006
L'Autorità per la valutazione del sistema delle Università e della Ricerca", presentata a Milano in occasione del "Forum Ricerca e Università" la proposta di legge dei DS per gli atenei. Tra i partecipanti i parlamentari ds Luciano Modica, Walter Tocci, Andrea Ranieri responsabile scuola del partito e Gianfelice Rocca, vice presidente di Confindustria.

[ leggi ][ commenta
Crocifisso, Consiglio di Stato respinge ricorso per rimozione simbolo
IGN cronaca - 16-02-2006
La presenza del crocifisso nelle scuole torna al centro del dibattito. Oggi, infatti, il Consiglio di Stato ha emesso una sentenza (numero 556), con la quale ha respinto il ricorso di una cittadina finlandese che aveva chiesto che fosse rimosso il crocifisso affisso nella scuola media di Abano Terme, in provincia di Padova, frequentata dai suoi figli.

[ leggi ][ commenta
Studiate su quel testo di Hitler
Repubblica - 15-02-2006
I monologhi di Hitler adottati come testo scolastico. È quello che accade in un liceo romano, il Lucrezio Caro, nei pressi del quartiere "bene" della città, i Parioli. La professoressa di storia e filosofia della classe V f, Angela Pellicciari, per approfondire lo studio delle dittature del Novecento, ha indicato ai suoi studenti la via delle "fonti dirette": dai discorsi di Mussolini al Manifesto di Karl Marx. E già c'erano state varie perplessità fra gli alunni. Ma quando per affrontare il nazismo ha chiesto ai ragazzi l'acquisto di un libro scritto di pugno da Hitler, "Le conversazioni segrete" (che raccoglie i monologhi privati del Fürer con i suoi ospiti nel quartier generale di Rastenberg e poi in quello di Vynica, dal '41 al'44) pubblicato dall'editore nero Franco Freda (imputato per la bomba stragista del '69 a piazza Fontana, a Milano), s'è levata la reazione sdegnata non solo dei liceali ma anche di un folto gruppo di genitori, che ha denunciato le iniziative della docente al preside Riccardo Orlanducci e al ministero.

[ leggi ][ commenta
Proposta di mozione
Cobas Scuola - 14-02-2006
Il D.M. 775/2006, che anticipa la possibilità di sperimentare la riforma delle superiori all'anno scolastico 2006-07 costituisce l'ennesimo tentativo del Ministro di imporre la propria "riforma", non rispettando quanto previsto dallo stesso articolo del D.Lg.vo n. 226/2005, che impegnava il MIUR a non avviare sperimentazioni fino a quando non avesse completato l'iter normativo di propria competenza (in particolare, tabelle di corrispondenza tra vecchie e nuove classi di concorso) e non rispetta neanche il patto con le Regioni , che avevano espresso il parere obbligatorio - tra l'altro negativo - solo con l'esplicita previsione di rinviare al 2007-2008 l'applicazione anche sperimentale del decreto...Per le suesposte motivazioni il Collegio dei docenti del...
RESPINGE la proposta di sperimentazione.

[ leggi ][ commenta
Presentato il programma dell'Unione
La Tecnica della scuola - 14-02-2006
Autonomia e obbligo scolastico a 16 anni sono i due punti cardine del programma. Bonino e Boselli (Rosa nel pugno) in disaccordo sulla questione della scuola paritaria; Rifondazione insiste per l'obbligo a 18 anni. Ranieri (DS): "L'accordo è solido".
[ leggi ][ commenta
Dispersione scolastica una Puglia da vergogna
Repubblica Bari - 13-02-2006
Nella più assordante indifferenza dell´opinione pubblica, l´Ufficio scolastico regionale ha "annunciato al mondo" che sono oltre quarantamila gli abbandoni scolastici in Puglia, monitorati nel 2004: un´intera città come Molfetta o Altamura o Bitonto accecata dai circuiti scolastici della cultura e della conoscenza e quindi da ogni possibilità di autonomia personale, umana, sociale, lavorativa, professionale e di benessere. Parallelamente i procuratori di tutti i tribunali di Puglia segnalano con allarme il debordante fenomeno dell´arruolamento dei minori da parte delle cosche malavitose nelle attività delinquenziali a tutti i livelli. I due fenomeni sono organicamente correlati e segnalano, con tutta evidenza e per la parte rilevante di propria responsabilità, il fallimento plateale dell´istituzione scolastica italiana.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Italiani brava gente
Sergio Muzzupappa - 18-02-2006
 libri 
È questo uno dei falsi miti della storia d'Italia del Novecento cui da anni si sta dedicando la storiografia più impegnata del nostro paese con risultati spesso degni di attenzione. In questo indirizzo di ricerca è oggi disponibile sul tema del razzismo fascista l'ampio volume Giovanni Preziosi e la questione della razza in Italia, appena pubblicato da Rubbettino a cura di Luigi Parente, Fabio Gentile e Rosa Maria Grillo.
[ leggi ][ commenta
Abu Graib: le immagini di nuovi abusi
Agenzia Reuters - 17-02-2006
 NO WAR 
"Le nuove immagini hanno riacceso la lunga sofferenza iniziata con l'occupazione dell'Iraq . Mi ha fatto arrabbiare profondamente, mi ha pugnalato al cuore vedere il mio popolo pagare per nessuna buona ragione", ha detto un insegnante iracheno, Hanan Adeeb, di 34 anni.

