Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 05/02/2006 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 05/02/2006
raccontiscaffali

Sommario

DAI PALAZZI

Sulle 270 pagine del programma di Prodi

di Lorenzo Picunio
270 pagine di....
di Patrizia Tanda
Incontro con l'UNIONE
di Comitato per la Scuola della Repubblica
L'abrogazione delle leggi Moratti crea un vuoto legislativo? Disinformazione!
di Corrado Mauceri

AGGIORNAMENTO SULLA RIFORMA

La Moratti firma il decreto per l'avvio della sperimentazione

di Alba Sasso
Innovazione... a colpi di piccone!
di Maurizio Tiriticco
Fermate e non firmate le pagelle
di Arturo Ghinelli

DENTRO LE SCUOLE

Una vertenza emblematica

di Lucio Garofalo
27 gennaio: primo stipendio dell'anno?
di Virginia Mariani
Quota 25. Non uno di più
di Miha
Vertenza ATA all'8° circolo di Andria
di Gilda Unams

ORIZZONTI

Scuola e mercato nel mondo globalizzato: terza puntata

di Roberto Renzetti
Libri da non perdere
di Arturo Ghinelli
Ciao Cynthia ... la terra ti sia lieve
di Radio Città Aperta

SCINTILLA

Forzatamente ignavi

di Matteo Pati
Una risata ci seppellisce
di Giulia Gamba

ESPERIENZE

Alle nove del mattino

di Vincenzo Andraous
Un obiettivo in più, per il long life learning
di Anna Pizzuti


Consulta qui altre rassegne


Sulle 270 pagine del programma di Prodi
di Lorenzo Picunio

Ci sono due "no" espliciti ed importanti, entrambi legati a temi del lavoro: il no alla legge 30, e quello alla Bossi-Fini nella parte riguardante la non regolazione del mercato del lavoro extracomunitario. C'è anche un no alla controriforma Moratti della scuola, espresso in forma articolata e ricco di contenuti positivi: non è detto chiaro - e ci sarebbe voluto - "No alla riforma Moratti", ma si è ben lontani dalle dichiarazioni di Rutelli e Bersani sulla "scuola che non va cambiata una volta ogni tre anni". Cosa manca quindi ? Mancano alcuni punti di chiarezza...


270 pagine di....
di Patrizia Tanda

Caro Professore,
Lei ha proposto iniziative quali quella delle primarie che hanno evidenziato da parte dei Cittadini di questo Stato la voglia di esserci, di partecipare in concreto alla politica del Paese, o la fabbrica, dove in teoria vengono accolti i contributi di coloro che intendono avere un ruolo nella costruzione del programma dell'Unione. La mia modesta impressione è che il tutto sia "aria fritta".


Incontro con l'UNIONE
di Comitato per la Scuola della Repubblica

Nel corso dell'incontro i rappresentanti delle forze politiche hanno tutti confermato l'impegno per l'immediata abrogazione delle Leggi Moratti; negli interventi è stato però evidenziato che se l'abrogazione immediata delle Leggi Moratti è necessaria, non è sufficiente; è difatti necessario avviare un percorso condiviso per una riforma alternativa alla politica scolastica delle destre. In questo senso il documento predisposto dal Tavolo nazionale dell'Unione nel corso degli interventi è stato giudicato negativamente.


L'abrogazione delle leggi Moratti crea un vuoto legislativo? Disinformazione!
di Corrado Mauceri

L'argomento del vuoto legislativo è una solenne idiozia; chiunque sa che in un ordinamento giuridico non si può configurare un vuoto legislativo; in ogni caso la proposta di abrogazione immediata delle leggi Moratti prevede esplicitamente il ripristino della normativa del T.U. 1994, abrogata dalle leggi Moratti; quindi in nessun modo è configurabile alcun vuoto legislativo.


