Newsletter precedente Newsletter successiva  

Fuoriregistro del 18/09/2005 - a.s. 05/06
racconti
f u o r i r e g i s t r o
newsletter del 18/09/2005
raccontiscaffali

Sommario

COSA BOLLE IN PENTOLA?

Disco verde per la Moratti?

di Maurizio Tiriticco
Tutti insieme per l'abrogazione immediata ed una riforma alternativa
di Corrado Mauceri
Tutti contrari ... a parole
di Grazia Perrone
Al Presidente dell'Emilia Romagna
di Bruno Moretto
Aree disciplinari: guerra contro la qualità dell'integrazione
di Salvatore Nocera

IL PRIVATO E IL PUBBLICO

A proposito della scuola araba

di Eliana Mori
Abbasso i terroristi e viva la libertà
di Giuseppe Aragno
La scuola pubblica per il dialogo interculturale
di Fabrizio Dacrema

VOCI DAI CORRIDOI

Riprendendo l'avventura della scuola

di Gianni Mereghetti
... è l'ora di basta!
di Virginia Mariani
A Napoli: classi sovraffollate ed aule inidonee
di Gennaro Capodanno
Io non mi sento italiano... e accuso!
di Stefano Maschietti

ECONOMIE SCOLASTICHE

Quesiti impertinenti

di Grazia Perrone
Se alcune decine di euro vi sembrano poche....
di Cosimo Scarinzi
È il solito sistema: privatizziamo gli utili e pubblicizziamo i costi
di Walter Montorsi

ORIZZONTI

Scusate il pessimismo

di Silvana Vergnano
Giustizia: un sogno realizzabile?
di Augusto Cavadi


Disco verde per la Moratti?
di Maurizio Tiriticco

La scuola non può limitarsi a ringraziare le Regioni se il pericolo incombente (la "riforma" non partirà più dal prossimo anno scolastico) è stato allontanato. Due anni corrono veloci e associazioni professionali e sindacati scuola devono riassumere una iniziativa precisa e mirata, dando corpo alle sparse ma forti voci di una base disorientata e offesa, umiliata per questi lunghi cinque anni dalla notte di provvedimenti assurdi, sconclusionati, scritti male sotto il profilo formale e sotto quello grammaticale, anonimi, assolutamente non all'altezza di quanto negli anni precedenti abbiamo elaborato e varato!

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Tutti insieme per l'abrogazione immediata ed una riforma alternativa
di Corrado Mauceri

Le due proposte sono state ritenute entrambe coerenti con il fine di riportare in ambito costituzionale il sistema formativo italiano stravolto dalla legislazione morattiana.
L'Assemblea pertanto si rivolge al mondo della scuola, alla società civile, alle forze politiche e sindacali per aprire un ampio confronto su queste due proposte e promuovere una forte mobilitazione popolare per favorirne l' approvazione da parte del Parlamento.
Decide inoltre di presentare la proposta di abrogazione urgente ai candidati alle primarie del prossimo ottobre per chiedere loro un preciso impegno a sostenerla e a inserirla nei propri programmi per le elezioni politiche.

[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Tutti contrari ... a parole
di Grazia Perrone

Contro la legge 53 si sono schierate - a parole - tutte le Organizzazioni sindacali e tutte le forze politiche. Eppure è passata quasi in sordina la nota - a firma di Reginaldo Palermo - con la quale La Tecnica della scuola anticipa un'importante presa di posizione delle parti sociali che, di fatto, apre le porte alla riforma Moratti e mette una seria ipoteca (o ... museruola?) al "partito abrogazionista" (chiamiamolo così) che, negli ultimi mesi aveva riempito le piazze.
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Al Presidente dell'Emilia Romagna
di Bruno Moretto

Gentile Presidente, gentile Assessore,
le sottoscritte associazioni che credono in una scuola statale e pluralista, laica e democratica, aperta a tutti ed obbligatoria fino a 18 anni: la scuola della Costituzione e si oppongono alla scuola-azienda e subalterna al mercato, regionalizzata e governata da Ministri ed esecutivi, gerarchizzata e discriminatoria: la scuola della Moratti, ritengono fondamentale l'abrogazione immediata della Legge 53/2003 e dei suoi decreti applicativi.