[ leggi ][ commenta
Nasce la prima web radio scolastica italiana
Carmelo Ialacqua - 16-02-2006
 comunicato 
Si chiama RadioTuttiFermi ed è la radio sul web dei docenti e degli studenti del Liceo Scientifico Statale "E. Fermi" di Ragusa. Si tratta del primo esempio nazionale di una radio che trasmette in podcasting, cioè attraverso documenti audio che possono essere ascoltati direttamente sul sito web, oppure scaricati sul computer e quindi nel proprio ipod (o similare).
[ leggi ][ commenta
Migliaia di lavoratori a Strasburgo contro la Bolkestein e la Koalition
Liberazione - 16-02-2006
 pianeta 
C'è tutto, a Strasburgo. Tutto tranne una cosa: la convinzione di essere fuori pericolo. Hai voglia a dire che grazie al compromesso raggiunto fra popolari e socialisti (e che domani sarà votato in plenaria) la Bolkestein non è più quel mostro da perderci il sonno. Prova a dirlo, a quei lavoratori, che senza il principio del paese d'origine il dumping sociale è stato sbattuto fuori. Non è che non ci credono. E' che hanno un'altra idea d'Europa, che al centro non abbia il mercato, ma lo stato sociale.

[ leggi ][ commenta
Ridere, ridere, ridere, ridere
Ilaria Ricciotti - 15-02-2006
 ilforasacco 
Vogliamo diventare donne ed uomini famosi e potenti?
Seguiamo il consiglio di un GRANDE che se ne intende!
Manuale per diventare donne ed uomini di successo.

[ leggi ][ commenta
La scienza della hit parade
Galileo - 14-02-2006
 sociale 
Perché è così difficile prevedere il successo su un mercato culturale, come quello musicale, cinematografico o editoriale? Perché anche chi è esperto è pagato profumatamente per farlo spesso non ci riesce? Secondo una ricerca sociologica recente buona parte della spiegazione può stare nel fatto che gli individui non prendono decisioni in modo del tutto indipendente, ma sono influenzati dal comportamento degli altri in modo imprevedibile, facendo passare in secondo piano la pura "qualità" del prodotto.
[ leggi ][ commenta
Agenda politica
Cidi Napoli - 14-02-2006
 incontri 
Il CIDI di Napoli invita il mondo della scuola (e non solo) al dibattito che si terrà presso il Liceo Classico "A.Genovesi" - Piazza del Gesù - Napoli. giovedi 23 febbraio alle ore 16,30
AGENDA POLITICA: PRIMA DI TUTTO, LA SCUOLA.
Ne discutono:
CHIARA ACCIARINI, Commissione Cultura Senato
GRAZIELLA PAGANO, Commissione Cultura Senato
ALBA SASSO, Commissione Cultura Camera dei Deputati
ADRIANA TOCCO, Consulente Ass. Istruzione e Formazione Regione Campania.
[ leggi ][ commenta
La matematica questa sconosciuta
Repubblica - 13-02-2006
 curiosità 
Caro Augias, alcuni flash da programmi Tv. Giorni fa Lucia Annunziata e Sandro Curzi si sono interrogati a lungo nel vano tentativo di trasformare in ore il mostruoso numero di secondi (circa 30 mila) di presenza in TV di Berlusconi negli ultimi giorni. Entrambi ignoravano che si deve dividere il totale per il numero di secondi di cui si compone un'ora, cioè 3.600. Ancora, Gianfranco Fini da Fabio Fazio confessa candidamente di non conoscere la nozione di derivata!

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Il grande cortile
A partire dalla lotta contro la realizzazione del Tav la Val di Susa ha maturato le caratteristiche di un laboratorio politico e di democrazia; in questi giorni, illuminata dai riflettori internazionali delle olimpiadi invernali, si propone come sede per un confronto ampio all'interno del percorso verso un'altro mondo possibile.


f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005

  Newsletter precedente Newsletter successiva