La Moratti firma il decreto per l'avvio della sperimentazione
di Alba Sasso

Il ministro Moratti, come riferito dalle agenzie di stampa, ha firmato il decreto per l'avvio della sperimentazione della riforma delle scuole superiori. E questo nonostante una legge che, facendo salva l'autonomia delle scuole, sospendeva la sperimentazione stessa. Questa destra, insomma, non solo non rispetta i capisaldi costituzionali, non solo stravolge le più elementari regole della democrazia, ma non tiene neanche conto dei provvedimenti legislativi da lei stessa promulgati.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Innovazione... a colpi di piccone!
di Maurizio Tiriticco

Così il Miur ha potuto giocare in casa. Zitto zitto, si è fatto un decretino in data 28 dicembre 2005, citato tra i visti del Progetto Nazionale di Innovazione, con cui si sono definite le tabelle di confluenza e di corrispondenza da un ordinamento all'altro. Ma è un decretino che non ha numero, che non c'è in Gazzetta e checchissaddovesta! Il coniglietto che esce dal cilindro dell'illusionista! E poiiiii... escono tanti bei fazzolettini... quelli di tanti colori che non finiscono mai... ma certo! Sono le richieste delle scuole... quante... quante... tutte desiderose di mettersi al passo, di sperimentare, di innovare... Ma innovare che cosa? Su quale base? Con quale prospettiva?


Fermate e non firmate le pagelle
di Arturo Ghinelli

Genitori fate molta attenzione alle pagelle che firmate in questi giorni, perché firmando vi renderete complici di un illecito. Infatti il portfolio, la pagella della Moratti per intenderci, è illegale. Lo ha stabilito il 1° febbraio una sentenza del TAR del Lazio che ha dichiarato illegittima la Circolare ministeriale n°84 del 2005 per due motivi:
-per aver violato la privacy con dati sensibili ,quali le biografie degli alunni,senza prima darsi un regolamento come aveva chiesto il Garante l'estate scorsa.
-per aver inserito, tra le materie curricolari, l'insegnamento dell'ora di religione, disciplina, invece facoltativa come stabilito del Concordato.
Che fare?


Una vertenza emblematica
di Lucio Garofalo

Emerge, nell'Istituto Comprensivo di Sant'Angelo dei Lombardi, un'antitesi tra due opposte concezioni della cultura, dell'educazione, del diritto all'istruzione. Da un lato si colloca una linea burocratica e verticistica, che confonde un ambiente educativo e di apprendimento quale la scuola, con un'azienda o, peggio ancora, con una caserma; dall'altro lato si contrappone una visione più aperta, elastica, più democratica e più attenta alle istanze della collegialità e ai bisogni reali della comunità scolastica e sociale, formata dalle nuove generazioni e dalle famiglie, oltre che dai lavoratori della scuola.


27 gennaio: primo stipendio dell'anno?
di Virginia Mariani

E quest'anno, come si sa e per i motivi che si conoscono, pure corposo come quello sempre molto atteso di dicembre.
La sto buttando sul ridere, ma proprio non ce n'è...
e davvero non me l'aspettavo!


Quota 25. Non uno di più
di Miha

Sono appena scaduti i termini per l'iscrizione degli alunni a scuola per il prossimo anno scolastico ed è in arrivo l'onda lunga demografica del 2000.
Vista la tendenza già in atto da alcuni anni di costituire illegalmente classi con oltre 25 alunni si invitano tutte le RLS, le RSU, le organizzazioni sindacali, i docenti e i genitori a richiedere il rispetto della legge inviando la lettera che proponiamo alle istituzioni competenti.



Vertenza ATA all'8° circolo di Andria
di Gilda Unams

Ben otto collaboratori scolastici (ATA) hanno citato, innanzi al Collegio di Conciliazione della Direzione Provinciale del Lavoro di BARI, la Dirigente scolastica di una scuola elementare di Andria per la violazione e la falsa applicazione dell'art. 47 del CCNL 2002/05 per omessa attribuzione e/o retribuzione per incarichi specifici comportanti maggiore rischio, disagio e responsabilità a decorre dall'a.s. 2001/02. Lamentano infatti di essere stati utilizzati in compiti e mansioni non rientranti nel profilo di appartenenza che comportano - invero - una ingiustificata maggiore onerosità delle proprie prestazioni lavorative, un sovraccarico lavorativo, rischio e disagio, maggiore responsabilità ed onerosità del rapporto di lavoro.



Scuola e mercato nel mondo globalizzato: terza puntata
di Roberto Renzetti

Alcuni anni fa, si tentava di modificare la scuola pubblica al fine di metterla in grado di preparare direttamente per le professioni. Oggi le cose sono più rozze: si mette in discussione la scuola pubblica, la sua utilità ed i suoi costi. Si teorizza una scuola pubblica semplificata per tutti a fronte di scuole specialistiche e private per coloro che servono direttamente al mondo della produzione. I liberisti assimilano in modo semplicistico la scuola a qualunque altra impresa, con il suo dovere diventare competitiva, visto che il mercato lo è.