Aree disciplinari: guerra contro la qualità dell'integrazione
di Salvatore Nocera

Nelle scuole superiori il Ministero ha stabilito che i docenti per il sostegno siano scelti fra quattro aree disciplinari, linguistica, scientifica, tecnologica e psicomotoria. Il criterio di assegnazione di tali aree è evanescente e si presta ai più diversi arbitri.


A proposito della scuola araba
di Eliana Mori

Ciò che solleva la mia indignazione, riguarda le affermazioni dei vari sindaci, presidenti o assessori, che sostengono "l'esigenza di arrivare all'integrazione sì, ma attraverso le scuole statali, e non quelle paritarie che in realtà favoriscono la separazione". Come negare, da maestra delle Stato, questa profonda verità? Tuttavia...
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Abbasso i terroristi e viva la libertà
di Giuseppe Aragno

Non tutte hanno vita facile, non ne dubito - e posso capire chi trova che sia deprecabile - ma scuole cattoliche ce ne sono un po' dovunque. E se questo vuol dire libertà di pensiero, mi pare che sia giusto: dai cattolici mi dividono mille cose, ma il rispetto delle opinioni, di tutte le opinioni è sacro almeno quanto chiese, sinagoghe, templi moschee e divinità. Dove esse non esistono perché non è consentito o perché sono perseguitate è, in linea di principio, vergognoso. Un crimine.


La scuola pubblica per il dialogo interculturale
di Fabrizio Dacrema

L'alternativa morattiana al modello educativo interculturale è la trasformazione della scuola e della società italiana in un condominio di monadi culturali senza né porte né finestre, inevitabilmente destinate a sviluppare pregiudizi, stereotipi intolleranza e ad alimentare tutte le forme di integralismo.
Questa deriva può essere evitata solo puntando sulla scuola pubblica, laica, pluralista e interculturale, perché il più forte antidoto allo sviluppo degli integralismi è l'esistenza di luoghi dove le diversità, attraverso il dialogo e il confronto, si manifestano, si conoscono e si ri-conoscono, dove il dubbio, la curiosità intellettuale e l'apertura culturale prevalgono sulle certezze.



Riprendendo l'avventura della scuola
di Gianni Mereghetti

La morte si è incuneata nelle nostre vacanze e con essa l'impressione che il male sia il destino dell'uomo, tanto che per molti trascorrere l'estate nei luoghi di villeggiatura ha voluto dire la possibilità di distrarsi dal nulla che incombe sulla loro vita.
Dopo un'estate così un nuovo anno scolastico è alle porte, come potremo iniziarlo se il nostro "io" fosse paralizzato dalla paura del male?



... è l'ora di basta!
di Virginia Mariani

ho due classi prime di 28 alunni/e di cui almeno 3 avrebbero necessità del sostegno, ma senza diversabilità palese (non so bene come dire, insomma...)
Come faccio a seguire tutti/e secondo le proprie capacità e competenze? (e lasciamo stare tutte le 'carte' da compilare...)
Sono un'insegnante di Lettere o una psicologa, una psichiatra, un'assistente, un'intrattenitrice... una trapezista, forse, un'equilibrista?



A Napoli: classi sovraffollate ed aule inidonee
di Gennaro Capodanno

Dalle segnalazioni che ci stanno pervenendo, in totale contrasto con il quadro ideale che viene descritto dalle istituzioni preposte, emerge una situazione drammatica della scuola napoletana, che anche quest'anno apre i battenti con i problemi di sempre aggravati dalla miopia di chi, invece di tessere le proprie lodi in interviste autoesaltanti, farebbe bene a recarsi sul "campo di battaglia" per vedere come stanno realmente le cose. E non si tratta solo di antichi e ben noti problemi strutturali, mai risolti dagli Enti proprietari degli edifici...



