Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 29/01/2006 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 29/01/2006
raccontiscaffali

Sommario

ORIZZONTI

Si dice che non esistono più le mezze stagioni...

di Virginia Mariani
Berlusconi e i poveri Savoia tornati dall'esilio
di Giuseppe Aragno
Scusate, ma provo disagio
di Alessandro Marescotti
Davos, Svizzera
di Emanuela Cerutti
Imposte di bollo
di Redazione
Gas e dintorni
di Marco Mayer

27 GENNAIO

La shoah a scuola

di Francesco Paolo Catanzaro
Un'esperienza
di Gianni Mereghetti
Dimenticanze
di Virginia Mariani
Un giorno
di Ilaria Ricciotti

DIBATTITO

Tuttoscuola risponde a Tiriticco

di Tuttoscuola
Strategie intelligenti e scatole cinesi
di Giuseppe Aragno

DENTRO LA SCUOLA

Etica del confronto politico

di Francesco Mele
Scuola e mercato nel mondo globalizzato: seconda puntata
di Roberto Renzetti

SCINTILLA

Brescia, studenti denunciati per l'occupazione

di redazione scintilla
L'eredità di Clem
di Giulia Maninetti

IDEE PER LA DIDATTICA

Un percorso didattico di brani antologici

di Laura Tussi


Consulta qui altre rassegne


Si dice che non esistono più le mezze stagioni...
di Virginia Mariani

... ma per i vip è sempre estate!
Ora mio padre, persona sensibilissima, ha il coraggio di chiederci di ridurre ulteriormente la temperatura della nostra abitazione, che in inverno non supera mai i 19 gradi, per risparmiare gas metano così come da nuovo provvedimento governativo.
E non ci sto.....


Berlusconi e i poveri Savoia tornati dall'esilio
di Giuseppe Aragno

Il re è tornato! Urlatelo al mondo: abbiamo riformato la Costituzione perché potesse tornare. E, com'è giusto che sia, ora fa politica. Per ora campagna elettorale per Berlusconi. Poi si vedrà. Quello che conta, per carità, è che non si mettano limiti alla Provvidenza: dopo due repubbliche una monarchia ci starebbe anche bene. Basterà farci l'abitudine e in fondo, per formare un governo, quello che conta è giurare.


Scusate, ma provo disagio
di Alessandro Marescotti

Scusate, ma io provo disagio - come insegnante - a constatare che la missione educativa di don Milani è finita, che io sono un illuso, e che il sacro dovere di dare una formazione culturale ai figli dei lavoratori per fare di loro "classe dirigente" è un'idea ormai morta e sepolta. Temo di capire ormai tutto il gioco. E ne provo imbarazzo. Perché mi chiederete il voto in nome di quegli ideali di giustizia per cui don Milani insegnava i più poveri a leggere e a scrivere.


Davos, Svizzera
di Emanuela Cerutti

Ci sono cose che cambiano e cose che restano uguali.
Quello che non cambia, a Davos, è lo spirito della manifestazione, voluta nel 1971 da un economista tedesco: trovare una base comune tra gente interessata agli affari.
Quello che cambia è il mondo: "la mondializzazione ha trasformato Davos, piccolo negozio in cui gli economisti cercavano idee innovatrici, in un ipermercato delle celebrità".
Eccola, l'idea, innovatrice: non si possono escludere le nuove tendenze da un Forum che si rispetti ed i noglobal sono invitati ai cocktails. Non si perdono le buone occasioni, a costo di perdere manciate di significati.


Imposte di bollo
di Redazione

A partire dal 1 febbraio 2005, l'imposta di bollo trimestrale applicata per legge sul conto corrente è passata da 6,39 euro a 8,55 euro.
Tale addebito è imposto dallo Stato mediante Decreto Legge del 31/01/05 ed applicato dalle Banche a tutti i conti correnti (naturalmente la cosa è passata senza che se ne sapesse nulla, o forse sarebbe più corretto dire "nella generale indifferenza", occupati come siamo a seguire partite di calcio e/o gossip, grandi fratelli, fattorie, isole, ed altri programmi intellettuali vari).