Libri da non perdere
di Arturo Ghinelli

Nelle prime ventiquattro pagine della sua "Lettera a un insegnante" Vittorino Andreoli mette le mani avanti per cercare di togliere ogni dubbio sul fatto che questo suo sia l'ennesimo libro contro gli insegnanti e, a mio parere, ci riesce. Infatti era molto tempo che non mi capitava di trovare un non addetto ai lavori fare le affermazioni che l'autore fa nel preambolo della sua lettera.
Nel loro "Prima di tutto la scuola" Chiara Acciarini ed Alba Sasso affrontano la discussione sul rinnovamento della nostra scuola partendo da qualche certezza e da qualche speranza. Non ringrazierò mai abbastanza le autrici per il loro lavoro; perché, a questo punto della sua storia, la scuola italiana aveva bisogno proprio di questo.


Ciao Cynthia ... la terra ti sia lieve
di Radio Città Aperta

Per chi come i compagni di una radio sono costretti quotidianamente ad usare le parole come forma di comunicazione, dover parlare in una giornata come oggi, dover trovare le parole giuste è una impresa dolorosissima e costosa.
Vogliamo partire da alcune parole chiare: morire è sempre ingiusto, ma volendo usare le parole di Mao Tse Tung, vogliamo dirvi che ci sono "morti che pesano piume e morti che pesano come montagne".
Oggi dobbiamo fare i conti con una morte - quella di Cynthia - che per noi
pesa molto più di una montagna.


Forzatamente ignavi
di Matteo Pati

Intimidazione e censura. Questo il binomio cui si può ridurre la strategia politica del preside dell'istituto V. Gambara, Graziano Melzani. Tutte le iniziative studentesche vengono boicottate da questo preside, detentore di un potere che va oltre quello istituzionale, con circolari e annunci all'interfono intimidatori, fotografie durante le manifestazioni e interrogatori agli studenti. In occasione della recente occupazione, alcuni ragazzi sono stati più volte chiamati in presidenza dove, al cospetto del preside e di parte del corpo docente e del personale scolastico, hanno subito interrogatori singoli. Sembra surreale ma, come ci hanno riferito gli studenti interessati, è realtà, e non era neanche la prima volta. È questo, dicono, il modo con cui vuole dividere gli studenti, disincentivarli dalla partecipazione politica a scuola.



Una risata ci seppellisce
di Giulia Gamba

Di fronte ad un movimento che afferma la necessità di una resistenza contro «l'autoritarismo, la burocratizzazione e l'evidente e onnipervadente ottusità pomposa della società politica» il potere sceglie la via della repressione, della difesa dell'ordine, sicuro di vincere perché gioca in casa, senza considerare che ciò che è stabilito non è per ciò immutabile, soprattutto per chi grida «L'immaginazione al potere».


Alle nove del mattino
di Vincenzo Andraous

Alle nove di un qualunque mattino di una scuola superiore, uno studente del 1° anno è stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso: diagnosi, coma etilico.
Il Preside dell'Istituto mi ha invitato a dare un contributo con la mia testimonianza.
Mi sono recato all'appuntamento con angoscia, di fronte a un episodio davvero grave; la sensibilità della parola deve camminare con la responsabilità del confronto.



Un obiettivo in più, per il long life learning
di Anna Pizzuti

Carlotta (nome inventato, ma la scelta non è casuale) l'avevo notata fin dalle prime lezioni: spontanea e viva, attenta e spiritosa. "Potete anche bocciarmi, se non imparo, ma essere qui, con voi, è già un regalo bellissimo" aveva esclamato una sera, dopo avermi consegnato un testo nel quale si descriveva da bambina e nel quale raccontava di quando, in prima elementare, era stata bocciata veramente, su richiesta del padre alla maestra: doveva arrivare, a scuola, il fratello minore ed il padre voleva risparmiare sull'acquisto dei libri. Un'esperienza che l'aveva segnata, della quale, ancora, si vergogna.



 

Brevi di cronaca
Intervista a Fausto Bertinotti (PRC) su scuola, universita' e ricerca
Territorio scuola - 04-02-2006
Onorevole Bertinotti, le pseudo-riforme Moratti non vanno bene, lo constatiamo tutti (o quasi). Quali priorita' propone P.R.C. in materia di scuola, universita' e ricerca?