Io non mi sento italiano... e accuso!
di Stefano Maschietti

Nel corso del dibattito tenutosi il 10 settembre 2005 nello spazio conferenze della Festa di Liberazione (Roma, area ex-mercati generali), dedicato alla drammatica crisi del sistema scolastico e ai possibili scenari di riforma dopo la lunga ubriacatura della Repubblica, sono stati toccati temi decisivi e delicati, con spirito appassionato e pochi infingimenti. Riassumo il senso dell'intervento da me formulato parlando liberamente a nome dei soci dell'ADACO, come sempre presenti in numero tutt'altro che irrilevante, agguerriti diffusori di un messaggio di sfida e di collaborazione.


Quesiti impertinenti
di Grazia Perrone

(...)"I supplenti non vanno licenziati (...)" tuona Gino Galati, segretario generale dello Snals-Confsal dalle colonne di Italia Oggi ... e mi riesce difficile non concordare con questa affermazione.
Eppure non mi convince ...


Se alcune decine di euro vi sembrano poche....
di Cosimo Scarinzi

Nell'ultimo periodo molte colleghe e colleghi trovano, nella propria busta paga, trattenute per le assenze per malattia avvenute fra il 1999 ed il 2001.
Nel contratto del 1999, infatti, i sindacati istituzionali avevano accettato di penalizzare i lavoratori in malattia con il taglio della Retribuzione Professionale Docenti o del Compenso Individuale Accessorio del personale ATA in caso di malattie inferiori ai 16 giorni.


È il solito sistema: privatizziamo gli utili e pubblicizziamo i costi
di Walter Montorsi

Forse non tutti sanno cosa implicano le partite al sabato. Con il decreto Pisanu i locali pubblici devono essere sgomberati 7 ore prima delle partite e le strade transennate. Nei dintorni dello stadio di Modena ci sono 7 scuole superiori ed una facoltà universitaria...
[ leggi (1 commento/i) ][ commenta ] [ sommario


Scusate il pessimismo
di Silvana Vergnano

Il dilemma è: cosa diamo ai giovani che educhiamo? quale è l'esempio da seguire? gli arrampicatori sociali forse promettono meglio che le nostre vite sgarrupate di insegnanti?
Quale sarà l'Italia tra un po' di anni? Non è necessario attendere molto per dirlo perchè lo sfascio totale si sta già delineando.
Scusate il pessimismo, ma sono stata per troppo tempo un'inguariibile ottimista, ma ora non riesco proprio ad esserlo...e si sorride a denti stretti.



Giustizia: un sogno realizzabile?
di Augusto Cavadi

Da alcuni anni dedico l'ultima settimana di agosto alle Vacanze filosofiche per non filosofi, una originale iniziativa di riflessione filosofica, di conoscenza di luoghi, di profondo e amichevole contatto umano. Quest'anno la Settimana filosofica si è svolta in provincia di Treviso ed è stata dedicata al tema della giustizia. Uno dei relatori - Augusto Cavadi - ha redatto la sintesi che vi propongo di seguito. (Alberto Biuso)


 

Brevi di cronaca
I disabili sono prigionieri, studiano in gabbia
Il Mattino - 17-09-2005
Sono arrivati di buon mattino e, sotto il sole hanno montato la gabbia per la quale avevano in precedenza pagato la tassa comunale per occupazione di suolo pubblico. «La gabbia rappresenta la condizione dei portatori di handicap che quest'anno non avranno l'assistenza scolastica con un insegnante di sostegno. Porteremo la gabbia il 20 settembre a Roma in occasione dell'inaugurazione ufficiale dell'anno scolastico a cui parteciperanno il presidente delle Repubblica. La sistemeremo davanti al Ministero dell'Istruzione in segno di protesta»

[ leggi ][ commenta
Ora l'Unione sia chiara
ASCA - 17-09-2005
''Se la bocciatura della riforma Moratti da parte delle Regioni azzera un progetto che, con la canalizzazione precoce, avrebbe reintrodotto l'avviamento professionale di antica memoria, oggi piu' che mai l'Unione si deve esprimere chiaramente su questo tema centrale per milioni di cittadini, genitori, insegnanti''. Lo afferma Fiorello Cortiana, capogruppo dei Verdi in commissione cultura al Senato.