Gas e dintorni
di Marco Mayer

In Toscana il dibattito politico ristagna, la vita dei partiti appare molto gracile e priva di dinamismo, la stasi e l'involuzione della politica pesano negativamente sulla società toscana proprio nel momento in cui la crisi ed i crescenti processi di globalizzazione reclamano il coraggio di scelte fortemente innovative. Per rilanciare le attività imprenditoriali e riacquisire competitività, per affrontare le questioni sociali legate ai nuovi flussi migratori ed all'invecchiamento della popolazione, per promuovere la ricerca e l'innovazione la politica deve fare la sua parte ed i partiti non possono limitarsi a gestire i precari equilibri di un ceto politico immobile e autoreferenziale.


La shoah a scuola
di Francesco Paolo Catanzaro

La Memoria è accesa sulla barbarie novecentesca del regime nazista, sulle farneticazioni ideologiche e biologiche degli anni trenta e quaranta. Solo il ricordo e l'accesione negli animi dei giovani contemporanei della fiaccola della tolleranza e dell'onestà potrà contribuire a combattere il nuovo antisemitismo e la negazione dell'olocausto che in questi giorni si alligna negli oltranzisti e nei nostalgici del regime.


Un'esperienza
di Gianni Mereghetti

Vorrei raccontare un'esperienza che ho fatto in questi mesi e dalla quale ho ricevuto molto in termini di incremento della mia umanità. Per una mostra che in questi giorni è allestita a Milano, in piazza Duomo, sono entrato in contatto con l'esperienza della Rosa Bianca, quel gruppo di giovani tedeschi che nell'estate del 1942 e nel febbraio del 1943 hanno redatto e diffuso sei volantini per incitare il popolo tedesco a ribellarsi ad Hitler. Per questo gesto vennero catturati, processati, condannati a morte e giustiziati senza pietà.



Dimenticanze
di Virginia Mariani

E pure questa proprio non me l'aspettavo!
Nella mia scuola, una media inferiore o, come con un infelice acronimo bisognerebbe dire secondo l'abroganda riforma scolastica, una SS di I grado, oggi se non fosse stato per la mia caparbietà alle ore 11,45 non sarebbe suonata alcuna campanella e non si sarebbe osservato neanche il minuto di silenzio...
Giornata della Memoria? Dimenticata!


Un giorno
di Ilaria Ricciotti

La storia non dimentica, non tace.
I morti invocano la Vita negata, recisa.


Tuttoscuola risponde a Tiriticco
di Tuttoscuola

Tiriticco non condivide il nostro giudizio sulla posizione pragmatica e moderata assunta dai DS a proposito dell'atteggiamento da assumere nei riguardi della riforma Moratti in caso di vittoria alle prossime elezioni politiche. Essa è invece, a suo avviso, "assolutamente negativa", e "pertanto, sia la legge delega 53 che tutti i decreti delegati che ne sono seguiti, circolari applicative e documenti allegati vanno cancellati, sostanzialmente". Ma è anche quello che pensano i DS?


Strategie intelligenti e scatole cinesi
di Giuseppe Aragno

S'usa di questi tempi puntare molto, o tutto, sull'immagine - che è la moderna maniera di vendere fumo - e su questo terreno la sfida è reale, sicché va dato a Cesare ciò che a Cesare tocca. Al portavoce, in questo caso, tocca riconoscere che, se ha fumo da vendere, lo vende bene. Ha una scuola che ha contribuito a sfasciare - con la sua parte politica s'intende - eppure non si direbbe. Le chiacchiere, vendute bene, producono dividendi da favola e non venitemi a dire che anche questa è finanza arrischiata.
E' vero, unico è il Signore, ma il verbo nuovo al momento è a sinistra e gli ex comunisti, poi cosisti presi da tentazioni papiste, hanno tra i loro iscritti i quattro evangelisti.



Etica del confronto politico
di Francesco Mele

E' veramente penoso che un segretario provinciale utilizzi la calunnia coscientemente per soffocare una voce diversa dalla sua. Penso proprio che a Modena stiamo sfiorando il fondo e la situazione è preoccupante se si pensa che la stessa segretaria provinciale in tempi molto recenti ha abbandonato una contrattazione di istituto dando del "disturbato mentale" ad un RSU ritenuto troppo battagliero, dopo aver provato in mille modi di ridurlo alle dimissioni (sempre la stessa tecnica ...sic!).