Innanzitutto, noi siamo per l'abrogazione della riforma Moratti. Al tempo stesso, però, riteniamo che non si debba tornare alle proposte di Berlinguer ( il ministro precedente ). Le due ipotesi di riforma, infatti, al di la' di alcune significative differenze, sono caratterizzate da due idee di fondo che noi consideriamo profondamente sbagliate: la canalizzazione precoce e l'integrazione tra istruzione e formazione professionale.

[ leggi ][ commenta
Classi superaffollate? No grazie!
Legambiente news - 03-02-2006
Sarà questa la risposta che le scuole daranno dal prossimo anno scolastico?
Si sono chiuse il 25 gennaio le iscrizioni per il 2007/08. I primi numeri sembrano confermare l'aumento progressivo di alunni alla scuola elementare (dovuto anche all'anticipo scolastico) e una fuga verso i licei a scapito di tecnici e professionali, effetto negativo derivante dalla riforma del 2° ciclo.
[ leggi ][ commenta
Il Tar accoglie il ricorso dei Cobas
Cobas della scuola - 03-02-2006
Il TAR del Lazio ha dato ragione ai Cobas e ai coordinamenti genitori/insegnanti che in questi mesi avevano già impedito nella grande maggioranza delle scuole l'applicazione, annullando l'illegalità morattiana ed intimando al Ministero di revocare la circolare 84 del 10 novembre e di emanare nuove circolari conformi alla normativa pre-esistente.
Da ora in poi, quindi, gli organi collegiali possono deliberare l'adozione della scheda di valutazione con i curricoli previsti dai programmi dell'85 per le elementari e del '79 per la media. Su questo oggi, 3 febbraio, alle 11 si terrà una conferenza stampa a Via delle Vergini, nell'aula dei gruppi parlamentari del Comune di Roma. Saranno presenti esponenti Cobas, gli avvocati e i ricorrenti ( genitori, docenti ed ATA).
[ leggi ][ commenta
I giovani e la Storia del XX secolo
Repubblica - 02-02-2006
Cosa fece Muzio Scevola lo sanno bene; quale furono le vicissitudini dell'impero romano pure; conoscono i protagonisti delle crociate e la politica del Barbarossa; e se la cavano con date e personaggi più o meno fino alla Grande Guerra. Ma poi cominciano i problemi: e per ricordare come è morto il magistrato Giovanni Falcone o quello che è successo in Somalia alla giornalista Ilaria Alpi i ragazzi italiani fanno riferimento alle fiction viste in tv.

[ leggi ][ commenta
Bomba carta in un istituto scolastico di Napoli
Gennaro Capodanno - 02-02-2006
Finalmente dalla struttura elefantiaca della scuola pubblica emerge qualche sussulto e qualcuno comincia a denunciare i tanti misfatti, atti delinquenziali, che avvengono quotidianamente all'interno dei plessi scolastici. In verità lo studente dell'IPIA " De Meis" di Napoli che, con gesto criminale, ha fatto esplodere un grosso petardo nella tromba delle scale causando uno spostamento d'aria talmente violento da costringere una bidella a ricorrere alle cure dei sanitari per trauma acustico è l'emulo di altri piccoli delinquenti che nei giorni scorsi in un altro istituto scolastico superiore del Vomero hanno fatto esplodere ben due bombe carta nei corridoi, con effetti talmente violenti che il dirigente scolastico ha dovuto far intervenire i carabinieri.
[ leggi ][ commenta
A rischio la sopravvivenza delle scuole
ANP - 01-02-2006
Cominciano ad arrivare alle scuole le disposizioni per la formazione del bilancio 2006. E, con esse, una conferma: non c'è futuro per la qualità dell'istruzione e per l'autonomia sancita dalla legge.
I tagli rispetto al 2005 variano da regione a regione, ma non sono mai inferiori al 25%, con punte anche del 50%.
Il progressivo impoverimento delle scuole ha avuto inizio nel 2002 e si è rinnovato ad ogni esercizio finanziario. Fatto 100 il 2001, si è scesi a 80 nel 2002, a 64 nel 2003, al 51 nel 2005. Con i nuovi tagli, i più fortunati scenderanno al 30%, nell'arco di quattro anni.
[ leggi ][ commenta
Sperimentazione del 2° ciclo. Che cosa dice il decreto
Tuttoscuola - 31-01-2006
Tuttoscuola e' in grado di anticipare i contenuti del nuovo decreto ministeriale sulla sperimentazione del secondo ciclo che partira' tra 7 mesi. Il testo e' stato firmato dal ministro Moratti, come da lei stessa annunciato domenica 29 a margine della terza conferenza di Catania sullo spazio euromediterraneo, ed e' destinato a gettare olio sul fuoco delle polemiche tra il governo nazionale e le Regioni, che dopo aver chiesto e ottenuto lo spostamento della data d'avvio della riforma al 1° settembre 2007, vengono ora "by-passate" da questo provvedimento.