[ leggi ][ commenta
Le Regioni sulla riforma secondo ciclo
Regioni.it - 16-09-2005
La Conferenza delle Regioni a maggioranza esprime parere fermamente negativo sull'impianto complessivo e sul testo del decreto di riforma del secondo ciclo per le motivazioni già esposte nel documento consegnato nella seduta del 14 luglio 2005, anche in considerazione dello stato di incertezza e di disorientamento in cui versa il sistema scolastico italiano. In particolare, ribadisce fondata preoccupazione per un impianto sostanzialmente dualistico del sistema educativo che non garantisce la pari dignità dei percorsi di istruzione e formazione, nonché per la non previsione di una effettiva copertura finanziaria del sistema regionale.
[ leggi ][ commenta
Noi prof, così stressati: pochi soldi e troppo lavoro.
Il Messaggero - 15-09-2005
Gli insegnanti tornano in cattedra pronti a lavorare con impegno, ma si trascinandosi dietro un pesante fardello. «La perdita di ruolo e il senso di isolamento - dice Marta Serangeli, docente di italiano e latino in un liceo romano - sono i mali peggiori. Non vogliamo piangerci addosso, però siamo stati dimenticati, come se non dipendesse da noi il futuro del Paese e la formazione delle nuove generazioni».

[ leggi ][ commenta
Immissioni a tempo indeterminato e avvio a.s. 2005/06
Associazione docenti precari Milano e provincia - 15-09-2005
Apprendiamo dalla stampa, dai TG e da altre trasmissioni televisive le dichiarazioni trionfalistiche del Ministro Moratti sulle immissioni a tempo indeterminato e sull'avvio dell'a.s. 2005/06.
"Tutto bene" - secondo il ministro - l'anno scolastico comincerà regolarmente. Purtroppo la situazione presentata non è così rosea.
Ma andiamo per ordine.
[ leggi ][ commenta
Riforma atto II
Galileo news - 14-09-2005
L'avvio dell'anno scolastico, ha assicurato il ministro Moratti nella tradizionale conferenza stampa dello scorso 6 settembre, avverrà nella massima regolarità: nessun caro-libri, risolti i problemi di organico, le supplenze già tutte assegnate. Merito della riforma che tra l'altro è riuscita, secondo la versione del ministro, a ridurre l'abbandono scolastico dal 25 per cento del 2001 al 20 per cento del 2005, a permettere lo studio della lingua inglese a un milione di bambini in più e a dimezzare il precariato. Un ottimismo che non riesce però a contagiare i sindacati degli insegnanti (Cgil, Cisl, Cobas), fermi nel denunciare la riduzione di risorse destinate alle scuole statali. Questioni economiche a parte, la legge 53 del 2003 che ha riformato il primo ciclo di istruzione (dalla scuola dell'infanzia alla secondaria di I°) continua a non convincere la maggior parte degli addetti ai lavori. Abbiamo cercato di capire con Elvira Federici del Cidi (Centro di Iniziativa Democratica degli Insegnanti), che cosa c'è che non va in quei documenti ministeriali e quali novità hanno introdotto rispetto ai vecchi programmi".

[ leggi ][ commenta
In catene per protesta
Corsera - 13-09-2005
Che molte persone non tornino a scuola col sorriso sulle labbra è normale, ma nel senese un maestro di scuola elementare, Adriano Fontani, nel suo primo giorno di lezione ha dato vita a un'iniziativa su cui non si può scherzare: si è incatenato per tre ore davanti alla «Giovanni Pascoli» di Buonconvento. Si tratta dell'istituto dove ha insegnato per 30 anni e dove vorrebbe continuare a operare, ma le autorità scolastiche gli hanno imposto il trasferimento forzato presso una scuola elementare di Siena, in cui si è recato per lavorare terminata la protesta.