Scuola e mercato nel mondo globalizzato: seconda puntata
di Roberto Renzetti

Parlare di Riforma certamente si può. Si possono pensare anche Riforme radicali, sconvolgenti lo stato presente delle cose. Ma, parlando di riforma della scuola, agli addetti ai lavori vengono subito in mente alcune domande ineludibili: che tipo di scuola si vuole costruire in luogo di quella esistente ? per che tipo di società è pensata ? a cosa deve preparare ? come deve farlo ? con quali risorse (in più o in meno) ? A queste domande occorre rispondere subito altrimenti l'operazione annunciata di Riforma è una scatola vuota buona, appunto, per operazioni di bassa politica.
[ leggi (2 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Brescia, studenti denunciati per l'occupazione
di redazione scintilla

Tredici studenti del liceo classico "Arnaldo" di Brescia sono stati denunciati dalla vicepreside e da due genitori per aver occupato la scuola (insieme ad altri trecento) lo scorso ottobre, nel contesto della mobilitazione studentesca nazionale contro la "riforma Moratti" e il ddl sullo status giuridico dei docenti universitari. Studenti, genitori e alcuni insegnanti si stanno muovendo e stanno interpellando il mondo politico, i sindacati, i giornali, per evitare che denunciare i propri studenti mentre esercitano il sacrosanto diritto all'azione politica possa diventare una prassi che si ritiene in qualche modo educativa.

[ leggi (3 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


L'eredità di Clem
di Giulia Maninetti

Clementina Calzari Trebeschi è stata un'insegnante sia di scuola media che di scuola elementare, e poi all'allora istituto magistrale "Gambara". Lì non ha potuto finire l'anno perché è stata uccisa nella strage di piazza Loggia, ma il segno che ha lasciato nelle sue allieve è profondo.


Un percorso didattico di brani antologici
di Laura Tussi

Solitamente la materia scolastica che prevede l'analisi di brani antologici, raccolti negli appositi volumi didattici per l'insegnamento scolastico, viene svolta e spiegata non sempre come un argomento di importanza fondamentale, ma lasciando ad essa quasi una funzione ludica e distensiva e attribuendole connotati ricreativi per gli allievi. Non che tutto questo sia negativo o rappresenti un orizzonte pedagogico da sottovalutare, ma occorre sollecitare sempre i ragazzi con espedienti didattici efficaci e coinvolgenti così da rendere anche la semplice lezione di lettura, di analisi e di sintesi dei brani quale funzioni ed operazioni necessarie all'esplicazione di un'evoluzione cognitiva completa e per favorire uno sviluppo metodologico competente, all'interno di una didattica cosciente e consapevole delle potenzialità dell'allievo.


 

Brevi di cronaca
Giovedì 2 febbraio sciopero del personale Ata contro lo scippo di quanto ci spetta
CUB SCUOLA - 28-01-2006
Come un ladro nella notte, il governo tenta di sottrarre al personale ATA della scuola, transitato dagli enti locali allo stato nel 2000, quanto spetta come riconoscimento del danno subito allora.
Un accordo sciagurato, la cosiddetta temporizzazione, non riconosceva alle lavoratrici e ai lavoratori, come ben sappiamo, l'effettiva anzianità di servizio e comportava una secca riduzione della retribuzione reale.
Oggi la Legge Finanziaria del 2006 pretende di rendere impossibile il recupero, per via giudiziaria, di quanto hanno perso 80.000 lavoratori della scuola a causa di un trasferimento di massa che allora, con l'assenso di CGIL-CISL-UIL e Snals, non prevedeva le risorse per garantire una retribuzione corrispondente a quella che percepivamo in precedenza.
[ leggi ][ commenta
Bentornati al Medioevo
l'Unità - 27-01-2006
Per una volta Berlusconi ha detto il vero: sotto il suo impero l'Italia conoscerà finalmente i poliziotti di quartiere. Ne ha istituiti una sessantina di milioni, ieri mattina alla Camera, con una legge che introduce in Italia la licenza di uccidere per chiunque contro chiunque.
Da domani, per sparare in faccia a qualcuno sarà sufficiente che ci si senta minacciati. E se non t'hanno dato il porto d'armi, la leggina del centrodestra prevede che tu possa ripiegare sul coltello o su qualsiasi altro «mezzo idoneo»: pinze, motoseghe, randelli, attizzatoi, fionde... Una fantasiosa estensione del principio di legittima difesa che ci riporta dritti dritti nel basso medioevo.
[ leggi ][ commenta
Più di 1000 No al programma dell'Unione sulla scuola
foruminsegnanti.it - 26-01-2006
Oltre 1000 insegnanti, genitori, studenti, cittadini e cittadine da ogni parte d'Italia hanno sinora sottoscritto l'appello on line del Forum insegnanti, indirizzato a Romano Prodi e ai responsabili del settore istruzione, per esprimere il loro dissenso riguardo alla bozza di programma dell'Unione sulla scuola e per reclamare l'abrogazione della riforma Moratti.
[ leggi ][ commenta
La Voce sulla scuola
lavoce.info - 25-01-2006
Cronaca di un'altra riforma inattuata, quella della scuola. La risorsa principale di ogni sistema formativo sono gli insegnanti, ma non si e' deciso come remunerarli e non c'e' alcuna programmazione nelle loro assunzioni. Il mezzogiorno e' sempre piu' sfavorito a dispetto dei principi di uguaglianza delle opportunita'. Ci vogliono vere riforme per la secondaria e l'universita' che non possono prescindere dal coinvoglimento economico delle famiglie.