[ leggi ][ commenta
Inghilterra - A scuola proibite le mani alzate
Repubblica - 30-01-2006
«Niente mani alzate », siamo a scuola, non è una rapina, se non all´ego di chi vi siede vicino. Che potrebbe offendersi, deprimersi, sprofondare in un mutismo nient´affatto pedagogico. Il cartello col singolare divieto di astenersi dalla naturale esplosione di «io, io, io » quando si conosce la risposta alla domanda dell´insegnante è affisso in tutte le aule del liceo Jo Richardson di Dagenham, a est di Londra.

[ leggi ][ commenta
Spese per Internet e per il materiale di pulizia
Anci - 30-01-2006
Con una nota indirizzata al Miur e al Ministero dell'Interno e per conoscenza anche alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, l'Avvocatura dello Stato, ha espresso un parere su due tematiche sempre calde nel rapporto tra scuola ed Enti Locali.
[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Lo scontro tra due civiltà che si sentono deboli
Liberazione - 04-02-2006
 opinione 
Penso che la vicenda delle vignette, nella sua paradossalità, c'entri molto con lo scontro di civiltà. E' indubbio che nelle vignette pubblicate in Danimarca, poi in Norvegia e ora in mezza Europa, ci fossero elementi di insulto verso il profeta dell'Islam. Quei disegni, un po' goffi, suonavano - e suonano - come fortemente offensivi per la sensibilità religiosa di quel mondo. C'è in quelle vignette un significato e, credo, una intenzione razzista. Per la sensibilità della cultura islamica, disegnare il profeta come un terrorista è una grandissima offesa. Come, per la cultura cattolica è la bestemmia. Ve lo immaginate un giornale italiano - non satirico - che pubblichi, magari in prima pagina, un titolo che contiene una bestemmia? Un insulto a Dio, o alla Madonna, o a Gesù? Non è mai successo.

[ leggi ][ commenta
La salute del pianeta - Intrecci 2005
Arcoris Tv - 04-02-2006
 pianeta 
Come ogni anno alla tenuta di San Rossore alle porte di Pisa la Regione Toscana invita a un momento di riflessione sui grandi problemi del millenio.
La salute nel, e del, pianeta, è stata affrontata sia nei suoi aspetti ambientali generali, sia nei suoi riflessi nella vita quotidiana, tanto positivi quanto negativi, da relatori tanto italiani quanto africani, asiatici e americani.

[ leggi ][ commenta
Cindy Sheenan è stata arrestata
Collettivo bellaciao - 03-02-2006
 donne 
E' successo mentre si trovava fuori dal Congresso ed aspettava Bush dopo la fine del suo discorso sullo Stato dell'Unione. Dobbiamo mobilitarci quanto prima per denunciare quanto accaduto e organizzare iniziative per sostenere Cindy. Di Seguito troverete la traduzione in italiano del comunicato stampa rilasciato dall'organizzazione Gold Star Families for Peace, creata dalla stessa Cindy, con maggiori dettagli. Il comunicato stampa è stato scritto da Beatriz l'amica che accompagnava Cindy nel giro italiano di due settimane fa e che molte di noi hanno incontrato. (Luisa Morgantini)
[ leggi ][ commenta
La tredicesima solo a metà...
CUB Scuola Torino - 03-02-2006
 incontri 
La qualità del lavoro è fatta anche da non scoprire vicino alla scadenza che il tuo stipendio (o la tua tredicesima, che è parte del stipendio), non c'è, o ce n'è solo una parte, o che arriverà uno o due mesi dopo. E' fatta da non dover ricorrere a prestiti dai parenti (i più fortunati) o da una banca (pagando gli interessi) perché non ci sono i soldi che hai guadagnato con il tuo lavoro e che ti servono per pagare il mutuo della casa o l'assicurazione o il riscaldamento. A Torino l'8 febbraio un presidio per ricordarlo.