[ leggi ][ commenta
Si dice e non si dice
Tuttoscuola focus - 12-09-2005
Il ministro Moratti ha tenuto martedì 6 settembre l'annuale conferenza stampa per il nuovo anno scolastico, davanti a decine di giornalisti, fotografi e funzionari, in un tripudio di cifre e slide di grafici che hanno accompagnato l'ampia presentazione.
Mercoledì 7 settembre all'Aran è cominciata, finalmente, la trattativa per il rinnovo contrattuale del secondo biennio economico 2004-2005, scaduto da oltre 20 mesi. L'atto di indirizzo non prevede contrattazione su aspetti normativi, e i sindacati sono intenzionati a trattare solo di euro, anche se è tuttora pendente la trattativa mai conclusa sul tutor.

[ leggi ][ commenta


Tam Tam
Spettacoli per Bambini
Mondotroll - 12-09-2005
 giochi 
Realizzare spettacoli per bambini è un'arte sofisticata e complessa.
I bambini sono un pubblico sincero e ti farà sapere senza remore se ti apprezza oppure si annoia. Impara da un esperto del settore le cose da dire, da fare e soprattutto da evitare per far in modo che ogni tuo spettacolo sia un successo e un divertimento per te e il tuo pubblico. Workshop a Vicenza.
[ leggi ][ commenta
ONU: di armi non si parla
Galileo news - 17-09-2005
 NO WAR 
Le Nazioni Unite festeggiano i 60 anni. E lo fanno presentandosi in grande spolvero: oltre 150 Capi di Stato e di Governo sono riuniti dal 14 al 16 settembre presso la sede Onu di New York per dare il via alla 60a Assemblea Generale. C'è da rifare il punto sulla lotta alla povertà, sul terrorismo, sulla proliferazione di armi di distruzione di massa, sui diritti umani e sulla riforma del Consiglio di sicurezza. Ma le attese sono presto tradite. Di fronte all'impossibilità di un compromesso, il Palazzo di Vetro ha finito per eliminare del tutto dal documento finale il capitolo della discordia.
[ leggi ][ commenta
Adozione a distanza
Andrea - 17-09-2005
 incontri 
Martedì 20 settembre presso i locali della Pubblica Assistenza di Campi Bisenzio sarà presentato il progetto di adozione a distanza per 90 bambine/i del villaggio di Mahamodara (Sri Lanka) colpito dallo tsunami del 26/12 scorso.

[ leggi ][ commenta
Osvaldo Cavandoli
Willy - 16-09-2005
 curiosità 
Cavandoli, ospite d'onore della serata, presenterà il suo nuovo libro e presenzierà alla presentazione
della nuova T-Shirt della "LINEA" :
la simpatica creatura che ha ottenuto i più ambiti premi nei festival internazionali e l'entusiasmo del pubblico televisivo di tutto il mondo !

[ leggi ][ commenta
Tfr e fondi pensione: una polpetta avvelenata
Attac italia - 15-09-2005
 sociale 
Ieri, alle 16.30 Maroni ha presentato alle parti sociali il testo del decreto attuativo della cosiddetta riforma previdenziale, quello, per intenderci, che vorrebbe trasferire il TFR dei lavoratori nei Fondi pensione con il sistema del silenzio-assenso.
Rispetto al testo licenziato nel mese di luglio, la novità sostanziale del nuovo decreto, per quel che riguarda le possibili valutazioni di ogni singolo lavoratore - del contributo dei datori di lavoro che, prioritariamente, torma ad essere a favore dei fondi negoziali - cioè quelli organizzati da datori di lavoro e sindacati - salvo diversa previsione contrattuale.
[ leggi ][ commenta
A sostegno del referendum in Brasile
Centro di ricerca per la pace - Viterbo - 15-09-2005
 NO WAR 
Il referendum sul commercio delle armi leggere e delle munizioni che si terra' in Brasile il 23 ottobre, il primo referendum nell'intera storia del paese, e' un'iniziativa senza precedenti nel mondo, presa nel paese che, a stare ai dati forniti dai brasiliani stessi, conta il maggior numero di morti del mondo dovuto ad armi da fuoco in possesso e usate da cittadini privati contro cittadini privati. Come era da aspettarsi, le potenti lobby delle societa' produttrici di armi da fuoco e dei mercanti di armi, che fanno soldi a non finire, hanno scatenato la loro propaganda, divulgando favole sulla necessita' dei cittadini privati di essere armati al fine dell'autodifesa personale.
[ leggi ][ commenta
Dal bullismo all'intelligenza emotiva
CIDI - 14-09-2005
 libri 
Seminari aperti a tutti a Gemona del Friuli. I titoli delle relazioni e degli approfondimenti:
- Bullismo e non solo: i comportamenti aggressivi tra scuola e famiglia
- Il bullismo: dalle cause ai programmi educativi.
- Apprendimento, emozioni e comportamento: quale rapporto?
- Percorsi di alfabetizzazione emozionale.