[ leggi ][ commenta
Quando non si conosce il Concordato...
Dedalus - 24-01-2006
Continua il dibattito sulla valutazione della religione cattolica nella scuola pubblica italiana. Com'è noto una circolare ministeriale, la n.84 del 10 novembre 2005, ha inserito nel corpo stesso del documento di valutazione degli alunni la valutazione dell'IRC e delle attività alternative che prima avveniva su scheda a parte. In un precedente articolo abbiamo già riassunto la posizione di Scuolaoggi su questa questione e ad esso rinviamo (vedi "Il vero problema non è il documento di valutazione, è il Concordato!"). Veniamo ora a conoscenza dell'iniziativa presa da Retescuole per opporsi a questo tipo di valutazione.
[ leggi ][ commenta
Il monarca dei bambini
Repubblica Bari - 23-01-2006
Al tempo in cui i bambini andavano a scuola e non si organizzavano in branchi di piccoli criminali, come capita oggi per emanciparsi dalla famiglia, ci spiegano gli studiosi di psicologia e gli specialisti dell´età evolutiva, si studiava la storia su libri leggermente ingenui e con molte illustrazioni: erano disegni colorati, blandi succedanei dei fumetti che, in famiglia, erano appena tollerati. Al tempo in cui i ragazzini si macchiavano di marachelle sconsiderate e non di reati da codice penale, quello adulto e per gli adulti, dai libri di storia arrivavano ammonimenti paternalistici e un po´ patetici, a rileggerli, oggi, con l´ispido cinismo dei grandi.

[ leggi ][ commenta
In arrivo due decreti (forse tre) sul secondo ciclo
La Tecnica della scuola - 23-01-2006
Sono ormai in fase di emanazione due importanti decreti sul secondo ciclo: uno riguarda la quota oraria del 20% per realizzare l'offerta formativa della scuola, l'altro fornisce le tabelle di confluenza dei percorsi attuali in quelli "riformati". Ma si parla anche di un decreto che riapre il discorso della sperimentazione già a partire dal prossimo settembre.

nei commenti il no di tuttoscuola a sperimentazioni elettorali

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Gli Equilibristi - Primo Quadrimestre
Arcoris Tv - 28-01-2006
 teatro 
Lo spettacolo, attraverso un turbinio di situazioni e di gags, propone un ritratto della scuola di ieri e di oggi, la scuola dei debiti e dei recuperi, quella delle merendine flosce e delle prof vampiro, e racconta, dal punto di vista di quattro adolescenti, un universo fatto di emozioni vissute all'eccesso, un mondo dove "o tutto o niente". Il progetto è diviso in due parti, due "quadrimestri", due distinti spettacoli (il debutto del secondo, protagonisti quattro professori, è previsto per l'aprile 2006), che hanno coinvolto nell'arco di un anno di lavoro più di 30 giovani autori-attori-studenti tra i 14 e i 25 anni.
[ leggi ][ commenta
L'urna del Cardinale
l'Unità - 27-01-2006
 espressioni 
Sento di tanto in tanto raccomandazioni a non criticare la Chiesa e le sue indicazioni poiché, secondo queste raccomandazioni, la Chiesa si muoverebbe in un'altra orbita, del tutto spirituale. Purtroppo, non è affatto così. La Chiesa, in maniera addirittura accentuata con il nuovo Papa, ha deciso di muoversi esplicitamente dentro l'orbita della politica. Non ricerca affatto dialogo e dialoganti. Lanci messaggi di sostegno ad alcuni e di distacco critico ad altri. Quanto al centrosinistra italiano ha un dovere politico chiaro e semplice. Deve formulare politiche inclusive che diano risposte concrete e efficaci ai problemi, ai bisogni e alle preferenze di tutta la cittadinanza, senza discriminazioni e senza privilegi.
[ leggi ][ commenta
Incontro pubblico con l'UNIONE
Comitato per la Scuola della Repubblica - 26-01-2006
 incontri 
Lunedì 30 gennaio 2006
Consiglio Regione Toscana Sala "Affreschi"
Via Cavour, 2
Firenze