[ leggi ][ commenta
Modifiche al codice penale in materia di reati di opinione
La costituzione - 02-02-2006
 diritti 
Il titolo è assolutamente fuorviante e non indica il reale contenuto della legge che, infatti, è solo un abbassamento generalizzato delle pene per i seguenti reati: razzismo, i più gravi reati contro le istituzioni democratiche (GOLPE compreso!),
promozione, costituzione, organizzazione, direzione di associazioni sovversive,partecipazione ad associazioni sovversive, vilipendio ed offesa ai simboli delle istituzioni democratiche, offesa alle religioni , offesa a luoghi ed oggetti di culto.
[ leggi ][ commenta
Fondo con beffa
Galileo news - 01-02-2006
 curiosità 
Da programma di eccellenza per la ricerca a ennesimo paradosso tutto italiano. Il Firb, Fondo per gli investimenti della Ricerca di Base, presentato dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur) come lo strumento principe per la cooperazione scientifica e tecnologica con università e istituti di prestigio come la Harvard Medical School, l'Università della California o la Hebrew University, ha deluso le aspettative. Almeno quelle dei tanti ricercatori che ne sono rimasti esclusi.

[ leggi ][ commenta
Rivoluzioniamo la scuola
Ben Sidoti - 31-01-2006
 libri 
C'è un concetto di partecipazione dei genitori a scuola che va recuperato. Vorremmo dire riconsiderato e rilanciato. La controindicazione è che i bambini potrebbero crescere meglio. E questo è solo un bene. L'importante è che i maestri restino maestri e i genitori restino genitori. Ruoli e compiti diversi, in una alleanza educativa però che consente ai ragazzi di essere guidati armonicamente (dai compiti, alla scelta dei libri e delle letture, alle attività extrascolastiche, alle ricerche, agli strumenti necessari per l'attività didattica...)
[ leggi ][ commenta
Marcia di Barbiana 2006
massimo nutini - 30-01-2006
 proposta 
Domenica 28 maggio 2006 si svolgerà la quinta marcia di Barbiana. Anche quest'anno, ci incammineremo "senza bandiere e senza slogan, ognuno col suo passo" per dare più forza a quel movimento pluralista e democratico che esprime passione civile e culturale per migliorare il sistema formativo del nostro Paese. Per la prima volta, in preparazione della marcia, è stato bandito un concorso che invita, quaran'anni dopo, a rileggere Lettera a una professoressa, per promuovere la riflessione sul pensiero di Don Milani e l'attualizzaione delle sue idee.

[ leggi ][ commenta
Primo: abrogare la Moratti; secondo...
Tavolo nazionale Fermiamo la Moratti - 30-01-2006
 comunicato 
Il Tavolo nazionale "Fermiamo la Moratti" invita insegnanti, studenti, genitori, organizzazioni sociali, mondo della cultura, forze politiche a discutere del futuro della scuola italiana. Idee e proposte, dalla scuola e dalla società, per ricominciare a costruire una scuola democratica secondo Costituzione.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Legge di iniziativa popolare per una buona scuola per la Repubblica
Siamo quelle e quelli che nelle scuole hanno resistito negli ultimi tre anni alla controriforma Moratti: genitori, docenti, studenti, ATA, cittadine e cittadini. Abbiamo costituito reti, comitati, coordinamenti. Ci siamo organizzati per difendere quel che ha di buono la scuola pubblica raccogliendo firme, promuovendo manifestazioni, feste, occupazioni, assemblee, convegni e concerti senza dimenticarci mai quel che si può e si deve migliorare. Siamo quelle e quelli che pensano che le leggi e i decreti della Moratti vadano abrogati. Per questo continueremo a resistere difendendo ogni giorno la Scuola della Costituzione.

Forum Italia
Il forum vuole essere un punto di incontro per persone (professori ma anche studenti, turisti, amanti della cucina, ...) che si interessano in qualche modo all'Italia. Un mezzo non commerciale in cui scambiarsi informazioni intorno ad argomenti "italiani" di attualità quali pubblicazioni interessanti, eventi recenti, luoghi, ristoranti, città da vedere in Italia, metodi di insegnamento dell'italiano a livello internazionale...un ambito che sarà essenzialmente 'vostro'.


f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005

  Newsletter precedente Newsletter successiva