[ leggi ][ commenta
Un libro per amico
Greta blu - 13-09-2005
 libri 
Aquilone Blu Onlus, da 5 anni impegnata nella divulgazione di informazioni e realizzazione di progetti volti a contrastare l'abuso nei confronti dei minori, lancia un'nteressante iniziativa rivolta ai bimbi delle scuole elementari e medie, finalizzata alla raccolta di libri per i bambini meno abbienti residenti nelle case famiglia su tutto il territorio nazionale, sostenute dall'Organizzazione.

[ leggi ][ commenta


 Siti consigliati 
Festa della storia
La Festa della Storia è un'iniziativa che si svolge a Bologna con convegni, conferenze e spettacoli. L'obiettivo comune è trovare nella Storia conoscenze utili a vivere il presente e a progettare il futuro in armonia e nel rispetto delle diverse identità e dell'immenso patrimonio ereditato e attraverso l'attivazione concorde delle componenti del tessuto culturale, sociale, economico della città e del territorio.

Laboratorio tecnologie dell'educazione
Costituito dalla metà degli anni '80 ad oggi come luogo di raccordo di esperienze di ricerca sull'impiego delle tecnologie delle comunicazione e dell'apprendimento, il Laboratorio fa amministrativamente parte del Dipartimento di Scienze dell'Educazione, dei Processi Culturali e Formativi di Firenze. Oggi si occupa in particolare nella formazione in rete (e-learning) e propone numerosi master e corsi di perfezionamento.

f u o r i r e g i s t r o
FuoriRegistro si richiama al titolo di un bel libro di Domenico Starnone edito da Feltrinelli. Un romanzo gustoso e divertente sulla scuola vista dall'interno, attraverso l'agire concreto di chi ogni giorno si scontra con le sue mille contraddizioni. La rivista intende essere uno spazio aperto al racconto delle personali esperienze quotidiane, siano esse episodi di cronaca che muovono al riso o allo sdegno o riflessioni intorno ai più vasti temi di ordine politico-culturale che attraversano le nostre aule così come le nostre piazze. Questo il Progetto.
La newsletter, che ha una cadenza settimanale, è a disposizione di chiunque voglia partecipare; il modulo on-line permette di inviare contributi sotto forma di testi o di file, evitando i rischi di infezioni ai quali la posta elettronica, e particolarmente gli allegati, è purtroppo esposta.
Rimane comunque possibile comunicare con la redazione all'indirizzo redazione_fuoriregistro@yahoo.it e consultare tutti i precedenti interventi alla pagina http://www.didaweb.net/fuoriregistro/. I materiali pubblicati sono esportabili con citazione della fonte.
Puoi cancellarti dalla newsletter utilizzando il seguente indirizzo: http://www.didaweb.net/fuoriregistro/newsletter.php.

In redazione: Emanuela Cerutti (coordinamento), Giuseppe Aragno, Marino Bocchi, Grazia Perrone, Anna Pizzuti.
Collaborano: Ilaria Ricciotti, Pierangelo Indolfi. Cura il sito Maurizio Guercio.

  Newsletter precedente Newsletter successiva