[ leggi ][ commenta
Report da Bamako
Bg Social Forum - 25-01-2006
 pianeta 
Cinquant'anni dopo, i principi di Bandung sembrano essere un antidoto ancora valido contro la globalizzazione come nuova forma di colonialismo. La pensano così gli organizzatori della Conferenza per la Ricostruzione del fronte del Sud che ha raccolto al Palais des Congrés di Bamako centinaia di intellettuali e attivisti da tutto il mondo con l'obiettivo - come indicato da Francois Houtart del Forum mondiale delle alternative - di passare «dalla costruzione di un consenso collettivo alla costruzione di un attore collettivo».
[ leggi ][ commenta
La voce debole di Bruxelles
Galileo news - 24-01-2006
 diritti 
Schiacciata fra l'esigenza di guardare ai propri interessi economici e quella di sanare la ferita aperta nei rapporti con gli Stati Uniti dallo strappo sulla guerra in Iraq, l'Europa nel 2005 ha mostrato tutta la sua debolezza in fatto di rispetto dei diritti umani. È la triste considerazione che, al di là di alcune considerazioni positive, si evince dalle 544 pagine del Rapporto 2006 dello Human Rights Watch, l'organizzazione statunitense che monitora ogni anno il comportamento di più di 60 nazioni, e che sottolinea "la continua tendenza a subordinare i diritti umani ai diversi interessi economici e politici".
[ leggi ][ commenta
Prima di tutto, la scuola
Aprile on line - 23-01-2006
 libri 
Questo libro è nato dall'idea che occorre affrontare la discussione sul rinnovamento della nostra scuola partendo da qualche certezza e da qualche speranza. Descrivendola com'è realmente, nei numeri e nei dati qualitativi; e non come compare negli spot ministeriali o, al contrario, nella pubblicistica della "scuola allo sfascio". Per delineare poi le prospettive di un cambiamento possibile. Le risorse finanziarie, l'autonomia, il tempo pieno e il tempo prolungato, tutto ciò che è stato di recente messo in discussione, vengono ripensati guardando a un più grande progetto di cui siano protagonisti, primi tra tutti, gli insegnanti e i giovani.
[ leggi ][ commenta
Valenze didattiche dell'ecomuseo
Laura Tussi - 23-01-2006
 curiosità 
Non è semplice definire cosa sia un ecomuseo. Per esporre un quadro su quest'argomento si può partire dalla storia dell'ecomuseologia. Le prime esperienze sono molto recenti e seguono la nuova idea di bene culturale, che è maturata solo da alcuni decenni all'interno delle amministrazioni e in campo politico. Si è abbandonata l'idea comune, che vede il territorio costituito da parti degne di essere valorizzate, come aree monumentali, alternate da parti non degne di speciale impegno. La nuova idea di bene culturale è molto più ampia e comprende tutto il territorio con tutti i segni dell'attività dell'uomo, e consente la tutela e la valorizzazione di tali beni.
[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
DEP
Deportate, esuli, profughe: rivista telematica di studi sulla memoria femminile che nasce nell'ambito del corso di specializzazione post-laurea "Studi sulla cultura delle donne" presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Nonostante il carattere prevalentemente storico che fino ad oggi ha connotato la rivista, non sono mancati i contributi su temi strettamente contemporanei, un campo di studi che intendiamo ampliare nei prossimi numeri.

Rhapsodijatrio
Musica proveniente dall' est europa e dalle culture più affini, dalla yiddish alla tzigana, dall' oriente all' oltremare...
Quanto di quegli echi lontani sarà giunto fino alle nostre piazze - magari portato dai carrozzoni dei guitti itineranti - per influenzare, nel passare dei secoli, il nostro stesso immaginario di popolo italiano?


f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

Direttore responsabile: Luciano Scateni
In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

Registrazione Tribunale di Frosinone n. 324 del 08.07.2005

  Newsletter precedente Newsletter successiva